Salute & AlimentazioneVirus, Batteri, Contagio, Vaccinazioni

RELAZIONE TRA CIBO E APPRENDIMENTO SCOLASTICO

(Conferenza di Viterbo del 10/04/2015)

L’IRRESISTIBILE VOGLIA DI PRIMEGGIARE
Il tema riguardante il cibo più redditizio, più adatto e conveniente per ottenere dei risultati eccellenti nella vita di ogni giorno, è un classico. Da sempre l’essere umano ha cercato di incrementare le sue performance attraverso gli alimenti che via via andava assumendo. Questo è avvenuto in tutte le varie attività che lo vedevano impegnato. In ogni campo c’è infatti la voglia matta di migliorare le proprie prestazioni o comunque di emergere e di primeggiare tra gli altri, ossia di sottrarsi alla piatta normalità, all’anonimato e all’inevitabile senso di precarietà che ne deriva.
RICERCA DEL CIBO MAGICO E PERFORMANTE
L’artista alla ricerca assillante dell’ispirazione, il giornalista alla ricerca dello scoop e dei termini descrittivi efficaci, l’atleta a caccia di nuovi record, l’amante alla ricerca della sostanza adatta a renderlo ultrapotente ed inesauribile, lo studente a caccia di migliori capacità mnemoniche e fosforiche, onde incrementare il suo apprendimento e i suoi voti. Tutti questi rappresentano tipici esempi di questa rincorsa al cibo performante.
SEGUIRE I CRITERI DEL MASSIMO RENDIMENTO
In realtà il migliore carburante per l’uomo, giovane e anziano, studente alle prime armi o affermato ricercatore scientifico, è quello che fa rombare il suo motore secondo semplici e logici criteri di massimo rendimento. Massimo rendimento equivale ad alta resa energetica, combinata a costo digestivo minimo. Quella poi che chiamiamo alimentazione semplice, sobria e sostenibile. quella che noi definiamo alimentazione vegan-crudista tendenziale.
NON CI ALIMENTIAMO DI SOLO CIBO VISIBILE E MATERIALE
Parliamo qui di cibo e di carburante e tutti pensano automaticamente a sostanza concreta, solida o liquida, dimenticando che in realtà ci alimentiamo anche di aria, di radiazioni, di energia elettromagnetica e solare, di pensieri positivi e di valori emozionali nonché spirituali, a conferma del principio ippocratico secondo il quale il cibo più importante è l’aria. Pensare che il mondo sia fatto solo di cose che si vedono con gli occhi e si toccano con le dita è stupidità manifesta. Questo ed altro ancora ci ha insegnato Giordano Bruno, uno dei maggiori pensatori del 500 e forse della storia.
RESPIRAZIONE NITROGENICA-RILASSANTE E RESPIRAZIONE OSSIGENOSA-SBUFFANTE
Camminata giornaliera a ritmo, respirando, sbuffando e traspirando. Finestre mai tappate, ma sempre socchiuse nella camera in cui dormiamo. Già questi accorgimenti ci permettono una cattura energetica massimizzata in termini di nitrogeno o azoto, senza trascurare adeguato apporto di ossigeno nonché della stessa anidride carbonica, non sempre da considerarsi come veleno di scarto, secondo i criteri del grande medico russo Konstantin Pavlovich Buteyko (1923-2003). 
IMPORTANZA SPECIALE DEL CICLO ASSIMILATIVO NOTTURNO
Se poi favoriamo gli interventi del direttore d’orchestra Ipotalamo, durante il ciclo circadiano-assimilativo notturno (ore 20-4am) che è di sua totale pertinenza, succedono tante cose interessanti, meritevoli di essere prese in considerazione. Anche gli altri due cicli diurni, chiamati Ripulitivo (4am-12) e Alimentare (12-20), risentono del fatto di essere fortemente nelle mani delle nostre scelte, abitudini e perversioni.
I POTERI DELL’IPOTALAMO
