TINTORETTO BRASS E LA VITAMINA F12

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

L’estremamente grande e l’estremamente piccolo si toccano

Nell’universo ci sono migliaia e milioni di stelle.
Dipende tutto dal cannocchiale o dal telescopio che hai.
Già a occhio nudo ne scorgi parecchie.
Volerle contare, anche con approssimazione, sarebbe una demenziale follia. Peggio che contare quante gocce d’acqua stanno nell’oceano.
Persino voler dare delle dimensioni, anche in trilioni di chilometri e di anni-luce, alle pareti e ai confini del creato, fa pure sorridere, anche se parecchi ricercatori in vena di umorismo stanno cercando di farlo, per la tipica mania umana di voler quantificare ogni cosa, di voler metterci il centimetro e il picogrammo persino ai sentimenti, persino alla bontà ed alla cattiveria.

Darwiniani e teologi a confronto

I darwiniani odierni continuano insomma ad arrampicarsi sugli scivolosi specchi dell’evoluzionismo, al pari del resto dei teologi apologetico-razionalisti e a quelli morali-laici (casistici, ascetici e mistici), e a quelli naturali alla Leibniz, tutti in gara a bruciarsi le meningi per provare che dietro il Big Bang non c’è il caso ma la mano sapiente del Creatore.
Gli unici che non scivolano mai da nessuna parte, ma non per questo sono più vicini alla verità, sono i teologi dogmatici e storici, quelli che si ancorano in ogni istante alle sacre scritture, o meglio a una parte soltanto di esse, scartando vangeli apocrifi e altri documenti scomodi e pertanto non ispirati da Dio.

Attenzione a non prendere la direzione sbagliata

Ma per l’uomo della strada, quell’impertinente e misterioso firmamento che sta, non si sa bene se sopra o sotto di noi (che non sappiamo nemmeno se stiamo a testa in su o a testa in giù mentre camminiamo per strada o giriamo in auto), è una cosa da non guardare.
Ti può sempre venire il capogiro.
Tanto più che, se il magnetismo terrestre dovesse per capriccio incepparsi, potremmo anche cadere fisicamente verso l’alto, come si suppone facciano le anime dei morenti e le anime degli animaletti ammazzati dai bipedi futuri morenti.
E se il Paradiso si trovasse poi dall’altra parte, nei cieli astrali della Nuova Zelanda?
Sarebbe una bella fregatura, sbagliare direzione all’ultimo istante e finire agli antipodi dell’Eden.

Il firmamento buono al massimo per l’oroscopo

Per l’uomo comune, il firmamento è buono al massimo per capire se domani sarà il giorno giusto per tradire la moglie, o per chiedere al principale un aumento di stipendio, o per giocare al lotto e al totocalcio, o per seminare il radicchio senza che vada velocemente in seme.
Volendo proprio guardare in alto, selezionerebbe al massimo quelle che contano di più, tipo il Sole, perché è lì a due passi, e ne sente anche il calore, la stella Alfa o Polare dell’Orsa Minore, perché gli dà
l’orientamento, e la costellazione dell’Orsa Maggiore perché quattro delle sue sette stelle disegnano il carro e tre sono a forma di timone, colpendo la sua fantasia immaginativa, fatalmente legata alle sue cose concrete, tastabili e palpabili.

Tinto Brass e Margherita Hack

Se mettessimo all’interno di un osservatorio astronomico il maggiore artista della cinematografia italiana, il settantaciquenne Tintoretto Brass, in arte Tinto, magari a fianco della Margherita Hack, non perderebbe certo tempo a osservare anonimi timoni e carri.
Farebbe semmai una competente indagine geometrica sul didietro della simpatica astronoma, la quale, costantemente assorta tra Dio e le stelle, intelligente e sbarazzina quale poi è, farebbe una risata e non si offenderebbe per niente.
Poi, passato al telescopio, il nostro eroe andrebbe a cercare lassù (o laggiù) la via più lattea che c’è, quella più paragonabile alle propaggini anteriori e posteriori della Dellera, della Grandi, della Caprioglio, e della Claudia Koll, ovvero delle sue artiste preferite.
In un provino, capisco più dal di dietro e dalle tette che dal volto in sé. Nel culo poi c’è tutto il dna di una donna. Da come lo dondola, vedo pudore, sensibilità, carattere, pensiero, ha dichiarato Brass al suo intervistatore Giancarlo Perla (Il Giornale 19/1/2009).
Come dargli torto?

