CI STANNO MASSACRANDO DI PESTICIDI CHIMICI NONOSTANTE LE LEGGI COSTITUZIONALI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

ARTICOLO INVIATOMI DAL PROF GIUSEPPE ALTIERI, AGROECOLOGO (Titolo e sottotitoli di VV)

*****

DIECI ARTICOLI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA VIOLATI DALL’UTILIZZO DI PESTICIDI SINTETICI

  • Art 32 Costituzione: La Repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dell’individuo e come interesse della collettività. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.
  • Art 14 Costituzione: “Il domicilio è inviolabile”.
  • Art 13 Costituzione: “La libertà personale è inviolabile. E1 punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà”.
  • Art 16 Costituzione: “Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni di legge in via generale per motivi di sanità e di sicurezza”.
  • Art 41 Costituzione: “L’iniziativa privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”.
  • Art 44 Costituzione: “Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo o di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata, e aiuta la media e la piccola proprietà”.
  • Art 42 Costituzione (comma 2): “La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge che non determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accettabile a tutti”.
  • Art 28 Costituzione: “I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici (il sindaco è la massima autorità sanitaria del tuo comune).
  • Art 54 Costituzione: “I cittadini cui sono affidate le funzioni pubbliche hanno il dovere di compierle con disciplina e onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”.
  • Art 9 Costituzione: ” La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”.

*****

COMMENTO

UNA COSTITUZIONE IGNORATA E CALPESTATA IN CONTINUAZIONE DAI VERTICI E DALLE FORZE DEL DISORDINE

Ciao Prof Altieri. Ovviamente condivido l’intero messaggio dalla prima all’ultima parola. Quanto poi alla Costituzione Italiana, è riconosciuto universalmente che si tratta di una delle migliori del pianeta. Peccato che venga ignorata o peggio calpestata ignobilmente proprio da chi la dovrebbe rispettare e far rispettare, e mi riferisco a personaggi che albergano abusivamente con arroganza e supponenza e scandalosi vantaggi economici, oltre che con pretese di intoccabilità, negli ambienti governativi e addirittura presidenziali.

ARTICOLO 32 VILIPESO E RIDICOLIZZATO IN CONTINUAZIONE

Se poi andiamo a guardare all’art 32 sulla salute, uno come me che si è dedicato da una vita, cioè da 60 anni ininterrottamente a diffonderla, a praticarla personalmente, a portarne esempio coerente sempre e dovunque (prove a bizzeffe disponibili in Italia e all’estero), e a divulgarla attraverso libri, articoli, blog, conferenze e libera scuola attiva, si è ritrovato a no ricevere alcun supporto ed alcun riconoscimento ma, al contrario, ad essere messo sotto accusa, sotto sequestro, sotto denuncia da parte di elementi di bassa lega pesantemente corrotti dalle multinazionali ed in grado di far scattare sordidi e squallidi meccanismi di burocrazia statale (vedi Sostituto Procuratore della Repubblica di Pordenone) a danno di chi si comporta nei crismi della trasparenza e della virtuosità salutistica.

PER NON DIRE DELLA LEGGE SULLA INVIOLABILITÀ DEL DOMICILIO

Se infine consideriamo l’art 14, sulla inviolabilità del domicilio, nell’agosto del 2016 mi sono visto arrivare diverse gazzelle dei carabinieri NAS alle 7 del mattino, con l’invito a trovarmi un avvocato (mai avuto contatti con degli avvocati in vita mia per nessun motivo, e mai avuto a che fare con problemi di legge), e con ingresso in casa mia mettendo sottosopra ogni angolo dell’abitazione e sequestrando 19 agende, un computer di alto valore appena acquistato, mezzo quintale di documenti e, come se tutto ciò non bastasse, anche del vasellame antico di proprietà di famiglia, con danni enormi ed incalcolabili sul piano materiale e morale. Da rilevare che a distanza di un anno nulla è cambiato e che continuo a vivere sotto una cappa soffocante e demoniaca. Nessuno si è giustificato e nessuno si è scusato. Niente mi è stato restituito da allora. Silenzio totale in atmosfera kafkiana. Sono stato trattato come il più pericoloso dei furfanti e dei mafiosi.

LE LEGGI HANNO VALORE NELLA MISURA IN CUI VENGONO CAPITE, APPLICATE E RISPETTATE IN PRIMO LUOGO DA CHI È TENUTO A DARE IL BUON ESEMPIO

È un fatto personale. C’entra poco e niente con l’argomento ben più importante e drammatico dei pesticidi e del glifosato. Ma serve a far capire che tra il dire e il fare c’è sempre di mezzo il mare. Quando poi una prevalente fetta del governo viene strumentalizzata e colonizzata da uno stato esterno che le detta il da farsi e il tipo di decreti obbligatori sui vaccini da imporre alla propria nazione, e quando premier più ministri si vantano dell’onore e dei riconoscimenti guadagnati nella circostanza, senza nemmeno sospettare di essere invece entrati in inestricabili e offensive sabbie mobili tipiche dei diktat esterni, occorre dire che siamo messi molto male. Imposimato ha parlato chiaramente di tangenti legalizzate e di fatti criminali. Quello che conta di più in Italia sono le mazzette, le bustarelle e i sottobanchi, questa è la sacrosanta e scandalosissima realtà che siamo costretti a sopportare.

SE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AVESSE ALMENO LA DIGNITÀ E IL BUONSENSO DI DIMETTERSI

E quando infine un presidente della repubblica, il cui compito basilare è quello di ergersi a difesa della Costituzione e alla difesa dei diritti di tutti i cittadini della Nazione, si riduce a firmare tale decreto dimostrando di essere coinvolto ed implicato in uno schema rivoltante, in un gioco di potere di bassa lega, appare chiaro che il minimo da chiedersi secondo i crismi della logica e della buona educazione, è quello di chiedergli di dimettersi immediatamente per palese inabilità a svolgere i suoi compiti. Ed è quello che ho chiesto ieri in allineamento perfetto con il Giudice della Cassazione Ferdinando Imposimato.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.