CRITICA SCIENTIFICA ALLA CUROMANIA ALLOPATICA ED OMEOPATICA SUL SINTOMO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

OSTILITÀ ITALIANA SULLA OMEOPATIA

Mentre in Italia il sentiment nei confronti delle medicine cosiddette “alternative” continua a essere da parte di alcuni di diffidenza quando non di ostilità, sul fronte internazionale arrivano invece notizie che vanno in tutt’altra direzione. Tra i Paesi che più di altri stanno ponendo l’accento sull’efficacia delle terapie omeopatiche citiamo i casi di Francia, Germania, India e Brasile.

STESSI RISULTATI DELLA MEDICINA ALLOPATICA MA MENO EFFETTI COLLATERALI

In Francia, i risultati di un monitoraggio denominato EPI3 durato 7 anni sul decorso di migliaia di pazienti per stabilire un confronto tra cure allopatiche e cure omeopatiche, hanno dimostrato che la percentuale di guarigione era la stessa, ma che usando l’omeopatia ci sono meno effetti collaterali.

CRESCENTE INTERESSE DEL GOVERNO INDIANO

I dati trasmessi dal Governo Indiano indicano che dal 2014 a oggi la spesa effettiva a favore dell’omeopatia continua a salire vertiginosamente, passando da 820 milioni a 1,67 miliardi di rupie. Il trend vale anche per i fondi destinati alla ricerca. Infatti il CCRH ha condotto 141 nuovi studi scientifici e ha pubblicato 38 articoli di ricerca tra il 2012 e il 2016.

ASSOCIAZIONI BRASILIANE A DIFESA DELL’OMEOPATIA

In Brasile, l’Associazione medica omeopatica brasiliana (AMHB) e l’Associazione medica omeopatica di São Paulo (APH) attraverso la divulgazione nella rivista scientifica “Revista de Homeopatia” affermano che l’efficacia e la sicurezza del trattamento omeopatico sono dimostrate da studi clinici randomizzati e controllati con placebo, revisioni sistematiche e metanalisi.

LA DIFFIDENZA VERSO QUESTO PARADIGMA DI CURA CENTRATO SULLA PERSONA NON HA RAGIONE DI ESISTERE PER MARCO DEL PRETE

“Nelle ultime settimane abbiamo assistito a importanti passi avanti sul tema dell’efficacia dell’omeopatia”, ha dichiarato Marco Del Prete, Presidente AMIOT, Associazione Medica Italiana di Omotossicologia. “E anche le novità provenienti da Brasile, India e Germania, conclude Del Prete, sono assai incoraggianti: la diffidenza verso questo paradigma di cura centrato sulla Persona è sempre più debole, in quanto, di per sé, anti-scientifica”. In allegato il comunicato stampa. Rimango a completa disposizione. Grazie e cordiali saluti.

Clelia Corradi

*****

RISPOSTA

PARERI CONTRASTANTI

Ciao Clelia. Grazie per il documento, di cui ho riportato una sintesi. In Italia, e penso pure nei restanti paesi, circolano diverse opinioni sulla efficacia dell’omeopatia. Per qualcuno è qualcosa di valido, in linea con quanto sostieni. Per altri non è tutta da buttare. In ogni caso milioni di italiani usano preparati omeopatici, con costi elevati e risultati incerti.

LA MEDICINA UFFICIALE BOCCIA SONORAMENTE L’OMEOPATIA

La storia dell’omeopatia ha ormai 200 anni e l’ultimo capitolo l’ha scritto per ora l’Australian National Health and Medical Research Council (NHMRC), il più importante istituto australiano di ricerca medica, realizzando nel 2015 la più completa analisi scientifica di circa 1.800 ricerche sull’omeopatia. La sua conclusione è che non esistono patologie per le quali sia provata l’efficacia reale dell’omeopatia. Non è la prima volta che la scienza medica ufficiale smonta l’omeopatia. Era già successo nel 2002, nel 2010 e nel 2014.

LE CURE HAHNEMANN FACEVANO MENO DANNI DEI SALASSI

L’omeopatia si sviluppò alla fine del ’700 per opera del medico tedesco Samuel Hahnemann. Allora la medicina tradizionale non sapeva diagnosticare le malattie. Si limitava a curare i sintomi con terapie spesso più letali dei malanni, soprattutto salassi e clisteri. In questo panorama la cura di Hahnemann poteva essere un passo avanti: non guariva, ma almeno faceva danni minori. Alcuni studi epidemiologici sulle epidemie del passato hanno dimostrato che con la terapia di Hahnemann si salvavano più malati rispetto alla terapia medica tradizionale.

