GRIGORI GRABOVOI E COALIZIONE TRA SCIENZA E SPIRITO

(Documento di Paola Botta Beltramo, Titolo e sottotitoli di VV)

GRIGORI GRABOVOI NELLE MEMORIE DI BERNARDINO DEL BOCA

“Milano, 8 giugno 1978: stanotte mi sono trovato davanti all’Hotel Kazakhstan di Alma-Ata, la capitale della Repubblica Sociale Sovietica del Kazakhstan. Un enorme albergo a grattacielo che domina la città e le colline. Vicino a me c’era un giovane sconosciuto. Non è né russo né asiatico. Mi indica il cielo dove, dice, apparirà un UFO. I suoi occhi chiari brillano volti al cielo che scurisce velocemente e si riempie di stelle. È il giovane che potrebbe continuare la mia ricerca, il mio lavoro per il nuovo piano di coscienza.” Questo scrive l’antropologo-teosofo Bernardino del Boca, nel suo “La casa al tramonto” del 1980.

GRIGORI GRABOVOI CONTINUATORE DELLE RICERCHE DI DEL BOCA

Grigori Grabovoi nasce nel 1963 e perciò nel 1978 aveva 15 anni. È nato e vissuto da giovane in Kazakhstan, nazione che non è né russa né asiatica. Le sue particolari doti telepatico-chiaroveggenti-spirituali sono spesso considerate derivanti da intelligenza extraterrestre e i suoi occhi di colore marrone sono pure chiaro-veggenti.

INTELLIGENZE DELLE STRADE ALTE ACCOMUNANO GRIGORIJ GRABOVOIJ A DEL BOCA

Bernardino del Boca ha anch’egli manifestato fin da bambino doti di telepatia-chiaroveggenza-spiritualità. Si è interessato a intelligenze da lui definite “Delle Strade Alte” che ha chiamato Zoit, ovvero un nome che ricorda un particolare suono: http://www.teosofia-bernardino-del-boca.it/categorie/la-vita-e-universo/. Anche lui ha scoperto ed evidenziato vari errori scientifici (scienze mediche, genetiche, finanziarie, ecc) proponendo possibili soluzioni, quali nel campo medico l’ascolto del vissuto delle persone, e ha più volte ricordato la necessità di unire ricerche spirituali e scientifiche.

SOLO MEDIANTE PENSIERO INTERDISCIPLINARE INTRISO DI SPIRITUALITÀ SI COMPRENDE LA DIMENSIONE UMANA

Scrisse infatti Bernardino del Boca nel suo libro “La  Dimensione Umana” del 1971: “Finché non sarà fatta una sintesi tra i vari rami della scienza, e non si sarà sottoposta tale sintesi alla luce della spiritualità, il fenomeno umano non potrà essere compreso nella sua finalità e nemmeno nella sua espressione individuale”.

STRETTI LEGAMI TRA GRABOVOI E GIAN PIERO ABBATE

Grabovoi considera il fisico ed esperto di cabala Gian Piero Abbate, con il quale ha tenuto recentemente un webinar, la persona che meglio può rappresentarlo.

MASARU EMOTO E RYKE GEERD HAMER APRIPISTA NELLE RICERCHE IN ATTO

Il dr Abbate, in un altro suo webinar ha affermato che considera Masaru Emoto, per aver dimostrato  l’influenza del pensiero sull’acqua, e il medico Ryke Geerd Hamer per le sue scoperte sugli shock emozionali, due apripista utili alle ricerche sulle relazioni esistenti tra spirito-psiche-corpo-materia. Nel corso della conferenza del dr Stefano Candela su Grabovoi, Abbate ha affermato che la scienza ha scoperto cambiamenti nella struttura della materia, fatto mai accaduto prima d’ora:

https://www.youtube.com/watch?v=zy3GBrhoPks

VLADIMIR SUDAKOV DESCRIVE GRABOVOI COME FENOMENO DEL MILLENNIO

Dal testo di Sudakov “Il fenomeno del millennio” del 1999, si apprendono dettagli importanti sulla vita giovanile di Grabovoi. Quando era un bimbetto non sapeva ancora parlare, ma capiva di che cosa parlavano gli adulti (ancora oggi comprende gli stranieri grazie alla telepatia). Da quando aveva cinque anni vede il futuro. All’epoca naturalmente lui non attribuiva alcuna importanza al suo dono, supponeva che fosse indispensabile per vivere e che lo possedessero tutti. Sin dall’infanzia Grabovoi  comprendeva le intenzioni degli animali e poteva controllarli con la sua influenza telepatica.

