Salute & Alimentazione

RISULTATI STUPEFACENTI SU CEFALEA E MAL DI SCHIENA, E BUONE SPERANZE PER LE DITA ARTRITICHE

LETTERA

DECISO E CONVINTO SULLA STRADA DEL VEGAN-CRUDISMO

Buongiorno Valdo Buona Pasqua! Finalmente è giunto il momento di scriverle per renderle merito di quello che ha fatto e tuttora sta facendo. Mi chiamo Francesco, ho 58 anni e da 3 anni (maggio 2012) ho scelto la strada raw vegan. Il passaggio è stato repentino dalla domenica al lunedì, dopo aver letto Shelton, Ehret e in ultimo, via internet, Vaccaro e i suoi libri.

MALE DI TESTA CRONICO E ANTIDOLORIFICA A RAFFICA

Fin da piccolo ho sofferto di mal di testa, penso sia ereditario poiché mia madre ne soffriva. Me lo sono portato avanti fino a 55 anni. Da giovane dovevo rimanere fermo e al buio assumendo antidolorifici che, con il trascorrere del tempo, richiedevano sempre aumento di dose.

VIAGGIAVO CON LE PASTICCHE IN TASCA

Il mio lavoro mi ha portato a viaggiare per il mondo (54 paesi visitati) e ho sempre tenuto con me grandi scorte dei farmaci sopracitati, poiché la mia nemica cefalea non mi lasciava mai. In aggiunta sono stato uno sportivo e nel lontano 2006 ho corso la mia ultima mezza maratona. Ho dovuto smettere a causa di una lombo-scialtalgia alla gamba sinistra che mi ha totalmente invalidato per anni malgrado massaggi, fisioterapia, tecar-terapia e anti-infiammatori.

UNA SCELTA RAW-VEGAN A DIR POCO STUPEFACENTE, CON DOLORI A GAMBE, SCHIENA E TESTA SCOMPARSI PER MAGIA

Dopo i primi sei mesi di adattamento e con 2 digiuni di 3 gg ciascuno, dove ho avuto intensificati  mali di testa e dolori alla schiena, è scomparso il dolore alla gamba che nessun medico era riuscito a curare. Idem per il mal di testa, avvenimento per me di valore storico!!! Ad oggi affronto i miei viaggi senza portarmi un solo farmaco, sapendo che posso contare sulle capacità di auto-guarirmi. Anche quando si tratta di condividere pranzi o cene di lavoro non ho più alcuna difficoltà nella scelta degli alimenti.

HO PERSINO RIPRESO A CORRERE

Anzi, sono riuscito a coinvolge i clienti che incuriositi inizialmente e poi soddisfatti, mi ringraziano perché hanno capito che mangiare meglio fa stare bene! Tengo a precisare che ogni inverno nel periodo natalizio faccio digiuni di 4gg senza nessuna difficoltà ed ho pure ripreso a correre.

RESTA UN PROBLEMA DI ARTROSI ALLE MANI

Mi è rimasto un problema che dopo questi 3 anni non sono riuscito a togliere definitivamente. Si tratta di una artrite o artrosi alle mani, forse dovuta a troppi anni di alimentazione di carne e pesce e di alcoolici e di ogni altro ben di Dio! Infatti verso l età di 50 anni mi sono comparsi sulle mani dei tofi e perdita di liquido sinoviale su un dito della mano dx, radiografie hanno riportato una riduzione notevole della cartilagine.

I DIGIUNI MI REGALANO QUALCHE SOLLIEVO

Ad oggi non riesco a fare lavori sottili, del tipo stringere una corda e fare il pungo. La 2° e 3 °falange praticamente non si piegano più tranne il pollice sinistro che è rimasto intatto. Quello che mi lascia perplesso sono i polpastrelli perennemente arrossati oltre ad un aumento delle dimensioni delle dita in prossimità delle piccole articolazioni. Ho notato che durante i digiuni aumenta la motilità delle mani anche se di poco. Purtroppo devo fare i conti con l’attività lavorativa e non posso digiunare sempre, anche se riesco a fare semi-digiuni giornalieri con spremuta d’arancia al mattino 6,30, frutta fresca e secca fino alla sera. Alla sera piatto di insalata con olive cipolle, patate bollite, a volte qualche piatto di pasta con sugo al pesto, polenta, riso nero, miglio.

