STOP AGLI INSULTI GASTRICI CON DIGESTIONE CLORIDRICA E CROMATICA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

NON VOGLIO I MEDICI

Valdo sono Marilena. Ti ricordi? Sì per forza!!! Ho bisogno di aiuto e i medici non li voglio. Ho vomito e diarrea e mi faccio continui clisteri perché sto perdendo la mia forza mangiando pane e pasta e, ieri sera, pure dei biscotti contenenti di tutto.

QUATTRO VOLTE IN OSPEDALE PER VOMITO E DIARREA

Carne latticini e uova eliminati, ma ho paura. Sto sempre male. In 4 anni sono finita 4 volte in ospedale per vomito e diarrea. Tu mi dicesti tempo fa che avevo l’appendicite infiammata visto che il punto che spesso mi fa male è in basso a destra. Non è possibile che mangio una cosa leggermente proibita e che subito ne risenta, mentre ad altri non fa nulla.

COSA E’ CHE NON FUNZIONA AL MIO INTERNO?

Ogni tanto una pizza o un piatto di pasta li vorrei mangiare. Già ho eliminato tutte le proteine animali. Perché devo soffrire più di altri. Mi consigli forse di fare una lastra al colon? Non so più che pensare. Vorrei capire i miei sintomi. So benissimo quanto bene si sta mangiando frutta. Questo l’ho capito. Ma voglio sapere cosa ho che non funziona.

HO UNA BIMBA DI 7 ANNI E UNA SEPARAZIONE IN ATTO

Dimmi gli esami da fare per favore. Seguimi tu. Ho letto dalle tue risposte che dall’ulcera di passa ai tumori. Per favore dimmi che devo fare. Ho 30 anni e una bimba di 7 anni. Una separazione in atto che mi avvelena. Faccio tutti gli esami e poi mi dirai cosa realmente mi fa male a parte le proteine animali, ma ogni tanto vorrei sentirmi una malata come gli altri che vanno ugualmente a cena e mangiano pasta e pizza.

NON VOGLIO ROMPERTI, MA DAMMI UN AIUTO CONCRETO

Insomma non voglio romperti ma per favore dimmi che devo fare.  Non posso farmi perette a vita perché mangio un piatto di pasta e per eliminarlo serve poi il clistere. Aiutami uffaaa!
Marilena

*****

RISPOSTA

STOP AI FALSI RIMEDI E AI CIBI POCO TOLLERATI

Ciao Marilena. Stop alle perette, ai clisteri e ai rimedi che non rimediano a un bel niente, stop agli esami, alle lastre e alle paure dei tumori. Stop soprattutto alle rivendicazioni e ai nervosismi familiari. Via la pasta fin quando ti causa grossi problemi.

PROVARE CON PAZIENZA OGNI POSSIBILE SOLUZIONE

Ricorri al succo di carota-sedani-mele. Ricorri ai passati di verdure, alla minestra di orzo e fagioli, e tratta al meglio la tua mucosa gastrica. Patata cruda nel centrifugato contro la stitichezza e melagrana contro la diarrea. Rimetti in ordine il sistema gastrointestinale con pazienza, coerenza e determinazione. Se ti accorgi che l’uovo al tegame con del pepe ti apporta beneficio, non negartelo affatto. Se ti accorgi che ci vuole pure il pesciolino crudo tipo l’acciuga col cappero, non negartela. Altre proteine animali non servono nel modo più assoluto.

TRALASCIARE GLI SCHEMI FISSI

Procedere non per schemi fissi ma navigando a vista, con sperimentazioni, adeguamenti, adattamenti e personalizzazioni. La priorità è ritrovare te stessa a livello digestivo. Il rispetto dei principi etici, morali e salutistici dell’igiene non vengono messi mai in disparte. Chi ha la possibilità di puntare alla perfezione fruttariana-verduriana-crudista senza traumi e senza carenze va soltanto ammirato e incoraggiato a mantenersi sulle alte quote.

FARE BUON USO DEL MATERIALE CHE HO MESSO A DISPOSIZIONE

Fa affidamento su te stessa. Purtroppo non sono in grado di seguire casi singoli. Posso solo fornirti le tracce per un ripristino ottimale degli equilibri perduti e smarriti lungo il cammino. Sfrutta al massimo il blog e stampati ordinatamente tutte le tesine su argomenti come stomaco, colon, diete.