LA TECNICA DELLE DILUIZIONI

Le sostanze di partenza usate in omeopatia sono vegetali, animali e sostanze chimiche solubili. Sostanze messe in soluzione d’acqua e alcol per estrarne i principi attivi (tintura madre), mentre le sostanze chimiche insolubili vengono triturate. Poi vengono diluite e col liquido ottenuto si impregnano granuli di supporto inerte fatti di zucchero e lattosio. Hahnemann si era convinto che la stessa sostanza che nelle persone sane e ad alte dosi causa una malattia, a dosaggi infinitesimali nei malati li potesse curare. La diluizione secondo Hahnemann rendeva infatti più potenti le pozioni, che venivano ulteriormente potenziate da ripetute percussioni verticali sulla Bibbia.

MANCANDO L’EFFETTO FARMACOLOGICO SUBENTRA SOLO L’EFFETTO PLACEBO

Una legge matematica, scoperta nel 1811 dal piemontese Amedeo Avogadro, permette di calcolare che già una diluizione alla 12ma centesimale (12CH) contiene 0,6022 molecole, vale a dire nessuna. Le diluizioni successive quindi diluiscono acqua con acqua. Effettivamente l’omeopatia contrasta con tutte le basi molecolari della moderna farmacologia. L’azione farmacologica deriva dall’inserirsi di una molecola come una chiave in una serratura della cellula, un recettore, dice Luigi Garlaschelli, ricercatore all’Università di Pavia e membro del Cicap (Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale). Senza molecola o senza recettore non si ha azione farmacologica. Se l’omeopatia dovesse funzionare sarebbe quindi grazie a qualche principio ancora sconosciuto. Se non c’è effetto farmacologico, allora su cosa si basano i successi dell’omeopatia? Sull’effetto placebo, che gioca un ruolo importante anche nella medicina tradizionale.

SISTEMA PERCETTIVO DEI DOLORI E SISTEMA INIBITORE A BASE DI ENDORFINE

La ricerca ha dimostrato che la trasmissione delle sensazioni spiacevoli, che in medicina spesso corrispondono ai malesseri, è una staffetta chimica che, dalle terminazioni nervose presenti nel corpo e sugli organi, passa l’informazione di cellula in cellula fino al cervello, dove le sensazioni vengono etichettate come dolore, prurito, nausea, freddo, caldo, ecc. Questo sistema è detto sistema nocicettivo, cioè percettivo delle sensazioni sgradevoli. Parallelamente, però, ne esiste un altro, detto antinocicettivo, che contrasta le sensazioni sgradevoli. Qui gli attori sono le endorfine, sostanze simili all’oppio prodotte naturalmente dal cervello che si inseriscono nella staffetta chimica nocicettiva riducendo o addirittura bloccando la diffusione dei messaggi negativi. In particolare alcuni recettori sono gli stessi sui quali agiscono i farmaci antidolorifici e le droghe.

ANCHE NELLE CURE MEDICHE-FARMACOLOGICHE SI ATTUA UNA FORTE PERCENTUALE DI EFFETTO PLACEBO

Questo sistema antidolorifico naturale si attiva quando siamo convinti di essere curati, anche se la cura è acqua fresca. Per far aumentare gli oppioidi endogeni basta sentirsi dire che il farmaco che si sta ricevendo è un analgesico, E già questo riduce il dolore di circa il 28%. Su questa reazione si baserebbe l’effetto dell’omeopatia. La cosa interessante è che questo effetto placebo agisce anche quando si somministrano farmaci tradizionali. Secondo alcune ricerche, il 35-45% delle prescrizioni odierne non ha alcun effetto specifico sulle malattie in trattamento.

GRAN PARTE DEI MALESSERI GUARISCONO DA SOLI

Ma la medicina tradizionale ha uno svantaggio rispetto all’omeopatia: porta con sé gli effetti collaterali, a volte gravi, che i rimedi omeopatici non hanno. Andrea Dei, docente di chimica generale e inorganica all’Università di Firenze, benché critico nei confronti dell’omeopatia, ricorda che su 10 farmaci della medicina tradizionale, 6 sono efficaci e 4 no. Dei 6 efficaci 4 non hanno effetti collaterali, mentre 2 hanno effetti indesiderati duraturi. Quanto ai farmaci che non apportano benefici, 3 su 4 hanno effetti collaterali. Se è vero che gli antibiotici salvano vite, è altrettanto vero che 7 prescrizioni su 10 sono errate. E che si ricorre agli antipiretici anche con una febbre a 38 °C, quando sarebbe quasi sempre meglio non intervenire. Gran parte dei malesseri (cefalee, nausea, tosse, mal d’orecchi, di gola), infatti, guariscono da soli.

