ADDITIVI E PRELIBATEZZE DELLA MCDONALD’S

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

AGGIORNAMENTO SUGLI ADDITIVI DELLA MCDONALD’S

Caro Valdo, ti mando questo articolo sulla McDonald’s, dovessi caso mai avere bisogno di qualche prova concreta in più da fonti cosiddette ufficiali e autorevoli da spiattellare ai tuoi detrattori.

ANCHE TU A VOLTE MERITI QUALCHE CONSIGLIO

Non ti dimenticare  di prendere tempo per te stesso quotidianamente, fissando il sole direttamente, respirando a pieni polmoni, camminando sull’erba a piedi nudi. Vedrai che ti aiuteranno nella tua missione di vita, che ti costringe per troppe ore davanti allo schermo del PC. Grazie di tutto Valdo!
Simone da Vienna

*****

RISPOSTA

MI MANDATE LETTERE E ARTICOLI TROPPO INTERESSANTI

Ciao Simone. Ti ringrazio per i suggerimenti. Quando sono a casa sfrutto l’ampio cortile e la terrazza per camminare scalzo, e guardo l’amico Sole senza timori e senza occhiali. Mi mancano le lunghe camminate a funghi e a noccioline selvatiche, perché mi sottraggono troppo tempo. Fin quando mi arrivano scritti come questo, non posso lasciarli da parte.

BUON APPETITO CON LE PATATINE ARRICCHITE DELLA CASA DI OAK BROOK-ILLINOIS

Dopo aver letto quanto sopra, verrebbe da dire Buon Appetito! Aggiungo due righe per le famose French Fries, le patatine fritte della McDonald’s che tutti consumano avidamente. Ovunque ci sia un cuoco, una padella e delle patate, le French Fries vengono fatte con soli due ingredienti che sono olio e patate. Ai McDonald’s le cose vanno diversamente. Qui si utilizzano ben diciassette ingredienti. Le patate verrebbero prima lavate e sbucciate in Canada, per l’esattezza a New Brunswick. Successivamente scottate per rimuoverne gli zuccheri naturali che potrebbero variarne l’aspetto. Poi imbevute di destrosio per dar loro un colore omogeneo e infine completate di un altro ingrediente per prevenirne l’ingrigimento.

GLI INGREDIENTI DELLE PATATINE PARLANO CHIARO

Gli ingredienti sono patate, olio di colza, olio di soia idrogenato, olio di cartamo, aroma naturale, destrosio, sodio pirofosfato acido (serve a mantenere il colore), acido citrico, (antischiuma), olio di mais, Thbq, dimetilpolisiloxano (antischiuma), sale silicoalluminato, ioduro di potassio ed altri ancora. Secondo True Activist, alcuni degli ingredienti utilizzati sarebbero pericolosi per la salute. Si va da quelli geneticamente modificati (come gli olii), agli antischiuma, passando per i coloranti artificiali. Qualcuno ipotizza l’uso ripetuto dell’olio. Qualcuno parla pure di sottoprodotti grassi della carne inclusi tra gli ingredienti. Potrebbe trattarsi anche di malelingue. Ma non serve infierire ed accanirsi. Quanto elencato sopra è più che sufficiente per un giudizio sulla qualità del più famoso fast food mondiale, che in Italia viaggia a braccetto, lo ricordiamo, con la Cremonini spa.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

2 commenti

  1. Il benzoato di sodio da noi viene introdotto nella maggior parte dei succhi di aloe che si trovano in commercio, assieme anche all'acido citrico. Quest'ultimo dubito che lo si tragga dai limoni. Molto verosimilmente sarà un composto sintetico.
    Quanto agli hamburger, non pensavo che fossero malefici fino a quasto punto….dovrò consigliarne assiduamente l'uso al mio datore di lavoro….naturalmente per il bene dell'azienda!

    • In questa lista nera, purtroppo c’è anche l’anidride solforosa, che è contenuta nelle bacche di Goji confezionate (immagino come conservante ed essicante).
      Quindi, se i benefici di tale “supercibo” andrebbero a farsi friggere, cosa dovremmo fare? Che delusione. Uno pensa di mangiare sano e invece si avvelena lentamente con altre sostanze magari ancora poco conosciute.