LA MAGNIFICA ED ANTIDIABETICA BATATA ROSSA

da 11 Dic 2016Ortaggi

LETTERA

BATATA ROSSA, UN VEGETALE STRAORDINARIO

Ciao Valdo! Sbaglio o non hai ancora dedicato una tua tesina specifica alla batata rossa? Ti confesso che, nella mia ignoranza, non sapevo che questo umile e poco considerato tubero ha ben poco a spartire con la classica e rassicurante patata della nostra tradizione culinaria, infatti oltre ad appartenere a famiglie diverse (la patata alla Solanacee e la batata alle Convolvulacee) non sarebbe da considerarsi propriamente un tubero ma una radice tuberosa dalle mille forme.

FONTE INCOMPARABILE DI FIBRE, FLAVONOIDI E VITAMINE

Originaria dell’America del Sud contiene oltre a fibre, vitamine A e C, proteine, potassio magnesio, ferro e calcio. È inoltre ricca di flavonoidi e antociani e ha un grande potere antiossidante. Cento grammi di batata contengono quasi il triplo del fabbisogno di vitamina A giornaliero ed un terzo del fabbisogno di vitamina C.

BATATA ROSSA AI PRIMI POSTI TRA I VEGETALI PIÙ SALUBRI

Vegetale talmente straordinario che l’Associazione americana CSPI (Center of the Science in the Public Interest), in una classifica sui vegetali più salutari, ha messo la batata rossa al primo posto proprio per la sua elevata concentrazione di sostanze benefiche all’interno ma soprattutto nella buccia. È proprio il rivestimento esterno della batata rossa ad aver catalizzato l’attenzione di ricercatori e nutrizionisti di tutto il mondo. I ricercatori del CNR di Padova, in collaborazione con l’Università di Vienna, hanno indagato scientificamente le proprietà benefiche della batata concentrandosi sul caiapo.

IL CAIAPO È UNA AUTENTICA CONTROMISURA NEI RIGUARDI DEL DIABETE 2

Nella buccia si trova infatti questa particolare sostanza, il caiapo, in grado di limitare la comparsa del diabete di tipo 2 sia di migliorarne il decorso in soggetti che hanno già sviluppato la malattia. Le evidenze sono emerse da uno studio condotto ormai una decina di anni fa e confermato da studi successivi, nel quale 62 soggetti coinvolti, tutti affetti da diabete 2, erano stati suddivisi in due gruppi e sottoposti all’assunzione di 4 grammi al giorno di caiapo o placebo. Ebbene, dopo 12 settimane di trattamento, nei pazienti che assumevano caiapo si era registrato un’interessante diminuzione della glicemia a digiuno, dell’emoglobina glicosilata e addirittuta del colesterolo. Lo stesso “Diabetes Cares” giornale ufficiale dell’American Diabetes Association la colloca al primo posto per le sue proprietà nutrizionali

VEGETALE PREDILETTO NELLA REGIONE MERIDIONALE DI SHIKOKU

È stato inoltre dimostrato che nella regione giapponese del Kagawa, dove se ne fa larghissimo uso, sono pressoché inesistenti malattie come anemia, ipertensione o diabete. L’aroma di fondo è dolce con un’intensità molto particolare che distingue subito il tubero dalla cugina patata dolce americana da cui si discosta anche per il colore esterno rossastro. Di consistenza simile alla zucca si può cuocere al cartoccio o al vapore, versatile per preparare zuppe, minestre e creme ma anche risotti, ripieni, torte salate e dolci. A differenza delle comuni patate, la batata rossa può essere consumata anche cruda insieme alla buccia ben lavata (ottima ad esempio grattugiata nell’insalata) Elena Fasulo

FONTI

Fonti: La batata rossa, tubero dalle straordinarie proprietà, Batata rossa buona e salutare, Batata rossa: un tubero poco conosciuto, vero concentrato di salute, La batata rossa


RISPOSTA

DELIZIOSA, NUTRIENTE E CARICA DI VIRTÙ

Ciao Elena. Sulla batata rossa, coltivata attivamente anche nella fertile area di Latina, mi sono espresso in alcuni articoli, ma probabilmente non le ho dedicato una tesina. Hai fatto bene pertanto a segnalarla e ad esaltarla. Posso solo dire che nei miei frequenti viaggi in Giappone era uno dei miei pasti preferiti, cotta alla brace e dispensatrice di aromi e sapori incredibili. Ne vanno matte anche le scimmie Giapponesi, ovvero i macachi, animali che se ne intendono e che se le mangiano avidamente crude, inclusa la buccia ovviamente.

Valdo Vaccaro

Se l’articolo ti è piaciuto e vuoi supportare la mia attività lo puoi fare con una donazione libera.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

DISCLAIMER
Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita, non prescrive e non cura. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

UNA SPECIALE LODE AGLI ASPARAGI

UNA SPECIALE LODE AGLI ASPARAGI

L’asparago (Asparagus officinalis) rimane uno degli ortaggi più pregiati ed appetitosi, ed anche il più atteso in questo momento dell’anno, in quanto il primo...

Commenti

0 commenti

Lascia un commento

Scopri di più da VALDO VACCARO

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading