EQUILIBRIO IDRO-SALINO, ABUSO DI CLISTERE E DONAZIONI DI SANGUE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

CRESCITA DI CONSAPEVOLEZZA NEI CONFRONTI DELLA VITA

Buongiorno Valdo. Sono Mila e ho 33 anni. Reputo l’averla conosciuta una benedizione, per la mia salute, per quella dei miei cari, e non per ultimo per la crescita vertiginosa della mia consapevolezza nei confronti della vita. Prima di cominciare a studiarla quotidianamente, e quindi agire secondo lo stile igienistico, mi trovavo fuori posto, non mi sentivo centrata e coerente con me stessa. Per questo la devo ringraziare di cuore. E appena mi é possibile farò un donazione. Mi sembra corretto anche per tutto il tempo che dedica a divulgare il suo sapere, e spero lo facciano in molti! Le scrivo riguardo a due miei quesiti a cui non ho trovato finora risposta tra le sue tante tesine che ho letto.

CLISTERE PER DIECI ANNI

Ho avuto un figlio a 24 anni e da allora é impossibile per me andare di corpo senza l’uso di microclismi, anche se il transito intestinale c’é. Mi dà l’idea di essere un problema muscolare, meccanico per così dire. Ho cominciato ad usare clisteri quasi dieci anni fa su consiglio del mio ginecologo, per facilitare la mia frequente stipsi. Inutile dire che fino all’anno scorso la mia alimentazione é stata quasi del tutto sbagliata, anche se non tra le peggiori. Ed è dall’anno scorso che mangio secondo natura (vegano), quasi completamente crudo, e molto centrifugato. In qualche mese dall’inizio della nuova alimentazione, tutti i sintomi gravi e non gravi, e tutti i malesseri sono spariti insieme a dieci chili, ma non questo grave problema dei microclismi. Non capisco dove sbaglio. Ho voglia di rimettere in salute anche intestino e colon, assolutamente ed in fretta.

DONAZIONE MIDOLLO E SANGUE

Ho preso in questi giorni la decisione di diventare donatrice Avis, anche se so che se si mangiasse tutti naturale e pulito molte patologie sparirebbero. Voglio rendermi utile a chi soffre.In effetti lo faccio anche quotidianamente con tante piccole crociate naturalistiche vegane, con tutte le persone a cui voglio bene e che sono chiuse dentro mura di convinzioni medico-carnivore e paure di mettersi in discussione. Pensavo inoltre di donare il midollo osseo. Mi può dare una sua opinione a riguardo per cortesia? Penso sia una cosa positiva ma sento qualcosa nell’inconscio che non mi convince, ma non capisco cosa sia.

GRATITUDINE, AFFETTO E TOTALE FIDUCIA

Spero di non essere stata banale, perché giuro ogni giorno studio le sue tesine e ne faccio tesoro, soprattutto per la crescita di mio figlio. Non immagina quante persone intorno a me stanno meglio, sono rinate, ringiovanite, e rispettano di più questo splendido mondo! Quindi grazie, col cuore in mano. La vedrò a Milano il 17 novembre. Che emozione! Mi piacerebbe ricambiare in qualche modo tutto il bene e l’energia che lei ci dà. Magari la gratitudine, l’affetto, la totale fiducia nei suoi confronti già le servono. Grazie per l’attenzione.
Mila

*****

RISPOSTA

L’IMPORTANZA DELLA CONSAPEVOLEZZA

Ciao Mila. Grazie per le gentilezze. La “crescita della consapevolezza” non fa parte delle terapie elencate nel repertorio medico, e nemmeno fa parte delle materie insegnate nelle università mediche, ma non per questo è meno importante. Parliamo di un valore della mente e dello spirito, più che di precario materiale cartaceo o digitale.

DONAZIONI DI SANGUE, DI MIDOLLO OSSEO E DI ORGANI

Molto apprezzabile la tua voglia di metterti a disposizione degli altri e di aiutare chi sta male. Parli di donazioni di sangue e di midollo. Tecnicamente parlando le donazioni di sangue vanno effettuate non più di 4 volte all’anno e a distanza di almeno 90 giorni, limitatamente a persone sane di 18-65 anni, con peso maggiore di 50 kg. Per il midollo osseo (diverso dal midollo spinale), esso si presenta pure come sangue viene prelevato dalle ossa del bacino (dalle creste iliache). Contiene le cellule staminali emopoietiche dalle quali si originano i globuli bianchi (contrastano i veleni, le sostanze estranee e le cosiddette infezioni), i globuli rossi (trasportatori di ossigeno) e le piastrine (coagulanti e cicatrizzanti delle ferite). Per la donazione di midollo servono persone sane di 18-40 anni e almeno 50 kg di peso, con prelievo in anestesia di durata 45′, controllo per 12-24 ore, riposo 4-5 giorni.

