IMMUNOLOGO DELL’UNIVERSITÀ DI PALERMO CHIEDE SPIEGAZIONI SUI VIRUS E MAGGIORE RISPETTO PER I VIROLOGI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Messaggio dal Prof. Enrico Cillari
Professore Associato di Immunologia Università di Palermo
Specialista in Patologia Clinica, Allergologia e Immunologia Clinica
già Direttore U.O. Patologia Clinica – Ospedale “Villa Sofia- Cervello” Centro
Poliambulatorio Baiata, Via Capitano Sieli 1, 91100 Trapani, tel. 0923501091
Studio Puccio-Cappellano Via Massimo d’Azeglio 27, 90139 Palermo, tel. 09016821299-0917219093
Centro di Medicina Specialistica Galeno Salute s.r.l., Via Edoardo Alagna 108, 91025 Marsala 0923714660

Gent.mo Dr Vaccaro, Le scrivo perché vorrei comprendere meglio certe posizioni da lei sostenute. Sono perfettamente d’accordo con lei che si debba cambiare, in prima istanza, stile di vita. Gli esseri umani hanno danneggiato (forse più umilmente abbiamo danneggiato) l’ambiente, distruggendo il suo equilibrio. D’altra parte la tipologia delle malattie è cambiata. Basti pensare alle malattie autoimmuni (quasi inesistenti in passato), il diabete, le cardiopatie, ecc.

Certo un regime alimentare e uno stile di vita diverso (come lei ben sostiene) darebbe uno stato di salute elevato. Oggi cronicizziamo le malattie (raramente le curiamo) con una qualità di vita molto discutibile. Non condivido (ma la rispetto) la ricerca volta a prolungare la vita. Credo sia uno sforzo poco utile. Va fatta ricerca per migliorare la qualità della vita, tenendo ben presente che non siamo immortali e, quindi, va finalizzato lo sforzo in altra direzione (ad es. le tante malattie rare).

Alimentazione, attività fisica, digiuno periodico, ecc. sono principi per costruire un uomo più sano. Nell’attesa che si faccia questo uomo nuovo bisogna fronteggiare quello che l’uomo ha creato e, quindi, anche le malattie. Non comprendo questo suo eccessivo criticismo nei confronti dei virus, dei virologi e delle relative malattie. La poliomielite, il vaiolo e tante altre malattie a etiologia virale sono state debellate dai vaccini costruiti con antigeni virali, o porzioni di RNA che i virologi hanno isolato e purificato.

Oggi non esistono più le paralisi flaccide da polio-virus, né abbiamo più il vaiolo. Anche morbillo, rosolia e varicella sono oggi irrilevanti grazie ai vaccini prodotti con antigeni specifici nei confronti di ognuno di questi virus, grazie al lavoro dei virologi. Gli epidemiologi (spero non abbia anche nei loro confronti critiche distruttive) hanno chiaramente dimostrato che le complicanze da morbillo e varicella sono significativamente ridotte in chi è stato vaccinato rispetto a quelli non sottoposti a vaccino (vedasi ampia letteratura su PubMed).

Ora parlando del coronavirus (da lei ritenuto privo di valenza scientifica, insieme al concetto di contagio) lei dovrebbe spiegare come mai la polmonite interstiziale nei pazienti con evidenziato coronavirus (e non altri virus) sia ben più grave delle polmonite da mixovirus (e non da altri virus). Mio figlio è Anestesista a Parma e per adesso vedono, con questa epidemia, quadri di polmonite di una gravità estrema rispetto a quelli che vedevano qualche mese fa a causa dell’influenza stagionale. Io credo che, anche per rispetto dei colleghi medici, bisogna essere più prudenti e non integralisti, ma dare dati scientifici a favore o contro un dato.