MOLTO PANE INTEGRALE E DIVERSI SUCCHI

Due dita di vino miscelato con acqua lo bevo ancora e, durante l’estate, mezzo bicchiere di vino puro dopo aver lavorato nell’orto di 1500 mq totalmente dedicato alle verdure. Ho la fortuna di mangiare per quasi tutto l’anno le mie verdure. Mangio parecchio pane integrale alla crusca. Ho anche un estrattore e bevo diversi succhi, dalle carote con topinambur, sedano, ananas ad altri frutti e verdure. In estate anguria tutti i giorni.

STRANAMENTE IL COLESTEROLO IN AUMENTO

Esami del sangue che faccio ogni inizio gennaio sono andati migliorando di anno in anno con valori della VES da 11 a 6 , mentre con sorpresa per il colesterolo sono passato da 160 a 194 questo anno. Sarà forse l’olio di oliva che uso in abbondanza?  Vitamina B12 (121) ed omocisteina (13.4), dove prima del 2015 non avevo mai fatto questi esami quindi non ho un riscontro.

CHE FARE PER VINCERE ANCHE QUESTO INCONVENIENTE?

Vengo alla domanda finale. Che tipo di alimentazione dovrei usare per togliere l’ arrossamento ai polpastrelli e fluidificare un po’ di più la motilità delle dita? Le tesine le so a memoria. Le rileggo sempre anche quelle appena pubblicate per vedere se un alimento può essere usato nel mio caso. Mi sta sfuggendo qualche cosa?

ANNI DI ERRORI MI HANNO PORTATO A QUESTO, MA SPERO UGUALMENTE DI FARCELA

Non pretendo di cancellare errori alimentari di anni che mi hanno portato a questo problema, ma mi attendo di avere un visibile miglioramento. La ringrazio di cuore per tutto quello che lei mi ha trasmesso finora, e il grande aiuto indirizzando ognuno di noi a essere più consapevole della propria salute, bene dal valore inestimabile! Grazie ancora.

Francesco
*****
RISPOSTA

SEI SULLA STRADA GIUSTA E BASTANO ALCUNI RITOCCHI
Ciao Francesco. Hai già raggiunto risultati ragguardevoli di cui poter andare fieri. Chiaro che sei sulla strada giusta. Qualche piccolo ritocco ancora lo puoi di sicuro fare, evitando troppo pane, anche se integrale, prendendo più sole, facendo più camminate, esercitando  mani e dita a prendere dei fogli di carta e farne una pallina, facendo ginnastica coinvolgente i muscoli specifici di mani e dita, applicando sulle parti irritate e gonfie dei cataplasmi notturni di fango, meglio se termale e tensioattivo (guantoni di fango intendo), ricorrendo a sabbiature marine. Ti consiglio anche di fornirti di sacco pugilistico e di guantoni e di allenarti nella boxe casalinga.

IL COLESTEROLO INCREMENTATO È UN SEGNALE POSITIVO IN QUESTA CIRCOSTANZA
Il tuo problema è l’acidificazione e il sangue tuttora denso e grasso. Il tuo corpo sottoposto a notevoli miglioramenti sta facendo il suo dovere, si sta auto-detossificando gradualmente, per cui serve pazienza. Il fatto che il colesterolo sia in rialzo non è poi così strano. L’unica spiegazione razionale è che sei in fase di detossificazione per cui il tuo corpo sta scaricando scorie interne di vecchie incrostazioni tossiche. Anche le tue croniche infiammazioni alle dita risentono di questo e sono anzi colpite, per cui nel breve di queste ondate eliminative puoi anche sperimentare dei peggioramenti, visto che l’omino della nettezza urbana interiore sta portando fuori dal corpo carriolate di vecchi detriti.

FARE IL PIENO DI FRUTTA ACQUOSA E DI VERDURE DIURETICHE
Nell’assieme stai migliorando e serve solo pazienza e determinazione. Ovvio che dovresti assumere in questi giorni una particolare abbondanza di verdure diuretiche e drenanti, atte ad incrementare la funzionalità di fegato, milza, reni e intestino. Non si scappa da carciofo e finocchio crudo, da tarassaco e radicchi, da punte di luppolo e pungitopo, da rape e ravanelli, da acetosa e silene, da cavoli e crescione, da mirtilli e frutti di bosco, da fragole e ciliegie, da meloni e angurie che già stai assumendo a iosa.

Valdo Vaccaro

  • Tutto dipende dal cibo che mangiamo, ci vuole tempo e pazienza ma tutto si risolve con un'alimentazione corretta.