GIOVANE DOTATO DI POTERI INCREDIBILI

Negli ultimi anni Grigori parla sempre più spesso di come salvare dalle catastrofi non singole persone ma il mondo intero. Stupiti, i dirigenti dell’aviazione, si chiedevano come facesse una persona così giovane, senza particolare conoscenza dell’ingegneria aerea, a vedere a distanza l’interno di un aereo e per di più ad individuare la fonte dei problemi: il computer, il carrello, un trasformatore, un tubo del carburante. Per di più quel giovanotto inesperto individuava i malfunzionamenti senza uscire dal suo studio, gli era sufficiente conoscere il numero dell’aereo.

ARKADIJ PETROV PRESENTA GRABOVOI

Arkadij Petrov, autore di best-seller di fama mondiale, scrive nel suo libro “Salva te stesso”: Dato che Grabovoi ha svolto un ruolo determinante nella mia vita devo presentarlo in modo adeguato. Quello che fa Grabovoi è del tutto coerente con le tesi e i dati scientifici sulle speciali facoltà e poteri di alcuni soggetti superdotati, ma in più si può dire che in precedenza non si erano mai riscontrate in una sola persona una simile potenza psichica e tali facoltà extrasensoriali. Ma il fenomeno dell’accademico Grabovoi non si conforma al letto di Procuste della scienza ortodossa. Infatti oltre a confermare che nell’Universo esistono diverse realtà, tra cui alcune spirituali non manifeste, Grabovoi ha dimostrato in modo del tutto convincente come esse influiscono sulla nostra vita.

CAPACITÀ STRAORDINARIE DI TELEPATIA, DI MATERIALIZZAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE

Materializzazione e la dematerializzazione di oggetti, telepatia, guarigione di malati senza speranza, tra cui persone con il cancro, resurrezione di morti in presenza di esperti, rigenerazione di organi mancanti, non sono illazioni immaginarie, ma il lavoro quotidiano di un uomo straordinario che non ha cercato di apparire sugli schermi televisivi e non si è adoperato per procurarsi una fama insalubre. Grabovoi ha semplicemente  creato una Nuova Realtà nell’ambito della conoscenza, una realtà in cui scienza e religione non confliggono nello sforzo insensato di monopolizzare la verità, ma si coalizzano per raggiungerla.”

ULTRATERRENO LIQUIDATO DALLA SCIENZA E MONOPOLIZZATO DA RELIGIONI PERSECUTORIE

Negli ultimi secoli la scienza ha liquidato in modo troppo categorico “gli spettrali ambiti ultraterreni”. Il perché è comprensibile: le questioni di luce e tenebre, bene e male, Dio e diavolo, sono monopolizzate dalle religioni del mondo, le cui gerarchie hanno perseguitato con accanimento chiunque osasse intraprendere ricerche indipendenti su problemi spirituali per affermare qualcosa d’innovativo in questo campo. Per questo motivo “i dissidenti” che cercavano conoscenze non ortodosse preferivano il segreto, codificavano i loro testi con metafore che nemmeno Dante sarebbe stato capace di decifrare.

LE VECCHIE OPERE DEGLI ALCHIMISTI VENGONO ORMAI SUPERATE DA UNA NUOVA INSORGENTE CONOSCENZA

Le opere degli alchimisti, degli astrologi, dei rosacrociani e di altri massoni sono molto curiose dal punto di vista storico, ma estrapolare da esse quel granello di verità che darebbe un aiuto fondamentale alle persone nelle loro disgrazie, è lo stesso che cercare una perla nell’oceano. Lo impediscono la segretezza, l’ermeticità, l’oscurità intenzionali di queste correnti, di queste scuole e di queste discipline. Forse qualcuna di queste opere a un qualche livello contiene il segreto dell’Essere. Al momento è presto per parlarne, o forse è già tardi, poiché sta sorgendo una nuova conoscenza.

