Vitamine, Minerali ed Integratori

PERCHE’ LA B12 E’ UN COLOSSALE IMBROGLIO

PERCHE’ LA B12 E’ UN COLOSSALE IMBROGLIO

Una Medicina in rotta di collisione con la gente

La Medicina ha fatto ormai il callo a mettersi in rotta di collisione con l’umanità, a inventare imbrogli,
a sfornare diktat, a compiere clamorosi errori di percorso, ad organizzare montature e farse.
Dalle operazioni fasulle tipo la rimozione in massa delle tonsille, alle rimozioni sistemiche dell’appendice, ai tagli cesarei distribuiti a livello industriale, all’invenzione dell’AIDS e del Papilloma, alle pandemie vecchie e nuove da contrastarsi con altrettante vaccinazioni.
Ma una delle sue migliori perle sta proprio nell’aver preso una singola vitamina, la cobalamina B12, e nell’averla eletta reginetta delle vitamine, piazzandola sul trono della divinità.

La mitica carenza di B12

Il mondo è pieno di gente quasi-vegetariana che però non rinuncia alla carne del tutto, terrorizzata com’è dalla mitica carenza di B12.
Non teme affatto di essere senza acqua biologica, che è 100 volte più grave, o di essere senza vitamina C naturale, faccenda che è 100 volte più seria.
Si disinteressa del fatto che mangia poco di cose giuste, e tanto di cose sbagliate, che si muove poco, che non sa respirare e non sta prendendo sole, che è priva di poesia e di rispetto per il creato.
Quello che importa è una cosa soltanto: una bella assicurazione sulla salute, di nome B12.
La vita umana appesa al filo di questa assurdità sanitaria.

L’elezione a Miss di una tracagnotta e maleodorante vitamina

Ha qualcosa di scientifico questa commedia? O non è invece una classica bufala?
Un’ennesima presa per i fondelli dell’umanità da Copenaghen a Città del Capo?
Lo abbiamo detto e scritto altre volte che la cobalamina è stata eletta dalle ineffabili autorità sanitarie Miss Vitamina non a caso.
L’hanno scelta bene. Slanciata, alta, sorridente, un bel paio di vispe tettine? Nemmeno per sogno.
Hanno preso la più piccola e la più tracagnotta, e per giunta dotata di cattivo odore.
Tanto tracagnotta da non riuscire nemmeno a scorgerla.
Fosse almeno una presenza spirituale rilassante. Non lo è per niente, legata com’è alla carne, alla cacca, alla cadaverina, alla putrescina, ai liquami neri, agli scarichi fognari.
Se in America uccidi un uomo, ti danno la sedia elettrica, ma se ne uccidi a grappoli, sei un eroe

A chi dobbiamo questo ennesimo imbroglio? Tre lettere dicono tutto: FDA.
L’America è un bel paese davvero.
Se uccidi un uomo, puoi beccarti la sedia elettrica.
Ma se ne fai fuori migliaia, ti rispettano e ti osannano.
Sappiamo che tutti i sindacati della carne, del latte e del farmaco stanno ad Atlanta.
I direttori della CDC e della FDA vengono selezionati a loro volta con cura maniacale dalla Casa Bianca.
Gli stessi inquilini della Casa Bianca sanno che per diventare presidenti e per stare comodamente in sella devono interagire in modo armonico con CDC ed FDA.
Il che spiega tante cose.

Se solo gli umani fossero coprofagi

Se gli umani diventassero coprofagi, cioè mangiatori dei propri e degli altrui escrementi, il problema sarebbe risolto. Il livello di B12 scatterebbe verso la vetta (cosa da non auspicarsi comunque).
Siccome l’uomo è in genere una persona educata, civile, vestita ammodo, nonché dotata di gusti sopraffini, nessuno si abbassa a consumare le proprie feci.
Ecco allora che si spinge la gente a consumare la carne degli animali uccisi (che ha sempre nei propri tessuti delle tracce di cacca e di urina).

L’inadeguatezza del veganismo e l’indispensabilità della carne

Nel caso dei vegani, chiudiamo un occhio per la loro maleducazione del non mangiare carne, ma almeno devono consumare gli integratori di B12, così si tiene in piedi l’industria farmaceutica ed in più si rafforza il concetto dell’indispensabilità della carne, e dell’inadeguatezza strutturale dell’alimentazione vegana, messa a nudo proprio dalle B12, visto che la sua controparte B9 (acido folico), che fa da vicariante vegetale della B12, siamo riusciti a tenerla ben nascosta alle genti ignoranti, Dio le benedica e le mantenga a lungo in quelle condizioni.
Questo è più o meno il Padrenostro che si recita giornalmente in zona Atlanta.

CDC dixit per il virus, FDA dixit per la B12

In effetti, non è nemmeno una questione di gente colta e di gente ignorante, ma semplicemente di gente succube dei bombardamenti mediatici sanitari, succube dell’autorità preposta alla malattia ed alla salute.
CDC dixit per il virus.
FDA dixit per la B12.
E’ anche una questione di pigrizia mentale.
Perché mai usare il cervello e faticare, se il sindacato mondiale dei farmaci, dei vaccini, degli alimenti lo fa già per noi, ed ha persino codificato tabelle con minimi e massimi, metodi di cura specifici, ideologie nutrizionistiche e terapeutiche ideali?
La cosa è andata avanti per anni e così gli invisibilissimi ed inesistentissimi virus vivi ed aggressivi, e la sfuggentissima reginetta B12, sono diventati l’asse portante della medicina moderna.

