CLOSTIDRIUM DIFFICILE E DEVASTANTI TRATTAMENTI OSPEDALIERI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

FINO A 4 MESI FA LA MIA VITA SCORREVA FELICE E NORMALE

Gentile Dr Vaccaro. Mi chiamo Marta ho 32 anni e il mio intestino è maciullato. Nel 2004 ho avuto la diagnosi di “Malattia di Crohn” dopo anni di abuso farmaci. Fino a quattro mesi fa la mia vita era  semplice e fatta di piccole cose. Sono sempre riuscita a portare a termine importanti traguardi, il diploma, la laurea in Biologia di cui vado molto fiera, nonostante non mi abbia aiutata molto nel contrasto all’ infausta malattia.

CONTRAZIONE DEL CLOSTRIDIUM DIFFICILE E DISSENTERIA CROHN

Ho sempre avuto un approccio positivo nelle cose ma qualcosa recentemente si è rotto. Dopo un periodo di stress ho contratto il Clostridium Difficile e la mia vita non è piu la stessa. Non esco piu di casa da 4 mesi. Il bagno è la mia seconda dimora. Inizialmente i medici davano la colpa al Crohn, poi all’ansia, poi al Crohn e ansia insieme. Finalmente, dopo mesi di dissenteria scopro che si tratta di Clostridium Difficile e inizio ad assumere il metronidazolo, un antibiotico che mi distrugge.

EFFETTI MICIDIALI DELL’ANTIBIOTICO METRODINAZOLO

Trattasi di un farmaco che mi causa shock ipovolemico, dissenteria incontrollabile e fortissima tristezza mentale. Mai avevo sperimentato tanta tristezza in vita mia, neanche alla morte di mio padre. Tutto questo mi ha portata ad un primo ricovero d’urgenza, seguito da altri 3 viaggi in pronto soccorso, sempre dimessa e valutata poi con la diagnosi di diarrea da stress.

MI ACCOMPAGNA UNA PESANTE TRISTEZZA MENTALE

Ora ho ancora scariche, 37 di febbre, dolori addominali molto intensi e una forte tristezza mentale. Al punto che spesso sono portata a pensare cose molto brutte. Sono veramente esausta e i medici paventano l’uso della Vancomicina la quale ha reputazione di essere un farmaco potentissimo dagli effetti avversi pericolosi.

ASSUNZIONE ABNORME DI FARMACI, PERDITA DEL LAVORO E DISPERAZIONE AI MASSIMI LIVELLI

Non può nemmeno immaginare quanti farmaci io abbia assunto in meno di 6 mesi. Una vera e propria farmacia. Per non parlare dell’esborso economico. Come ciò non bastasse, ho anche perso il lavoro!!! Oramai nauseata da tutti questi tentativi sul mio corpo le chiedo da disperata come sono un parere a riguardo. Esistono terapie naturali? Sono fortemente intenzionata a percorrere la via della natura. Ringraziandola anticipatamente per il suo prezioso consiglio porgo distinti saluti.
Marta

*****

RISPOSTA

UN INTESTINO MACIULLATO DAGLI ANTIBIOTICI PIÙ CHE DAI BATTERI

Ciao Marta. Clostridium Difficile? Direi di no. Il tuo problema lo chiamerei Metrodinazolo Difficile, o Mentalità Medica Difficile. Sentiamo comunque qui di seguito l’impostazione medica, che ho sintetizzato da internet e dai testi in mio possesso, prima di fare le mie conclusioni di tipo igienistico.

DESCRIZIONE DEL CLOSTIDRIUM DIFFICILE

Clostridium difficile o CD è un batterio patogeno appartenente alla famiglia Clostridiacee. Come tutti i clostridi è un bastoncello Gram+ anaerobio. I fattori di virulenza della Clostridium Difficile Infection o CDI sono le enterotossine, le spore e l’enzima ialuronidasi. Questo bacillo si trova normalmente nel microbiota umano per cui, se si utilizzano per lungo tempo antibiotici, questi possono distruggere anche quei batteri che tengono confinato il Clostridium, il quale può prendere così il sopravvento e provocare crampi addominali e malattie varie, come la colite pseudo-membranosa. Queste malattie hanno un decorso benigno e sono auto-limitanti tranne nel caso in cui ci siano complicanze che possono compromettere la parete intestinale con un possibile passaggio in circolo del bacillo, con conseguente sepsi e quindi pericolo mortale.