Il sedere come specchio dell’anima

Tu Tinto sei un illuminato, meriti di stare con noi a lungo.
Uno che si innamora di ogni donna partendo dal di dietro, e arrivando solo alla fine agli occhi, è una persona ispirata e di larghe vedute.
Il tuo libretto L’Elogio del Culo, non l’ho ancora letto, e lo andrò a cercare in libreria.
Il sedere è lo specchio dell’anima, non è pornografia, ma alta spiritualità.
Nessuno ha una visione serena del sesso come me stesso, non è auto-elogio, ma raffinata critica cinematografica.
I miei film dovrebbero essere proiettati nelle scuole, non è provocazione, ma politica didattica e scienza della comunicazione.
Gli altri fanno scene di sesso angoscioso e i ragazzi poi diventano serial killer, non è esaltazione pubblicitaria di ruolo, ma scienza psicanalitica.
Dire poi che Tolstoj, vegetariano puro quasi quanto te, lo faceva ancora a 80 anni, e che per battere la prostata bisogna avere 24 eiaculazioni al mese (per cui rispetti sempre questa regola), non è scientifico, lasciatelo dire, per via del numero che è sempre individuale, variando a seconda che tu abbia a disposizione la Gemini e la Melandri, che ti stimolano assai, o la prima bionda che passa per la strada, o al limite la mano sinistra e un profilattico (come usa fare il mio amico Edo).

Un secchio di ghiande in testa dalle femministe

I tuoi giudizi sui politici sono notevoli.
Da Ignazio La Russa, esibizionista siculo e focoso, e dunque interessante, all’impettito guardiacaccia
Di Pietro, all’imbalsamato Veltroni, al lagheriano Fassino, al Putinofilo Berlusconi, al D’Alema sottile ambasciatore della corte Borgia, che compone, da un bordello romano, i messaggi papali destinati alla Serenissima.
Ogni opinione è una pennellata artistica ed anche un graffio che lascia il segno.
Come quello contro le femministe italiane che ti hanno rovesciato un secchio di ghiande in testa, per darti ignobilmente del maiale, continuando esse a non capire un tubo (anche se poi quello se lo sognano giorno e notte).
O come quella contro Nanni Moretti, che è onesto ma fa un cinema lassativo che finisce per stomacare..
O come il saluto con cui hai licenziato il bravo Giancarlo Perla, che nonostante ti chiamasse Maestro, com’è giusto che sia, si è sentito dare del muffito bacchettone.

Un autore che si diverte e che fa pure divertire

Tinto Brass non si limita a dipingere e a fare pellicole di arte sopraffina, ma fa pure lo scrittore, ed è anche un igienista quasi-naturale, come confermato dal suo brio, dalla sua intelligenza, dalla sua vitalità
Un artista come lui è giusto che pensi alla salute, sia per sé, a livello egoistico, in quanto è uno dei pochi che si diverte e sa ancora divertire, nonostante i tre quarti di secolo sul groppone, sia per il pubblico internazionale e per l’Italia, che fa finta di ignorarlo, ma in realtà segue con morbosa attenzione ogni sua mossa ed ogni sua parola.
Come autore cinematografico, da lui c’è tutto da imparare e da ammirare.
Non c’è al mondo uno che regga al confronto.
Quelli del Nobel e degli Oscar più che rabbia fanno pietà e commiserazione, essendo rimasti ai tempi di Grazia Deledda e di Alida Valli.
I premi ed i riconoscimenti glieli daranno alla memoria, forse tra mezzo secolo.

Lascia stare il pesce ed ispirati al tuo celebre concittadino Luigi Cornaro

Come igienista, però, un consiglio glielo vorrei dare, in tutta sincerità, da amico ed ammiratore.
Lascia fuori dalla dieta il pesce, caro Tinto.
Non è la prima volta che ti provoca l’indigestione e ti lascia per strada.
Puoi fare a meno pure del tuo inseparabile sigaro, tanto più che quello vero ce l’hai sempre con te.
Te lo dice uno che vuole vederti pimpante e dissacrante per almeno 30 anni ancora.
Anche perché la tua Venezia è patria pure di un certo Giovanni Giacomo Casanova, re dei libertini da un lato, e di Luigi Cornaro, re degli igienisti dall’altro, che l’America ci invidia almeno quanto Leonardo Da Vinci, per il suo memorabile libro La vita sobria.
Vita sobria limitata chiaramente alla tavola e al mangiare, e non certo a tutto il resto, che nel caso tuo ha rilevanza fondamentale.
Togliere culo e tette a uno come te, sarebbe come decapitare la Statua di Cheope o arrotondare le Piramidi.
Lasciatelo dire Tinto, sei un grande.
Un badante internazionale per miliardarie annoiate

