LA CARNE MACELLATA EMANA RADIAZIONI DI TERRORE

Pubblicato il Pubblicato in Etica & Consapevolezza, Salute & Alimentazione

CIBO E DIMENSIONE SPIRITUALE

(Documento dal blog di AVA di Franco Libero Manco – Sintesi, titolo e sottotitolo di VV)

IMPORTANZA DETERMINANTE DELLA DIETA VEGETARIANA

Ogni tradizione spirituale ha posto l’accento per gli Iniziati sull’importanza di un particolare tipo di alimentazione priva di carne. Il teosofo americano C.W. Leadbeater sostiene che l’alimentazione vegetariana è l’unica che consenta un’indispensabile purificazione del corpo a chi intende raggiungere la perfezione ed aiutare l’evoluzione dell’umanità”. Secondo Leadbeater, è un’eresia dire che la questione dell’alimentazione ha poca importanza dal lato occultistico, perché, in realtà, tutte le scuole di occultismo antiche e moderne sostengono che “l’assoluta purezza è indispensabile al vero progresso, tanto sul piano fisico quanto sui piani più elevati”.

L’ALIMENTAZIONE CARNEA OTTUNDE LA SENSIBILITÀ E LE PERCEZIONI EXTRASENSORIALI

Riferendosi ai quattro corpi dell’essere umano di cui parla la Teosofia (fisico, eterico, astrale e dell’Io), Leadbeater afferma che essi, pur trovandosi su piani diversi, sono in comunicazione tra loro, per cui, essendo la carne il nutrimento più grossolano, chi se ne ciba avrà anche dei corpi superiori composti di materia più grossolana ed impura. Tra l’altro, ottundendo la sensibilità, l’alimentazione carnea è anche di ostacolo allo sviluppo di percezioni extrasensoriali. I veri chiaroveggenti, afferma Leadbeater, devono essere tutti vegetariani.

IMPREGNAZIONE TOSSICA DA DISARMONIA E NEGATIVITÀ

Secondo altri Maestri, il fatto di cibarsi di carne risulta dannoso anche per chi intende praticare la meditazione. Le energie negative impediscono di essere in armonia con le forze dell’universo. La carne deriva sempre da una brutale uccisione e da tanta sofferenza, per cui è carica di negatività. Tutti i grandi mistici indiani, infatti, si astenevano dalla carne. Per loro l’uomo è formato da un corpo fisico-astrale-spirituale.

LA CARNE DEGLI ANIMALI UCCISI EMANA PAURA E SOFFERENZA

Il corpo astrale è sensibile alla condizione di quello fisico, la sua stessa purezza dipende dalla condizione di quello fisico. Gli inquinanti e le tossine, oltre ad essere dannosi per l’organismo, rendono il corpo astrale più denso. Come il corpo fisico anche gli altri corpi hanno bisogno di essere alimentati e richiedono per il loro sviluppo particolari energie che l’organismo deve sintetizzare a partire dall’alimentazione. La carne degli animali uccisi emana radiazioni di terrore. Quando l’uomo consuma simili alimenti assorbe le emanazioni dai piani inferiori.

*****

COMMENTO

L’ABBATTIMENTO IGNOBILE E VERGOGNOSO CONTINUA GIORNO E NOTTE SENZA SOSTA

“Dio non ama chi uccide”, è una specie di mantra circolante spesso tra gli stessi papi. Se solo ci fosse un minimo di coerenza in più nell’ambiente vaticano, e più in generale in quello cristiano, le cose cambierebbero. L’abbattimento ignobile e vergognoso di oltre 17 miliardi di creature ogni anno tra Stati Uniti ed Europa, si dimezzerebbe. Si avvierebbe così un percorso virtuoso verso ulteriori mete di progresso. Ogni singola persona che diventa vegetariana conta moltissimo, produce un effetto domino e salva la vita di almeno 20 milioni di animali/anno.

L’INSEGNAMENTO DI CICERONE

“Pitagora ed Empedocle avvertono ed ammoniscono che tutti gli esseri viventi sono creature divine ed hanno eguali diritti. Pene inespiabili ed imperdonabili spettano a coloro che arrecano ingiuste offese a un vivente”. “L’uomo è destinato a una occupazione migliore di quella di sgozzare e sventrare impunemente esseri indifesi ed innocenti”. Questo ci insegna Cicerone (107-44 a.C), una delle figure più rilevanti dell’antichità romana.

L’INSEGNAMENTO DI LEONARDO

“La relazione uomo-animale costituisce un indicatore del processo di maturazione spirituale e morale della civiltà umana. L’ordine cosmico vede l’essere umano alleato amorevole degli animali che dovrà proteggere e custodire”, e ce lo dice Leonardo da Vinci.

L’INSEGNAMENTO DI IPPOCRATE

Sul piano della salute le incongruenze umane appaiono ancora più evidenti. Se solo pensiamo che Ippocrate, padre della vera medicina, era rigorosamente vegano, gli ospedali si svuoterebbero e rimarrebbero in funzione solo gli interventi di emergenza e i “Pronto-Soccorso”.

Valdo Vaccaro

Stampa