COLITE PSEUDO-MEMBRANOSA PMC E POSSIBILITÀ DI GRAVI COMPLICAZIONI

La diarrea da CDI è causa del 15-20% di tutte le diarree associate all’uso degli antibiotici ed è associata ad alta morbilità e mortalità in ambito sanitario. Circa il 3-5% dei casi può sviluppare colite pseudomembranosa da CD, con complicazioni gravi come:

  • Perforazione
  • Ileo grave con megafono tossico
  • Shock settico per setticemia refrattaria
  • Colectomia di emergenza
  • Morte

Tutte queste manifestazioni sono correlate alla CDAD (Clostridium Difficile Associated Disease) o malattia associata alla CDI, ossia alla Clostridium Difficile Infection.

BATTERIO CD ANTIBIOTICO-RESISTENTE

Nell’organismo il CD è onnipresente. Colonizza l’intestino di una piccola percentuale di individui sani e non infetti, che sono meno del 5%. L’esposizione agli antibiotici è associata al suo sviluppo eccessivo e alle manifestazioni patologiche della malattia successiva (infezione endogena). Poiché il CD è resistente alla maggior parte degli antibiotici, esso è in grado di svilupparsi durante una terapia antibiotica. Esso si trasmette da persona a persona per via fecale-orale.

MALATTIA NOSOCOMIALE ESOGENA

Il batterio forma spore resistenti al calore, che si ritrovano in un ospedale in soggetti ricoverati per lunghi periodi di tempo. Può essere rintracciato in quasi tutte le aree dell’ospedale. Le spore possono essere rilevate nelle stanze d’ospedale di pazienti infetti, soprattutto intorno ai letti e bagni, e per questo può essere una fonte di infezione esogena, ossia di malattia nosocomiale. Una volta che le spore vengono ingerite, superano pressoché indenni la barriera gastrica essendo acido-resistenti, e il batterio si evolve nella propria forma vegetativa nel colon, dove si moltiplica.

OLTRE 10 MILIONI DI INFETTATI/ANNO E OLTRE 14000 MORTI/ANNO

Attualmente si stima che questo organismo infetti oltre il 30% dei soggetti ammessi negli ospedali degli Stati Uniti, rendendo la colite da CD una delle più comuni infezioni nosocomiali. Si stima, inoltre, che nei soli Stati Uniti ogni anno circa 10-12 milioni di adulti siano infettati da questo organismo, con una cifra alquanto sinistra di 14 mila morti/anno. Lo sviluppo della malattia negli anziani è particolarmente grave e frequente in quanto questi vengono ricoverati più spesso e per periodi più lunghi. Si stima che circa l’ 1,5% dei pazienti ambulatoriali che ricevono antibiotici svilupperanno la CDAD. Secondo il dr Erik Dubberke della Washington University di St. Louis, ogni anno negli USA 500.000 americani sono infettati dal CD in ambiente ospedaliero.

ESPERIMENTI OLANDESI MEDIANTE DONAZIONI FECALI DI SOGGETTI SANI

Che l’infezione ricorrente da CD sia difficile da trattare e che il fallimento delle terapie antibiotiche sia pressoché totale, è un fatto dimostrato. Gli ultimi tentativi nel settore sono quelli condotti dalla Nederland Organization for Scientific Research, dove si è fatto un test di raffronto tra un regime iniziale a vancomicina, seguito da lavaggio intestinale, e un secondo test basato invece su donazioni fecali intestinali da parte di donatori sani. Alla fine il secondo metodo avrebbe rivelato risultati migliori rispetto alla via antibiotica della vancomicina, con un incremento della diversità batterico-fecale nei pazienti di CDI.

RICHIAMO DI LEUCOCITI E ULTERIORI DANNI CELLULARI

La colite pseudo-membranosa PMC è la più grave patologia provocata dal CD. Prevede l’instaurarsi del microrganismo con conseguente produzione di tossine che andranno ad interagire con gli enterociti glicosilando numerose proteine e avviando meccanismi apoptotici. La liberazione di catechine in concomitanza con la morte cellulare richiama in loco un cospicuo numero di cellule della difesa immunitaria le quali, mantenendo lo stato di infiammazione, danneggeranno ulteriormente le cellule. L’accumulo di detriti cellulari, muco ed altro sulla mucosa intestinale produce la pseudomembrana che andrà progressivamente espandendosi alla mucosa intestinale. La colite PMC è spesso associata a insufficienza renale cronica e a disidratazione.

NESSUN CAN-CAN TERRORISTICO DA PARTE DELL’IGIENISMO

Fin qui le spiegazioni e le teorie derivate da fonte medica. In realtà, la Health Science o Igiene Naturale non fa il can-can terroristico di cui sopra, e addirittura assolve totalmente il CD da ogni responsabilità. Lo fa con tutti i microrganismi. Essi vivono in simbiosi e a volte in simbiosi-disbiosi con noi, sia che si tratti di batteri, vivi, intelligenti, utili e dannosi, preziosi ed opportunisti, capaci di moltiplicarsi e di ridursi secondo le necessità corporali, sia che si tratti di virus endogeni o meglio di detriti cellulari da normale moria fisiologica del ricambio.