Se ceniamo leggero e andiamo a nanna presto, stando alla larga da sostanze alcoliche e stimolanti, ci ritroviamo con un sonno riposante ed appagante grazie alle ore prima di mezzanotte che valgono il doppio e che servono a depositare l’ormone melatonina nella ghiandola pineale del cervello. Il lavoro assimilativo intrapreso dall’ipotalamo, viene così risolto e completato nelle prime ore del ciclo notturno, diciamo entro l’una di notte. Rimangono così a disposizione del nostro regista interno 3-4 ore durante le quali egli può correggere, compensare, smussare, revisionare e persino imporre una coda di digiuno, col risultato che al risveglio proveremo spesso i classici sintomi della detossificazione accelerata, tipo lingua bianca, naso mucoso, tosse, glicemia alta, cortisolo alto e relativo stress, dolori articolari.
UN CICLO NOTTURNO VIRTUOSO CONVIENE SEMPRE
Uno a quel punto si chiede se sia giusto ed opportuno fare delle scelte virtuose, o se invece non convenga andare a dormire tardi, mangiare e bere e prendersi la sua quota disinvolta di birra, vino e digestivo serale, ricorrendo magari poi all’indomani mattina alla stampella del caffè e della sigaretta. Ovvio che un ciclo notturno virtuoso conviene sempre, visto che gli effetti eliminativi-depurativi del risveglio tenderanno giorno dopo giorno ad attenuarsi e a sparire con gradualità, per cui dopo un paio di settimane le cose andranno a puntino.
MECCANISMO FORMATIVO DELLA SOMATOTROPINA
L’aspetto più importante rimane l’acquisizione di melatonina e la buona scorta di azoto grazie alle finestre socchiuse e non tappate, grazie all’aria circolante e non viziata. Questi due valori, sommati alla quota di raggi solari assimilati guardando il sole a palpebre socchiuse e a retina impegnata, vengono assemblati e combinati dall’ipotalamo nella ghiandola celebrale ipofisi, dove danno luogo all’auxone, al fattore di crescita, al cibo proteico-gassoso chiamato somatotropina, che è poi l’alimento-base dei respirazionisti e dei fachiri.
SANGUE FLUIDO E VITALITÀ INTERNA
Priorità assoluta va data alla vitalità interna e al rendimento funzionale. Il corpo umano è chiaramente ben più complesso di un qualsiasi motore, essendo dotato di organi, ghiandole, liquidi, ormoni, enzimi, cellule, flora batterica ed altro ancora. Solo con un sangue fluido si può raggiungere un alto rendimento. Il sangue fluido non è un regalo proveniente dal caso o dalle preghiere che si possono fare in chiesa. Ce lo produciamo noi, attraverso digestioni rapide, semplici e complete, attraverso diete detossificanti e non intasanti e ostruenti. Ecco l’importanza per chi è attivo, per chi fa sport, per chi lavora e per chi studia, di adottare scelte comportamentali ed alimentari all’altezza della situazione. Ecco l’importanza di prediligere una dieta sobria, ma anche nutriente, sostenibile, divertente, personalizzata in base a gusti ed esigenze individuali, e soprattutto una dieta vitale e radiante, con valori Angstrom non inferiori a quota 6500 e tendenti ai colori del rosso e dell’infrarosso sulla scala Simoneton.
PUNTARE SUI CIBI VIVI ED INNOCENTI, SCHIVANDO OGNI INTEGRATORE SINTETICO
Ecco l’importanza di puntare sui cibi vivi e non devitalizzati, non stracotti, pastorizzati, non carichi di sofferenza animale, di proteine indigeste ed acidificanti. Ecco l’importanza di fare il pieno di succhi di agrumi, di frutta acquosa e di frutta da guscio, materiale carico di acqua biologica, di vitamine naturali e bilanciate, di minerali organicati, di prezioso succo zuccherino apprezzabile anche nei casi di diabete. Ecco l’importanza di fare il pieno di succo verde risultante dalla linfa vegetale e dalla funzione clorofilliana. Ecco l’importanza di estromettere rigorosamente dalla vostra vita sigarette reali e sigarette elettroniche, tè, caffè e cole, farmaci, vaccini e integratori.

