IL SOLE FA BENE AL CUORE E L’IGIENE FA VINCERE LE GARE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

SEI SEMPRE IN ANTICIPO SUI TEMPI

Ciao Valdo, come va? Dalle tesine vedo che stai sempre in forma smagliante. in allegato uno studio che il sole fa bene. È da anni che lo dici, stando sempre in anticipo su tutti. Si parla pure che il sole attiva la produzione di ossido di azoto, e che ha il potere di abbassare la pressione del sangue. Ma anche qui stai in anticipo, avendolo affermato in tutte le salse nei tuoi scritti, in barba a tutti i tuoi antipatici detrattori.

STO POLVERIZZANDO I MIEI RECORD PRECEDENTI

Sei troppo forte, ci hai fatto conoscere la Verità, l’Amore per la vita. Sei la Luce che splende ogni giorno. Ti saluta un atleta vegano da Latina. Un atleta che da 5 mesi sta migliorando tutti i suoi record sui 10 e sui 21 km, e che punta pure alla maratona.
Alessandro Flamini

*****

DOCUMENTO ALLEGATO

LA PRESSIONE E LA TINTARELLA

Finora gli esperti sembravano essere di diverso avviso. E infatti non hanno mai lesinato in consigli e allarmisti. Ma a ribaltare concezioni che sembravano sedimentate ci ha provato un coraggioso studioso scozzere, Richard Weller. Il quale è convinto che l’esposizione al sole faccia più bene che male. Come ha preannunciato la Bbc – la ricerca completa sarà presentata domani alla conferenza “International Investigative Dermatology” di Edimburgo – il dermatologo è persino convinto che i benefici offerti dalla tintarella superino di gran lunga il rischio di tumori della pelle legato a una cattiva e prolungata esposizione.

I RAGGI SOLARI UV ABBASSANO LA PRESSIONE E RIDUCONO IL RISCHIO DI INFARTO E ICTUS

Una tesi certamente provocatoria, ma corroborata da un approfondito studio. Secondo il professor Weller e il suo staff dell’università di Edimburgo, i raggi UV infatti riducono la pressione del sangue e quindi il rischio di infarto e ictus. Di questo lui e la sua equipe se ne sarebbero accorti a conclusione di un trial che ha coinvolto 24 volontari. I quali sono stati oggetto di esposizione a lampade abbronzanti mentre la loro pressione sanguigna era monitorata in tutto l’arco della giornata.

I RAGGI SOLARI ATTIVANO LA PRODUZIONE DI OSSIDO DI AZOTO, VERO E PROPRIO COMPOSTO SALVA-CUORE

Per la precisione, in un primo esperimento i partecipanti si sono propriamente abbronzati con le lampade, nel secondo le lampade sparavano solo calore ma non raggi UV. Risultato? In questo modo si è visto che, già dopo un’ora, l’esposizione ai raggi UV (gli stessi del sole) abbassa la pressione del sangue in modo considerevole. Il solo calore delle lampade non sortiva alcun effetto benefico. I raggi UV attivano la produzione di un cosiddetto composto salva-cuore, l’ossido di azoto, che infatti ha il potere di abbassare la pressione del sangue.

*****

RISPOSTA

Ciao Alessandro. Già eri fortissimo quando eravamo a Monopoli nell’estate del 2011. Ora stai addirittura volando. Non c’è miglior modo per dare il buon esempio e dimostrare al mondo che la fiducia, il metodo e l’applicazione, portano ai risultati voluti. Complimenti e auguri per le prossime gare.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x