LA CHIAROVEGGENZA ODIERNA CONFERMA LA GIUSTEZZA DELLA TEOSOFIA

Una cosa è chiara: nella conoscenza dell’uomo, della natura, del passato e del futuro gli esoterismi a noi noti non sono usciti dall’ambito delle concezioni della scienza a loro contemporanea. Non ci addentreremo nelle tenebre della storia. Prendiamo un esempio della fine del XIX secolo, la teosofia, che sosteneva di offrire una conoscenza di Dio onnicomprensiva, un’elaborazione della concezione universale per collegare la scienza alla religione. Vantava nomi che risuonano in tutto il mondo, Blavatsky, Steiner, Krishnamurti, e una scelta di discipline da cui avrebbero preso il meglio, tipo induismo, brahmanismo, buddismo. Tramite il meccanismo della chiaroveggenza non è difficile verificare quante cose i teosofi abbiano compreso e intuito nel modo giusto, ma purtroppo la coscienza comune non è preparata a recepire la conoscenza da loro conseguita.

VIVERE SECONDO VERITÀ E SECONDO INTUIZIONE SPIRITUALE

La verità è nota già da tempo, non occorre cercarla, ma bisogna vivere secondo verità. Helena Petrovna Blavatsky, co-fondatrice della Società Teosofica nel 1875, scrisse infatti  nel suo libro “Iside Svelata” del medesimo anno:  Scienza e Religione unite sono infallibili poiché l’intuizione spirituale supera le limitazioni dei sensi fisici. Separate, la scienza esatta respinge l’aiuto della voce interiore, mentre la religione diviene una teologia meramente dogmatica. In definitiva ognuna, lasciata a sé, non è che un cadavere senz’anima.
Paola Botta Beltramo

http://accademiadellaliberta.blogspot.it/2017/12/grigorij-grabovoij-bernardino-del-boca.html

*****

COMMENTO

Ciao Paola. Ti ringrazio di questo tuo ottimo contributo. La cultura tradizionale dell’occidente è per troppo tempo rimasta staccata da quanto avviene nelle zone del Volga, degli Urali e del lago Baikal. Il mondo russo è una realtà troppo importante, troppo feconda e ricca di fascino per essere discriminata e lasciata fuori dai nostri criteri e dai nostri modi di pensare. Alla HSU lo abbiamo verificato in diretta ricevendo un medico eccezionale come Sergej Filonov e il suo digiuno a secco. Non siamo dei pivelli né tantomeno dei facili creduloni. Tendiamo anzi ad essere tutti dei San Tommaso, vogliosi di toccare le cose con mano. Tuttavia, essere aperti ai nuovi orizzonti e alle nuove frontiere della mente è una pre-condizione essenziale per il progresso del sapere, per non sclerotizzarci e rimanere culturalmente a secco.

PERPLESSITÀ, CRITICHE E TENTATIVI DI STRONCATURA NON MANCANO

Nel caso di Grigori Grabovoi non mancano ovviamente perplessità, critiche, accuse di sensazionalismo, di manipolazione, di visionismo, di ipnotismo, di illusionismo e di altre cose ancora. Ognuno è libero di pensarla come vuole. Di certo è che questo soggetto ha dato dimostrazione di enormi capacità sensitive, di pilotaggio della realtà grazie non solo alle sue doti innate, ma anche alla sua impostazione scientifica di fisico e matematico di alto livello e nel contempo alla sua impostazione emozionale-spirituale, basata sulla fede in se stesso e sulla consapevolezza dei suoi collegamenti col divino, ossia con l’energia cosmica di cui tanto parliamo in continuazione. Tutte cose poi nelle quali noi stessi crediamo fermamente.

QUELLO CHE SAPPIAMO È UNA FRAZIONE MINUSCOLA E INSIGNIFICANTE DEL TUTTO

La conoscenza umana basata sulla scienza ufficiale arriva forse al nocciolo delle cose per una percentuale dell’1% o forse nemmeno quello. Tutto il restante 99% appartiene al mistero e alle cose da scoprire. Prendiamo pertanto Grabovoij come un maestro di tecniche nuove, tecniche avanzate, tecniche di punta. Come un rompighiaccio che ci apre nuove vie.

