DARE UNA SVOLTA VIRTUOSA ALLA PROPRIA VITA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

CRUDISMO E FRUTTARISMO FANNO LA GRANDE DIFFERENZA

Salve dr Vaccaro, mi chiamo Dalia, ho 21 anni e sono vegetariana da tre anni circa. Non da poco ho cominciato a nutrire un certo interesse per il fruttarismo e vorrei dare una svolta al mio stile di vita, al mio benessere psichico e alla mia salute fisica. Sinceramente, da quando sono diventata vegetariana non ho notato sostanziali miglioramenti rispetto a quando ero onnivora, ma ho letto che il crudismo e il fruttarismo rispetto al vegetarismo possono fare una enorme differenza, e questo ha attirato la mia attenzione.

DUBBI SULLA FRUTTA ACIDA

Detto ciò, mi sto informando da ogni fonte possibile sul web per poter cominciare la transizione, ma i dubbi sono parecchi e spesso le idee sui vari siti contrastanti, in primis sulla frutta acida. Molti affermano che sia da limitare per i denti, ma che sia anche ottima per il processo di transizione in quanto aiuta a sciogliere il muco e a eliminare le tossine.

DOMANDE VARIE SUI DIVERSI TIPI DI FRUTTA

Altri dicono sia da eliminare del tutto o da consumare abitualmente. È vero che i denti rischiano di corrodersi o persino di cadere assumendo frutta acida per un certo periodo? È vero che la frutta va suddivisa per categorie, tipo frutta acida, grassa, dolce? È vero che non va mescolata? In che modo potrei avviare la mia transizione e mangiando cosa? Per quanto tempo potrebbe durare? Ho letto che dipende dal soggetto, ma che solitamente ci vuole 1/10 della propria vita per disintossicarsi e che non è per forza un dato affidabile.

PESO, CELLULITE E MESTRUAZIONI

Riguardo al peso, io non ho l’obiettivo di perderlo, sebbene non mi dispiacerebbe, ma sono interessata a combattere la cellulite, avendo anche letto che le donne fruttariane conseguono notevoli miglioramenti in questo ambito. Lei pensa che il fruttarismo potrebbe aiutarmi a combatterla concretamente? Un’altra cosa che mi ha lasciata perplessa è la questione delle mestruazioni, che solitamente scompaiono e che sia una cosa naturale di cui non preoccuparsi. Io, da ignorante, mi chiedo se davvero sia una cosa utile ed auspicabile. Lei cosa mi dice a riguardo?

NON SO DAVVERO A CHI RIVOLGERMI

Mi perdoni per le tante domande, ma ho davvero bisogno di chiarire questi punti a lei esposti. Devo fare questa scelta nella maniera più consapevole possibile e non so a chi rivolgermi. Cordiali saluti.
Dalia

*****

RISPOSTA

ESSERE VEGETARIANI NON BASTA AFFATTO

Ciao Dalia. Confesso di trovare strana la tua prima osservazione, per cui non avresti sperimentato  differenze e vantaggi rilevanti passando dall’onnivorismo al vegetarianismo. In genere i vantaggi ci sono già in quella fase, a meno che non si commettano errori o inadempienze tali da compromettere o decurtare i premi insiti in quel tipo di scelta. Un vegetariano che rinunci alla carne, ma che poi si ingozzi di latticini, di junk-food o di dolci compensativi, può anche fare dei passi indietro. Cito solo un esempio.

DIECI E LODE AGLI AGRUMI DEL MEDITERRANEO

Guai comunque se non ci fossero i frutti acidi, tipo agrumi e melograni, fantastici strumenti di alcalinizzazione del corpo. Guai se non ci fossero le arance gialle e le arance tarocco, a rendere i nostri inverni più sopportabili, vitali e vitaminizzati. Se uno si intestardisce ad assumere 40 arance al giorno tutti i giorni, può anche procurarsi qualche danno, ma stando nella giusta misura, come succede per tutte le cose, non esistono problemi.

MANGIARE PIÙ FRUTTA NON SIGNIFICA AFFATTO COMPLICARSI LA VITA

Le classificazioni e gli schemi vanno presi a manica larga. In linea generale la frutta va consumata a stomaco vuoto e lontano dagli altri pasti, onde evitare fermentazioni. Particolare attenzione per angurie e meloni, da prendersi rigorosamente separati da tutto il resto. Mela, ananas e papaia, si possono invece mescolare in quanto dotati di enzimi anti-fermentanti. Non serve puntare a fruttarismo totale o a crudismo totale. Meglio parlare di tendenze, dove ognuno personalizza la propria situazione in base a gusti e necessità. Quindi obiettivi misti e ragionevoli e transizioni altrettanto sensate, leggere, logiche.