DEQUALIFICAZIONE ALIMENTARE DELL’UOMO

Non ci si devono attendere dei miracoli dal cibo, nemmeno da quello buonissimo. La frutta, mangiata nel modo giusto, dà semplicemente forza, nutrimento e ricambio liquidi, senza causare danni, scompensi e carenze. Ed è questo il succo del discorso “fa bene, fa male”. Niente altro. È già tanto non cullarsi in illusorie aspettative dal cibo. Occorre però non sottovalutare i danni che esso può provocare. Quando l’uomo mangia, ovvero immette qualcosa di aberrante nel suo organismo, entra in contatto con sostanze inadatte e contraddittorie sul piano digestivo, etico ed estetico. Ed è a quel punto che si dequalifica e si rimpicciolisce sul piano fisico e su quello morale. Le scorie velenose della cadaverina e di tutti gli altri componenti delle carni, tanto per fare un esempio, vanno ad intasare e ad inquinare ogni settore del suo organismo, ogni cellula del cervello e degli altri apparati essenziali.

UOMO ESSERE PENSANTE

L’uomo è un essere che pensa e riflette. Non può esimersi dal soppesare e valutare sotto ogni aspetto le materie con cui viene a contatto. Se una mucca si trova di fronte a un sacco di cemento aperto, e a un ciuffo d’erba cresciuto su di esso, non si pone dei problemi, scarta il cemento e bruca l’erba. L’uomo è diverso. Non nel senso che mangia il cemento o l’erba, ma nel senso che li valuta, non solo sotto l’aspetto esteriore, il look, il profumo, la compatibilità, ma ne immagina il percorso, l’origine e il fato. Il cemento che era roccia, che è stata lavorata e cotta ad alta temperatura e che è finito nel sacco. I semi d’erba che sono arrivati col vento, per riprodursi e diventare zolla verde all’interno del sacco.

VIENE DALL’ALBERO O VIENE DAL MACELLO

È così che quando addenta un cibo non si accontenta del gusto, del profumo, del sapore e del colore. Si pone piuttosto la precisa domanda del “da dove viene?” e del “cosa è?”. Viene da un ramo di albero o viene da un macello? Nel caso di prodotti carnei, assistiamo non solo alla dequalificazione chimica e biologica del corpo, che viene ad impregnarsi di materiale improprio, non solo alla dequalificazione cibaria secondo cui ogni diverso essere vivente porta con sé le precise esigenze della sua specie, per cui l’uomo primate è mangiatore di frutta semi e foglie verdi, ma soprattutto a un degrado morale e spirituale. I casi sono due. O l’uomo fa finta di non sapere e nasconde a se stesso la realtà, oppure ignora deliberatamente ogni riflessione. Mette semplicemente in bocca qualunque materiale che gli venga a tiro, purché gli apporti un sapore e soddisfi il suo istinto del grasso, del dolce, del piccante e del salato, ignorando i suoi reali gusti ormai compromessi e degenerati.

GLI OPERATORI DELLA PERVERSIONE SONO SEMPRE GLI STESSI

Bill Gates, qualche anno fa, si è messo a fare il missionario scendendo a Bombay o Mumbay e dicendo agli indiani che il loro paese è primissimo al mondo in numero di malati. Chiaro il legame tra Gates e Pfizer o comunque tra Gates e il carrozzone Aids. Qui si marcia sul sicuro. Aids significa soldi a ruota libera. Aids significa incremento del potere sanitario. Si vogliono evidentemente proporre al ministero indiano della salute sia le fondazioni Aids che i vaccini anti-Aids, anche se non ancora inventati, cercando una formula di obbligatorietà che garantirebbe altre ondate di denaro per la pseudo-filantropia americana.

AMERICA GRANDE PAESE DELLE CONTRADDIZIONI

La mancanza di tatto, la assenza totale di sensibilità e intelligenza da parte di questi mostri sacri partoriti dagli USA, non aveva migliore modo di evidenziarsi. È questo il classico esempio delle cose negative dell’America, quelle che le creano dovunque tanti nemici. Paese grande, paese bello, paese libero, ma anche paese privo di scrupoli, nella sua ricerca del grande business ad ogni costo. Non c’è da meravigliarsi poi che il mondo le si rivolti contro, coinvolgendo anche paesi alleati o colonizzati, inclusa la nostra Italia. Sono questi gli sgorbi storici e le indegne idiozie dei Gates e dei Soros che rendono antipatica e difficile da digerire la realtà americana odierna.

I CONGIURATI SONO SEMPRE GLI STESSI

Il bello è che gli operatori anti-salute sono sempre gli stessi. Chi produce le bistecche di mucca pazza e non pazza, ma sempre di mucca disperata, chi produce la caseina che incolla le pareti intestinali e acidifica il sangue, chi toglie il latte materno a milioni di vitellini affamati, chi istupidisce la gente con programmi internet per sonnambuli e guardoni, per segaioli e pedofili, per schiere di ragazzi disorientati e rimbecilliti sui loro schermi casalinghi, chi induce la gente a fumare le Marlboro e a masticare micidiali chewing-gum all’aspartame, chi vitaminizza ogni cereale da colazione e ogni bevanda, chi tenta la neo-colonizzazione dell’Africa col carrozzone Ebola, e restiamo sempre in zona Gates e in zona Soros.

