CHIAVE RISOLUTIVA DELLA SALUTE A DI LÀ DEI TARLI SULLA B12

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA ODIERNA

BIODISPONIBILITÀ DELLA B12 NELLA CLORELLA

Buongiorno Valdo, Ho trovato due interessanti studi e trail accademici relativi all’efficacia ed alla biodidponibilitá di B12 contenuta nell’alga Chlorella. Il mainstream scientifico ignora tali risultati e continua a promuovere integratori inorganici da laboratorio ingigantendo il business delle lobby.

DIFFICOLTÀ DI DETERMINARE I QUANTITATIVI SPECIFICI CONTENUTI IN UN’ALGA

Credo che, nell’ipotesi migliore, i medici tengano questa linea per lavorare su numeri e dati sicuri da studiare, visto che è impossibile determinare esattamente la cianocobalamina presente in un’alga. Non voglio qui considerare ed immaginare ipotesi peggiori. Uno studio nel pdf allegato, ed un altro nel link di seguito https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26485478
Buona giornata.
Jacopo Albanese

*****

TRADUZIONE SINTETICA DEL TESTO SU ESPOSTO

Dal momento che la B12 si trova in quantità sostanziali sono in cibi di derivazione animale, vegetariani e vegani sono a rischio di carenza e possono sviluppare deficienza di questa vitamina essenziale. La clorella usata in questo test è commercialmente disponibile come integratore. 17 adulti vegetariani e vegani con vitamina B12 bassa, sottoposti al test, hanno dimostrato una tendenza al riequilibrio.

*****

LETTERA PRECEDENTE DI JACOPO DELL’8 DIC 2016

VISUALI COMPATIBILI E NON IN CONFLITTO

Buongiorno caro Valdo, Mi ha emozionato leggere la parte in cui descrivi la devozione che dovremmo offrire al nostro meraviglioso corpo che ci permette di vivere questa umana esperienza chiamata vita. Sì, in effetti credo che la visione tua e quella di De Petris non siano antitetiche. Quella di Michela è più polarizzata e dettagliata nello specifico, quella tua appare più olistica e naturale. E non sono in conflitto. Semplicemente due realtà coesistenti, non duali, non polari, ma facente parte di una stessa realtà. Sarebbe interessante vi confrontaste di persona per stimolare reciprocamente le vostre ricerche.

STO DIVINAMENTE NONOSTANTE I MIEI VALORI SIANO FUORI RANGE

Mi occupo di meditazione, eventi sociali, comunicazione, immagine, grafica e non certo di medicina, ma ho uno stile di vita a reale contatto con madre natura ed ottima percezione del mio corpo fisico, sto divinamente e l’energia fluisce in modo naturale in me. Forse i miei valori sono fuori range perchè per omeostasi hanno trovato un nuovo equilibrio meraviglioso.

ESISTE UN ESAME CAPACE DI ESPRIMERE LO STATO DI SALUTE OLISTICO DI UNA PERSONA?

Posso fare ulteriori analisi per approfondire meglio questo aspetto? Una sorta di dimostrazione analitica che il mio organismo ha trovato un nuovo equilibrio? So che sei riluttante alla diagnostica, e ti comprendo. Mai fatti esami del sangue in 21 anni di dieta vegan, ma ho una domanda. Secondo te esiste un esame che possa dare indicazione dello stato di salute olistico del nostro meraviglioso corpo fisico trascendendo singoli e limitati risultati come B12 ed omocisteina?

IL TARLO DI B12 ED OMOCISTEINA FUORI RANGE MI STA DISTURBANDO

In apnea a 30 metri di profondità devo scendere in uno stato di profonda meditazione e stasi mentale. Quindi prima devo eliminare dal mio campo mentale il tarlo B12/omocisteina fuori range. Con profonda stima.
Jacopo

*****

PRECEDENTE RISPOSTA SINTETICA DEL 10 DICEMBRE 2016

Resto dell’idea che il miglior esame lo sperimenti proprio nei 30 metri che affronti in apnea sotto le onde. VV

*****

RISPOSTA ODIERNA

VALORE SCIENTIFICO ZERO

Ciao Jacopo. Al contrario di quanto pensi, il documento che mi hai inviato rappresenta l’opinione standard del mainstream medico. Condivido poco e niente del suo contenuto e della sua veridicità scientifica. Anche sul piano tecnico ci sono delle incongruenze. Che valore può mai avere un esperimento su 17 persone sottoposte a test per 2 mesi soltanto? Meno di zero anche secondo i comuni criteri della statistica. Tu stesso stai benissimo in compresenza di B12 ed omocisteina fuori range, per cui smentisci clamorosamente la citata statistica.