VIVERE CON CRITERIO E IN COSTANTE DETOSSIFICAZIONE

Un decimo della propria vita a disintossicarsi? Può anche darsi. Dipende tutto dalla percentuale di prodotti tossici che inseriamo nel nostro organismo. Il corpo è generoso. Lavora discretamente entro determinati margini di tolleranza-veleni. Ha un sistema immunitario che opera senza sosta in fase depurativa. La sua specialità consiste nella eliminazione delle scorie tossiche e nella remissione spontanea e costante delle patologie.

SANGUE PULITO E SCORREVOLE FATTORE-CHIAVE

Mantenere un sangue pulito e scorrevole rimane senza alcun dubbio una delle scelte più intelligenti e convenienti che ognuno di noi possa fare. Il sistema vegan-crudista tendenziale apporta risultati formidabili in tale direzione in quanto rispetta in modo coerente e sistematico le esigenze del sistema immunitario, mantenendo ai minimi livelli i costi enzimatici, i costi calorici e i costi digestivi-assimilativi-evacuativi dell’organismo. Regolarità e funzionalità nella fase digestiva-assimilativa-evacuativa sono fattori fondamentali per il benessere.

COSTIPAZIONE O STIPSI O STITICHEZZA

La sobrietà alimentare è carica di conseguenze positive in quanto garantisce un costante flusso di sangue pulito. Sconfiggere la stitichezza è ovviamente fondamentale. La natura ci viene incontro con agrumi, ananas, bietole, carote, cavoli, cicoria, ciliegia, valeriana, fico, fragola, more di rovo e di gelso, mandorle, mango, melanzane, leone, mirtillo, oliva, patata (specie patata cruda grattugiata o aggiunta in centrifuga), papaia, pesca, pomodoro, prugne ribes, tarassaco, spinaci, topinambur, uva, zucca.

DISSENTERIA O DIARREA

Stress, colpi di freddo, parassiti intestinali, morbo di Crohn, colon irritabile possono rendere la vita difficile. Ma la dissenteria normalmente si risolve da sola riposando e digiunando un paio di giorni.
Anche qui la natura ci offre albicocche, carote, castagne, cavoli, cotogne, fichi d’India, mela, melagrana, mirtillo, mora di bosco e di gelso, nespola, noce, pera, ribes nero, riso.

PESO-FORMA COME CONSEGUENZA LOGICA

Il sistema igienistico non è una dieta, anche se annette la giusta importanza al tipo di cibo che si assume. Tanto meno esso è dieta dimagrante o ingrassante. Il sovrappeso o il sottopeso sono sintomi e la non-cura esclude interferenze sui sintomi. La ponderalità si stabilizza sul peso forma come conseguenza del riequilibrio salutistico generale che stiamo conseguendo.

CICLI MESTRUALI SEMPLIFICATI E CELLULITI RISOLTE

Miglioramenti decisivi per la cellulite sono la regola e non l’eccezione. Idem per i mestrui dolorosi, che perdono la loro drammaticità e a volte finiscono per trasformarsi in amenorrea positiva, in amenorrea auspicabile e fertile nel contempo. Qualche svista, qualche peccatuccio, qualche ovetto, qualche gelato al latte, qualche concessione al formaggio, qualche pesciolino rovinerebbero tutto?
Non è così. Ognuno deve gestire se stesso con coscienza e senso pratico, a volte anche con comprensione e clemenza.

UNA SCELTA CARICA DI PREMI E PRIVA DI CONTROINDICAZIONI

Tanti punti a favore e nessun svantaggio. Liberarsi di cibi e bevande spazzatura apporta troppi benefici per essere visto con rammarico o nostalgia. Nessun sacrificio gustativo poi, visto che i buoni menu della tradizione rimangono inclusi, anche se messi in sostanziale minoranza  rispetto al cibo virtuoso. Minestroni di verdure, pizze vegetariane, pasta al pomodoro o all’olio-aglio-peperoncino, cereali e legumi, patate e zucche, strudel e castagnate, giocheranno la loro parte come secondi piatti e come dessert. Quando le donne si accorgeranno di questa realtà si mangeranno le dita per non averci pensato prima, per non aver giocato le proprie carte con maggior sollecitudine e convinzione.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
7 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
7
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x