UN MEDICO PREPARATO PUÒ SEMPRE USARE L’EFFETTO PLACEBO DELLA OMEOPATIA

In conclusione, dimostrato che l’omeopatia non ha basi scientifiche, è vero anche che fa meno danni dei farmaci sintomatici tradizionali di cui si abusa per eliminare i sintomi senza curare la malattia. In questi casi l’unica soluzione è un medico preparato, che usi l’omeopatia per sfruttare l’effetto placebo, e prescriva i cambiamenti di dieta e stile di vita utili a ridurre i malesseri (fumo, alcol, poco sonno, scarsa attività fisica, alimentazione sbagliata sono la fonte di molti malesseri). E che sia in grado di diagnosticare in tempo una vera malattia, che richieda un intervento farmacologico.

ANCHE NELLE FAMIGLIE, PER MOLTI MALESSERI BASTA L’ACQUA ALLA MENTA

Quanto ai genitori, per curare molti malesseri dei propri pargoli potrebbero usare acqua alla menta piperita, un potentissimo placebo. Poche gocce in un bicchiere o su una zolletta di zucchero, somministrate con la serietà adatta all’occasione, possono attivare il sistema antinocicettivo. Senza danni collaterali e a costo zero.

OPINIONE IGIENISTICA SULL’OMEOPATIA

Fatte queste importanti considerazioni, veniamo ora ai pareri della Health Science Igienistica. Come molte altre volte ho scritto, non abbiamo alcun preconcetto che ci porti ad essere super-critici. Riconosciamo anzi che molti omeopati conducono un buon lavoro e ottengono pure dei validi risultati.

MOLTI OMEOPATI APPLICANO CONCETTI IGIENISTICI

In realtà, il più delle volte questo accade non tanto grazie alle cure omeopatiche ma piuttosto ai concetti tipici dell’igienismo naturale che gli omeopati applicano ampiamente nelle loro pratiche, senza denominarle con il giusto nome. Chiamarsi igienista non comporta riconoscimenti, mentre la parola omeopata chissà perché suona in qualche modo più suadente e rassicurante. Mettere una targhetta da Medico Igienista all’ingresso del proprio studio non produce particolari effetti in un paese come l’Italia, mentre una targhetta da Medico Omeopata fa referenza. Pertanto validi risultati igienisti ottenuti sotto una nomea omeopatica.

SI TRATTA SEMPRE DI SCRITERIATE E NON RISOLVENTI CURE SUL SINTOMO

Le posizioni critiche della Health Science Igienista alla Medicina Omeopatia non sono molto dissimili da quelle che essa rivolge pure alla Medicina Allopatica Convenzionale. Sia la Allopatia che l’Omeopatia per noi commettono lo stesso tipo di errore grave, visto che praticano entrambe la cura sul sintomo e non sul fattore causante.

I RISULTATI SONO SOSTANZIALMENTE NEGATIVI IN ENTRAMBI I CASI

Se poi i risultati sono i medesimi, se le percentuali di guarigione sono più o meno le stesse come affermano i sostenitori francesi dell’Omeopatia, vale a maggior ragione la nostra critica. Pessimi i risultati delle cure farmacologiche allopatiche sul sintomo e altrettanto pessimi i risultati delle cure omeopatiche, col solo vantaggio di minori effetti collaterali.

LA CUROMANIA SUL SINTOMO, ALLOPATICA ED OMEOPATICA, RIMANE UN CRITERIO FALLIMENTARE

Per la scienza igienistica le malattie sono crisi di purificazione e di eliminazione delle tossine dal corpo. I sintomi sono difesa naturale del corpo. Restoring health is the constant tendency of the body. The nature of disease is difensive, remedial, eliminative and adattive. Therefore curing disease is a pernicious superstition, diceva il grande Alec Burton. Su queste precise regole, oltre che sul mancato rispetto delle leggi naturali, incespicano e scivolano sistematicamente tutti i tipi di terapeutica e di curomania sul sintomo. In primo luogo la medicina allopatica convenzionale e in secondo luogo la medicina omeopatica.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

15 commenti

  1. Buongiorno. Avrei 2 punti da sottolineare. Intanto l’omeopatia nn è assolutamente sintomatica! il vero omeopata inquadra il pz da un punto di vista psico-fisico e in base a quello va a cercare la causa di un determinato sintomo. Al di là dell’effetto placebo che è pur sempre un punto di vista personale, io ho avuto esperienze in famiglia di cure omeopatiche date x inutili dalla medicina allopatica in base alla patologia, ma che ahimè hanno funzionato cn lo stupore dei medici!!! Tra le altre cose mantenendo la stessa dieta! Probabilmente sarà un miracolo! Anche quello ha la sua parte.
    Infine ho riscontrato (indirettamente) anke tramite conoscenze che sugli animali ha effetto benefico… Ora mi potreste spiegare l’effetto placebo su questi ultimi? Perché ho sempre pensato fosse caratteristica tipica umana…
    Grazie.