Come pure è grande Helg Sgarbi, anche lui in corsa per la gloria, ma finito incredibilmente in carcere, sotto l’infamante accusa di fare il badante internazionale di miliardarie sole ed annoiate.
Che premio dare se non il Nobel dell’Intrattenimento a uno che riesce a far divertire le donne più ricche del mondo, come la niente male Susanne Kletten, azionista leader della BMW e di varie industrie farmaceutiche, dotata di un patrimonio da 10 miliardi di €, a cui ha spillato 7 milioni di €, pretendendone pure altri 49 e concedendole un generoso sconto di 14?
A uno che si concede graziosamente alle amiche di Susanne, come la Marie Luise che gliene dà altri 2 milioni, oppure alla Monika con la quale si ferma alla modesta cifra di 300.000?
A uno che prende amorevole cura di un’altra quindicina di signore tedesche alla ricerca del lover capace di mantenerle sessualmente vivaci e interessanti?
Non abbiamo modo di conoscere le abitudini nutrizionali di Sgarbi.
Ma l’eccesso di egoismo e di cattiveria non parlano di certo a suo favore, a livello comportamentale.

Un incontro ravvicinato senza protezioni di plastica

A Helg Sgarbi dovrebbe essere assegnata questo sì, una cattedra di docenza in educazione sessuale d’ alta quota nelle scuole maschili di ogni grado.
Chi meglio di lui incarna il mito intramontabile dei Casanova e dei Rodolfo Valentino?
Chissà cosa gli faceva a queste valchirie assatanate di sesso.
Certamente non usava il preservativo.
Né per il randello né per la testa, visto che l’azienda vaticano-bolognese Hatù non è riuscita ancora, a completare il progetto per lo scafandro anti-AIDS.
Vuoi che una donna sfili tutte quelle banconote per procurarsi un incontro ravvicinato a base di plastica?
Non diciamo fesserie.

L’amore non è bello se non è riccatatello

Ogni cosa procedeva in modo magnifico e perfetto, ma ha poi preso una stridente ed umiliante piega nel finale, dove il neo-Cagliostro Helg Sgarbi termina indecorosamente dietro le sbarre.
Tutto per essere troppo venali e non sapersi accontentare.
Aveva un harem invidiabile, che nessuno sceicco d’Arabia oserebbe mai sognare, potendo esso stravaccarsi a piacimento su una BMW ultimo modello con il cruscotto dorato, ma non certo stendersi a letto come lo Sgarbi con una arrapata presidentessa della illustre casa automobilistica germanica.
Aveva il mondo ai suoi piedi, e ha rovinato tutto con la sua sciocca ingordigia.
L’amore non è bello se non è litigarello, è stato da lui trasformato in L’amore non è bello se non è miliardarello e ricattatello, e alla fine se l’è presa nel sedere.
Tutto sommato si merita il carcere. Gli servirà per scrivere le sue piccanti memorie e guadagnarsi quei soldi extra che pretendeva dalla povera Susanne, che ha trovato in lui più che un amante un autentico e miserabile aguzzino.
Come dire, fare del bene a questo mondo non porta sempre e necessariamente a un premio.

Un miliardo di lire a notte, e senza nemmeno lo sconto per comitive

A Tokyo, le signore bene pagavano negli anni scorsi 1000 US$ a botta i loro gigolò, a patto che tenessero la bocca chiusa. E pareva già allora una cifra spropositata.
Due ore dal parrucchiere per 200 dollari anche-anche, ma 1000 dollari per una veloce scopata di un’ora sapeva di esagerazione.
Eppure succedeva. Fatte quattro operazioni di calcolo, la Susanne, immaginando che si sia incontrata con lui 15 volte, gli aveva sganciato la modica bazzecola di 1 miliardo di lire a notte.
Ma sbaglio o le donne stanno diventando peggio degli uomini, non appena si ritrovano con due soldi da spendere in tasca?
Niente contro il farlo. Fa parte della loro libertà e della loro scelta.
Ma è mai possibile che non riescano almeno a farsi applicare lo sconto per comitive?
E poi ci si scandalizza se qualche disgraziato marito, oppresso dal datore di lavoro e dalla moglie-carabiniere porta una miserabile banconota da 50 o 100 € a una badante brasiliana o africana a ore di fronte a un falò della periferia?

