LA LOGICA STRINGENTE DELLA DEPURAZIONE CORPOREA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Ciao Valdo, è già la terza/quarta volta che ti contatto. A forza di insistere col crudismo sono sulla strada buona e tutte le volte scorse che ti ho contattato per vari problemi, penso fossero dovuti solo a crisi eliminative.

Le mie crisi sono iniziate con una bella stanchezza, insonnia e acufeni, poi depressioni ad ondate, poi extrasistole, poi la bocca salata, poi bugni che si formavano nel palato, adesso ho la bocca unta come se avessi mangiato la lecitina di soia! Ma, finita la crisi eliminativa della bocca unta, quale sarà il prossimo step? E quando finirà il tutto? Quando arriverò allo stato puro! Cosa stavo eliminando quando avevo la bocca salata, quando avevo i bugni del palato e adesso che ho la bocca unta? Ti ringrazio.
Claudio


RISPOSTA

IL CORPO MESSO NELLE CONDIZIONI DI FUNZIONARE TENDE A DEPURARSI

Facile risponderti. Il corpo non tradisce e lancia anzi segnali chiarissimi. Quando si tratta di stanchezza e depressione a ondate, extrasistole si tratta di effetto depurativo da stop a sostanze stimolanti o dopanti, non solo eroina, cocaina, hashish e anfetamine, steroidi anabolizzanti, tutte non consentite, ma anche comuni farmaci come i diuretici, i beta-bloccanti, l’insulina, gli ormoni GH (growing hormones), il testosterone, la creatina, i cortisonici, sostanze stimolanti di vario tipo usate spesso nell’atletica, nel ciclismo, nel calcio, nelle palestre, nel body building, o altre sostanze di comune uso tra la gente, come caffè, tè, cioccolata dolce e al latte, zucchero normale, dolciumi, cole, gelati.

Già la semplice rinuncia a caffè e cole comporta notevoli mali di testa per una o due settimane, a seconda del grado di dipendenza acquisito. Stessa cosa per il fumo di sigaretta e per l’inquinamento da polveri sottili e da idrocarburi.

LA MOVIMENTAZIONE DEI VELENI INTERNI AVVIENE TRAMITE IL LINFATICO E IL SANGUE

Se poi ti senti la bocca molto salata, è il corpo che disincrosta il sale inorganico e lo manda finalmente fuori dai piedi. Stesso discorso per la bocca unta. In questo caso sono gli oli pesanti e gli oli estratti a caldo intrappolati per anni all’interno del sistema, che trovano finalmente una via d’uscita.

Ogni malattia ha una sua logica. Il discorso vale per tutte le crisi eliminative. Possiamo sicuramente dire che “Ogni depurazione insorge solo quando serve e dura solo finché necessario”. Dal momento che la vita moderna è un continuo assalto alla nostra salute, sarà difficile e utopistico raggiungere lo stato di purezza assoluta.

ESISTE PURE UN MARGINE DI TOLLERANZA A VEGLIARE SULLA NOSTRA SALUTE

Tanto più che il Creatore, quanto mai previdente, ha concesso a ognuno di noi un margine personale di tolleranza ai veleni, ben sapendo che fuori dal Paradiso Terrestre ci saremmo trovati in grosse difficoltà. Non appena superiamo tale livello scatta il segnale d’allarme e si innesca una fisiologica crisi eliminativa dei veleni, mirata a riportare il corpo in equilibrio, oltre che ad avvertirci che serve il nostro aiuto e la nostra collaborazione.

Dovremo accontentarci di un discreto stato di salute e di qualche effetto depurativo imprevisto che, per paradosso e per incredulità, ti arriva proprio quando ti stai comportando meglio del solito, incrementando e perfezionando il tuo stato di forma, e pertanto rafforzando il tuo sistema immunitario protagonista numero uno delle reazioni espulsive. Non è raro sperimentare qualche disturbo inatteso, o uno sfogo febbrile, proprio nel bel mezzo di una vacanza rilassante al mare, tanto per fare un esempio.

NESSUNO AL MONDO È IMMUNE DAI PROPRI STRAFALCIONI ALIMENTARI, COMPORTAMENTALI E SPIRITUALI

Chi non depura in continuazione mediante piccole e innocenti crisi tipo il naso umido (muco trasparente intendo), si ritrova a dover affrontare prima o poi i famosi nodi che vengono al pettine. Vivere significa vibrare, sentire, resistere, ma soprattutto reagire. Lo stato di assoluta insensibilità alle crisi depurative può riguardare soltanto un corpo devitalizzato, sterilizzato, mummificato e morto.

Se uno subisce degli assalti di sostanze deleterie e accumulazione di materiale tossico per colpa sua o di altri, e il suo corpo non reagisce e non fa una piega, non è dimostrazione di forza ma di debolezza. È proprio per quello che i mangiatori di carni, i consumatori di alcol, di caffè e sigarette a volte sembrano immuni mentre non lo sono affatto, mancando loro la necessaria forza immunitaria per impostare una benefica crisi eliminativa.

Qui un approfondimento sull’argomento.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui per passare alla navigazione premium.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x