La scienza mondiale ha dimostrato per filo e per segno l’essenzialità della B12

B12 uguale Dio, virus uguale figlio di Dio.
Smontare l’imbroglio, e dire che la B12 è una miserabile burla equivale a bestemmiare.
Ecco allora che alla conferenza di Roma del 24 settembre, qualcuno accettava tutto quanto detto nell’incontro, ma non le nostre critiche alla B12, dato che la scienza mondiale ha dimostrato per filo e per segno l’essenzialità di tale vitamina.
Ecco allora il caso del mio amico Andrea di Udine, che non ama la carne ma non fa a meno di qualche affettato una volta a settimana.
Non a sostegno proteico (che non sussisterebbe con un miserevole panino carnivoro a settimana), ma come assicurazione B12 contro ogni forma di anemia, perché non si sa mai.

Una ossessione e una paura epidemica, paragonabile a quella dei virus

Chiamarlo malessere mentale è dir poco.
Questa è un’ossessione che richiederà anni di rieducazione alla logica, per essere debellata.
E’ indispensabile farlo.
Anche perché credere nella B12 significa non credere nella sinergia delle sostanze, significa pure non credere alla perfezione del creato.
Vi immaginate un Dio che dà all’uomo tutto fuorché la vitamina B12, per cui deve procurarsela accoltellando porcelli e vitellini, o correggersi con pasticche di integratori?

Se ne bevi una, finisci per scolare tutte le altre

Se una persona cede su questi principi fondamentali, cede pure su tutto.
Finirà per bere tutte le altre balle che arrivano dai diseducatori.
Crederà al virus vivificato dalla cellula che si insinua nella stessa fino a farla esplodere.
Crederà al morto (il virus) che mangia il vivo (l’uomo).
Crederà nel batterio che gli divora il fegato ed il pancreas.
Crederà alla proteina nobile ed all’aminoacido essenziale che gli danno il massimo della potenza e della salute, e che non lo fanno invece carambolare nei reparti di oncologia e di cardiologia.

E’ indispensabile smontare questo inganno

Crederà al ferro, ma solo a quello Eme, da bistecca di cavallo al sangue, ignorando che il segreto del corpo umano sta nell’assorbire le dosi minime ed assimilabili delle sostanze, quelle che stanno esclusivamente nel regno vegetale.
Crederà all’Omega3 da pesce, ignorando che gli Omega3 delle piante stracciano in qualità ed assimilazione quello della carne di terra e di acqua.
Ecco perché è necessario smontare tutto questo inganno.

Valdo Vaccaro – Direzione Tecnica AVA-Roma (Associazione Vegetariana Animalista)
– Direzione Tecnica ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)

  • Caro Valdo,

    ti ringrazio per questo articolo sulla B12 che scopro solo adesso. Sono pienamente d'accordo con te, anche perche' ho provato sulla mia pelle in 10 anni di vegetarianismo con gli ultimi 5 anni di dieta vegan (di cui 6/7 mesi di sola frutta)! Istintivamente mi e' sempre sembrato una scemenza prendere pasticche di B12… come un'incoerenza mi sembravano le pasticche di spirulina o klamath che prendevo lo stesso perche' mi sostituivano il caffe` che non prendo da non mi ricordo quanto tempo ( e si, ottenevo lo stesso effetto stimolante con queste alghe 🙁 )
    so che l'approccio non e' dei piu' intelligenti e di sicuro e' poco logico, ma solo adesso che ho un figlio che allatto provo ad approfondire gli eventuali effetti (negativi) delle mie scelte etiche e quindi alimentari e ti sono molto grata per il lavoro di informazione che fai!

    ciao,
    madalina

  • VALDO io sono vegano e l'unico integratore che prendo è la B12. Mi confermi quindi che posso buttare via le pasticche ? O fra 30 anni quando il mio fegato ha esaurito le scorte poi vado in carenza ? Esiste un sistema per capire i livelli di B12 nel corpo umano e quindi prevenire la carenza ?

  • Ragazzi ma che problemi avete? pensate solo a mangiare in modo etico, salutare ed equilibrato, perchè fasciarsi la testa prima di rompersela, nel caso si dovesse presentare una carenza allora uno può preoccuparsene.

  • Non avete capito nulla, la carenza di b12 è sopperibile con la b9 (acido folico) presente in una marea di alimenti di origine vegetale. Oltretutto il bisogno di vitamina b12 non è MAI stato scientificamente provato, il che conferma che è solo un business. Se esaurisci le scorte di b12 non succede nulla, un consiglio, non leggere gli articoli se poi non cerchi di capirne il contenuto.

  • Fabio

    Caro Valdo, molte delle persone che pongono domande cercano di capire. Io amo il tuo sito web e le tue conoscenze, oltre al ringraziarti per il tuo piu’ che amabile lavoro, il quale credo non esser sempre semplice, vorrei chiederti se hai dei libri o letture da consigliare. I miei migliori e cordiali saluti.