COME AFFRONTARE UN MINI-DIGIUNO IGIENISTA IN PIENA SICUREZZA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

CLISTERI E LAVANDE DURANTE IL DIGIUNO

Caro maestro, sono Francesco da Salerno. Come stai? Grazie per tutti i tuoi consigli. Oggi ti voglio chiedere: che pensi di Salvatore Paladino? Soprattutto quando egli menziona i pericoli del digiuno e quindi la necessità di essere seguiti e di fare clisteri e lavande vaginali? È davvero così pericoloso fare un digiuno dopo un lungo periodo da vegano? Grazie.

Francesco

*****

LETTERA

IL DIGIUNO IGIENISTICO NON COMPORTA RISCHI E PERICOLI

Ciao Francesco. Non conosco di persona Salvatore Palladino e comunque non è mia abitudine fare commenti sulle persone singole, per cui su questo dettaglio preferisco astenermi. Per quanto concerne il digiuno, non userei assolutamente il termine pericoli o rischi. Chiaro che chiunque si accinga a un ciclo di purificazione interna va preparato sugli inevitabili effetti eliminativi che seguiranno, visto che i veleni internamente depositati devono riattraversare il sistema prima di essere espulsi, provocando dei sintomi cosiddetti di ritorno durante tale transito. Già il sapere che tali piccole crisi eliminative, immediate o successive, corte o prolungate, sono in ogni caso costruttive e benefiche, le rende sopportabili a qualsiasi persona.

SIAMO DOTATI DI UN CORPO INTELLIGENTE ED AUTO-MODULANTE

Fatto questa premessa, occorre anche dire che le manovre rimediali interne non vengono condotte a casaccio e che non siamo affatto sprovvisti di assistenza interna. Non siamo in balia del disordine e del caos. Il nostro è un corpo intelligente ed auto-modulante che agisce innanzitutto sulle acque di ristagno, poi sui grassi e sulle incrostazioni, poi sulle eventuali sovra-crescite cellulari.

UN MINIMO DI PREPARAZIONE IGIENISTICA E DI FIDUCIA NEL PROPRIO CORPO AIUTA SICURAMENTE

Importante è darsi un minimo di preparazione igienistica su questi dettagli, e magari farsi una prima breve esperienza tipo il mini-digiuno di 3 giorni. L’assunzione di acqua leggera a piccoli sorsi, o di acqua più spremuta di agrumi, serve già sufficientemente a facilitare l’espulsione delle tossine, evitando altri tipi di interventi invasivi da pronto soccorso o da emergenza e non da cura come i clistere. Qualora un corpo sia particolarmente intossicato, si può suggerire una settimana circa di vegan-crudismo preparatorio inteso a modulare l’impatto.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. Alessandra Rossi on

    Francesco, Salvatore Paladino non ha mai parlato di pericolo del digiuno, anzi, addirittura è accusato del contrario!!!
    Di pericolo ne parla rispetto ai possibili blocchi intestinali e ha spiegato molto bene il perchè: introducendo nel digiuno solo litri di tisane, i liquidi ammorbidiscono le feci stantie e tossiche di anni ed anni e per questo motivo è d'obbligo il clistere quotidiano per aiutare a ripulire le pareti intestinali evitando che le feci gonfie di acqua intasino l'intestino. Praticamente l'intestino viene lavato dal di sopra e dal di sotto.