Fermo restando che vengono dette un sacco di scemenze sulle condizioni di contagio da COVID19 dimenticando che i virus hanno bisogno di cellule per replicarsi, resta il fatto che il virus è stato individuato, estratto e riconosciuto nei soggetti malati e non in quelli sani. Non ho trovato su PubMed sue pubblicazioni, può farmi sapere dove posso attingere? Grazie. In attesa di un suo riscontro la saluto cordialmente.
Prof Enrico Cillari


RISPOSTA

ESPRIMO UN SINCERO E FORTE APPREZZAMENTO PER LA TUA LETTERA

Carissimo Enrico, non offenderti ma amo dare del tu alle persone. Lo farei col papa e con Trump, e persino con Dio se ne avessi l’occasione. Ti ringrazio per avermi scritto. Questo depone a tuo favore nel senso che hai saputo scendere dalla tua illustre cattedra accademica per parlare a un comune mortale con l’hobby e la missione della libera ricerca salutistica-naturale.

Prendi nota che non sono medico, e questa non è, almeno per me, una limitazione ma semmai una garanzia di oggettività-trasparenza-autonomia e di libertà espressiva. Non appartengo pertanto alla Nomenklatura e alla scienza ufficiale. Non esistono mie pubblicazioni su PubMed, ma ho soltanto una manciata di libri in circolazione e migliaia di articoli pubblicati negli ultimi 12 anni.

D’ACCORDO SU TUTTO MA NON SULLE CRITICHE AI VIROLOGI

Ti dici d’accordo sostanzialmente con quanto scrivo sugli stili di vita e anche sui non-sensi di molti provvedimenti in corso nella presente emergenza. Ma poi passi a difendere i grossi risultati della virologia nelle varie malattie esantematiche, per cui ti scandalizzi delle mie troppe critiche non dovute nei riguardi della categoria alla quale più o meno appartieni.

HO GRANDI AMICI TRA I MEDICI E ANCHE TRA I MICROBIOLOGI

Non vado per pregiudizi e, se dò l’impressione di essere un mangiamedici o un mangiavirologi, sappi che ti sbagli di grosso. Appartengo però perentoriamente e di diritto al mondo della salute, visto che mi dedico da una vita intera, giorno per giorno senza mai una interruzione, a questo importante compito.

Lasciamo stare i titoli di studio e le referenze ufficiali che nel mio caso sono superflue. Ho una decente esperienza universitaria alle mie spalle che spazia dall’economia alla filosofia, dalla naturopatia alla scienza igienistica, ma essenzialmente sono un autodidatta e un libero giornalista investigativo e conferenziere, oltre che co-fondatore di una Scuola Superiore di Salute Naturale chiamata HSU-HealthScienceUniversity operante a Imola da 5 anni.

LA MEDICINA CONVENZIONALE NON C’ENTRA CON LA SALUTE E NON DÀ AFFATTO IL BUON ESEMPIO

Non curo e non guarisco nessuno ma, nel mondo intero, c’è un nutrito gruppo di persone, inclusi medici come te, che migliorano la propria salute in modo incredibile e che guariscono del tutto grazie ai miei scritti e alle mie istruzioni basate essenzialmente sulla non cura del sintomo e basate sul non uso di farmaci-vaccini-integratori.

Sono uno che apprezza e difende la genialità medica ma solo nei limiti della reale emergenza ricostruttiva da pronto soccorso, oppure nei limiti della medicina olistica. La Medicina ufficiale, non prendertela, avrà tante qualità ma non certo quella di pensare-capire-praticare-promulgare la salute e la serenità. Oltretutto, la categoria a cui appartieni, risulta purtroppo e me ne dolgo sia ben chiaro, una delle meno sane tra le varie professioni, per cui essa manca di dare persino il buon esempio.

CRITICO FORTEMENTE I VIROLOGI ASSERVITI A BIG PHARMA

Fate queste premesse, prendo nota che accondiscendi e persino ti allinei con le mie posizioni, ma poi non comprendi il mio eccessivo criticismo nei riguardi dei virologi. Vorrei ribadire che non ho pregiudizi nei confronti di nessuno.

