LA GENTE È CORRESPONSABILE DELL’ORRORE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA
COMPITO FONDAMENTALE È FAR DESISTERE L’UMANITÀ DAL CIBARSI DI SOFFERENZA E DI MORTE

Valdooooooooooooo!!!!!! Se non ti disturbo a breve ti chiamo. Io sono di Torino, se vieni da queste parti mi piacerebbe venire ad ascoltarti, e magari a portare la mia testimonianza, referti alla mano. Sai io divulgo il più possibile la mia esperienza, ma devo essere sincera, lo faccio in primis per far desistere la gente dal cibarsi di sofferenza e morte.

INTANTO CHE PARLIAMO L’OLOCAUSTO CONTINUA TRA L’INDIFFERENZA GENERALE

Per convincere gli inconsapevoli mi vedo costretta nella maggior parte delle volte a mettere in primo piano la salute, più che l’orrore del quale sono corresponsabili. Tutto questo dolore mi lacera il cuore, mentre te ne sto parlano miliardi di nostri fratelli animali stanno patendo pene indicibili, un vero olocausto animale. Se puoi dimmi quando posso chiamarti in modo da non disturbarti, non voglio essere in alcun modo invadente. Un grandissimo veg abbraccio!!!!
Barbara

*****
RISPOSTA
IL CINICO È UN MALATO A VITA

Ciao Barbara, Se è verissimo che col vegan-crudismo ci sono straordinari riscontri e testimonianze di auto-guarigione, immettersi su questa strada con in testa il solo scopo di curare i propri guai fisici è un modo parziale, precario, squinternato e diseducativo di affrancarsi dal dolore. Uno che vive nell’indifferenza e nella disinvolta accettazione di quanto sta accadendo dentro i muri dei macelli non guarisce mai da niente, e rimane un malato a vita. Quello del cinismo è il tarlo che corrode l’umanità. La vera salute non può che essere la risultante di una conversione simultanea e integrale di ogni nostra forza verso un mondo migliore, dentro e fuori di noi.

TELEVISIONE ASSOLDATA, COLLUSA E FILO-MACELLAIA

Il ruolo che si è assunto la televisione è proprio quello di insegnare alla gente che tutto quanto assumiamo debba essere intriso di carne, di lardo, di burro, di budella, di fegato, di sostanza animale in decomposizione. Essa entra nelle case senza chiedere permesso. Essa fa da piazzista ai milioni di macelli grandi e piccoli disseminati sul pianeta. I presentatori e i cuochi televisivi fungono da lustrascarpe e da servi ai macellai di regime.

SETTEMILA ANIME DECAPITATE AL SECONDO DEVONO TROVARE PRONTO SPACCIO E PRONTO MERCATO

È rarissimo che venga proposto il grappolo d’uva, il vasetto di mirtilli, la fetta di melone. Potranno al massimo essere usati come elementi decorativi di un piatto a base di succo di cadavere. 7000 animali sgozzati al minuto-secondo devono pur finire da qualche parte! Guai fermare questa macchina infame ed abominevole del carnivorismo umano.

EVOLVERSI PER NON CADERE NEL BARATRO

Non serve essere religiosi per fare le giuste considerazioni. C’è solo da chiedersi quale dio potrebbe mai sopportare questa tipologia di uomo-squalo, uomo-necroforo, uomo-spietato, uomo-vampiro. Il non ascoltare la propria coscienza, e il rifiutarsi di seguire un percorso evolutivo conforme alle proprie responsabilità intellettive mette davvero a rischio la sopravvivenza della specie umana. Poesia? Arte? Ingegno? Etica? Estetica? Educazione? Scienza? Se togli all’uomo le sue qualità intrinseche, tutto finisce miseramente sotto i tacchi.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. Tra gli orrori senza fine della televisione italiana, ogni tanto ci si può imbattere in una piccola oasi di civiltà: ho scoperto che su TeleGenova, un'emittente locale del capoluogo ligure, c'è tutte le sere alle 19 una breve rubrica di cucina vegetariana, intitolata "In cucina con Samantha".

Lascia un commento