AMARE E CORAGGIOSE CONFESSIONI DELL’ONCOLOGO ERMANNO LEO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

INTERESSANTI AFFERMAZIONI DEL CHIRURGO-ONCOLOGO ERMANNO LEO

Ciao Valdo, ti segnalo questo video in cui l’oncologo e famoso chirurgo Ermanno Leo, primario presso l’Istituto dei Tumori di Milano, ammette il fallimento della medicina nella cura dei tumori. Anche se la visione globale del dr Ermanno Leo si discosta di molto dall’impostazione igienista, direi che vadano messe comunque in risalto alcune sue affermazioni.

180 MILA MORTI DI TUMORE ALL’ANNO IN ITALIA LA DICONO LUNGA

Eccole: “Io, purtroppo, nella mia carriera ho mangiato cancro per quasi 40 anni e ora sono qui a fare quasi un mea culpa. Come oncologo sono profondamente deluso e rendo omaggio a chi non ce l’ha fatta. A me interessa un dato. In Italia ogni anno ci sono 180000 morti di tumore. Se questo è un segno di successo, io vado ai giardini pubblici.”

IL CANCRO È DIVENTTO UN AFFARE E OCCORRE CAMBIARE REGISTRO

“Il timore mio, e me ne assumo completamente la responsabilità, è che il cancro sia diventato in questi decenni un affare, insieme alle guerre”. “Tutti sanno che la soluzione del cancro non sarà legata alla chemioterapia. Bisognerà cambiare completamente registro”. “Io sono scandalizzato. Esistono in Italia 800 società medico/scientifiche!!! Pare che tutti siano scienziati!!! Non siamo preoccupati della fuga di cervelli all’estero ma degli imbecilli che restano qua”.
Elena Fasulo


RISPOSTA

QUESTE SONO DICHIARAZIONI CHE PESANO COME UN MACIGNO

Ciao Elena. Questa tua segnalazione è importante ed opportuna. Dimostra il malessere che cova nell’animo dei medici di fronte a quanto sta avvenendo. Igienisti o no, i medici rimangono esseri umani per quanto marcata ed inveterata sia la loro abitudine a curare coi loro devastanti criteri. Dopo aver mangiato cancro per 40 anni, con risultati a dir poco disastrosi, anche il più burbero ed il più insensibile finisce per non farcela più e per scoppiare.

UN LODEVOLE ATTO DI CORAGGIO

La vita non è fatta soltanto di potere, di danaro e di facilitazioni. Alla fine della giornata uno deve pur porsi delle domande. Esiste per tutti una coscienza e un’autostima. Pentirsi e denunciare pubblicamente gli errori di una vita, bollando senza remissioni l’odiosa pratica della chemioterapia, rimane in ogni caso un atto di grande coraggio. Il riconoscere, pur tardivamente, che occorre cambiare registro e voltare pagina, va lodato ed apprezzato.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui per passare alla navigazione premium.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x