Sono ammiratore di una lunga serie di scienziati che va da Peter Duesberg a Stefan Lanka, da Kary Mullis a Heinz Sanger, da Andrea Del Buono a Carlo Albero Zaccagna e a una lunga serie di microbiologi delle varie università di Harvard, Toronto, Oxford, Berna, Parigi, e persino di Luc Monagnier ultima versione.

Montagnier messo oggi da parte dal Regime Sanitario per aver riconosciuto che, nell’Aids e nelle malattie cosiddette virali, i virus contano quanto il due di bastoni nel gioco a briscola, mentre predominano su tutto i co-fattori tipo cibo vegetariano e stili di vita coerenti e innovativi.

Mi trovo in linea ovviamente con Antoine Béchamp e Claude Bernard, e persino con l’ultimo Louis Pasteur, capace di smentire coraggiosamente le sue vecchie posizioni e di dare totale ragione ai suoi avversari di sempre sulla questione del terreno che è tutto e del microbo che è niente.

TI RISPONDO CON L’ASSISTENZA DEL DR JEAN PAUL VANOLI

Ora, esimio Professore, ti stimo e ti voglio bene come a un fratello, dal momento che ti sei esposto e mi hai pure scritto, ma mi dovresti rispondere ad alcune semplici domande sul virus. Te le pongo con il prezioso supporto di una vera cima scientifica del settore quale è da 40 anni il dr Jean Paul Vanoli.

Cosa c’entra Vanoli? Onestamente, senza la sua consulenza avrei avuto qualche difficoltà a risponderti in ogni dettaglio, e quindi a rendere proficua e stimolante questa occasione di amichevole confronto. Non si tratta di stampelle. Conosco Vanoli da una vita e condivido senza riserve le sue posizioni. Non c’è in me il desiderio di demolire le tue posizioni ma soltanto farti riflettere. Veniamo alle domande.

DOVE STANNO LE PROVE DI IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS SELVAGGI?

1 – Mi indicheresti gli studi pubblicati ove si sono stati ricercati, trovati ed identificati, senza ombra di dubbio, i cosiddetti “virus selvaggi” ?
Chiedo studi che indichino il o i luoghi con date certe ed il virus selvaggio trovato. Con quali modalità è stato detettato e sequenziato (lettura del suo DNA/Rna che sia), cioè quali strumenti sono stati utilizzati per trovarlo ed indentificarlo con precisione?

Il mio caro amico dr Jean Paul Vanoli ha posto la domanda, via PEC nel 2017, al Ministero della salute, ISS, Consiglio superiore della Sanità….ed altri illustri epidemiologi/virologi, ma NESSUNO gli ha mai risposto….forse Tu puoi farlo ?

VIRUS NON MICRORGANISMI MA LIPIDI CON DNA-RNA

2 – Che i virus non siano microorganismi ormai lo sanno anche le pietre, sono semplicemente delle proteine di lipidi che contengono Dna/Rna, ovvero proteine virali; ma da dove provengono ?

PARTI DERIVANTI DA DISFACIMENTI CELLULARI CHIAMATE IMPROPRIAMENTE VIRUS

3 – Mi sapresti dire cosa avviene alle proteine, derivanti dal disfacimento delle centinaia di mitocondri contenute in una sola cellula e dal disfacimento del suo nucleo, quando questa muore? Ovvero se vanno in apoptosi dopo un intenso stress ossidativo, proteine di lipidi a Dna, che vengono riversate a miliardi nei liquidi del corpo, in parte per essere eliminate via linfatica e sanguigna da parte degli organi emuntori, o se invece l’organismo non vi riesce, essendo immagazzinate nei grassi, vista la loro struttura lipidica esterna?

Quelle parti di DNA/Rna vaganti nei fluidi (linfa e sangue, liquidi extracellulari della matrice) derivanti da questi disfacimenti, sono sempre o quasi sempre avviluppate da proteine di lipidi, non è che “per caso”, vengano scambiate (dai ricercatori e medici incompetenti) per ciò che loro chiamano impropriamente virus?