Torniamo alla faccenda dell’estremamente piccolo

Stacchiamoci ora dalle cose terrene e mercenarie che sono sempre più romanzesche e rocambolesche degli stessi romanzi, e torniamo alla straordinarietà dei cieli e dell’universo.
La nostra immaginazione si perde nell’immensità e negli spazi siderali.
Quasi per pareggiare i conti, l’uomo ama anche andare diametralmente nella direzione opposta, e torna dunque verso la Terra, non alle dimensioni tonde e lisce di Tinto Brass, e nemmeno a quelle ricattatorie di Helg Sgarbi, ma alle dimensioni dell’ultra piccolo, di quelle cose dove il comune microscopio non basta, e serve il radio-microscopio ad alta magnificazione.

Le vitamine di Vladimir Funck e la vitamina F di un bel tempo che fu

Le vitamine furono scoperte tra il 1911 (Vladimir Funck) e gli anni 30, mentre per la B12 si dovette aspettare il 1948, essendo essa la più sfuggente e strana di tutte le altre.
In Friuli, dove la lingua differisce assai da quella italiana, e dove i ragazzi di un tempo non andavano ad infumarsi-cocacolizzarsi-imbirrarsi-sballarsi nelle rumorose discoteche, ma piuttosto preferivano rilassarsi nelle salubri e bucoliche balere all’aperto, o nelle sale da ballo del liscio dove fare un lento con una donna era il massimo dei traguardi erotici di allora, si parlava di vitamina in termini molto originali.
Serve vitamina F, significava bisogno di femmine, o più concretamente bisogno di quella parte che comincia pure per effe, mentre Serve vitamina B significava l’esatto contrario, riferito alle ragazze più vogliose che a quel tempo abbondavano, e che oggi, a parte Susanne e amiche, sembrano essere scomparse dalla circolazione.
Era tutto sommato una società sana e divertente, dove il sesso era il massimo obiettivo fisico, spirituale, religioso, artistico, economico, sportivo e ludico.
Tutto il resto veniva rigorosamente dopo.

Dal panettiere allo spazzacamino, tutti pazzi per la B12

Oggi, in una società tutta malata e medicalizzata, si parla di vitamine solo in senso reale.
Non c’è persona al mondo che non abbia sulle labbra il termine vitamina.
Vitamina C? Nemmeno per sogno. Quella è una banale sostanza che si prende per pochi spiccioli sul banco di qualsiasi farmacia.
Vitamina E? Nemmeno. Si sa, è quella della fertilità. Ma a chi interessa oggi la fertilità.
Forse, se inventassero una anti-E, potremmo anche pensarci.
Eliminerebbe l’uso della pillola e degli altri anticoncezionali.
Vitamina A, D, PP? Nemmeno quelle. Troppo spurie e anonime. E poi chi soffre mai di pellagra oggi?
La sola vitamina degna di tale nome è la vitamina B12.
E la vogliamo prendere tutta naturale dalle carni, dal pesce, dai formaggi e dalle uova.
Ma ce ne sono altre, dalla B1 alla B20. No, nemmeno quelle.
Solo la B12. Quella è il nostro marchio, la nostra bandiera.
Dal panettiere allo spazzacamino, dal cantante rock al luminare di medicina, tutti pazzi per la B12, da prendersi preferibilmente con la carne.
Le pasticche di B12? Quelle le lasciamo ai vegetariani spinti e ai vegani, costretti a integrare le loro idiote diete biologiche e non-crudeli.

