TESSUTO CICATRIZIALE PENIENO CON OSTACOLO A MINZIONE ED EIACULAZIONE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

APPREZZO LA FASE DIAGNOSTICA DEI MEDICI MA NON ALTRETTANTO QUELLA TERAPEUTICA

Buongiorno Valdo. Apprezzo sempre il blog e le preziosissime tesine con cui ricevono il tuo aiuto gratuito migliaia di persone desiderose di dare alla natura la possibilità di fare il suo mestiere anziché affidarsi alla “Scienza dei tentativi medici” che tende a imbottirci di farmaci. A proposito dei medici posso lo stesso ringraziarli per aver fatto il loro dovere in fase diagnostica, ma devo necessariamente allontanarmi dalla loro fase terapeutica poiché troppo invasiva.

TRAUMA ALLA RADICE DEL PENE E FORMAZIONE DI CICATRICE INTERNA CON IMPEDIMENTI A MINZIONE ED EIACULAZIONE

Ho un gonfiore alla radice del pene dovuto ad un trauma subito per un colpo preso. In tale area si è formata una cicatrice interna che, pur non essendo molto estesa, interessa una parte del pene creandomi fastidio quando urino. È un po’ come se la cicatrice serrasse il pene, creando ostacolo alla minzione e alla eiaculazione. Ciò provoca ritenzione di gocce di urina nel canale uretrale con conseguenti infiammazioni e bruciori a volte importanti.

POSSIBILITÀ RISOLVENTI EFFETTIVE DEL SISTEMA IMMUNITARIO

Quello  che ti chiedo, Valdo, è se ci sono possibilità che il sistema immunitario, messo nelle giuste condizioni in termini di stile di vita igienista e alimentazione vegan-crudista tendenziale e sostenibile, potrà mai riuscire ad individuare questo rigonfiamento cicatriziale che crea ostruzione riducendone la massa e liberando l’area della radice del pene.

RICORSO AL DIGIUNO FINALIZZATO A DISGREGARE E RIASSORBIRE IL TESSUTO PER AUTOLISI

Oppure se tale tessuto, che è stato messo lì proprio dall’intelligenza interna del mio corpo a seguito al trauma, dovrà restarsene lì per sempre finché un medico non metterà mano ad un bisturi per ridurlo?
Nel primo caso potrebbero essere utili dei digiuni finalizzati alla disgregazione o al riassorbimento di tale tessuto, similmente a come avviene per tumori e fibromi e calcoli? Grazie molte Valdo.
Giuseppe

*****

RISPOSTA

BASILARE IL MIGLIORAMENTO DELLA FORMULA DEL SANGUE

Ciao Giuseppe. Leggiti pure anche la tesina “Durezze nodulari, placche e calcificazioni sulla guaina del pene“, del 7/5/16. Migliorando la formula del sangue con una dieta leggera e digeribile basata soprattutto su un buon apporto di acqua biologica, metti il corpo nelle condizioni ideali per un sangue fluido e circolante, adatto a farti guarire prima, adatto persino alla remissione naturale e progressiva del problema, al riassorbimento del trauma e del tessuto cicatriziale.

DIGIUNO E VANTAGGI CLIMATICI STAGIONALI PER UNA ACCELERAZIONE NEL PROCESSO AUTO-GUARITIVO

Ovviamente, un digiuno aggiuntivo offre la possibilità di accorciare i tempi di recupero in quanto può avviare un processo di autolisi, di disgregazione e di riassorbimento del tessuto cicatriziale. Attuando questa strategia in concomitanza con l’ultima settimana di maggio e la prima di giugno si può anche capitalizzare sul vantaggio climatico, sulla maggiore irradiazione solare e su una abbondanza improvvisa e provvidenziale di scelta in termini di frutta e verdura.

COERENTE E FIDUCIOSA APPLICAZIONE DEL NOSTRO PACCHETTO-SALUTE

In linea generale, quello che vale oltre alla depurazione del sangue, è l’applicazione coerente del nostro pacchetto salute, includente camminate, traspirazione, nuoto in acqua marina, digestioni semplici e sobrie, assunzione di vitamine e minerali allo stato naturale. La fiducia stessa nelle qualità auto-guaritive ed auto-equilibranti del corpo facilita notevolmente il processo di recupero.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

Lascia un commento