FIBROSI CISTICA, ANONIMI E PALLEQUADRE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

SCAMBI NON ESATTAMENTE FORBITI

Ciao Valdo. All’Anonimo che continua a usare linguaggio sboccato ed offensivo ho scritto quanto segue: “Io con sedano e carote son guarito dalla fibrosi cistica. Se poi tu sei un somaro che non riesci a capire cosa scrive in maniera abbastanza semplice il mitico Valdo, dovresti preoccuparti di te stesso. Rispondi!”. Mi hanno risposto PalleQuadre il 19 novembre con “La fibrosi cistica e’ una malattia genetica ereditaria e non si puo’ guarire”,  e lo stesso Anonimo, il 21 novembre, con “Vai a raccontare cazzate da qualche altra parte, specialmente per elogiare un ciarlatano conclamato”.

MESSAGGI INVENTATI E GUARIGIONI INVENTATE

Ho proseguito con altro commento: “Ebbene sì, mi hai scoperto sono Valdo, e mi sono inventato anche questo messaggio. Troppo onore sprecato sarebbe. Egli non si ribasserebbe a controbattere un imbecille delle tue proporzioni. Non ci tengo neanche a convincerti sulla vericidità della mia guarigione, sono letteralmente al settimo cielo e mi basta e avanza. Mi dispiace solo di non poter ricambiare il tuo invito in quanto, al contrario di me che evacuo benissimo, tu sarai sicuramente stitico, intasato e con gli intestini in putrefazione”.

UN BLOG DEGLI ORRORI CON DIFFAMAZIONI E CALUNNIE

Mio carissimo Valdo ti ho riportato alcuni dei miei vivaci scambi con questi detrattori da due soldi bucati. Il Pallequadre avra’ di sicuro qualcosa di quadro e si tratterà della sua testa. Visitando il suo blog degli orrori ne ho avuto piena conferma, e non ho potuto fare a meno di sbeffeggiarlo. D’accordo la buona educazione, ma come si fa a professare la non violenza anche verbale quando un individuo del genere diffama e calunnia il salvatore della mia vita?

LA BRAVURA E IL VANTO DI AMMAZZARE PER IL SOLO GUSTO DI FARLO

Come si fa non augurare il peggio a un individuo che durante una conversazione ti dice del fratello cacciatore: “A mio fratello piace solo ammazzare gli uccellini e non mangiarli, così li passa gentilmente a me”. C’è davvero di che vergognarsi di appartenere alla mostruosa specie dei bipedi, di questo tipo di bipedi intendo.

GODO DI UN INVIDIABILE STATO DI SALUTE, E QUESTA E’ LA MIA VERA CONSOLAZIONE

Unica consolazione in mezzo a tanto sconforto è lo stato di salute che va a gonfie vele, sia pure con gli inevitabili strascichi di quasi mezzo secolo di nefandezze. Sembravo essere arrivato al mio capolinea ma, per fortuna, tramite le indicazioni di un mio zio (che sia benedetto anche lui) ti ho conosciuto e mi hai letteralmente strappato alla morte. Con infinita stima ti auguro tutto il bene dell’ universo.
Enzo

*****

RISPOSTA

DI TUTTO MI SI PUO’ ACCUSARE FUORCHE’ DI ESSERE UN PERDITEMPO

Ciao Enzo. Con un mese di ritardo riscontro la tua mail e tutto il resto. Mi ritengo fortunato di aver riportato la quota delle mail inevase sotto la quota 200. Ogni computer di aeroporto o di albergo (qui sto al Royal Hotel della capitale meridionale della bellissima Taiwan) è buono per scalare la quota e dare una risposta a chi me la chiede. Se davvero mi mettessi anche a fabbricare false corrispondenze sarei altro che ciarlatano e tutti gli altri epiteti che posso immaginare, ma sarei pure uno che gode a farsi del male e a stare incollato davanti a uno schermo, trascurando spesso i giusti pasti e il giusto sonno.

MALANIMO, CATTIVERIA E IGNORANZA MARCIANO DI PARI PASSO

Lettere autentiche, con un purtroppo di mezzo. Il purtroppo sta soprattutto nel malanimo e nella cattiveria che traspare e trapela da atti e parole di certa gente che si diverte a riversare il suo cinismo sul prossimo. Apprezzo molto il tentativo tuo e di altri amici e amiche che con continuità e solerzia mi difendete da questi attacchi concentrici mirati solo a disgregare. Hai detto una cosa giusta.
Meglio non intavolare alcun discorso costruttivo e non dare loro retta. Meglio ignorarli. Abbiamo per nostra fortuna tante altre cose più sensate a cui pensare.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

7 commenti

  1. ma siete sicuri non sia solo un tizio che si diverte ? dai e' troppo esagerato per essere un detrattore o un critico .. non ha basi, non ha logica , non porta argomenti , strilla e basta ..lasciatelo stare datemi retta …. fa tenerezza , un po' come quelli che viaggiano con l'aulin o l'oki nella borsa no?
    un abbraccio
    andrea

  2. Certo che se uno fosse veramente guarito dalla fibrosi cistica ci sarebbero i medici di mezzo mondo a casa sua a interrogarlo per capire come ha fatto. Probabilmente il "miracolato" si è limitato a smettere di prendere gli antibiotici e le medicine ed è felice perchè per adesso sta bene, un pò come i diabetici che smettono di prendere l'insulina e sul momento stanno benissimo. Peccato che dopo pochi mesi la malattia riprenda il suo corso e il "miracolato" sia morto o moribondo. Peccato che a questo punto il santone se ne sia già scappato coi soldi!

  3. Enzo, la facciamo una cosa carina? Se sei veramente guarito dalla fibrosi cistica te la senti di inviarci una copia autenticata della cartella clinica in cui si attesta la guarigione? Basta fare una copia della cartella clinica, farla autenticare dal medico curante, cancellare i dati personali, scannerizzare e inviare via mail!

    • Francesca Clara Ranieri on

      Avevo la stessa intenzione, dato che anche io sono affetta da fibrosi cistica e vorrei anche io guarire ☺️ Anzi vorrei avere un confronto diretto con te se possibile

        • UnVecchioAmico on

          puo servire avere un confronto con uno che e riuscito a guarire mi piacerebbe sapere nel dettaglio come ha fatto in modo che anch’io possa guarire,sinceramente al inizio dubitavo perchè ci sono solo 5 commenti e voi avete risposto solo a uno ma forse e perchè siete impegnato e quindi voglio lasciarvi una seconda possibilità.Susatemi per gli errori grammaticali.

          • Enzo Spataro on

            Grazie per la “seconda possibilità”, ma nel frattempo sono morto di crepacuore.