CHE COS’È IL SUDORE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

DEFINIZIONE DEL SUDORE

Il sudore è un liquido incolore e simile all’orina, a contenuto salino. È costituito da soluzione acquosa diluita di sostanze organiche, come acqua al 99%, urea, acido urico, ammoniaca, acidi grassi caprilico e capronico, creatinina, acido piruvico, e di sostanze inorganiche come cloruro di sodio, solfati, fosfati e altri minerali ancora. Viene elaborato e secreto dalle ghiandole sudoripare nella quantità di quasi un litro al giorno, ad alleviamento dell’improbo lavoro dei reni nell’espulsione del materiale tossico. Il sudore in espulsione contribuisce alla regolazione della temperatura corporea ed alla eliminazione delle scorie interne.

IMPORTANZA FONDAMENTALE DEL GIUSTO CARBURANTE ALIMENTARE

La produzione del sudore è regolata dalla sezione vagale del sistema neurovegetativo. Sudare intensamente sovraccarica l’attività del fegato in azione antitossica. Da qui l’importanza di essere vegetariani e vegani e di puntare a cibi tendenzialmente crudi, acquosi e vitali. Tutto questo per mantenere nella massima efficacia fegato, cistifellea, reni e sistema cutaneo.

Fanno sudare il lavoro, gli esercizi, il vapore, i bagni caldi, le camminate, ma anche gli stati febbrili, le emozioni, l’isterismo, l’ipertiroidismo, i turbamenti psichici. Il sudare rientra pure nelle cure disintossicanti e dimagranti.

SOVRACCARICO IDRICO E RIASSESTAMENTO IDRICO NOTTURNO

Se il bilancio idrico non viene rispettato durante il giorno, è ovvio che il corpo espelle il sovraccarico idrico durante la notte, mediante l’iperidrosi notturna, con sudori abbondanti che a volte bagnano letteralmente le lenzuola. In questi casi, oltre una doccia tiepida, occorre anche liberarsi prontamente del pigiama e delle lenzuola bagnate.

EVITARE I DEODORANTI E MIGLIORARE LA PROPRIA DIETA

Sudorazione e sudore non sono malattie contro le quali scagliarsi, ma fenomeni naturali e sintomi di motivazioni a monte. Assurdo ed inconcepibile dunque l’uso di prodotti antisudoriferi. Sarebbe come scatenarsi contro la febbre a suon di tachipirina.

Occorre piuttosto osservare una dieta leggera e correggere gli eventuali errori di comportamento nella propria vita giornaliera. Un infuso alla menta, addolcito con un cucchiaino di miele, preso dopo i due pasti principali può attenuare l’odore della traspirazione.

In ogni caso il problema dell’odore non si risolve affatto coi deodoranti e con gli antitraspiranti. L’odore del corpo è una questione di chimica interna, e di squilibri costituzionali, oltre che alimentari. Chi mangia carne, e soprattutto chi consuma pesce, non può non emettere odore sgradevole. Idem chi fa uso di integratori scarsamente assimilati, dove il corpo manda fuori pesantissimo odore di chimica senza che il soggetto coinvolto se ne accorga nemmeno. Idem chi usa aglio, chi usa salse al curry, chi fuma e beve caffè.

LA RESPIRAZIONE LUNGA ED ADDOMINALE CONTRASTA L’ANSIETÀ

In generale, il caso più comune è lo stato di ansietà, di panico, di disordine fobico, di isterismo, di menopausa, di ipocondria, di obesità, di disfunzioni linfatiche. Anche l’eccitazione sessuale può produrre maggiore traspirazione, e in questi casi occorre fare esercizi di rilassamento e di respirazione.

La gente infatti produce cattivi odori perché soffre di insufficienza escretoria, causata da inefficienza degli organi emuntori. Stitichezza e ritenzione di urina sono dunque i motivi classici del cattivo odore corporale. Niente di meglio che radicchio fresco, tarassaco o pisselit, carciofi crudi e cotti, finocchi, centrifugati di carote e di ananas.

PELLE E RENE SONO GLI EMUNTORI DELL’ORGANISMO, LE SPUGNE SCARICATRICI DEL MATERIALE ESAUSTO

Pelle e rene sono i due grandi organi emuntori dell’organismo, gli organi che ripuliscono il sangue, lo filtrano e ne tolgono le scorie. Dovremmo rallegrarci del nostro sudare, più che lamentarci sempre. Le ghiandole del sudore sono dei sottili e lunghi tubicini arrotolati come dei gomitoli, similmente ai tubuli renali chiamati glomeruli. Ed è attraverso la lunghissima estensione di micro-condotti raggomitolati che si filtra il sangue portato al rene dai grossi vasi, e alla pelle dai capillari.

Per concludere, la traspirazione non è un fatto patologico ma un sintomo la cui causa sta a monte. Il corpo, messo nelle migliori condizioni funzionali dalle giuste scelte alimentari e comportamentali operate, è finalmente in grado di smaltire le acque di ritenzione e i grassi eccessivi accumulati, è finalmente in grado di riequilibrarsi e di attuare un processo depurativo come si deve.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x