QUI C’È TRA DI VOI GENTE CHE SI SACRIFICA E CHE SI DEDICA A UNA CAUSA

Mi trovo a Viterbo, una delle magnifiche cittadine del Lazio. In particolare mi trovo in un auditorio scolastico. Questo è, sia ben chiaro, un ambiente nobile, non una fumosa osteria, non una sagra delle banalità, non il raduno dei perditempo, non uno dei tanti forum con idee che si accavallano e si contraddicono creando sfiducia e disorientamento. Questo non è un convegno all’insegna degli slogan enunciati e ripetuti che tentano di insinuarsi e di incrostarsi nella nostra mente, diventando le fissazioni e i dogmi di domani. Qui c’è gente coraggiosa che si espone e che rischia. Questa è una Scuola con la S maiuscola, o può diventare tale a patto che lo vogliate fermamente tutti voi. Questa è una fucina del sapere, come tante del resto in Italia, a patto di liberarle dalla spazzatura e dai nodi politici che tuttora ne inibiscono lo sviluppo e l’evoluzione.

LE IDEE COSTRUTTIVE HANNO UN PASSATO E HANNO PURE UN FUTURO

Quanto stiamo dicendo oggi ha due distinte possibilità. Può diventare lettera morta ed essere dimenticato nel giro di qualche giorno. Ma è pure suscettibile di evoluzione intensa e di diffusione. Con la vostra fertile partecipazione può diventare un documento atto a circolare nelle scuole e negli animi assai più e assai meglio di una piatta e burocratica circolare ministeriale. Ognuno di voi, nel vostro cosiddetto piccolo che non è mai piccolo, percepita a livello di pelle, di cuore e di cervello l’importanza di avere a che fare con una visuale nuova, con qualcosa di stimolante, di indipendente e di vero, potrà estenderla a cento altre scuole e a mille altri mille studenti.

OCCORRE SUPERARE LA CONFUSIONE E LA SFIDUCIA

Oggi viviamo in stato confusionale. Privi di entusiasmi e di motivazioni. Privi di autostima. Privi di fiducia in noi stessi. Siamo circondati da un sistema medico colluso con Big Pharma, da un sistema agro-alimentare colluso con Monsanto, Bayer, Dow Chemical e Syngenta, da un sistema nutrizionale colluso con Danone, Cremonini, McDonalds, Coca-cola e Nestlè.

UN MONDO CHE LASCIA SPESSO L’AMARO IN BOCCA

Siamo sovente circondati da gente che ha a cuore soprattutto le sue sorti e la sua poltrona, il suo lauto stipendio e la sua rassicurante super-pensione. Viviamo nel paese degli appalti pubblici truccati. Siamo attorniati da promotori scientifici che promuovono non scienza ma spazzatura petrolifera e farmaceutica. Siamo vittime predestinate di venditori di fumo arroganti, pieni di sé, pieni di boria, di presunzione e di vanità, affamati di danaro e di sicurezza. Non manca il contorno aureo di gente referenziata e dotata di diplomi e lauree eccellenti. Gente proveniente però da scuole che non insegnano, da università dove il gran nome maschera la pochezza dei contenuti, da istituzioni addomesticate e controllate in modo ferreo dalla politica asservita alle lobbies e alle multinazionali.