C’È DA RIDIRE SU TUTTO

In ogni caso non mi risulta che tu abbia letto le tante tesine che ho pubblicato su questo argomento. Non è vero intanto che la B12 si trova solo nei prodotti di derivazione animale. Si trova al contrario dappertutto, in ogni cibo che abbia una presenza del gruppo B al naturale. Il fatto è che la B12 non è sostanza facilmente pesabile e ponderabile, trattandosi più di un profumo che di un materiale concreto. Non è vero che vegetariani e vegani siano a particolare rischio di carenza. I casi di carenza sono assai maggiori tra i mangiatori di carne, anche se nessuno ne parla in modo esplicito. In quei casi si riscontrano infatti delle anemie perniciose causate da disordini intestinali e da impossibilità di rinnovo scorte minime, visto che il nostro corpo è normalmente in grado di produrre quella vitamina.

ESISTE UNA LUNGA STORIA DI MANIPOLAZIONI CHE NESSUNO OSA MENZIONARE

La definizione di carenza deriva da una serie di interpretazioni sbagliate e volutamente deviate, oltre che da manipolazioni clamorose dei dati relativi al range, operate dalla FDA americana (Food and Drug Administration) e dai ministeri della salute da essa colonizzati. Negli anni ’60-70 entrarono in quell’ente dei loschi personaggi appartenenti alla grande catena dei macelli d’America. Furono essi a fissare scandalose ed allucinanti quote minime giornaliere di proteine animali, dell’ordine di 300 grammi al giorno (quando oggi sappiamo che il tetto proteico medio sta a 24 grammi al giorno). Furono essi a falsare e raddoppiare nel contempo il range minimo della B12, portandolo dagli 80 pg per mL di sangue correttamente fissati dalla WHO di allora, agli attuali 180 circa. Furono essi a stabilire un range scandalosamente basso di vitamina C (30-60 mg al giorno), notoriamente assente in tutte le carni.

STIAMO TUTTI SUBENDO LA DISINFORMAZIONE E LA DISONESTÀ DELLA FDA AMERICANA

Per arrivare a questa riduzione clamorosa di proteine giornaliere c’è stata letteralmente una descalation progressiva che ha dimostrato la coda di paglia e la disonestà manifesta della FDA. Nessuno ha pensato però a rivedere il minimo manipolato della B12 e a riportarlo ai precedenti valori. Idem per la vitamina C.

RUOLO STRATEGICO DEI FOLATI E DELLE VERDURE ANTI-SULFURAZIONE

Altre considerazioni da fare sono che la vitamina B9 (i folati) fa da vicariante per la B12, per cui, chi ha fisiologicamente ed in piena salute la B12 cosiddetta bassa, può contare in genere su un livello compensativo alto ed oltre il range di B9 (nel caso mio sto a 24 coi folati e a a 100 con la B12), nonché il fatto che la B12 è antitetica ed in conflitto con la vitamina C stessa. Quanto all’eccesso corporale di sulfurazione e di grasso, proveniente dal metabolismo della metionina, tipico dei mangiatori di carne al pari della colesterolemia, chiamato omocisteinomia, si combatte a suon di verdure a foglia (folati), a suon di bietole rosse e a suon di spinaci, ricordando di non esagerare con le quantità per l’acido ossalico ivi contenuto.

B12 AI VALORI MINIMI SIGNIFICA SANGUE FLUIDO E ALTA VITAMINA C

La vitamina B12 costituzionale ai minimi, come nel caso dei vegani e dei vegetariani, rimane comunque un segnale di sangue fluido e pulito, soprattutto quando essi si trovano in ottimo stato di salute e di equilibrio calorico. L’inconveniente a cui sono semmai soggetti alcuni vegetariani-vegani è di non assumere sufficiente cibo in proporzione ai consumi di energia fisica e mentale. Avere la B12 sui valori minimi rimane un segnale positivo e non di precarietà.

