Diabete

CONDIZIONE DIABETICA DA SANGUE GRASSO E CATRAMOSO

LETTERA

MADRE DIABETICA 77ENNE SOTTO CURA SOLOSA

Salve prof, scusi il disturbo. Lu­nedì scorso siamo andati da un nuovo diabetologo per rivalutare la situazione diabetica di mia madre 77 anni peso 65 altezza 1,­46. Terapia attuale da 4 anni solo Solo­sa 2 mg una compres­sa prima di pranzo.

ANALISI E PRESENZA LEUCOCITI ALTI NELLE URINE

Ci ha detto di fare le analisi poi decid­iamo terapia più app­ropriata. Ecco le an­alisi come le reputa?
Sono preoccupato per valore urine presen­za leucociti, cosa sarebbero? Infezioni alle vie urinarie?
Poi ha trigliceridi alti. Pressione 130/68 e anche 120/78 con bat­titi che vanno da 74 a 80. Cosa fare?

VALUTAZIONI SUL DIABETE

Il diabete come lo reputa? Sarebbe il ca­so di cambiare terap­ia e passare ad un farmaco diverso tipo Metforal o meglio uno di nuova gene­razione con meno danni possibili? Que­sto tremendo caldo può influenzare il tu­tto? Deve rivalutare anche lo stile di vita stare più calma meno ansia e mangiare più sano, evitare formaggi, e bere molta molta acqua? Giusto? La prego mi dia un suo parere per cortes­ia e una sua valutazione. Grazie di tutto di cuore.
Valentino Lacosa

*****

RISPOSTA

NON MANCA QUALCHE INCONGRUENZA NEL TUO CONTATTO

Ciao Valentino. Francamente parlando mi chiedo il perché di questa tua mail, mentre 1) Stai seguendo da 4 anni una terapia medica a base di Solosa, 2) Sei pure in contatto con un nuovo diabetologo con tanto di esami del sangue in mano, 3) Ti chiedi se cambiare cura passando a qualche farmaco di nuova generazione.

ESISTE UNA GRANDE DIFFERENZA TRA LA CURA MEDICA SUL SINTOMO E IL NOSTRO APPROCCIO NON TERAPEUTICO

Sarai d’accordo con me che c’è dell’incoerenza e dell’irrazionalità in tutto questo. Oppure non hai capito le marcate ed insanabili differenze di opinione e di metodo tra il campo delle cure mediche sul sintomo a cui evidentemente credi e il campo della Health Science Igienistica, dove si predica e si insegna la non cura sul sintomo e il non uso di farmaci.

MESCOLARE MEDICINA E IGIENISMO NON È LA STRADA GIUSTA

Non ti voglio demonizzare, ma stai facendo l’errore comune della stragrande maggioranza, che è quello di mescolare disinvoltamente campo medico e campo igienistico, prendendo possibilmente il meglio da una parte e dall’altra, e magari tentando di fare una media aritmetica tra le due posizioni e trovare una verità che verosimilmente dovrebbe stare nel mezzo. Posso capire che, quando una persona cara soffre si fa questo e altro, si cerca qualunque soluzione possibile pur di farla stare meglio. Tuttavia occorre parlarsi chiaro. Questo è un modo sbagliato di affrontare le cose, sia come principio etico che come risultato finale.

SERVE UNA NETTA E CORAGGIOSA SCELTA DI CAMPO

Se uno crede nella medicina e nel medico curante rispetta fino in fondo le cure che gli vengono date. Se uno non ci crede, non fa perdere tempo a se stesso e al medico, e si cerca una strada alternativa dopo averla studiata per bene ed essere convinto della sua validità. Occorre insomma fare una scelta di campo e poi comportarsi di conseguenza.

NON ESISTONO VIE INTERMEDIE DI COMPROMESSO

Le differenze di base tra medicina convenzionale e igiene naturale sono troppo profonde e drammatiche al momento per trovare qualche formula di compromesso. Oltre che alla citata curomania sul sintomo, la medicina crede al proprio interventismo, al proprio bisturi, ai propri farmaci, alle proprie diete alto proteiche, agli arricchimenti vitaminici e alle integrazioni minerali, ignorando e contrastando nel contempo le leggi naturali di madre natura e il pacchetto-salute che noi proponiamo. L’esatto contrario della nostra visuale igienistica.