LA SCUOLA, SPIACE DIRLO, POCO O NULLA VI STA INSEGNANDO
La scuola non è in grado di insegnarvi queste cose, non vuole insegnarvele. Non per cattiveria dei professori o dei presidi, ma perché gli schemi sono già predisposti a livello ministeriale. I libri di testo sono invariabilmente selezionati da editori vicini a Big Pharma e alle multinazionali. Poca scienza e molto business, tanto per capirci. Poco talento e troppa voracità per il  danaro. I libri di storia la raccontano non in modo equilibrato ed obiettivo ma seguono le tracce imposte dai vincitori e mai dai vinti. Poca verità e molta manipolazione, tanto per capirci. Si ripete nella scuola quanto avviene in televisione e nei media. Siamo tutti nelle mani di un manipolo di gente inaffidabile e potente che detta legge e impone i suoi diktat. 
RISPETTATE IN OGNI CASO I VOSTRI PROFESSORI
Questo non significa bruciare tutto e contestare i vostri insegnanti. Questo non significa cadere nella maleducazione. Serve al contrario un grande rispetto nei loro confronti. Serve trovare un dialogo. Serve porre le domande, anche le più critiche. Se finora vi avessero risposto in modo laconico, inconciliabile ed insoddisfacente, ribadite le vostre domande. Sono esseri umani e vi dovranno dare le giuste spiegazioni. 
LA VOSTRA SALUTE PERSONALE È MOLTO PIÙ IMPORTANTE DI VIDEOGIOCHI E TELEFONINI
Se siete veramente interessati alla vostra salute e al vostro rendimento scolastico di oggi, e professionale di domani, dovrete dedicare del tempo ad approfondire e a studiare la scienza della salute, la scienza del vivere in armonia, sottraendo tempo ai telefonini, ai videogiochi e dagli aggeggi elettronici che tanto vi attraggono e vi assorbono. La salute è molto più importante dei vostri passatempi e dei vostri gadget. 
SENZA EQUILIBRIO E SENZA SORRISO NON SI VA DA NESSUNA PARTE
Ribadisco ancora una volta quanto diceva il grande Erofilo, 300 anni prima di Cristo. Quando manca la salute la potenza non vale, l’arte non si può esercitare, la forza della mente e dello spirito latita e la ricchezza non ha alcun valore. Di mio aggiungerei che, senza la salute non si può avere un buon rendimento scolastico né sportivo, e che, senza la salute, non ci si può nemmeno divertire.
FATEVI UN GRANDE REGALO: STUDIATE, RIFLETTETE E COMUNICATE
Voi ragazzi siete dopotutto le forze sane di domani, probabilmente la classe dirigente virtuosa di domani. È importante che vi formiate al meglio e che vi facciate un gran bel regalo. Un regalo di conoscenza, di saggezza e di benessere. È importante che vi arricchiate non di mediocre cultura nozionistica e di concetti spazzatura, ma piuttosto di preparazione autentica, di saggezza intrisa di valori etici ed estetici. E dovrete pure essere trasparenti e responsabili. Le cose belle, fondamentali e vere, non vanno tenute dentro, non vanno serbate con gelosia, ma devono essere trasmesse e socializzate per moltiplicare il loro valore. Conoscere se stessi è estremamente importante. Insegnare ai propri cari, ai propri figli, ai tanti amici che ci attorniano, a conoscere se stessi è altrettanto importante. 
LE PERLE DI UNA GRANDIOSA FLORENCE NIGHTINGALE (1820-1910)
Vi ricordo infine alcune perle di una grande dottoressa londinese nata comunque a Firenze, famosa per aver definito il contagio e le epidemie come il rifugio per le menti fragili e deboli della medicina monatta e maschilista. 1) Primo requisito di una clinica è quello di non fare del male ai propri pazienti (ed è per questo che essa entrava negli ospedali militari inglesi e, scandalizzando medici e personale, ordinava ai pazienti di coprirsi e spalancava tutte le finestre per delle ore). 2) L’apprensione, l’incertezza, l’ansia, la paura del peggio, danneggiano il malato più di ogni altra cosa (ed è per questo che lei incoraggiava i pazienti e insegnava loro a credere in loro stessi). 3) La scuola dev’essere una casa, una famiglia, un luogo di formazione morale, religiosa e tecnica. Un luogo dove si educa il carattere, si formano le buone abitudini, si allena la mente ad acquisire nuove conoscenze.

NIENTE COSE IPERBOLICHE E NIENTE IMPOSSIBILI UTOPIE

Sia ben chiara una cosa. Non vi ho chiesto di essere fanatici e nemmeno di essere santi o eroi, ma soltanto di fare del vostro meglio per rendere minimo il vostro impatto e il vostro sfruttamento nei riguardi di Madre Natura, delle sue risorse e delle sue creature viventi.

GRAZIE RAGAZZI DI VITERBO: SIETE STATI FORMIDABILI!
Vi ringrazio perché siete stati bravi ad ascoltarmi. Mi rendo conto che siete insofferenti e che scalpitate per muovervi, correre e chiacchierare. Non voglio annoiarvi con altri argomenti, però se avete domande da fare, vi risponderò con enorme piacere. 
Valdo Vaccaro