CHEMIO UGUALE ACCELERAZIONE CINETICA DEL TUMORE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

GLI EFFETTI CONTRARI DELLE CURE CHEMIOTERAPICHE

Ciao Valdo, ti scrivo solo per segnalarti questa discussione apparsa su Luogocomune.net del buon Massimo Mazzucco. Ti riporto pari pari la breve introduzione di Massimo. Da una parte non posso che essere contento di questa cosa, ma dall’altra mi chiedo se possa essere l’ennesima mossa di Big Pharma per mettere le mani in avanti, visto che ormai la verità sulla chemio sta venendo a galla e loro cercano comunque di farla apparire sotto ad una luce diversa per continuare a trarne gli enormi profitti direttamente sulla pelle delle sfortunate vittime.

LE ULTIME RICERCHE IN USA ACCUSANO LA CHEMIO DI FAVORIRE IL CANCRO

Il Daily News titola: “Ricerca choc: la chemioterapia può agire al contrario, può peggiorare il cancro scatenando la crescita di tumori.” Dall’articolo leggiamo: “Da tempo considerata il trattamento più efficace contro il cancro, la chemioterapia potrebbe in realtà far peggiorare il cancro, secondo una sorprendente nuova ricerca. Una terapia estremamente aggressiva, che uccida indiscriminatamente sia le cellule cancerogene che quelle sane, può portare le cellule sane a secernere una proteina che contribuisce alla crescita del tumore, e ad una sua maggiore resistenza a trattamenti successivi. Ricercatori negli Stati Uniti hanno fatto questa scoperta “completamente inaspettata” mentre cercavano di capire perché le cellule cancerogene siano così resistenti quando sono all’interno del corpo umano, mentre sono facili da uccidere in laboratorio. Gli scienziati hanno scoperto che le cellule sane colpite dalla chemioterapia secernono una maggiore quantità della proteina chiamata WNT16B, che aumenta la capacità di sopravvivenza delle cellule cancerogene.”

MA LA CHEMIO-MANIA NON SI FERMA MAI E CERCA NUOVI SBOCCHI

“I nostri risultati – ha detto un autore della ricerca – indicano che la reazione delle cellule benigne danneggiate possa contribuire direttamente ad una accresciuta cinetica della crescita del tumore”. Come abbiamo detto, che i chemioterapici fossero cancerogeni lo sapevano già tutti, in ambito scientifico. Ma ora che la notizia inizia a circolare pubblicamente – viene da pensare – forse metteranno uno stop alla somministrazione forsennata dei chemioterapici, giusto? Sbagliato. L’allopatia non prevede inversioni di marcia, una volta imboccata quella strada si può solo andare avanti.

E’ ARRIVATO L’ANTICORPO WNT16B, ENNESIMO ALIBI PER CONTINUARE IL MASSACRO

L’articolo infatti conclude dicendo che “i risultati della ricerca aprono la strada ad un nuovo tipo di trattamento. Ad esempio, un anticorpo al WNT16B, somministrato insieme alla chemioterapia, potrebbe migliorare la risposta (uccidere più cellule tumorali).” “Oppure – ha aggiunto l’autore della ricerca, in un raro lampo di chiaroveggenza – si potrebbero usare dosi minori e meno tossiche di terapie.” Così il malato muore un po’ più lentamente.

DOBBIAMO SENSIBILIZZARE L’OPINIONE PUBBLICA

L’unica arma che abbiamo è cercare di sensibilizzare le persone sempre di più su questi temi e su quanto può fare l’alimentazione naturale per evitare l’insorgere di queste patologie. Per questo la tua opera di divulgazione è fondamentale ed è importante che tu perseveri in questa tua missione. Ma questo tu, lo senti già dentro il tuo cuore.
Alessio

*****

RISPOSTA

LE CIFRE PARLANO CHIARO

Ciao Alessio. Grazie per il documento. Non mi sorprende la faccenda del WNT16B. I malandrini della Cancro Spa hanno già nel cassetto anche il WNT16C, 16D e 16E. Come mai? Il Cisplatin, uno dei comuni farmaci chemioterapici, produce un fatturato annuo superiore ai 110.000.000 di dollari/anno. Le mammografie poi generano cifre che sfiorano i 15 miliardi di dollari/anno. Vorrai mica che qualcuno ci metta mano per dare una frenata? La voracità per il danaro è fattore prepotente ed irresistibile in ambito farmaceutico.

