AUTOREVOLE E PRESTIGIOSO COMMENTO DEL DR PIETRO BISANTI

Pubblicato il Pubblicato in Altro

LA TUA TESINA SUL CANCRO HA COLPITO NEL SEGNO

Ciao Valdo!
La tua tesina di ieri sul cancro è superlativamente grande! Ti invio quanto ha scritto Pietro Bisanti sul suo blog relativamente a questa tua tesina.
Con infinita e infinita gratitudine
Elena Fasulo

*****

RISPOSTA

UN UOMO D’ORDINE E UN UOMO DI COSTRUTTIVA ROTTURA

Ciao Elena. Non ho purtroppo il tempo che ci vuole per star dietro a quanto avviene su internet. Ma il blog di Pietro Bisanti non lo perdo per una serie di motivi. Probabile che ci sarei arrivato anche a questi suoi commenti, ma di sicuro non così prontamente come hai fatto tu. Ripubblicare le cose esaltanti e positive sul mio blog può sembrare infantile e trionfalistico, ma il Grande Maresciallo dell’Arma che ormai tutti conosciamo per il best seller mondiale “Assassini in Pillole” non fa complimenti con troppa facilità, come lui stesso ammette. Meglio dunque correre il rischio di imbrodarsi piuttosto che perdere il suo benevolo ma sempre autorevole commento. Commento importante non solo sul piano mio personale, ma soprattutto per la reputazione della HSU-Health Science University che non disdegna di ricevere dei riconoscimenti di autentico prestigio. Pietro non ha certamente necessità di essere da me presentato. La sua fama travalica ormai frontiere, catene montuose e oceani, ed è in fase decisamente espansiva, com’è giusto che sia.

SCARDINATORE DI PREGIUDIZI

Le forze dell’ordine di ogni paese devono necessariamente soggiacere ai poteri dello stato cui appartengono e, pur svolgendo ruoli di coraggio e sacrificio personale a vantaggio della convivenza civile, non vengono sempre capite ed ammirate in proporzione ai propri meriti. Vengono spesso guardate come forze esecutive al servizio della arroganza di chi comanda, più che al servizio dei cittadini, quasi si trattasse di persone dotate più di muscoli che di altre prerogative umane come intelligenza, sensibilità, interessi autentici per la scienza, la salute, l’ecologia, il rispetto del prossimo e degli animali. L’immaginario collettivo rimane sempre impregnato di facili luoghi comuni e di nomignoli offensivi tipici delle barzellette, tipo pula, sbirro, caramba, piedipiatti e simili. Ebbene, Pietro Bisanti è la dimostrazione vivente che un giovane carabiniere può scardinare questi ingiusti e ridicoli pregiudizi arrivando ad essere simbolo e vessillo delle più alte qualità umane.

ASCOLTARLO DAL VIVO È UNA ESPERIENZA IMPAGABILE

Questo non è un banale scambio di favori. Se qualcuno pensasse a questo, se lo scordi. Sono cose oggettive che penso, dico e ripeto senza tema di smentita ad ogni sua performance. Chiunque abbia modo di conoscerlo di persona, o di ascoltare una sua conferenza, finisce inevitabilmente per ammirare un’Arma che ha saputo produrre o comunque ospitare tra le sue file dirigenziali un talento umano di questa portata. Immagino che tutti i carabinieri d’Italia e tutti gli uomini del mondo impegnati nella difesa dell’ordine pubblico, debbano esprimergli grande riconoscenza per questo suo modo di essere, per aver dato lustro ed onore, per aver aggiunto dignità e reputazione a tutti gli appartenenti a questa speciale categoria di persone.

UN PATRIMONIO PREZIOSO IN PROCINTO DI LASCIARE L’ARMA

Il fatto che Pietro Bisanti abbia deciso di lasciare l’Arma a fine 2017, per acquisire totale libertà operativa da ogni condizionamento e da ogni pressione, dovrebbe a mio avviso far riflettere i vertici dell’Istituzione. Avere tra le proprie file un Pietro Bisanti non è certamente un peso o un imbarazzo, ma piuttosto una rara ed irripetibile circostanza, una ricchezza ed un patrimonio aggiunto. Lasciarselo sfuggire invece, senza giocare tutte le carte a disposizione per tenerselo strettamente con sé, per fargli cambiare idea, sarebbe non solo una perdita ed un impoverimento incommensurabile, ma anche una imperdonabile leggerezza e lacunosità da parte del Comando Generale.

FINALITÀ DEL BLOG DIRETTO DAL DR BISANTI

Nutrizione vegana e principi di Igiene Naturale, per vedere finalmente il mondo per quello che è veramente e non come vogliono farlo apparire! Il blog di elezione riguardo l’ambiente della psichiatria e degli psicofarmaci. Per contatti: pietrobisantiblog@gmail.com

CHI È IL PIETRO EUPREMIO MARIA BISANTI

Maresciallo dell’Arma dei CC, docente ufficiale della I° Scuola Privata Igienista Italiana “Health Science University”, attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienistica della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare enfasi alla salute mentale, nonché all’uso delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall’uomo che sono gli psicofarmaci. L’intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica bensì quelle informazioni che possono essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli soprattutto in ambiente psichiatrico. Nota Bene: Questo sito riflette il pensiero esclusivo del suo autore. Non ha alcun collegamento e non esprime alcuna considerazione in nome e per conto dell’Arma dei Carabinieri.

COMMENTO DI PIETRO BISANTI AL MIO ARTICOLO “VOGLIAMO LA CURA ANTICANCRO, LA VOGLIAMO SUBITO”

Valdo sei semplicemente straordinario, e mi riferisco a https://www.valdovaccaro.com/2017/08/vogliamo-la-cura-anticancro-la-vogliamo-subito/ Questo è il link all’ultima tesina del dr Valdo Vaccaro relativamente al cancro. Sbeffeggiatelo quanto volete (e parlo per i poveri ignoranti che credono di sapere qualcosa, medici compresi, ma che in realtà nulla hanno capito di cosa sia il corpo umano e di come funziona), ma non ho alcun dubbio che l’Igienismo Naturale e il dr Valdo Vaccaro quale esponente principale in Italia contribuiranno alla rinascita non solo del nostro paese ma dell’umanità intera. Avanti così Valdo, avanti così contro tutte le avversità. Sono onorato ogni giorno di più di far parte del tuo corpo docenti alla Health Science University. Non sono uno che fa complimenti con tanta facilità. Ma quando ci vuole ci vuole. Pietro Bisanti.

Valdo Vaccaro