A NESSUNO È CONCESSO DI STRAVOLGERE LA LEGGE DI CAUSA ED EFFETTO

La sua pretesa di guarire il cancro ed altre malattie coi numeri e con la forza della mente cozza con la logica non solo delle concezioni mediche ma anche con quanto pensiamo noi stessi in ambito igienistico. Al massimo gli possiamo concedere di ottenere sì grossi risultati in alcuni casi, ma sempre a condizione che i pazienti si attengano alle regole base di cibo adatto, pulizia interna e corretti comportamenti di contorno. Niente e nessuno al mondo fa saltare la legge di causa ed effetto, vero Grabovoi?

FINALMENTE QUALCUNO TOSTO AL PUNTO DI NON CREDERMI, GLI DIREBBE IL BUDDHA

La sua pretesa di superare persino i concetti del Buddhismo, i processi di reincarnazione, l’accettazione supina ed arrendevole dell’invecchiamento fisico e della impermanenza suonano offensivi, esplosivi ed eretici nei riguardi delle millenarie religioni orientali, ma solo in apparenza. Di certo che davanti al Buddha, Grigori Grabovoi se la caverebbe benissimo, più o meno come Eraclito, più o meno come Osho, più o meno come tutti i veri dissidenti. Non ha forse il Buddha ammonito i popoli per secoli e millenni, invitandoli a non credergli e a non dare per scontato niente di niente, ma di approfondire, cercare e sondare? Il grande maestro, gli potrebbe soltanto dire: Finalmente arriva qualcuno tosto e verace, capace di mandare all’aria tutto questo vecchiume incancrenito di credenze e di dogmi! Finalmente qualcuno che alla teorie scientifiche sa abbinare spiritualità e fatti concreti! Finalmente qualcuno che ha il coraggio e lo spirito innovativo di non adeguarsi, di non rassegnarsi e di non credermi e di smentirmi.

CHI È GRIGORI GRABOVOI

Grigori GrabovoiGrigori Grabovoi è uno scienziato russo i cui insegnamenti sul pilotaggio della realtà si stanno rapidamente diffondendo. Grazie alle sue capacità sensitive ha potuto elaborare delle sequenze numeriche con cui è possibile riportare nell’ “ordine divino” ogni disturbo psicofisico. Come ha affermato M.C. Escher (1898-1972, celebre incisore olandese), “Solo coloro che tentano l’assurdo raggiungeranno l’impossibile”.
I metodi per il pilotaggio della realtà e per il ripristino cosciente del benessere psicofisico, secondo Grigorij Grabovoij, sono anche per te una possibilità concreta di creare in modo assolutamente semplice la realtà che consapevolmente scegli, in funzione del tuo e dell’altrui benessere.

LA CHIAVE STA NEL PILOTARE LA CONSAPEVOLEZZA

Il mondo (realtà esteriore) e l’uomo (realtà interiore) sono strutture informative: “Se osserviamo il mondo, l’uomo inserito nel mondo e come esso vi si evolve e si sviluppa, possiamo constatare che tutti i cambiamenti si dipartono dall’uomo stesso”. Ciò significa che il mondo, la realtà esterna, viene strutturata secondo il consapevole o inconsapevole mondo interiore dell’uomo. “Il compito di ogni uomo è quello di imparare a pilotare la consapevolezza”, dice Grigori Grabovoi. “Ogni cosa nel nostro mondo possiede informazioni e queste informazioni possono essere modificate in una direzione positiva. Così facendo cambia anche il mondo – in meglio, ovviamente”.

IMPARIAMO INTANTO A METTERCI NEL GIUSTO PERCORSO SPIRITUALE

La chiave per la comprensione di tutto ciò che esiste nel mondo, nel corpo fisico dell’uomo e di come queste parti interagiscono tra loro, sta nella consapevolezza dell’uomo. “Non è facile portare la consapevolezza fino all’energia del puro spirito per percepire il sapere a livello dell’anima ed è ancor più difficile vedere ogni cosa e comprenderla realmente, ma si tratta di un percorso – il percorso della salvezza di ognuno di noi”.

DATI ANAGRAFICI E REFERENZE

Nato nel 1963 nel Kazakhstan, visse la sua infanzia in un piccolo paese. Già all’età di 5 anni iniziò a sperimentare fenomeni di chiaroveggenza pilotando consapevolmente determinate situazioni. Solo più in là nel tempo riconobbe di distinguersi dalle altre persone per queste sue capacità. Grigori studiò dapprima matematica e meccanica. In successione prestò servizio presso l’ente aerospaziale dell’Uzbekistan. Diventò membro dell’accademia internazionale dell’informazione, membro dell’accademia russa delle scienze e consigliere del servizio federale aereo russo.