LE MORTI PER TRATTAMENTO MEDICO SONO ALL’ORDINE DEL GIORNO

La chemio è un veleno somministrato per via endovenosa, teso a uccidere ogni cosa che incontra. Ripetuti trattamenti di chemio e radioterapia devastano del tutto l’organismo e decapitano letteralmente il sistema immunitario. Il 67% delle persone che muoiono durante le cure anticancro finiscono in tal modo per le infezioni opportunistiche. Trattasi di morte causata da trattamento medico. Ogni anno nel Regno Unito, su 200 mila diagnosticati, ne morivano 152.500 (il 75%) 10 anni fa. Negli USA ne morivano 547.000 all’anno. Le cifre sono peggiorate negli ultimi anni, per cui non vengono nemmeno comunicate con costanza e precisione.

DONNA SPAVENTATA UGUALE DONNA OPERATA

La maggior parte dei malati di cancro muore a causa della chemio, incapace ovviamente di eliminare i tumori al seno, al colon e ai polmoni. Queste cose si sanno da oltre un decennio, scriveva nel 1990 Allen Levin, MD, nel suo testo “The healing of cancer”, Marcus Books. Come si convincono le vittime? Kathy Keeton, moglie del magnate della rivista Penthouse Bob Guccione, ricorda così le parole del suo medico di fiducia: “Mi dispiace. Si tratta di una forma assai rara di patologa. Un carcinoma a rapido sviluppo e veloce metastasi, per cui è d’obbligo intervenire abito ed iniziare la chemio. Abbiamo a disposizione i migliori esperti esperti del settore. Affidiamoci a loro e non c’è tempo da perdere. Questa forma di cancro è spesso letale, e lo è velocemente. Senza cure le restano sei settimane di vita. Dobbiamo agire aggressivamente contro questo tipo di male!”

IL TERMINE MAFIA E’ UN EUFEMISMO

Si parla spesso di Mafia Sanitaria, di Regime Sanitario, e la gente pensa che si tratti di sensazionalismo o di esagerazioni giornalistiche. In realtà le cose stanno su livelli ancora peggiori. L’industria farmaceutica è da decenni impegnata allo spasimo. Lavora giorno e notte, incluso Pasqua, Natale e Capodanno. A fare cosa? A corrompere i rappresentanti della professione medica, uno per uno, nazione per nazione. E’ impegnata allo spasimo a comprare il parere degli accademici, dei politici, dei giornalisti e dei media, delle istituzioni. Le reti televisive sono la grancassa preferita di Rockefeller e dei suoi lacché. I salotti preferiti sono quelli segreti, stile Bilderberg, condivisi strettamente coi produttori di carne, di latte e di pesce, con gli imbottigliatori mondiali di cole, coi diffusori di cibi spazzatura, di caffè e sigarette, sostanze indispensabili ad acidificare i popoli e a mantenerli nella melma.

MANTENERE LE PATOLOGIE E INVENTARNE DI NIUOVE

Il dr Hardin Jones, docente di fisiologia presso l’Università di California, dopo aver analizzato per decenni le statistiche relative al cancro, ha tratto la seguente conclusione “Quando non vengono curati, i malati non peggiorano, ma addirittura migliorano, se solo gli cambi un po’ la dieta”. Come afferma il grande medico tedesco Matthias Rath, lo scopo reale delle multinazionali del farmaco è di mantenere le patologie più diffuse e di crearne altre nuove in continuazione.

LA SALUTE E’ NEMICA DEL PROGRESSO UMANO, PER ROCKEFELLER E SOCI

Ogni discorso di prevenzione o di miglioramento in favore della salute umana risulta indigesto, scorbutico ed eretico, in quanto va a mettere i bastoni fra le ruote ai grandi piani di Big Pharma. Salute è parola vietata. L’obiettivo è un malessere di massa, controllato, gestito e generalizzato. Il Codex Alimentarius ne è la più avanzata espressione.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

3 commenti

  1. E' una delle loro tante mosse…Probabilmente,stavano sorgendo un po' troppi sospetti nella gente in questi ultimi anni sull'inutilità della chemio e quindi,per mostrarsi puliti,sempre all'avanguardia,prodighi,ecc… han detto di 'sta nuova invenzione…Una mossa forse anche astuta,che però può impressionare positivamente solo chi crede nelle cure allopatiche.

  2. Stando a lungo accanto ad una ragazza sottoposta a chemio,ho potuto vedere che la imbottivano di farmaci cosidetti "protettori", aventi lo scopo di preservare le cellule sane dall'assalto delle cosidette cure. A parte che erano prodotti costosissimi, avevano essi stessi effetti collaterali molto pesanti e allora (da non credere!) ci volevano altri ritrovati per difendersi dai "protettori". Cosa erano? Semplice: vitamine sintetiche a volontà. Geniale no?