BASILARE STABILIRE UN LINGUAGGIO COMUNE ONDE EVITARE LA TORRE DI BABELE

Per poterci capire senza equivoci e senza riserve mentali, serve un linguaggio chiaro e comprensibile da potersi condividere al 100%. Nulla di fanatico e di dogmatico, nulla di affaristico e di pregiudiziale. Il buon senso e la nostra esperienza millenaria, e non decennale o improvvisata o sperimentale, ci consentono di privilegiare buonsenso e apertura mentale. Se qualcuno possiede davvero soluzioni migliori della Health Science Igienistica, provate, testate e non millantate, si faccia pure avanti e lo ascolteremo con rispetto ed attenzione, senza preconcetti e senza spocchia. Per noi alcuni principi rimangono però inalterabili ed eterni, per cui se uno se ne allontana finisce per dequalificarsi e per terminare in off-side come si dice in gergo calcistico.

25 PRINCIPI INALTERABILI E FONDAMENTALI DELLA HEALTH SCIENCE IGIENISTICA

Te ne cito solo alcuni per chiarezza: 1) Legge di causa ed effetto, 2) La Natura è sovrana medicatrice di tutte le cose, 3) Primo non nuocere a nessuno nelle nostre scelte di vita e nei nostri metodi rimediali, 4) Dare priorità alla nostra sopravvivenza ma sempre in armonia con chi ci circonda e con l’ambiente, ma sempre col minimo impatto possibile con l’ecosistema, 5) Ogni malattia insorge solo quando serve e dura solo finché necessario, 6) Ogni creatura vivente pianta-animale-uomo è health oriented, 7) Il ripristino e la remissione spontanea della salute fanno parte della tendenza naturale dell’organismo, 8) La natura della malattia è difensiva, rimediale, eliminativa, adattiva, 9) Curare la pseudo-malattia-sintomo e non la vera-malattia-causa è perniciosa e gravissima superstizione, 10) Se curare significa ridare benessere o recuperare salute, allora la malattia stessa è il processo o il percorso che porta alla cura, 11) La malattia è amica e non nemica, ed è non solo un meccanismo di ammonimento e di invito a cambiare marcia, ma anche uno scarico di tossine, 12) Il corpo elimina intelligentemente solo quello che lo pregiudica, e giammai ciò di cui necessita, 13) Le malattie sono provvidenziali crisi di purificazione e di eliminazione tossica che scattano non appena il margine interno e personale di tolleranza massima ai veleni viene superato, 14) I sintomi sono difesa naturale del corpo e non vanno toccati. Questo vale per il diabete come per il cancro e l’ipertensione. Le chiamano malattie ma in realtà sono cura unitaria ed integrale del male anche se si manifestano in diversi modi e in diverse zone del corpo. 15) Il corpo non va mai contro se stesso, 16) La tossiemia interna è causa universale di tutte le malattie, e pertanto non si rincorrono 1000 malattie con 10.000 cure diverse, 17) Solo la pulizia interna può guarire, niente altro che quella, 18) Solo la natura cura e guarisce, 19) Il compito del vero medico è di astenersi, di fare poco e niente sapendolo fare, di aiutare ed assecondare gli sforzi guaritivi infallibili di madre natura e non di combatterli, provocando effetti  perversi ed imprevedibili, provando malattie iatrogene o medico-causate, bloccando un sintomo e causandone tre di nuovi. 20) Ti facciano da medico 3 cose soltanto: mente serena, riposo e movimento alternati, selettività e moderazione nel mangiare, dando priorità al cibo digeribile, semplice, leggero ed innocente, 21) La natura, dotata di strumenti che nessuno al mondo possiede, dirige l’orchestra sul campo al fine di mantenere la sua efficienza operativa, 22) La natura insacca ed incapsula gli eccessi di materiale tossico introdotto e di scorie interne autoprodotte e non prontamente espulse, e lo fa organizzando nuove crescite e nuove formazioni tumorali a fin di bene e come male minore atto a evitare che le corrosive tossine vadano in circolazione, 23) Come seconda opzione la natura deposita il materiale tossico, uremico, acidificante nei giunti causando reumatismi, dolori articolari, sclerosi, gotta, 24) Se non cambi radicalmente e rapidamente il tuo milieu interieur o il tuo ambiente biologico interno alterato, non verrai mai fuori dal tuo tunnel patologico, sia esso un semplice raffreddore o un complicato cancro, 25) La Health Science Igienistica non è una opinione ma dà autentiche risposte. È pura logica, è verità filtrata-soppesata-selezionata-distillata. Gocce di saggezza e di buonsenso messe continuamente a confronto e alla prova. È la cosa più vicina alla scienza del corpo-mente-anima che abbiamo a disposizione.