    • Salvatore Salvato on

      Condivido quanto detto dal Sig. Angelo. Con l’omeopatia, tanto per citare uno dei tanti casi, è stata sconfitta l’allergia di uno dei miei figli CON NEGATIVIZZAZIONE ANCHE DEI TEST EMATICI. Occorre un buono e serio medico omeopata e non uno dei tanti ciarlatani che squalificano il settore.
      Saluti e auguri di buon anno.

    • O magari il malanno è passato da solo. Oppure le lunghe cure precedenti l’omeopatia hanno fatto il loro corso. Stabilire un rapporto di causa effetto non è “post hoc ergo propter hoc”. Se uno non è in grado di capire questo e che l’osservazione, anche di animali, è SOGGETTIVA e quindi i miglioramenti potrebbero essere solo una fantasia … stiamo parlando di niente.
      Ah, per la cronaca l’effetto placebo è stato ampiamente provato, con studi in doppio cieco, anche su bambini e animali. Quindi …..

      • Ok. Vediamo questi studi su placebo e animali, io non ne conosco… sarei curioso però… per le cure precedenti all’omeopatia sl medicina tradizionale che ha portato a due bei tumori al seno, operati con asportazione totale. Probabilmente questo ha fatto si ke nel futuro successivo un fibroma di 8 cm nell’utero passasse da solo. Tieni presente che è entrata in cura cn omeopatia dopo ke è stata rovinata dalla medicina tradizionale.
        Praticamente cm dire ke i vaccini fanno bene e non hanno effetti collaterali…

      • Dimenticavo… giusto xké i fibromi vanno e vengono da soli a loro esclusivo piacere, il primario di ginecologia la dava x operabile cn un’altra asportazione totale! Però ora che ci penso magari ha bevuto più acqua di fonte rispetto ai periodi precedenti…

  2. La ringrazio per i suoi contributi e il suo blog che seguo molto volentieri e considero lei come un maestro di vita.
    Dal mio punto di vista credo che l’igenismo sia eccezionale perchè in un altima analisi si pone la domanda: perchè mi ammalo? e non si limita a curare i sintomi come la medicina tradizionale.
    E’ vero che l’omeopatia può essere usata solo per curare i sintomi, ma non è la stessa cosa che fa l’igenismo in alcuni casi? Noi curiamo sempre i nostri sintomi e nel momento in cui li accogliamo poi possiamo avanzare in questo mistero che è la vita.
    Questa ricerca “Conosci Te Stesso” è la stessa questione che si pone l’omeopatia perchè lavora su tre distinti piani (fisico-emotivo-mentale).
    Mi spiace che lei non conosca l’omeopatia e non l’abbia provata perchè funziona (oppure ha provato qualcosa che non era omeopatia), ovviamente non è la soluzione di tutti i mali ma una valida alternativa da conoscere per evitare di prendere antibiotici quelle volte in cui non vogliamo aprire il nostro cuore e non si comprende l’origine dei nostri disturbi. In ogni caso le consiglie un libro per approfondire che cosa sia l’omeopatia (La scienza dell’omeopatia – George Vithoulkas)

  3. Probabilmente l’omeopatia funziona proprio perché non funziona! Ossia con l’omeopatia il nostro medico interno può lavorare in pace senza ricevere i bombardamenti chimici della medicina convenzionale. E il problema si risolve da sé, perché il corpo è autoguarente.