Novant’anni e non sentirli

A Torino, la gente tende a leggere più il quotidiano popolare TorinoCronacaQui, che il giornale ufficiale La Stampa, e non passa giorno che non ci sia anche qualche articolo di carattere dietologico e salutistico.
Il 17/1, non sotto la rubrica Le Opinioni, ma bensì sotto quella più dogmatica e sacra I Fatti, c’era un articolo assai intrigante, dal titolo Novant’anni e non sentirli (Ecco la Dieta). con un elenco di cibi Salvavita che garantirebbero a tutti di arrivare a 90 anni di vita arzilli, sani e pieni di energia.
A tutti, ma non a Tinto Brass, che ci arriva in ogni caso a ritmo di frutti esotici chiamati protuberanze muliebri, indipendentemente da quello che mangia.
Kiwi per gli occhi (qualche frutto occorre pure metterlo sennò i vegetariani dicono che sei un degenerato), uova per il cervello e pesce per il cuore.

L’uovo carico di che cosa se non di B12, la vitamina per eccellenza

C’è poi il primo piano di una terrina di vetro con una manciata di uova appena sgusciate e con altre uova intere di contorno. La legenda sotto la foto-colori dice testualmente Testa d’uovo ricco di B12.
L’articolo aggiunge poi che gli scienziati inglesi hanno stilato un elenco delle sostanze capaci di garantire vita lunga e attiva.
Neanche una parola sulla British Nutrition Foundation, che è una delle tante fondazioni private, sponsorizzate probabilmente dagli avicoltori inglesi.
Quegli stessi allevatori che fecero grosse proteste contro i provvedimenti relativi alle uova sporche di salmonella un paio di anni fa, attentissimi ovviamente a promuovere la loro mercanzia, fatta di cadaverini di pulcino e aborti di pulcino, dannosissimi per la salute di piccoli, adulti ed anziani.

Battere il ferro finché è rovente. Terrorismo e diseducazione.

Per gli occhi serve più luteina e zeaxantina, sostanze che si trovano nei kiwi, nell’uva, negli spinaci e nei broccoli.

Per prevenire l’alzheimer e le altre malattie del cervello sono invece d’obbligo la B12, l’acido folico (citato con fastidio e indifferenza, essendo un vegetale e per giunta eccellente sostitutivo della B12) e gli acidi grassi Omega-3 (intendendo sempre quelli del pesce perché, secondo questi ricercatori prezzolati e da strapazzo, gli Omega-3 nei vegetali non esisterebbero nemmeno).
La B12 infatti si trova nel pesce, nella carne e nelle uova, il secondo (notare il fastidio a scrivere l’acido folico o B9, e tantomeno a spiegare a cosa serve mai) in una serie di verdure e nelle arance, i terzi nel pesce grasso come le acciughe, il salmone e lo sgombro.
I produttori di mummie e di materiale cimiteriale non perdono un colpo e arrivano su tutti i giornali, incluso gli underground e gli Internet.
Occorre infatti battere il ferro finché è rovente.
E il becero martello B12 dei monatti continua a suonare a morto e a terrorizzare vegani e vegetariani, che in realtà stanno benissimo coi loro bassi ma giusti livelli di B12, e a far gongolare carnivori pieni di pericolosa B12 e di alto rischio cardiaco-diabetico-neoplasico-alzheimico.

I vantaggi della dieta vegetariana

Sempre su TorinoCronacaQui, il 22/1, appare un altro articoletto dal titolo I Vantaggi delle Dieta Vegetariana, forse un onesto tentativo di controbilanciare lo sbandamento filo carnivoro di cui sopra.
Essere vegetariani ha i suoi vantaggi: meno incidenza dei casi di diabete e di obesità, ma anche meno casi di ipertensione e meno problemi coronarici.
Non bastano però le verdure, dice Bernard Guy-Grand, dell’Istituto Francese per la Nutrizione.
Il segreto è associarle a legumi e cereali, un binomio che produrrebbe proteine molto simili a quelle presenti nella carne.
Anche in questo caso la disinformazione è evidente.
Le proteine della carne, carissimo Bernard, non devono infatti essere sostituite con niente.
Se uno si droga e si avvelena con una determinata sostanza, non andrai mica a dargliene un’altra in sostituzione?
Non basta dire alla gente mangia frutta e verdura. Devi anche insegnargli perché.
La gente ha perso l’istinto per il suo carburante, e deve dunque essere messa a dieta purificante, deve essere poi riabituata alla frutta.
L’articolo ora citato indica una verità, ma la dice male, ed è pertanto diseducativo.

