FIMOSI, PARAFIMOSI, BALANITE E CIRCONCISIONE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

PREOCCUPAZIONI MATERNE PER LA PARAFIMOSI DEL SUO RAGAZZINO

Buonasera Valdo Vaccaro, la seguo sempre e sono una sua ammiratrice. Come mamma sono un pochino preoccupata. Torno proprio ora da una visita pediatrica con mio figlio di nove anni al quale è stata diagnosticata una parafimosi.

CURA MEDIANTE POMATA

La cura prevede 30 giorni con Advantan pomata una volta al dì e poi visita chirurgica per eventuale circoncisione. Fin dalla nascita ho notato che mio figlio aveva la pelle che circonda il pene molto stretta e il pediatra mi ha sempre raccomandato di lasciarlo stare, di non fare alcuna manovra per la pulizia. Tuttalpiù di spruzzare un po’ di acqua all’interno, con una siringa senza ago per risciacquare.

LA PELLE SCORRE A FATICA

Crescendo ho notato che la cosa non migliora. Ha quasi la forma di un funghetto. Abbiamo provato a far scorrere la pelle e si riesce ma a fatica. Anche oggi il pediatra ha fatto la manovra con delle difficoltà.

METODI ALTERNATIVI ALLA CIRCONCISIONE

Le chiedo se esistono cure alterative alla circoncisione. Mi sembra troppo invasiva per un bimbo. So che in molti paesi è la prassi ma, se ci fosse anche una sola possibilità ,mi sentirei molto meglio.
La ringrazio per aver letto questa mia mail e se vorrà rispondermi le sarò infinitamente grata.
Cordiali Saluti.
Yory

*****

RISPOSTA

PREPUZIO

Ciao Yory. Il prepuzio è la porzione di cute che avvolge il glande ricoprendolo come un cappuccio. Alla nascita è fisiologico che il prepuzio sia aderente al glande e che non possa essere ritratto facilmente. La separazione o il distacco tra prepuzio e glande avviene normalmente durante l’infanzia o nella prima adolescenza in modo naturale e spontaneo.

FIMOSI

Quando la pelle del prepuzio non si ritrae dietro il glande si instaura una condizione patologica denominata fimosi. La fimosi è dunque un’anomalia del prepuzio che, formando un anello troppo stretto, impedisce al glande di fuoriuscire. Nei bambini è fisiologico, almeno entro certi limiti, e con l’età si risolve da sé. All’età di 3 anni il 90% dei bambini ha un prepuzio che si retrae e a 17 anni meno dell’1% dei maschi presenta una fimosi. La fimosi può essere primitiva o secondaria. La fimosi primitiva è caratterizzata da una porzione di prepuzio troppo stretta, quasi mai a carico della parte più distale, per cui essa si evidenzia solo quando si ritrae la pelle nel tentativo di scoprire il glande. Nei bambini, quando la fimosi non è molto accentuata, si può tentare di liberare il glande con adeguate manovre manuali, ovviamente molto delicate. A questo può provvedere la madre stessa, opportunamente consigliata dal medico.

BALANITE O BALANOPOSTITE

Il bimbo può andare incontro a fenomeni infiammatori con arrossamento ed edema del prepuzio. Si parla in questo caso di balanite o balanopostite. In questi casi compaiono anche prurito e dolore locale, bruciore minzionale, disuria, ritenzione riflessa e talvolta infezioni delle vie urinarie. Se gli episodi si ripetono si determina un’infiammazione cronica, ovvero una balanopostite cronica che genererà sclerosi più o meno estesa del prepuzio. In questi casi, solitamente, è la parte più distale a stenotizzare dando origine alla fimosi secondaria. La banalità si previene mediante pulizia normalissima con dell’acqua.

TRATTAMENTO STEROIDE AL PREPUZIO

Sino a pochi anni fa e, purtroppo in molti casi ancora oggi, il bambino era destinato alla chirurgia che prevedeva la circoncisione completa od altre metodiche chirurgiche alternative. Questo non è sempre necessario ed esistono oggi delle metodiche alternative non chirurgiche per trattare la fimosi. Ci riferiamo al cosiddetto trattamento steroideo topico vale a dire all’applicazione di un piccolo quantitativo di crema a base di cortisone sulla porzione distale del prepuzio. Tale metodica, prevede l’applicazione serale di una certa quantità di pomata steroidea sul prepuzio per un periodo di 15 giorni.

AZIONE ANTIFLOGISTICA

L’effetto della crema steroidea è quello di determinare un’azione antiflogistica ed antifibrotica a carico della cute prepuziale con la restituito ad integrum della normale elasticità cutanea. Il trattamento è del tutto innocuo e non determina effetti collaterali significativi se si eccettua un modesto prurito nei primi giorni di terapia. La crema va applicata sia esternamente sia all’interno del canale prepuziale.
Al mattino il bambino sarà lavato esternamente avendo cura di non retrarre forzatamente il prepuzio sino a che quest’ultimo non abbia riacquisito la sua normale elasticità. I risultati sono assolutamente soddisfacenti infatti 80 bambini su 100 possono evitare l’intervento chirurgico.

FRENULO DEL PENE ED EVENTUALE FRENULOTOMIA

Il frenulo del pene è il sottile lembo di pelle che unisce il glande al prepuzio. Questo tessuto, molto sensibile e ricco di vasi sanguigni e di ricettori del piacere, duranto l’atto sessuale, essendo particolarmente sollecitato, può andare incontro a parziali lacerazioni, con conseguente vistoso sanguinamento. In alcuni individui, anche dopo la pubertà, il frenulo rimane corto e impedisce al prepuzio di scoprire interamente il glande oppure provoca una sensazione di fastidio durante l’erezione, in tali casi è possibile eseguire un intervento di frenulotomia, nel quale viene fatta una incisione sul frenulo in anestesia locale, che guarisce nell’arco di una o due settimane.

PARAFIMOSI

Un prepuzio solitamente lungo, che ha un anello fibrotico non tanto stretto da impedirgli di retrarsi dietro al grande è la condizione anatomica predisponente alla parafimosi. Essa si verifica se il prepuzio resta a lungo retratto dietro al glande non potendo più riprendere la posizione iniziale.
Un prepuzio stretto, o un prepuzio con apertura troppo piccola e limitata, può essere allungato o dilatato con piccoli massaggi innocui ed efficaci.

CIRCONCISIONE

Un acerrimo nemico della circoncisione è sempre stato Herbert Shelton. La circoncisione non ha alcun valore igienico. Trattasi sempre di un’operazione chirurgica, ed ogni operazione, anche la più semplice, porta con sé dei rischi associati. Implica infatti lo shock dell’operazione in sé, la perdita di sangue, l’infiammazione, il dolore, il rischio infezione. Se si usa l’anestetico anche questo porta ad effetti collaterali.

EVITARE INUTILI TRAUMI EMOTIVI AI BAMBINI

I genitori dovrebbero capire che la circoncisione costituisce per un trauma emotivo e fisico severo per il delicato sistema nervoso di un bambino. Nessun essere umano viene migliorato o reso più pulito e sano dalla circoncisione. Dire che la circoncisione rende più facile la pulizia del pene è addirittura ridicolo. Per ogni adulto è facilissimo ritrarre la pelle del prepuzio mentre fa la doccia o il bagno. Ci sono stati e ci sono molti più uomini non circoncisi sulla Terra rispetto a quelli circoncisi. La Natura non sbaglia, e pretende di correggerla in modo sistematico non ha alcun senso.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. Amico taddei on

    Tengo una fimosi da poco tempo sono adulto fi65anni e Viglio curarmi senza chirurgia