HERPES ZOSTER E DOLORI PERSISTENTI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

DOLORI POST-HERPETICI DA HERPES ZOSTER

Egregio Dr Vaccaro, l’ho scoperta solo stamattina mentre stavo navigando in rete in cerca di rimedi per lottare contro i dolori post-herpetici che hanno colpito mia madre. Ho visto alcuni video e consultato il Suo blog ed ho deciso di richiedere il Suo parere.

ANDAMENTO ALTALENANTE

Come dicevo, mia madre, 77 anni, è stata colpita da herpes zoster ad inizio aprile. Dopo il rush iniziale, le bolle sono scomparse, anche se le macchie sulla pelle persistono. Ma i dolori non sono cessati. Ora sta prendendo due compresse al giorno di Lyrica. L’andamento della patologia é però altalenante.

QUALCHE CONSIGLIO SUL DA FARSI

Un giorno sta bene per cui pensa che la malattia stia regredendo, ma il giorno dopo i dolori ricompaiono. Questa situazione sta minando anche la sua salute psichica. Mi potrebbe dare qualche consiglio sul da farsi? La ringrazio anticipatamente per l’attenzione che vorrà riservare a questo messaggio e colgo l’occasione per porgere cordiali saluti.
Emanuela

*****

RISPOSTA

RESISTERE E PAZIENTARE

Ciao Emanuela. Herpes Zoster, ovvero una patologia derivante dal freddo e da condizioni infiammatorie-reumatiche, da intossicazione da farmaci, da ingrossamento ghiandolare linfatico in zona collo, torace e addome. Oltre a tutto questo, il Fuoco di Sant’Antonio è anche sintomo detossificante, un segnale di troppo pieno e di gocce che hanno fatto traboccare il vaso, e quindi una crisi di scarico tossine, per cui non va contrastato ma solo coadiuvato. La crisi eliminativa non dura oltre un paio di settimane più o meno, dipendendo sempre dallo stock di tossine che il sistema immunitario ha deciso di smaltire. Ovvio che nelle persone anziane, con immunità spesso decapitata, gli effetti eliminativi arrivano a ondate e a scoppio ritardato. Occorre pertanto un minimo di pazienza.

DETOSSIFICAZIONE A SCOPPIO RITARDATO

Quando ciò accade, il sistema immunitario seleziona uno o più punti di scarico per eliminare le tossine accumulate. L’herpes zoster è uno scarico-tossico tardivo che riguarda persone adolescenti, adulte ed anziane. Occorre che ci siano anni di abusi e di debolezza linfatica o immunitaria per arrivare a questo. L’herpes zoster era già conosciuto dai greci. Zoster in greco significa cintura, e descrive i segni lasciati da questa benettia.

ALIMENTAZIONE CONSIGLIATA

L’alimentazione sarà incentrata su un forte incremento di frutta di stagione, in particolare arance, pompelmi, kumquat, meloni, kiwi, fragole, mirtilli, ananas, banane, ciliegie, lamponi, ribes, pesche, albicocche, nespole giapponesi, oltre che su abbondanza di verdure crude, secondo lo Schema Nutrizionale Vegano tendenziale crudista, da adattarsi alle particolari esigenze e gusti di tua madre.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

Lascia un commento