La vitamina F5 dell’Università di Cambridge. Frutta 5 volte al giorno.

Parliamo a questo punto dell’argomento clou di questa tesina, ovvero della vitamina F5, che è mille volte più basilare della banalissima B12.
F5? Da quando in qua? Mai sentito una vitamina simile.
La F5, signori miei, significa semplicemente Frutta 5 volte al giorno, cioè 5 per Day.
La formula 5 per Day, cioè 5 pasti sazianti minimi di sola frutta al giorno, ha fatto il giro del mondo e tutti ne parlano.
Essa è in linea con il maggiore esperimento nutrizionale della storia umana, il Cambridge2000, durato 20 anni e coinvolgente 40 mila persone.
Un esperimento che ha avuto uno strepitoso successo scientifico, chiarendo che soltanto con quel tipo di dieta ci si salva dal cancro e dalle cardiopatie, ovvero dai killer numero 1 e 2 della presente umanità.

Frutta 5 volte al giorno, significa chiaramente, per i ciechi e i sordi che non l’hanno ancora capito, dentro e fuori i circoli vegetariani e vegani, niente carne, niente pesce, niente uova, niente latte, niente vitamine sintetiche e niente integratori minerali.
Niente cioè stampelle chimiche di nessun tipo.

La rivoluzione crudista e fruttariana più importante di quella francese e di quella russa

Una vera rivoluzione.
Più importante e radicale di quella francese e di quella sovietica messe assieme.
Gli ostacoli e le insidie non stanno tanto nei macellai che macellano (su ordini dei clienti che chiedono carne), e nemmeno sugli allevatori che allevano (su richiesta dei macellai).
La resistenza viene dalla pigrizia e dalle incrostazioni mentali delle scuole, dai professori, dai nutrizionisti, dai cuochi, dagli pseudo-vegetariani che pensano di fare sacrifici etici in nome di un Dio scemo che li ha forniti di un corpo filo-proteico da integrare con vicarie azioni proteiche, vicarie azioni vitaminiche e vicarie azioni minerali.

I vegetariani pericolosi che credono tuttora al cibo cotto e agli integratori

Sembra assurdo, ma i peggiori nemici dei vegani sono spesso proprio i vegetariani.
È in queste ore che vengo ad apprendere da una vegetariana di ferro, all’interno dell’AVA, mette in discussione il concetto di minerale organico e di minerale organicato delle piante.
Mi sono cascate letteralmente le brache.
Complimenti e grazie per l’uscita.
Non da me, ma dalla Coca-Cola, dai casari del mondo, dai cuochi incipriatori e distruttori, dalla Pfizer, e da tutti i Supermercati.
Basta che un vegetariano faccia la follia di impostare la propria vita sulle supplementazioni, per autorizzarlo a credere che quella è la strada giusta.
Troppo comodo signori.
Torniamo indietro di 50 anni. Torniamo a dare ragione alla defunta Macrobiotica e al riso integrale strabollito di Ohsawa che ha spedito all’ospedale migliaia di seguaci negli anni passati.
Torniamo a dar ragione a chi dissolveva chiodi nei bicchieri di Coke.
Torniamo a far bere acque dure e ferruginose agli anemici.
Torniamo a far bere bidoni di latte alla gente, per farla guarire dalla osteoporosi.
Torniamo a mandare in voga le diete Atkins supplementate.

Una disfatta culturale. Un far ridere a crepapelle l’avversario.

Questa non è un armistizio, ma una disfatta culturale.
Roba da far ridere a crepapelle chi sta monitorando le nostre mosse.
Avverto tutti gli amici vicini e lontani che d’ora in avanti non accetterò più etichette di nessun tipo.
Rifiuto che mi chiamiate vegetariano o vegano o igienista.
Sono soltanto un ricercatore indipendente che ritiene di avere le idee chiare e che cerca divulgarle, sulla base non di pregiudizi scientifici o ideologici, e neanche sulla base di posizioni comode e convenienti a un certo gruppo di appartenenza piuttosto che ad un altro, ma sulla base dei dati che esistono già, fuori e dentro i circoli.

