Seleziona una pagina

COMBINAZIONI ALIMENTARI E COMPATIBILITÀ TRA CETRIOLO E POMODORO

da 8 Set 2019Ortaggi

LETTERA

Salve Valdo! Mi chiamo Giovanni Chiaia. Vivo a Como. Ho potuto almeno in buona parte essere informato delle sue preziose ed importanti conoscenze che apprezzo e condivido. Oltre che soprattutto del suo impegno, obiettività e passione.

Mi permetto di contattarla per chiederle una piccola informazione. Essendo diventato con molta soddisfazione negli ultimi mesi quasi completamente fruttariano, oltre che crudista, non è moltissima la varietà di cibi e di combinazioni possibili. Questo rimane secondo me un aspetto importante da non sottovalutare.

Siccome mi è capitato di leggere in molti siti web che l’associazione cetriolo-pomodoro non è salutare, mi potrebbe dare delucidazioni al riguardo. Secondo lei è necessario tenerne conto e scartarla? Oppure può essere considerata con una certa elasticità?
La ringrazio per la sua attenzione.
Giovanni


RISPOSTA

CON IL VEGETARISMO GLI ORIZZONTI SI ESPANDONO A VASTO RAGGIO

Complimenti intanto per la scelta vegan-crudista-fruttariana che rappresenta senza ombra di dubbio il meglio del meglio sul piano alimentare, salutistico, etico, estetico e ambientalistico. Ormai anche i medici più aperti ed avanzati mettono al primo posto la plant-based diet.

Non credo affatto che la varietà dei cibi risulti accorciata e limitata nel vegetarismo. Questo vale semmai per per chi continua a ingozzarsi di carne o anche a mantenere semplicemente una presenza saltuaria di carne nel suo menu giornaliero, pensando di riceverne chissà quali vantaggi.

Con la carne e le proteine animali in genere si compromette gravemente la pulizia interna del sistema e si vive in continuo stato di putrefazione intestinale, per cui alla fine viene a mancare la voglia e la capacità digestiva nei riguardi dei vegetali e in particolare delle crudità, visti sempre e solo come ornamento e contorno del piatto fondamentale intriso di sangue.

MIGLIAIA DI DELIZIOSE RICETTE VEGETARIANE DA POTER SCEGLIERE

Chi passa dalle diete tradizionali onnivore al vegetarismo e al fruttarismo si ritrova tutto d’un tratto davanti a una gamma infinita ed incredibile di opzioni.

Ci sono in circolazione libri validissimi su questo tema. Senza fare torto a nessuno dei tanti ottimi autori, suggerisco ad esempio il magnifico testo “La cucina etica regionale vegana” di Nives Arosio, edizioni Sonda, utilissimo per capire quante e quali soluzioni sono disponibili in cucina.

POCHE REGOLE DI BASE E TUTTO FUNZIONA A DOVERE

Per la frutta, la verdura da orto e le verdure selvatiche, la Natura ci ha riservato non decine o dozzine ma migliaia di specie vegetali in tutti i climi, tutte le località e tutte le stagioni.

In linea generale meglio non fare troppe mescole nello stesso pasto. Visto che possiamo usufruire dei canonici 3-5 pasti al giorno, c’è modo di alternare gli alimenti tra i vari pasti.

Spremute di agrumi o di melegrane, meloni e angurie, succhi freschi e vitali nonché frutta acquosa di mattina, lontano dai pasti principali e a stomaco vuoto, verdure crude ben masticate come primo-principale-maggioritario pasto a pranzo e cena, seguito da un secondo piatto cotto (cereali-patate-legumi-melanzane-zucche-zucchine-spinaci) e da mezza manciata di semini o frutta secca tipo pinoli-mandorle-pistacchi-datteri.

Grappolo d’uva o mirtilli o due kaki, o un mango a merenda verso le 17 e tutto funziona a dovere. Meglio zero bevande coi pasti, o massimo mezzo bicchiere di acqua o vino o birra.

Unica frutta acquosa mescolabile con tutto il resto mele-ananas-papaia grazie ai loro enzimi anti-fermentanti. Un digiuno secco intermittente di un giorno o due a fine settimana o a fine mese e così facendo diamo pure spazio a una ottima depurazione di fegato e reni.

SEMPRE MEGLIO NON MESCOLARE TROPPO

Quanto a cetriolo e pomodori sono entrambi splendidi frutti da orto. Personalmente preferisco un bel piatto di soli pomodori, o di soli cetrioli (stesso discorso per radicchio da solo o per cavoli da soli, o per valeriana-dolcetto da sola, abbinati magari a una manciata di crescione, di rucola o di ravanelli).

LA CITRULLINA È SUPER-SANA MA VA PRESA DA SOLA E A STOMACO VUOTO

In teoria potrei anche avallare l’idea che tale combinazione non sia priva di inconvenienti. I cetrioli fanno parte dopotutto alla famiglia delle cucurbitacee (anguria, meloni), ricchi di preziosissima acqua biologica e di strabiliante citrullina che nel corpo si trasforma in arginina e ossido nitrico, fondamentale regolatore del sangue e distributore di ossigeno O2 al cervello e agli organi vitali, rimedio a tutte le forme di ischemia.

OGNUNO DEVE FARE I CONTI CON LE PROPRIE CAPACITÀ DIGESTIVE

Non mi risulta però che presi assieme metà pomodoro e metà cetriolo rappresentino un grosso problema. Se per qualcuno lo fossero davvero, significa che c’è qualcosa che non quadra o qualche eccesso di suscettibilità a livello digestivo. Quando si ha un buon appetito e quando tutto funziona a dovere si digeriscono anche i sassi, figurarsi un pomodoro e un cetriolo.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER

Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute, orgogliosamente NON-medico. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

UNA SPECIALE LODE AGLI ASPARAGI

UNA SPECIALE LODE AGLI ASPARAGI

L’asparago (Asparagus officinalis) rimane uno degli ortaggi più pregiati ed appetitosi, ed anche il più atteso in questo momento dell’anno, in quanto il primo...

LE STREPITOSE QUALITÀ DEL TARASSACO

LE STREPITOSE QUALITÀ DEL TARASSACO

Il tarassaco comune (Taraxacum officinale), pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Asteracee, è una pianta erbacea perenne nota fin dall'antichità...

Commenti

0 Commenti

0 commenti

Lascia un commento