Dato che sono proteine a DNA/Rna di molti e vari tipi a seconda di quale tipo di tessuto/organo provengono? Mai riflettuto su ciò??

Noi ne produciamo a miliardi di miliardi….di questi virus ogni giorno, con il rinnovamento cellulare che ogni giorno perde la sua velocità e qualità di replicazione, portandoci verso la vecchiaia?? Ti invito a leggere due mie tesine dal titolo esplicativo “Scienza e fantascienza del virus” e “Virus e Viresse”.

MEDICI E RICERCATORI NON SANNO DISTINGUERE I LORO IPOTETICI VIRUS DAI DETRITI INERTI

Caro prof Enrico, citami gli studi pubblicati che parlano di questi detriti inerti che produciamo….ogni giorno e che in molti soggetti possono intasare quantitativamente e qualitativamente anche il loro sistema linfatico, quando esso non è ben funzionante.

Questi studi e ricerche li ho cercati, invano. NON esistono da nessuna parte del mondo….e quindi significa che medici e ricercatori non sanno distinguere i loro ipotetici “virus” da questi detriti inerti. Inerti scambiati volutamente in “pericolosi agenti patogeni da distruggere con le bombe antivirali”……per far vendere il loro farmaci TOSSICI.

Questo è alla fine il lavoro di coloro che seguono pedestremente le linee guida di Big Pharma. Vedi qui cosa sono i virus e cosa sono i batteri:
https://mednat.news/cure_natur/virus.htm
https://mednat.news/cure_natur/pleoformismo.htm

ENORME RACCOLTA SUI DANNI DA VACCINI INVIATA ALLA MAGISTRATURA

Dici poi che “La poliomielite, il vaiolo e tante altre malattie a etiologia virale sono state debellate dai vaccini costruiti con antigeni virali, o porzioni di RNA che i virologi hanno isolato e purificato.”

Mi spiace ma queste sono affermazioni INDIMOSTRATE (la scomparsa con i vaccini, delle cosiddette “malattie” dette impropriamente “infettive”) e ti invito a guardare con estrema attenzione queste raccolte di dati su quelle “malattie”…studi e ricerche oltre che riflessioni, che fanno parte di una enorme raccolta (2700 studi sui gravi danni dei Vaccini che il dr Vanoli ha allegato ad un suo recente ESPOSTO alla Magistratura sui gravi Danni dei Vaccini che evidenziano anche le collusioni, corruzioni dello stato e dei suoi dipendenti, CDC, FDA, EMA, AIFA, ISS e Consiglio Superiore della Sanità compresi).

Ecco le pagine che dovresti consultare ed eventualmente e ti sarei grato, se potessi confutare a me stesso o direttamente al dr Vanoli, periodo per periodo, quanto eventualmente trovi:
https://mednat.news/vaccini/poliomielite.htm
https://mednat.news/vaccini/vaiolo.htm
https://mednat.news/vaccini/morbillo.htm
https://mednat.news/vaccini/meningite.htm
https://mednat.news/vaccini/difterite.htm
https://mednat.news/vaccini/varicella_vaccino.htm
https://mednat.news/vaccini/rosolia_vacc.htm
https://mednat.news/vaccini/epatiteb.htm
https://mednat.news/vaccini/tetano_vacc.htm
https://mednat.news/vaccini/gardasil_cervarix.htm

NON MANCANO CLAMOROSI FATTI PENALI

Si potrebbe continuare sui vari altri vaccini, per le altre “malattie”. Vaccinazioni rese obbligatorie con le collusioni e corruzioni che di persona Vanoli ha denunciato assieme ad amici alla Magistratura, la quale ha cestinato il tutto….salvo per l’epatiteB.