Confondere crudo e cotto, minerale inorganico e minerale organicato, non è da vegani nel 2009

Confondere nutrizione con supplementazione mineral-vitaminica, confondere nutrizione con effetto sberla,
confondere minerale organico-natural-organicato con minerale inorganico, confondere vitamina naturale con vitamina sintetica, non è cosa da vegetariani e nemmeno da animalisti nell’anno 2009.
Se qualcuno intende mettere in discussione dati basilari, evidenti, lapalissiani, non ci siamo affatto.
Mi si vengono a chiedere esperimenti e prove?
Se i cavoli crudi si digeriscono in 2 ore e quelli cotti in 4, ci sarà pure un motivo.
Se il latte non regala calcio ma lo ruba e produce osteoporosi, ci sarà un motivo.
Se il succo d’arancia in scatola, pieno di vitamine e minerali inorganici, ti pesa e ti danneggia mentre il succo di arancia fresca di fa rivivere, ci sarà un motivo.
Gli esperimenti, tutti gli esperimenti di laboratorio chimico, sono nelle mani di Coca-Cola, Pfizer, Parmalat, Nestlè e Danone. Capirai l’interesse che ha questa gente di provare con le formule che essi hanno torto e noi ragione.
Sarebbe come chiedere al lupo affamato di restituirti l’anatroccolo che sta già tra i suoi denti.

Tutto insabbiato dai servizi segreti di Sua Maestà Britannica, da CIA e da KGB

Tornando alla F5, cioè alla formula crudista-fruttariana-vincente di Cambridge2000, essa avrebbe dovuto apparire su tutti i giornali e sulle reti televisive del mondo intero.
Avrebbe dovuto, se il mondo fosse congegnato in modo virtuoso e rispettoso della salute e degli interessi degli abitanti uomini e animali del pianeta.
Siccome però le cose sono ben lungi dall’essere così, e siccome le verità di Cambridge non facevano comodo a una serie di grossi interessi, il tutto è stato seppellito in fretta e furia.
Tutto insabbiato e secretato dai servizi segreti di Sua Maestà Britannica, su richiesta congiunta della CIA e del KBG russo.
Come si fa a parlare contro i cibi cotti, contro il caffè e la vodka, contro la Fanta e il Seven Up, contro la Coke e l’orange juice in bottiglia, contro la B12 e l’Omega-3, contro il filetto ed il prosciutto, contro il grana e lo yogurt, contro la Pfizer e gli integratori mineralvitaminici?
E poi, pazienza gli igienisti e i vegani, ma ora anche i medici, e gli stessi luminari di certe Università come quella di Cambridge si mettono a dare i numeri?

La ricerca della verità anche a costo del posto di lavoro

Le dottoresse Khaw e Welch, firmatarie dell’esperimento, devono aver subito parecchie ed energiche lavate di capelli, ma non dal loro parrucchiere.
Chissà mai se sono riuscite a mantenere posto e stipendio?
Colpevoli di aver detto al mondo con timidezza e candore la pura verità sul cancro e l’infarto, sul diabete e l’obesità.
Per fortuna che chi scrive non ha un incarico universitario, o un posto in un giornale, in televisione o in una banca. Gli impedirebbero di vivere.
Parlare in modo elogiativo di Cambridge significa mettere automaticamente sotto accusa mezzo mondo, se non oltre tre quarti di esso: governi e sindacati, supermercati e bar, casari e macellai.

Che serve poi boicottare Cambridge? Chi è quel matto che va a seguire la vera dieta umana?

Ma poi, a pensarla bene, non è nemmeno indispensabile boicottare Cambridge.
Chi è mai quel cretino al mondo che va a mangiare frutta cinque volte al giorno?
Gli viene una diarrea fulminante, non per colpa della frutta, ma perché è troppo inquinato internamente.
Più in bagno che sul posto di lavoro
E poi, se mangi frutta non mangi carne.
Niente proteine nobili e niente B12 indispensabile? Che vita sarà mai quella?

Cambridge ha ragione. Io ne prescriverei 7 pasti di frutta al giorno. Ma nessuno mi seguirebbe.

Famosa la posizione del dr Ray Strand. Cambridge ha ragione.
Conoscendo i meccanismi dello stress ossidativo e dei radicali liberi io imporrei per legge a tutta la popolazione americana, il modulo F7, cioè 7 pasti di sola frutta al giorno.
Siccome però conosco troppo bene i miei polli, avendo fatto il medico non per 2 ma per 20 anni, so che solo il 5% mi seguirebbe.
Per cui la mia soluzione è quella di ordinare a tutti pesanti cure di vitamine sintetiche e minerali inorganici, non per settimane o mesi, ma per la vita intera.

