DISTURBI ALLE GAMBE E VENE VARICOSE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

DISTURBI AI POLPACCI E APPESANTIMENTO GAMBE

Valdo buon giorno, scrivo dalla Germania, mi chiamo Mario e sono una persona che si approssima ai 66 anni. Nel mese di Marzo di quest’anno, accusando disturbi ai polpacci ed appesantimento alle gambe, vado a visita medica.

VENE VARICOSE E RISCHIO TROMBOSI

il mio medico mi manda in ospedale per un approfondimento su vene e varici. Il risultato è “Vene varicose con possibilità futura di trombosi”. Nessun medicinale prescritto ma consiglio di operare per asportare il bluastro presente in alcune parti tra piedi e polpaccio e forse anche qualcos’altro che non ho ben capito.

RIMEDI OMEOPATICI DALLE PRECARIE PROSPETTIVE

Non volendo né l’una né l’altra, vado a visita da un omeopata che mi prescrive tre diversi prodotti omeopatici da prendere per tre mesi. Al quarto, mi aggiunge un altro prodotto a gocce più una polvere basica da sciogliere in acqua al momento del pasto. Poi una lista con cibi acidificanti e cibi alcalinizzanti da bilanciare. Come facilmente intuibile, comincio una ricerca in internet e nel girovagare conosco lei e mi viene subito spontaneo di scriverle.

BASTA ESSERE VEGETARIAN-CRUDISTI PER RISOLVERE IL PROBLEMA?

Vorrei chiederle pensate sia giusto quanto sopra esposto, o basta essere vegan per cercare di risolvere il mio problema? Mi rendo conto delle innumerevoli lettere ed e-mail che riceve per cui non voglio dilungarmi oltre. Se avrà del tempo per darmi una risposta le sono grato sin da adesso. Intanto la saluto cordialmente.
Mario

*****

RISPOSTA

L’OMEOPATIA È SEMPRE CUROMANIA MEDICA E COSTA PURE SALATA

Ciao Mario. Prima cosa ti raccomando di leggere le mie tesine in modo sistematico a partire dall’ultima, per addivenire a un linguaggio condiviso e comprensibile. Ti sconsiglio comunque l’omeopatia, terapia curomane inefficace, vaga, dispersiva e oltremodo costosa.

Ci sono casi in cui il flusso del sangue subisce ritenzioni, per cui le vene si ingrossano e diventano pure di colore bluastro, che è poi il colore del sangue stagnante. Il ritorno del sangue al cuore viene assistito dai movimenti muscolari degli arti inferiori. I polpacci provvedono infatti a un terzo dell’effetto pompante mentre si cammina.

LA SEDENTARIETÀ È MICIDIALE PER GONFIORI E VENE VARICOSE

Chiaro che se non ci si muove e facendo i sedentari la prima conseguenza sono le vene varicose. Anche una dieta priva di fibre vegetali porta allo stesso fenomeno. La pressione alla regione pelvica causata dai movimenti rallentati della massa fecale impedisce il flusso sanguigno di ritorno e causa vene varicose. Il sangue stagnante tende a  formare trombi e condizioni di flebo-trombosi. Se le vene poi si infiammano la patologia si chiama tromboflebite o flebite.

NON MANCANO I RISCHI CARDIOCIRCOLATORI

Se il coagulo si libera e circola per le arterie può causare un embolo, una otturazione, un pericoloso tappo. L’eccesso di pressione nell’intestino crasso ritarda pure il ritorno sanguigno trasformandosi in stato emorroidale. Nessuna di queste condizioni si presenta nei soggetti che seguano un programma aerobico inclusivo di jogging, camminate e corsa. Adottando pure una dieta correttiva di contorno delineata nel mio Vitto Valdiano si arriva a rimediare in modo naturale vene varicose e flebiti.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

2 commenti

  1. Dieta vegan, verdure frutta secca e fresca legumi semi, mi sono praticamente sparite!