L’IGIENE NATURALE RISPETTA LA LIBERTA’ DI OGNUNO MA E’ CONTRARIA ALLE TRASFUSIONI SE NON NEI CASI DI AIUTENTICA EMERGENZA

Se mi chiedi un commento da persona normale e comune, non posso che associarmi col resto del mondo ed ammirare la tua disponibilità a dare tutto di te stessa. Se indosso invece le vesti della scienza igienista, corro il solito rischio di andare controcorrente e di apparire in questo specifico caso persino antipatico o antisociale. L’igiene non approva infatti le donazioni di nessun tipo, o almeno non le incoraggia. Non tanto per obiezioni di tipo religioso o biblico, come nel caso dei Testimoni di Geova, quanto per motivazioni tecniche e politiche.

ESISTE PURE UN IGNOBILE COMMERCIO MONDIALE DI ORGANI

Tutti i prelievi, le donazioni, le trasfusioni e i trapianti liquidi e solidi di materiale organico intaccano il sistema immunitario e hanno su di esso effetti sfavorevoli, provocando effetti negativi di lungo periodo sia nel donatore che nel ricevente, con diminuzione statistica dei tempi di longevità e di sopravvivenza. Le sofferenze inferte all’espiantato vivo sono terribili, lancinanti e degenerative, come nel caso del rene, e danno luogo a un insopportabile, ignobile e lucrativo commercio internazionale di organi, dove i donatori sono spesso ragazzini squattrinati delle favelas o disgraziati in attesa del patibolo e dell’esecuzione. Ma anche nelle donazioni più semplici e di routine, esistono contrasti e controversie. Per l’igiene il sangue umano porta in sé impressa la vita di un soggetto ed è per questo non facilmente trasmissibile e non donabile, se non all’interno della cerchia familiare.

IL FABBISOGNO MONDIALE DI SANGUE E’ ALIMENTATO DALLE OPERAZIONI E DALLE CHEMIO

Sangue e midollo non vanno intesi come materiale generico e costruttivo ma come veri e propri organi, veri e propri apparati interni incedibili. Incedibili non per egoismo ma per struttura qualitativa. Al punto che esistono tecniche chirurgiche avanzate ed alternative, realizzate senza l’uso di sangue, basate sulla capacità del corpo di autorigenerare la quantità minima operativa. Tecniche volte a evitare morbo di Chagas, morbo di Lyme, epatiti indotte e altri inconvenienti delle trasfusioni. Senza contare poi che il grande fabbisogno di sangue e di midollo osseo non deriva affatto da situazioni di vera emergenza, ma principalmente da quelle tecniche invasive che la medicina presceglie e pianifica, e che l’igiene naturale combatte aspramente, quali la radioterapia, la chemioterapia, le asportazioni, i trapianti di organi e di cellule staminali.

OFFRIRE PREZIOSO INSEGNAMENTO VALE ASSAI DI PIU’ CHE DONARE DEL MATERIALE FISICO

Ognuno poi decida in libera coscienza sul da farsi. Ovvio che nella vera emergenza, nell’incidente stradale, nel pronto soccorso a secco di materiale umano, si debba dare priorità a quanto succede e a quanto serve, rinunciando anche a qualsiasi riserva mentale e ideologica, pur di aiutare qualcuno a sopravvivere. Nel caso tuo, la qualità più importante di cui sei ricca e super-dotata, è proprio la conoscenza igienistica, la propensione all’altruismo, l’arte della vera prevenzione mediante auto-pulizia ed auto-guarigione, sullo stile della immensa Florence Nightingale (1823-1910), che seppe dare una memorabile lezione alla medicina curativa dogmatica e presuntuosa, più maschio-sbandata che virile, di tutti i tempi. Dona più insegnamento igienista e meno midollo, questo è il mio messaggio, se vuoi. La gente imparerà a stare meglio, a fare le giuste scelte, a rispettare se stessa e i maialini, senza diventare schiava delle operazioni e dell’eparina, senza addensare il sangue con mortadelle e prosciutti per doverlo poi fluidificare con l’eparina.