Il dr Boyd S. Eaton e la vitamina F12 dell’uomo paleolitico

Il bello arriva col dr Boyd S. Eaton, massima autorità mondiale nel campo della nutrizione paleolitica.
Grazie al carbone radioattivo si riesce ad analizzare le feci pietrificate dei nostri primi antenati, e si scopre una cosa che si sospettava già, e cioè che mangiavano 3 volte più fibre di noi, e che consumavano un pasto intero di frutta 12 volte al giorno.
La famosa formula F12 di cui ho parlato al titolo.
Occorre sapere che vitamina C e B12 stanno ai lati opposti, non come polo positivo/maschio e polo negativo/femmina, che si fronteggiano attraendosi.
C e B12 si odiano e si respingono, sono incompatibili, non ne vogliono sapere di stare assieme e convivere.
Fanno il gioco del chiodo-scacciachiodo.

Più Vitamina C nella dieta e meno B12 nel sangue

Pertanto, se il vegetariano degenerato di oggi (chiamato impropriamente onnivoro) rivela una presenza di 500-800 pg/ml di B12 nel sangue, e se il vegano odierno ne rivela 80-120 mangiando frutta, mentre il vegetariano a uova e formaggi arriva a 200-300, è chiaro che l’uomo del paleolitico stava forse a 40-50 di B12, o anche meno, con tutta la C naturale che assumeva, e con tutta la C che immagazzinava e la C che auto produceva (proprietà poi perse nel corso dell’evoluzione).
Ecco dunque spiegato, senza usare reagenti e provette, ma solo con un pizzico di sale in zucca al posto della comune paglia, l’incredibile paradosso della B12, elevata scioccamente a imperatrice mondiale dei micronutrienti da una frotta di pseudo-scienziati incompetenti, plasmati e sovvenzionati da un manipolo di furbastri.

Da dove arriva il dna e l’ispirazione

Non manca chi critica, è ovvio.

Qualcuno però mi telefona per dirmi che le mie tesine hanno qualcosa di più e di diverso, e che sono considerabili articoli d’autore.
Qualche altro li fa circolare presso amici, come il Paolo che continua a chiedersi da dove arrivi la mia ispirazione, senza aver capito che in me, come in Tinto Brass, c’è sangue istriano, e come in Pasolini, c’è sangue friulano, territorio ruvido, di estremi e di contrasti.
Non si rende conto che nell’Istria, che gli Americani hanno scelleratamente tolto all’Italia, ci sono le foibe e l’odore di morte delle stragi titine, ma ci sono pure le belle insenature e le magnifiche costiere di Abbazia e del Quarnero, dove trionfano il sole e l’amore, l’erotismo salmastro e amorale delle enclavi incontaminate dal bigottismo papale.
E non si riflette nemmeno sul fatto che nel dna dei friulani convivono, come punti estremi le celebri battute tipo Fatela, fatela, ma fatela, di un certo Monsignor Zaffonato, e le scene truculente del Vangelo pasoliniano, mentre pure la natura conosce stacchi tremendi che vanno dalle distese di stelle alpine delle montagne carniche, ai ciclamini e le violette delle colline moreniche, ai macelli stracolpi di anime spaventate e abbandonate del Sandanielese, chiamate volgarmente porci o suini da quelli che si comportano da porci davvero, usate per fare dei prosciutti destinati al mercato mondiale.

Le gambe in più delle m sulle n valgono quanto le gambe delle thailandesi di Chiang Mai e delle cinesine di Shanghai

Mentre scrivo le ultime righe, mi arriva una telefonata dal Bruno Giovannetti.
A conferma che le bastonatine arrivano anche dai più cari amici.
Valdo, tu hai la tastiera difettosa. Oppure continui a lavorare troppo di fantasia.
Come si fa a sbagliare le doppie, a scrivermi calciotonina al posto di calcitonina, a scrivere melanina al posto di melammina.
Guarda che le gambe in più delle m sulle n valgono tanto quanto le gambe delle thailandesi di Chiang Mai e delle cinesine di Shanghai.
Non sarà che ti distrai troppo e pensi sempre a quello, come il tuo corregionale Tinto Brass?

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.