RADIAZIONI, AURA E PRANOTERAPIA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA
BIOTERAPIA E PRANOTERAPIA

Ciao carissimo Valdo, indispensabile amico quotidiano! Volevo solo sapere cosa ne pensi della bioterapia o pranoterapia, se avrai tempo e voglia di darci una tua opinione, anche se il tema devia un pò dall’igienismo e dal veganesimo! Può effettivamente risolvere certe patologie? E come è possibile, secondo te, che qualcuno possegga questa dote innata mentre altri no? La annoveri tra le discipline curomaniache o ritieni possa essere valida?

CI TENIAMO ALLA TUA OPINIONE

La mia è semplice curiosità di conoscere la tua opinione, considerata la stima che ho di te e visto che ormai quando mi trovo davanti ad un interrogativo o esperienza nuova mi chiedo sempre: “Come la considererà Valdo questa cosa?” Grazie per tutto quello che fai per noi!
Silvia

*****
RISPOSTA
UN DISCORSO DI FLUSSI MAGNETICI, DI RADIAZIONI E DI AURA

Ciao Silvia. Direi che bioterapia e pranoterapia meritino tutta la considerazione possibile. Del resto questo risulta implicito da quanto affermo spesso circa il potere radiante e vibrazionale Angstrom. Intendo quel fluido magico chiamato aura, che si estende per un raggio di 6 metri circa, e che emettiamo quando siamo in condizioni psicofisiche e spirituali ottimali. Nel caso di aura grigio-nera da sindromi depressive e patologiche si ha l’effetto contrario e diventiamo buchi neri assorbitori di potrete radiante, per cui non possiamo sicuramente trasmettere energia al prossimo.

L’ESPERIENZA DEL GRANDE UDINESE ANTONIO GRASSI

Pertanto posso dire che non sottovaluto questo tipo di terapie, ancorché siano spesso coadiutive e di contorno. Occorre inoltre sperimentarne direttamente gli effetti mediante i nostri sensori. Ricordo ad esempio quanto mi confessava spesso il piccolo calzolaio ma grande scienziato-ricercatore udinese Antonio Grassi, inventore delle solette terapeutiche circolanti a quel tempo nelle maggiori farmacie italiane, oltre che costruttore hobbistico di straordinari strumenti bio-elettrici.

PERCEZIONE OTTIMALE SENZA IL TOCAI

Mi diceva che lui riusciva a percepire con chiarezza l’aura delle persone che lo venivano ad incontrare a Udine in zona Chiavris, dando loro una certa votazione salutistica. Aggiungeva però che questo non avveniva sempre. Bastava che avesse assunto un bicchiere di vino nelle ore precedenti e il suo potere sensoriale-percettivo subiva una notevole decurtazione.

PRIORITÀ ASSOLUTA ALLA IMMUNOCOMPETENZA

Il rischio dunque sta nell’incontrare illusionisti e millantatori, o anche dei terapisti dotati sì ma limitati in quel momento da uno stato precario di forma che dovrebbero auto-denunciare e riconoscere, rinunciando al compito e al compenso. Occorre anche aggiungere che serve sempre il senso del limite e della misura. Prese da sole, senza il supporto di un convincente e coerente sostegno alla immunocompetenza, finiscono per svanire e sbollire come altrettante bolle di sapone.

ESISTE UN ESERCITO DI VALIDI RIFLESSOLOGI E DI OTTIME MASSAGGIATRICI

Per il resto, esiste una massa di terapeuti seri e qualificati che danno dimostrazioni pratiche delle loro doti in tutto il mondo. Si parla di radioestesia, di geobiologia, di microterapie cinesi e tibetane, di pranic healing, di reiki, di riflessologia plantare, di diluizioni omeopatiche (alla omeopatia credo onestamente assai poco).

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
1 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x