In questo caso De Lorenzo, denunciato da Vanoli e colleghi è stato arrestato per aver preso bustarella di 600 milioni di lire, ed è pure andato in prigione (ora però è stato premiato con un lavoro ben retribuito da Big Pharma ….) ma la vaccinazione obbligatoria è rimasta….quindi Big Pharma ha vinto ancora una volta…

Guardati anche:
https://mednat.news/vaccini/vaccini_base.htm
https://mednat.news/vaccini/vaccini_base2.htm
https://mednat.news/vaccini/contenuto_vaccini.htm

PER IL MORBILLO MANCANO PERSINO LE PROVE DELLA SUA ESISTENZA

Quanto al morbillo dovresti andare in Germania alla Corte Suprema di Stoccarda e chiedere di dimostrare l’esistenza del virus del morbillo, e così potresti guadagnarti € 100.000 messi da Stefan Lanka, a disposizione di chi sarà in grado di dimostrare la sua esistenza. I precedenti tentativi sono falliti, in quanto nessuno è stato in grado di fare questa dimostrazione certificata in tribunale ….

I VACCINI SONO DELLE BOMBE A TEMPO

Dici poi che “Oggi non esistono più le paralisi flaccide da polio-virus, né abbiamo più il vaiolo. Anche morbillo, rosolia e varicella sono oggi irrilevanti grazie ai vaccini prodotti con antigeni specifici nei confronti di ognuno di questi virus, grazie al lavoro dei virologi. Gli epidemiologi (spero non abbia anche nei loro confronti critiche distruttive) hanno chiaramente dimostrato che le complicanze da morbillo e varicella sono significativamente ridotte in chi è stato vaccinato rispetto a quelli non sottoposti a vaccino (vedasi ampia letteratura su PubMed)”.

Possiamo rispondere che in compenso sono aumentati AUTISMO (vedi Refers/biblio, su Vaccini ed Autismo: https://mednat.news/vaccini/autism_ref.htm), malattie autoimmuni, allergie, sclerosi, distrofie, leucemie, diabete, infarti, SIDS, ecc. nei neonati, bambini, ragazzi ed adulti, perché i vaccini sono bombe a tempo ….

Qui trovi tutti i riferimenti, studi e ricerche pubblicate, riguardanti alle parole qui sopra citate:
https://mednat.news/vaccini/vaccini_base2.htm
Le campagne intense di vaccinazioni subite dalle popolazioni del Nord italia/pianura Padana, in primis le province di Lodi, Bergamo, Brescia, Cremona, Mantova ed altre nel Veneto, con i vaccini per il Morbillo, poi Meningite ed infine Influenza hanno, oltre ad aver intossicato i vaccinati, causato loro immunodepressione e la cosidetta infiammazione ASIA.

GRAVE SINDROME INFIAMMATORIA ASIA SCATENATA DAI VACCINI

Sindrome infiammatoria chiamata “Asia” scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da: http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
… ed è noto che… le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente “malattie”….e se questa infiammazione raggiunge le meningi, si chiama meningite, se raggiunge la pelle, si chiama morbillo, e se raggiunge il cervello ed i neuroni si chiama autismo oppure SIDS…ecc.

A seconda di dove va l’infiammazione la cosiddetta “malattia” cambia nome, ma è sempre la stessa…i vari nomi servono per spaventare i popoli che ignorano i fatti, per farli vaccinare!

Neuroinfiammazione con i Vaccini (ASIA, Sjögren’s Syndrome: SS) e quindi nei cambi di stagione, ove avviene l’alterazione della ionizzazione dell’atmosfera e quindi della ionizzazione dei liquidi del corpo (siamo oltre il 95% composti da acqua), obbligando coloro che hanno infiammazioni latenti ad ammalarsi per tentare l’autoguarigione:
https://mednat.news/autoguarigione.htm a mezzo della febbre, che MAI va trattata con Tachipirina, FANS, antibiotici, antivirali (altri farmaci tossici), ma con le tecniche della Medicina Naturale es.:
https://mednat.news/cure_natur/febbre.htm
Vedi Dottrina Termica:
https://mednat.news/cure_natur/tecniche/dottrina_termica.html

POLMONITE INTERSTIZIALE PIÙ GRAVE PER LA FORTE ACIDOSI CHE NORMALMENTE LA PRECEDE

Proseguiamo prof Enrico con le tue osservazioni: “Ora parlando del coronavirus (da lei ritenuto privo di valenza scientifica, insieme al concetto di contagio) lei dovrebbe spiegare come mai la polmonite interstiziale nei pazienti con evidenziato coronavirus (e non altri virus) sia ben più grave delle polmonite da mixovirus (e non da altri virus)”.