IL CLISTERE E’ ACCETTABILE SOLO COME STRUMENTO DI REALE EMERGENZA

Per i problemi di colite e di costipazione ti consiglio di leggere la tesina “Colite, helicobacter e antibiotici”, pubblicata ieri, e poi di scartabellare sul blog col motore di ricerca “costipazione” e “stitichezza”, le mie tesine specifiche. Idem per i consigli alimentari e dietetici. L’uso del clistere, a cui sei ormai abbonata, è una pratica medica volta a liberare l’ultimo tratto intestinale da feci e gas mediante l’introduzione di una sonda nel retto e nel sigma. In medicina si usa solo per emergenza, o in prossimità di un intervento chirurgico, o per difficoltà evacuative dovute a fecalomi ostruttivi, o per altri problemi seri riguardanti la defecazione.

LAVAGGI DI COLON E FEGATO, CHELAZIONI CHIMICHE VARIE,

La pratica, essendo semplice ed economica, ha ben presto avuto una diffusione a livello domestico. Si può infatti usare acqua tiepida mista a olio, a glicerina, a caffè a soluzioni lassative. Esiste anche una macchina per il lavaggio completo intestinale, ossia per la idrocolonterapia, per non parlare di apparati finalizzati a lavaggio intensivo del fegato e del sangue, e per non dire delle chelazioni chimiche per demercurizzare e denickelizzare chimicamente il corpo, cariche di rischi inutili rispetto alla chelazione lenta ma efficace della dieta vegan-crudista, e alla detossificazione accelerata dei digiuni e dei semi-digiuni igienisti.

INTROMISSIONE DI LIQUIDI INVASIVI E DISEDUCAZIONE DEL CORPO A FUNZIONARE NORMALMENTE

Questi interventi umani intesi a forzare il corpo, a farlo diventare bravo e virtuoso, non sono affatto privi di controindicazioni. L’aspetto peggiore è che si va a sostituire la funzione naturale dello stimolo espulsivo, portando l’apparato evacuatorio a una condizione di progressiva disfunzione, per desuetudine. E’ un vivere in regime meccanico-purgativo. Poi ci sono gli effetti negativi delle soluzioni ipertoniche (caffè) o ipotoniche (camomilla) sui liquidi corporei e sugli elettroliti, ovvero su sodio, potassio e cloro (più calcio, ammonio e magnesio), sali acidi e basi che svolgono una importante funzione osmotica ai lati delle membrane permeabili cellulari, ai lati cioè delle pareti delle cellule. Queste intromissioni innaturali sono invasive e portano gli elettroliti a liberare ioni caricati positivamente (cationi) e negativamente (anioni).

FACCIAMO IN MODO CHE I MECCANISMI BIOLOGICI FUNZIONINO IN MODO NATURALE E BILANCIATO

Il catione potassio è fondamentale ed indispensabile per la sintesi proteica, per la trasformazione del glicogeno, per l’efficienza muscolare, per gli scambi gassosi a livello dei globuli rossi, e non a caso è concentrato 20:1 nei globuli rossi rispetto al plasma. Il sodio fa da controparte bilanciante del potassio. Il cloro ha il compito essenziale di assicurare l’osmolarità del sangue e dei vari liquidi organici, mantenendo l’equilibrio acido-basico (lo ione cloro si scambia con lo ione carbonato e favorisce il ristabilimento della riserva alcalina nel sangue). Inoltre fa da elemento-base per le secrezioni cloridriche iper-acide dello stomaco.

C’E’ UN PATRIMONIO IDRO-SALINO DA PRESERVARE

I nostri liquidi interni si distinguono in liquidi intra-cellulari, stando nella parte liquida del citoplasma cellulare, dove predominano i cationi di sodio, equilibrati dagli anioni di cloro e di carbonato, e in liquidi extra-cellulari o plasma sanguigno, stando negli interstizi cellulari e nei tessuti connettivi circostanti, dove predominano i cationi di potassio, bilanciati dagli anioni di cloro e di bicarbonato. Tutto questo discorsetto per dire che il patrimonio idro-salino dell’organismo, in condizioni normali, è la risultante di un equilibrio fra l’assunzione di acqua e di elettroliti, da un lato, e l’eliminazione urinaria ad opera degli emuntori, dove il rene riveste una posizione di grande preminenza nella regolazione del bilancio idrico.