LA RESPONSABILITÀ BATTERICA È UN COMODO SCARICABARILE

Siamo fatti di 100 trilioni di cellule, ma anche di 1000 trilioni di batteri, tra cui il CD, parte integrante della nostra flora intestinale. Il fatto che esso sia presente in determinate forme di colite diarroica non significa affatto che sia responsabile dei disastri imputatigli dalla medicina, che lo vuole trasformare in una specie di nuovo Aids della situazione. Un po’ come nel caso dell’Helicopter pilori accusato impropriamente di causare tutte le ulcere dello stomaco.

DIETA OSPEDALIERA E TRATTAMENTI ANTIBIOTICI SONO I VERI COLPEVOLI DEI MICIDIALI GUASTI INTESTINALI

La realtà è che la colite si sviluppa per motivi ben precisi e molto più seri. Parliamo di malattia tipicamente iatrogena-ospedaliera, fatto riconosciuto distrattamente dai medici stessi. Che succede negli ospedali? Non sono tanto le spore contagianti, terrore indotto di ogni persona che visiti un ospedale o che ci lavori dentro o che ci viva nei dintorni. Il fattore ammalante è la micidiale accoppiata dieta-farmaco in vigore negli ospedali del mondo intero.

PUTREFAZIONE E INSUFFICIENZA RENALE SONO FRUTTO DELLE DIETE CARNEE

Il CD è ovviamente un batterio non solo Gram+ ma soprattutto anaerobico. Si sviluppa cioè in assenza di ossigeno. Cosa significa questo? Significa che si sviluppa in condizioni di putrefazione intestinale, di disidratazione e di insufficienza renale strisciante. Ecco allora che ci avviciniamo al punto chiave e saliente della situazione. Putrefazione da cosa? Disidratazione e nefrite da cosa? Dalla dieta alto-proteica e carnofila prediletta ed imposta dalla classe medica in tutti gli ospedali. E la debilitazione dei pazienti, da cosa deriva se non dall’uso di micidiali antibiotici capaci di mettere in ginocchio persino un toro?

TASCHE E DIVERTICOLI CARICHI DI INCROSTAZIONI FECALI

Ecco allora delinearsi un quadro assai più realistico della situazione. Quando si parla di frequenti evacuazioni liquide, conosciute coi nomi di enterite, gastroenterite ed enterocolite, siamo di fronte a poderose difese organiche tendenti ad eliminare le sostanze corrotte formatesi nell’intestino, con irritazioni alle membrane e sulle pareti del medesimo, sempre per fermentazioni malsane e per stati putrefattivi, per tasche e diverticoli carichi di incrostazioni fecali e mai risolti del tutto, per complicazioni parassitarie non facili da diagnosticare.

SUCCO D’ORTICA FRESCO

Il digiuno per 1-3 giorni è la cosa più logica. Si potrà bere solo acqua o anche infusi di camomilla, di salvia o di assenzio, di valido aiuto nella purificazione intestinale. La dieta da rispettare è a base di frutta cruda di stagione, specie nespole e mele cotogne non mature, con succo di limone allungato al mattino. Anche il succo d’ortica fresca preso al mattino in tazzina allungata con acqua e miele per tre giorni la settimana ha effetti strabilianti e vince ogni affezione cronica dell’apparato digerente.

SUCCO DI CAROTA, SUCCO DI CAVOLO E USO PROVVIDENZIALE DEL PEPERONCINO

Ricordiamo che enterocolite e diarrea in particolare si contrastano efficacemente con un bicchiere di succo di carota al giorno, e con un bicchiere di succo di cavolo crudo al giorno, per 6-8 settimane fino a quando non ci si sente meglio. Il peperoncino piccante è utile per ogni ulcerazione allo stomaco, è utile mezzo guaritivo al pari dell’aglio crudo ed è mescolatile coi citati succhi. Due cucchiai di miele grezzo disciolto in un bicchiere di acqua distillata o leggera, più un cucchiaio di peperoncino secco, blocca il dolore intestinale e dona sollievo immediato al tratto gastrointestinale.

RISORSE NATURALI AMICHE NELL’ALIMENTAZIONE

Al termine della cura con succhi privi di fibre si può passare a cibo solido e fibroso con carote grattugiate, con patate e patate dolci. Risorse amiche anti-diarroiche sono la carruba e la sua farina, la manioca e la sua farina, la castagna e la sua farina, il fico d’India, more di rovo e di gelso, riso integrale, albicocche, mirtillo, ribes, zucca, rabarbaro, prezzemolo, nespola germanica.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
4 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
4
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x