Risposta alla tua obiezione. Semplice. La polmonite interstiziale è più grave perché l’infiammazione derivante dallo stato di intossicazione dei tessuti prende più strati del tessuto stesso, in quanto in forte acidosi metabolica corporea per precedenti ammalamenti pregressi e malcurati, per alimentazione inadatta al proprio metabolismo, con troppi carboidrati ed aria inquinata respirata per decenni (esempio pianura Padana in italia), o vaccini subiti con le note loro sostanze tossiche: https://mednat.news/vaccini/contenuto_vaccini.htm …..

Quindi l’infiammazione è andata più in profondità nei tessuti, non solo dei polmoni, ma anche altrove determinando in certi casi la morte nei soggetti più deboli con “malattie” pregresse.

TAMPONI FASULLI PER MITOCONDRI E ORGANELLI IN APOPTOSI

I virus che trovano con i tamponi “fasulli”, (vedi: https://mednat.news/epidemie.htm), sono proteine virali di lipidi contenenti Dna/Rna, e sono derivanti dal disfacimento dei mitocondri e del nucleo, delle cellule in apoptosi, perché sottoposte a stress ossidativo e per intossicazioni dei tessuti, (microcircolazione intasata che non non nutre più le cellule e sistema linfatico anch’esso intasato che non elimina più come dovrebbe le tossine accumulate nell’organismo) e relative infiammazioni dei vari strati e substrati di essi.

IL CORONAVIRUS È STATO INDIVIDUATO, ESTRATTO E RICONOSCIUTO

Aggiungi che “Mio figlio è Anestesista a Parma e per adesso vedono, con questa epidemia, quadri di polmonite di una gravità estrema rispetto a quelli che vedevano qualche mese fa a causa dell’influenza stagionale. Io credo che, anche per rispetto dei colleghi medici, bisogna essere più prudenti e non integralisti, ma dare dati scientifici a favore o contro un dato. Fermo restando che vengono dette un sacco di scemenze sulle condizioni di contagio da COVID19 dimenticando che i virus hanno bisogno di cellule per replicarsi, resta il fatto che il virus è stato individuato, estratto e riconosciuto nei soggetti malati e non in quelli sani”.

Ma non esiste nessuno studio che dimostri inequivocabilmente che un certo ed ipotetico virus (proteina inerte) possa viaggiare nell’aria, ed infettare un’altra persona sana!
https://mednat.news/cure_natur/flugge.htm

Se hai sotto mano le ricerche (indipendenti non preparate da “amici” di Big Pharma) le segnali a Vanoli dato che lui di persona ho inviato questa PEC ai massimi dirigenti delle istituzioni a “tutela” della salute:

MESSAGGIO INOLTRATO DAL DR VANOLI AL MINISTRO DELLA SALUTE, SUL NON RISPETTO DEI POSTULATI DI KOCH

Oggetto: Domande medico scientifiche: Ministro della “salute”, dirigente dell’ISS ed altri esperti…
Data: Wed, 1 Apr 2020 12:01:39 +0200
Mittente: GIOVANNI.PAOLO.VANOLI [email protected]
A: [email protected]
Egregi sig. R.Speranza e sig. A. Piccioli, od altri enti/soggetti “esperti” sul tema, es.: Consiglio superiore di Sanità….
Italy – 2019/2020
Dato che il SARS-CoV 2 è stato accusato da tutti gli enti a “tutela”…., di causare sintomi respiratori molto gravi e unici (il Covid-19), qualcuno dei “tecnici” del Ministero o di quelli dell’ISS, possono fornirmi lo o gli studi pubblicati che lo dimostrino inequivocabilmente ?