      • Alessandra on

        Ma da che pianeta vieni? Forse se sei Marziano, no, allora il tuo non è autoguarente…
        quindi stai attento all’influenza perché rischi di morire sul colpo…

  4. Leopoldo Tacchini on

    Ho già avuto modo di apprezzare su questo blog le qualità umane, etiche e morali del Signor Valdo. Alle quali si aggiunge una dedizione e una conoscenza delle Scienze igienistiche veramente senza pari. Parimenti apprezzabile anche la sua liberalità nel concedere uno spazio di discussione.
    Ma stimare e raccomandare una figura, umanamente e professionalmente, riconoscerne una grandezza, in molti ambiti, di gran lunga superiore alle proprie competenze e capacità non vuol dire condividere tutte le sue idee.
    Allora: gli studi e le considerazioni riportate in quest’articolo sono certamente corrette. Sono invece le conclusioni, pur espresse con uno stile coerente e magistralmente letterario ad essere assai opinabili. Ad esempio, dire che l’omeopatia è solo placebo e sintomatica è certamente opinione discutibile.
    Vorrei porre una semplice domanda: se ciò è vero, come mai ci sono alcuni medici omeopati che diventarono punti di riferimento a livello internazionale, come Negro, Lodispoto, Paschero, Ortega, Kent per ricordare solo quelli che mi vengono in mente? Mentre altre centinaia di migliaia sono rimasti nell’ombra? Notate che io non mi curo con l’omeopatia e raccomando invece tecniche delle scienze naturopatiche. Ma lasciando perdere pure quest’argomento suggestivo, sono taciuti tutti gli studi e le ricerche come quelli sulla “memoria dell’acqua”, le tecniche di biorisonanza, la medicina omeotossicologica e molto altro.
    Sono uno psicologo perfezionato nel trattamento dei disturbi dell’apprendimento e comportamento, kinesiologia applicata e terapia del suono.

  5. Mi è capitato recentemente di visionare su Netflix un video molto interessante di Dario Bressanini sul tema dell’omeopatia. Con il semplice ausilio di tossina base, acqua e diversi bicchieri etichettati (per distinguere il diverso grado di diluizione), ha eseguito una dimostrazione pratica del procedimento attraverso il quale viene prodotto un farmaco omeopatico. Una cosa che mi ha particolarmente colpito, è il passaggio quando il chimico fa semplicemente notare che duecento anni fa, quando Hahnemann elaborò la sua metodologia e fissò i gradi di diluizione dei rimedi omeopatici, le conoscenze scientifiche sulla chimica erano ancora molto approssimative. Tant’è che dalla diluizione 12 CH in su, le particelle sono praticamente assenti nel liquido solvente, perché non è possibile trovare 0,06 particelle in un volume d’acqua. A meno che non ci si avvali della fissione nucleare per dividere gli atomi.
    A motivo di ciò, i rimedi omeopatici superiori alla 12 CH sarebbero in realtà costituiti semplicemente dal mero solvente utilizzato per diluire la droga, la tossina o il veleno specifico, quindi nient’altro che acqua.
    Personalmente non ho un’opinione a favore o contro l’omeopatia. Penso che alle diluizioni meno potenti, qualcosa dentro rimane seppur, in quantità infinitesimali.
    Non trovo niente di strano leggere tanto di giudizi entusiastici che negativi su questa terapia. Questo perché le persone non sono tutte uguali, ognuno possiede un qualcosa di “unicum”, viviamo un costante processo di adattamento all’ambiente, ci trasformiamo in continuazione, risentiamo dei cambiamenti stagionali e dell’alternarsi delle fasi lunari. Del resto siamo sempre soggetti alle leggi del principio unico, lo yin e lo yang come lo chiamano in estremo oriente.
    Un medico che opera tenendo conto anche di questi principi è il dott. Michele Vania, il quale spiega come agli inizi della professione visse dei conflitti molto profondi ogniqualvolta era chiamato a prescrivere farmaci per i propri pazienti, perché intuiva già d’allora l’assoluta specificità di ogni singolo individuo.

    • Talmente specifici che nel nostro caso la chimica di base potrebbe non funzionare o funzionare con altri principi? Quante illusioni!

  6. Antonio Miroddi on

    L’omeopatia si usa sui bambini piccolissimi con effetti incredibili. È velocissima. Quindi niente effetto placebo. Consiglio tutti di provare che poi vuol dire sperimentare. Ho evitato pillole per il diabete e per l’ipertensione con prodotti omeopatici a bassissimo costo. Ho 59 anni e non assumo altro. PROVARE per credere. Il numero di Avogadro è roba di 300 anni fa. Vera finché si vuole ma c’è ben altro. Si parla di realtà vibrazionale e di stringhe. … io non so perché funzioni ma per la mia esperienza funziona. Un cordiale saluto a tutti.

    • A “realtà vibrazionale” ho smesso di leggere. Anni e anni di studi e poi arriva un fuffologo che dice che c’è “ben altro”? Mah!

  7. Ma cosa sarebbe questa storia di curare il sintomo? A me sembra solo fuffa new age?
    Se per combattere un’infezione batterica prendo antibiotici sto combattendo un sintomo? Mah!