SCOPERTE ORIGINALI DEL FISICO-MATEMATICO GRABOVOI

1) Esistenza del campo informatico creativo, che comprende ogni oggetto informativo in ogni luogo del continuum spazio temporale,

2) Metodi per la conversione dell’informazione di ogni azione in una forma geometrica conosciuta,

3) Concetti base della rigenerazione di ogni cosa in un qualsiasi intervallo di tempo, attraverso la trasformazione del tempo nella forma spaziale.

STRAORDINARI SUCCESSI IN CAMPO AERONAUTICO E SPAZIALE

Tramite le sue capacità sensitive gli fu possibile individuare difetti ed anomalie in aeroplani e velivoli spaziali, fornendo precise indicazioni su come ripararli per evitare sciagure ed incidenti – ad ognuna di queste irregolarità seguiva poi esatto riscontro da parte dei meccanici che in successione analizzavano le parti difettose da lui indicate. Tra le altre cose, sempre grazie alle sue straordinarie capacità, riuscì a fare in modo che si evitasse un disastroso incidente durante l’attracco della navetta americana Atlantis alla stazione orbitante MIR. Nell’occasione fornì preziose indicazioni su un particolare difetto tecnico ed il modo in cui risolverlo.

UN TALENTO NATURALE DI RICONOSCIUTA VERIDICITÀ

Il suo talento fu impiegato anche per riconoscere difetti su computer, macchine ed apparecchiature di ogni tipo, condutture, ecc., tutti oggetti di cui non aveva conoscenza specifica nelle loro singole componenti ma che riusciva tuttavia a sondare indipendentemente dal luogo in cui si trovano gli oggetti al momento dell’analisi e senza abbandonare la sua scrivania. Gli era sufficiente conoscere il numero di serie dell’apparecchiatura. Senza sapere come giungesse alle sue conclusioni, gli scienziati russi dovettero riconoscere ogni singola volta la veridicità delle sue affermazioni. All’epoca poté, quindi, fare in modo di evitare numerosi incidenti.

“NON MODIFICO GLI OGGETTI MA LE SITUAZIONI INTORNO AD ESSI”

Grabovoi constatò che ogni evento poteva essere modificato: “Le mie previsioni non sono fatali, io cerco costantemente metodi costruttivi a scopo preventivo. Non modifico nessun oggetto, bensì la situazione intorno all’oggetto.” Egli percepiva inoltre come un compito il fatto di sostenere altre persone nel plasmare correttamente la loro vita. Con l’andare del tempo, dunque, le sue eccezionali capacità e le sue doti di chiaroveggenza gli procurarono una grande notorietà e stima in tutto il territorio della Russia ed iniziò, pertanto, ad essere visitato da un numero sempre crescente di persone afflitte da preoccupazioni e problemi psicofisici. Grabovoi spiega i suoi successi per il fatto di correggere le situazioni del passato e le cause dei disturbi psicofisici, in modo tale che questi eventi non possano più produrre effetti nel presente. Tramite l’uso della consapevolezza e di determinate tecnologie, ogni individuo può pilotare personalmente la sua realtà ed il suo benessere psicofisico.

CHIUDIAMO CON UNA DELLE SUE POESIE, NON LONTANA DAI VERSI IMMORTALI DI PITAGORA

“Uomo!
Tu sei il mondo.
Tu sei l’eternità.
Tu possiedi una forza smisurata.
Le tue possibilità sono illimitate.
Tu sei l’incarnazione del creatore.
In te dimora la sua volontà,
attraverso la sua determinazione tu cambi il mondo.
In te ha sede il suo amore.
Ama tutto ciò che vive, come lui,
colui che ti ha creato.
Non amareggiare il tuo cuore.
Pensa il Bene.
Fai il Bene.
Il Bene ti ritornerà per lungo tempo.
L’amore ti regalerà immortalità,
la fede e la speranza saggezza.
La fede e l’amore
faranno rivivere le tue forze invisibili;
e tu raggiungerai ciò di cui sogni.
Immortalità, questo è il volto della vita,
esattamente come la vita è la traccia dell’eternità.
Crea per vivere nell’eternità
Vivi per creare l’eternità.”

Valdo Vaccaro