ASPORTARE POLIPOSITÀ E TUMOROSITÀ, NON POLIPI E TUMORI

Pubblicato il Pubblicato in Salute & Alimentazione
LETTERA
PRESENZA DI POLIPO CERVICALE GRANDE QUANTO UN’OLIVA

Salve , volevo chiederle un consiglio. Ho 40 anni e, nei giorni scorsi, il ginecologo durante una visita mi ha trovato un polipo cervicale abbastanza importante, grande come un’oliva.

ESISTONO ALTERNATIVE ALL’ASPORTAZIONE?
Dovrei asportarlo. Solo che, viste le dimensioni ed il mio carattere un po’ ansioso, dovrei farlo in anestesia per riuscire senza problemi. Mi sono data del tempo per decidere. Vorrei sapere da lei se c’è maniera di farlo ridurre o scomparire con metodi alternativi alla chirurgia. Grazie dell’attenzione.
Paola
*****

RISPOSTA

COSA SONO I POLIPI

Ciao Paola. I polipi dell’utero sono escrescenze pre-tumorali o tumori benigni che prendono origine dalla mucosa endometriale che riveste l’interno dell’utero. Questa mucosa rappresenta il bersaglio degli ormoni sessuali e ne subisce gli effetti ciclici del mestruo. Come per i polipi endometriali, i polipi cervicali rappresentano una causa frequente di sanguinamento uterino atipico, specie durante i rapporti sessuali.

POLIPI CERVICALI E POLIPI ENDOMETRIALI

Quando si parla di polipi ci si riferisce solitamente ai polipi endometriali o ai polipi cervicali.
La causa dei primi, che si sviluppano nel corpo dell’utero, non è conosciuta. Si pensa che la loro comparsa dipenda da fattori ormonali o da uno stato flogistico-infiammatorio.

POLIPI FIBROSI E POLIPI MUCOSI

I polipi cervicali, molto più frequenti dei precedenti, per solito compaiono in corso di infiammazioni croniche, oppure per dislocazione di lembi di mucosa uterina in fase post-parto o post-intervento chirurgico. Istologicamente possono essere fibrosi (solitamente asintomatici) o mucosi (con perdite ematiche irregolari e leucorrea).

IL TERRORISMO ONCOLOGICO NON MANCA MAI

Se i polipi compaiono in donne in età assai prossima alla menopausa o dopo la menopausa, potrebbe trattarsi di polipi-sentinella ovvero di polipi-spia di un carcinoma endometriale. Con questa premessa tipica del terrorismo oncologico, che non manca mai di accampare ipotesi drammatiche anche quando non serve, per i medici è opportuno un raschiamento uterino. Eventuali recidive possono essere in qualche modo prevenute correggendo le alterazioni ormonali, se presenti, o curando adeguatamente infiammazioni croniche in essere.

L’AMMONIMENTO DI SYLVESTER GRAHAM RIMANE PIÙ CHE MAI ATTUALE

Abbiamo visto come la medicina non abbia le idee chiare sul fattore causante dei polipi. “L’uomo che tenta di curare un disordine fisico senza conoscerne le cause è come un cieco che brancola nel buio”, scrisse Sylvester Graham (1794-1851), grande pioniere americano della scienza igienistica. Qui si parla di infiammazioni vulvovaginali. Dal momento che i polipi derivano da processi infiammatori le cui origini stanno nel surriscaldamento e nelle congestioni intestinali, è lì che esistono i fattori causanti ed è lì che occorre intervenire. Asportare qualcosa dal corpo è sempre sbagliato. Se poi non sappiamo nemmeno di cosa si tratti, e soprattutto del perché e del percome tale qualcosa si sia originato, la rimozione diventa illogica ed insensata.

SI DEVEONO ASPORTARE TUMOROSITÀ E POLIPOSITÀ

Come non si devono asportare i tumori ma la tumorosità del corpo, ossia la tendenza a formare tumori, così non si devono asportare i polipi ma la poliposità del corpo. L’asportazione di polipi e tumori nulla risolve trattandosi di rimozione di un sintomo e di mantenimento in essere dei fattori causanti. Valgono più che mai i principi millenari fissati da Ippocrate, per cui non il medico e non il bisturi, ma soltanto la Natura è Sovrana Medicatrice di tutti i mali.

DIETA VEGAN-CRUDISTA E DIGIUNO TERAPEUTICO

Puntare dunque a una svolta di tipo alimentare e di tipo comportamentale. Già la scelta vegan-crudista tendenziale avanzata porterà a dei risultati. Proseguendo poi con un digiuno igienistico di 4-5 giorni, si darà una ulteriore accelerata depurativa, con possibile autolisi di ogni neoformazione  all’interno del corpo. Se non bastasse tale digiuno se ne faranno un secondo e un terzo a distanza di un mese o due. Andare sul blog e digitare come motore di ricerca le parole tumore, digiuno, dieta, vegan-crudismo.

Valdo Vaccaro