TUBULI, GLOMERULI, ADIURETINA ED ALDOSTERONE

Sui tubuli renali convergono infatti gli stimoli neuro-ormonali che controllano l’omeostasi delle acque e dei sali corporei che possono variare l’entità e la qualità del riassorbimento dei liquidi e dei soluti utili dal filtrato glomerulare. In questo modo, gli stimoli adeguano la composizione dell’urina alle esigenze determinate dalla quantità di acqua e soprattutto alla quantità do soluti indesiderati espulsi dall’organismo. Il riassorbimento dell’acqua dal tubulo renale è sotto l’influenza dell’ipotalamo (regista del sistema endocrino) e della post-ipofisi tramite la secrezione della adiuretina. Quanto agli elettroliti, l’eliminazione extra-cellulare e sodica è controllata dagli ormoni mineral-attivi della corteccia surrenale, e specialmente dall’aldosterone. Il riassorbimento del sodio da parte del tubulo renale rappresenta il più efficace metodo di difesa contro le turbative dell’equilibrio idrico ed elettrolitico del corpo.

REGIA DEL’IPOTALAMO E COINVOLGIMENTO DEL SISTEMA ENDOCRINO

Si ribadisce con questo il solito concetto per cui il corpo funziona sempre e dovunque per sinergie, simpatie e antipatie, attrazioni e repulsioni, attivazione e inibizioni, espulsioni e recuperi, sottrazioni e compensazioni, tutto mirato a riportare il tutto nelle condizioni di equilibrio e di omeostasi. Ecco allora che possiamo comprendere meglio quanto importante sia rispettare i lavori mirati e intelligenti che ipotalamo e sistema immunitario impostano e orchestrano nella moltitudine di operazioni interne che avvengono nell’organismo. Ecco allora che prende forma e consistenza quella legge naturale del corpo che non va mai contro se stesso, per cui ogni azione umana di invasività e di disturbo ai processi immunitari, alle crisi eliminative, ai segnali d’allarme e ai sintomi, ai lavori auto-riparativi ed auto-guarenti del corpo, rappresenta un insulto al corpo-stesso, mal-gradito e mal-tollerato, in quanto costringe il sistema a reimpostare il suo lavoro, a ripartire daccapo ritardando i tempi reali di guarigione, visto che è sempre e solo il sistema immunitario a guarire e mai il medico, e mai il terapeuta, e mai l’igienista vegano, vegetariano o carnivoro che sia.

LE LEGGI IMMUTABILI SONO ETERNE E NON SCADONO MAI

Ecco dove si concretizzano e si comprendono meglio le leggi eterne ed immutabili di Pitagora e di Ippocrate, che certi cretini patentati di oggi definiscono vecchie ed ammuffite, mentre sono attuali come l’aria che respiriamo e come l’acqua che beviamo. Ecco che acquistano sostanza e significato affermazioni scolpite nella roccia come “Conosci te stesso”, come “La Natura è Sovrana Medicatrice di tutti i mali”, come “Mai un farmaco serva a curare un malato”, come “Primo non nuocere”. Cure medicali dei sintomi, purghe, clistere, lavaggi del fegato e del colon, stolte e demenziali vaccinazioni, asportazioni fallimentari con immancabili recidive, allucinanti soppressioni immunitarie, donazioni e trapianti di rene-sangue-midollo-cellule staminali finalizzate a interventi tanto spettacolari quanto inutili, accanimenti terapeutici funzionali a vendere farmaci e integratori, e a vincere spesso dei Nobel alle spalle della gente che soffre.

LA NOBILE ARTE DELL’INTERVENIRE SOLO DOVE E QUANDO SERVE, CIOE’ QUASI MAI

Pochi medici intelligenti e sensibili da un lato, che stanno scuotendo il capo e soffrendo le pene dell’inferno di fronte a quanto sta succedendo alla nobile arte dell’intervenire solo dove e quando serve realmente, cioè quasi mai. E, dall’altro lato, una massa enorme di persone ottime nel cuore e nello spirito, di professionisti potenzialmente di prim’ordine, ma trasformati dalle circostanze e dalla regia dei Rockefeller in enorme massa di volgari cialtroni venduti sistematicamente a Big Pharma, in una massa di arroganti privilegiati, in una massa difesa a spada tratta da leggi e da istituzioni. Gente che brilla per bravura mai vista nel sezionare vivi e morti. Gente che si distingue più per voracità e fame di soldi, di vita lussuosa, di regali, di bonus e di privilegi sociali e materiali, prima ancora che per voglia autentica di mettere a disposizione la propria arte e le proprie conoscenze a vantaggio di chi sta male e che non riesce, per ignoranza e miseria, a venire a capo delle proprie sofferenze.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
3 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x