USO STRATEGICO ED INCAUTO DELLA B12 COME BANDIERA DEL CARNIVORISMO

L’intera questione della B12 ha subito negli ultimi decenni macchinazioni, raggiri ed imbrogli. Proprio in virtù della sua indeterminatezza e della sua imponderabilità è stata usata ad arte coma bandiera, come simbolo e come alibi dai macellai, dai medici, dai produttori di integratori e da chiunque non nutre rispetto per Madre Natura e per la creazione, da parte di coloro che nella loro piccolezza mentale e nella loro vogare ignoranza ipotizzano una distrazione o un errore divino nella costruzione del corpo umano, quasi che fossimo difettosi, vulnerabili e in balia di una qualsiasi sostanza. Chi vive allineato su queste ideologie dell’imperfezione corporale soffre evidentemente di condizionamenti e di distorsioni, teme di essere costantemente carente e cade nell’ipocondria.

VIETATO FARSI RODERE DAI TARLI

Questa è la mia libera opinione. Ognuno poi la pensi come vuole. Se poi uno continua a rodersi il cervello e a non dormire pensando al tarlo della B12, la cosa va ancor meno bene e fa più danni di una vera e propria carenza. Meglio in quel caso mettersi una pasticca sotto la lingua, e illudersi di aver risolto il problema. L’importante è fare sonni tranquilli.

LA GARANZIA UNIVERSALE DI SALUTE

Quanto poi a un valore tabellare capace di esprimere con sicurezza il proprio stato di benessere e di perfezione, ovviamente esso non esiste. I valori a disposizione della medicina sono variabilissimi e sono disinformanti. Hanno scarso valore predittivo in quanto riflettono i difetti dei campioni umani sui quali sono state fissate le medie (da campioni americani e non africani o asiatici o europei). Hanno valore relativo in quanto rilevati con modalità istantanee (se uno crede ai rilevamenti, dovrebbe sottoporsi a 5 test al giorno per alcune settimane di seguito, ottenendo una curva continua di andamento). Il vero test valido universalmente è quello di sentirsi bene, di respirare al meglio, di avere una lingua ed un alito pulito e quello di avere mente serena e buon appetito.

POCHE REGOLE ESPRIMONO LA VERA SITUAZIONE OTTIMALE

Valgono sempre e comunque le leggi millenarie a cui spesso ci riferiamo. Nessuno al mondo sta male o muore per cardiopatie, ma tutti muoiono di sangue grasso (Padre Taddeo da Wiesent-Baviera). Se non cambi radicalmente il tuo Milieu Interieur biologico, compromesso e andato oltre i limiti di tolleranza corporale, non salti fuori dal tuo tunnel patologico (Claude Bernard). Solo la pulizia interna guarisce, niente altro che quella (Kuhne). Ogni malattia insorge solo quando serve e dura solo finché necessario (Shelton).

GLI ASTERISCHI SEGNALANO SPESSO UN CORPO IN MIGLIORAMENTO

La presenza poi di asterischi segnala spesso anomalie dipendenti dal fatto che il corpo è reattivo e vivace, che è in fase depurativa per crisi eliminative da miglioramento dieta o da digiuni o da opportune modifiche comportamentali, per cui al suo interno esiste un cantiere tipo lavori in corso inclusivo di disgregazioni e di espulsioni. Tant’è che molta gente che finisce i suoi giorni in anticipo sui tempi, lo fa con i valori apparentemente perfetti e privi di asterischi. Tutto sommato gli asterischi rappresentano sintomi e non malattie da curare. Nella visuale igienistica la malattia è amica e non nemica.

ESISTE UNA CHIAVE RISOLUTIVA

Visite e test sono poi ampiamente utilizzati dalla medicina per tenere sotto controllo e per mettere in croce i pazienti. Una specie di alibi burocratico per imporre prescrizioni, terapie e curomanie sul sintomo. In genere la gente che sta meglio è quella che ricorre ai test solo nel caso di vere emergenze. Semina bene, rilassa la mente, riposa quando serve e adotta una dieta sobria, leggera, innocente e digeribile, questa è la chiave risolutiva. Applica insomma il pacchetto salute della nostra Scuola Superiore, che trae ispirazione da millenni di storia e dalla mitica Scuola Medica Salernitana, basata sugli insegnamenti di Pitagora, Parmenide, Ippocrate e Galeno.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.