INSULTI ALLA MUCOSA GASTRICA

La principale causa di problemi digestivi è una dieta precaria ed inappropriata, accompagnata da stress psicologici che vengono somatizzati a livello di stomaco, organo estremamente sensibile agli stati d’animo. Combinazioni errate di frutta e verdura, di cibi acidi ed alcalini, oltre che carenze di vitamine e di minerali, tipiche dei cibi vuoti, dei cibi stimolanti tipo the, caffè, cole, zuccheri, dolciumi, e dei vari cibi-spazzatura, portano a digestioni pesanti e difficili che alla lunga minano la nostra funzionalità gastrointestinale. Il mangiare veloce e sotto stato di tensione, come pure il mangiare eccessivo, sono pure altrettanti insulti alla mucosa gastrica.

ALIMENTI UTILI ALLA DIGESTIONE

Le secrezioni gastriche vengono inibite da sentimenti di rabbia, di inquietudine e di preoccupazione. Quando la digestione viene ritardata o disturbata si formano dei residui cibari che causano la fermentazione degli zuccheri. Il miglior rimedio per stare meglio è ricorrere a una dieta vitale con abbondanza di aglio, patate, cipolla, verdure, succhi di verdure. Utili alla digestione sono il peperoncino piccante, ginseng, rosmarino, finocchio, menta, piantaggine, salvia, acetosa, ananas, arancia, cavolo, ceci, cipollate, lampone, limone, melanzana, orzo, pesca, patata, pompelmo, prezzemolo, rabarbaro, rafano, ravanello, ribes, sedano, topinambur, uva, zucca.

INCREMENTARE L’ACIDO CLORIDRICO STOMACALE

La presenza di acido cloridrico nello stomaco è essenziale per una sistematica assimilazione del calcio e dei sali minerali. Una insufficienza di cloridrico produce effetti perversi e dispepsie in quanto ritarda i tempi di svuotamento nello stomaco. Chi non ha sufficiente cloridrico è l’immagine della sofferenza e della malnutrizione, poiché al ritardato svuotamento stomacale si accoppia scarsa assimilazione e formazione di acido lattico, sostanza cancerogena.

LA CARENZA DI ACIDO CLORIDRICO SBALLA E ALTERA L’INTERO APPARATO DIGESTIVO

La scarsezza di cloridrico sballa l’intero apparato gastroenterico causando reazioni a catena, causando malfunzionamento anche nei bassi tratti intestinali, con spasticità (dal greco spasmos=crampo muscolare a riposo), e peristalsi ritardata, e conseguenti stati di costipazione o di stitichezza. A quel punto i condotti epatici e pancreatici si bloccano e il fegato si riempie di bile. Saltano insomma tutte le coordinate digestive e persino la buona frutta viene trasformata in pernicioso alcol.

DIETA VITALE ALLA CLOROFILLA

Per digerire bene serve pH acido nello stomaco e nelle urine, e pH ovviamente alcalino nel sangue (questo viene comunque garantito dal sistema immunitario). Una dieta vitale con abbondanza di vegetali crudi al verde clorofilla è raccomandata come fattore stomaco-acidificante.

CROMO COME FATTORE RIEQUILIBRANTE E COME PESO-RIDUCENTE

Il cromo è importante per tutti coloro che fanno attenzione al peso e vogliono perderne, perché svolge il ruolo più importante nel metabolismo degli zuccheri (o glucidi). Il cromo ha un effetto particolare nei confronti dell’insulina, l’ormone responsabile della penetrazione dello zucchero nelle cellule del corpo umano: la attiva e favorisce l’assimilazione degli zuccheri ed il metabolismo dei grassi, ma soprattutto combatte l’eccesso di peso! Intervenendo sul metabolismo dei grassi, il cromo è in grado di ridurre il tasso di colesterolo nel sangue e di prevenire i problemi cardiovascolari.

PRESENZA DI CROMO NEGLI ALIMENTI NATURALI

Assai diffusa è la carenza di cromo, minerale concorrente del ferro e non integrabile. Si trova nelle uova e nei formaggi crudi di malga (per i vegetariani non vegani), nei broccoli e nelle cime di rapa, germe di grano, patate, lievito di birra, farina di soia, crusca, pepe nero, funghi, timo, bietole, carciofi, cardi, finocchi, melanzane, melassa, asparagi, spinaci, mela, cipolla, porri, crescione, cacao, arance, pomodori, banane, germogli, susine, mirtilli e frutti di bosco (per vegani e non).

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Stufo della pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.

1 commento

  1. Salve, sono Fabio di Roma..mi hanno diagnosticato emorridi di 2 grado con prolasso, senza grandi sanguinamenti…( sarebbe un problema perchè prendo a vita il plavix antiaggregante dopo che mi hanno messo un stent nel tripode celiaco…) Vorrei evitare l'intervento ( ho fatto gia 20 anni fa il milligan morgan.. una vera tortura il post operatorio) cosa mi consigli come dieta ??? gia non mangio latte e latticini, carne raramente, pesce un paio di volte al mese…