I 4 postulati di Koch, sono il fondamento di ogni ricerca microbiologica.
I 4 postulati sono validi anche per i virus….anche secondo la medicina ufficiale. Quindi, dove si trovano gli studi e le ricerche in cui hanno:
1 – isolato il virus e
2 – l’hanno messo in una coltura e
3 – lo hanno inserito, come virus purificato, in terreno di cellule umane od animali
4 – oppure lo hanno “immesso” per contatto in un animale
5 – oppure “messo in un ambiente saturo” di questi supposti pericolosi virus, per vedere se si trasmetteva via aerea….
6 – ed hanno registrato sia i sintomi che il virus avrebbe dovuto causare, sia la sua significativa proliferazione nell’ospite (coltura e/o in vivo), magari filmando questo meccanismo con un video…..

Perché questi sono gli UNICI tipi di studi che potrebbero provare e dimostrare la causalità in rapporto fra un virus ed una malattia, da parte di qualsiasi micro organismo, cosi come il virus che ovviamente non può nemmeno essere definito come organismo, essendo solamente una proteina inerte a DNA/Rna.

Potreste voi cari signori, visto che dirigete gli “enti a tutela”, indicarmi dove si trovano questi studi ?, dato che pur avendo cercato in tutti i data base mondiali non ho trovato nulla in merito, magari voi potreste fornirmi dati precisi. Inoltre: c’è anche l’ulteriore problema dell’identificazione e del rilevamento del virus. Al GISAID, l’istituto genomico internazionale, ci sono diverse e differenti sequenze di genoma della SARS-Cov-2, il che fa pensare che stanno parlando di virus diversi oppure che non sanno davvero di cosa stiano parlando. Attendo risposte precise ed in tempi brevi dato che dovete solo segnalarmi gli studi esistenti. Vi ringrazio ed attento la vostra risposta.
Saluti.

dr. Jean Paul Vanoli – Giornalista Investigativo da 40 anni specializzato in Sanità, Medicina naturale e Bioelettronica – consulente di www.mednat.news – [email protected]

CENSURE E INSABBIAMENTI DEI DOCUMENTI SCOMODI A BIG PHARMA

“Non ho trovato su PubMed sue pubblicazioni,” Come detto all’inizio non ho mie pubblicazioni su Pubmed, non essendo medico. Ma anche su questo, Vanoli cita la sua esperienza personale:

“Caro professore, quando ho cercato nel 1996 di pubblicare sulle riviste dette “scientifiche”, es.: la ricerca del dottor M. Montinari e sua equipe, (il dottore è un medico pediatra del reparto di pediatria dell’ospedale di Bari) fatta su 48 pazienti, (sui Danni dei Vaccini) NESSUNO ha pubblicato la ricerca:
https://mednat.news/vaccini/immunogenetica.htm
https://mednat.news/vaccini/flash2.htm

A fronte a questa CENSURA, ho fatto depositare e comunicare in Parlamento questa interrogazione parlamentare, che però è rimasta INEVASA…. come sempre per le collusioni dei vari ministri della sanità..
https://mednat.news/vaccini/interrogazione_parl.htm

Quindi….dica lei caro professore come si possa fare VERA informazione e quindi Sanità vera e salubre, in un contesto disinformante come l’attuale, schiavo delle ideologie false di Big Pharma…???
A disposizione per ulteriori info sul tema.

dr. Jean Paul Vanoli – Giornalista Investigativo da 40 anni specializzato in Sanità, Medicina naturale e Bioelettronica – consulente di www.mednat.news – [email protected]

Valdo Vaccaro, in stretta e fraterna collaborazione con J.P. Vanoli

(Continua qui)

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x