GASTRITE, INSONNIA E GLOBULI BIANCHI BASSI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

ABBONATA AL MAL DI STOMACO

Buongiorno, sono Annalisa. Le scrivo perchè non riesco più a uscire da un circolo vizioso di mal di stomaco e ho pensato, grazie ai consigli di un’amica, che forse mi converrebbe dare una brusca sterzata. Come le dicevo soffro perennemente di mal di stomaco, e di incapacità a digerire tanti alimenti, soprattutto frutta e verdura cruda.

CAFFE’ AL GINSENG TUTTI I GIORNI

In più ho globuli bianchi bassissimi (1800). I dottori non riescono a capire da cosa dipenda, nonostante le tante analisi effettuate. Inoltre mi sento stanchissima e continuo a prendere caffè al ginseng che mi distruggono lo stomaco e non mi fanno dormire di notte dal dolore. Nonostante ciò continuo con i soliti vizi perchè mi sento sempre tanto stanca anche mangiando.

COLAZIONI ABBONDANTI E INDIGESTE

La mattina, ad esempio, dopo un’abbondante colazione, mi sento ancora stanca e mi resta tutto sullo stomaco. Allora prendo il caffè che mi fa sì digerire ma mi produce pure un male pazzesco. Forse cambiare dieta sarebbe una soluzione ai miei problemi di gastrite, sia per ritrovare l’energia che per i globuli bianchi. Ha qualche consiglio su come alimentarmi per sentirmi meglio? Grazie.

*****

RISPOSTA

SIAMO DI FRONTE A UNA WATERLOO NUTRIZIONALE

Ciao Annalisa, dici di cambiare dieta? Più che di dieta parlerei di disastro alimentare vero e proprio. Nessun dubbio che ci voglia una forte sterzata. Denoti una notevole carenza di principi igienistici basilari. Nulla sai ad esempio dei cicli circadiani, per cui la vera alimentazione sostanziosa si concentra nel ciclo appropriativo-alimentare che va dalle 12 alle 20, mentre il ciclo assimilativo va dalle 20 alle 4 del mattino, e dalle 4 alle 12 c’e’ il ciclo eliminativo, dove il corpo tende a mandar fuori e ad espellere  più che ad acquisire. Da qui si spiega come di mattino vada bene al massimo una colazione fruttariana a base di agrumi, salvo che uno non debba mettere su peso o che debba affrontare grosse dispersioni energetiche. Del resto è pratica piuttosto diffusa quella della colazione all’inglese, dove per breakfast (rompi-digiuno) si intende una rottura col digiuno forzato della notte.

ERRORI ECLATANTI SIA NEL PENSIERO CHE NELL’AZIONE

Nulla sai poi sulla necessità di consumare la frutta da sola e lontano dai pasti, e non in un calderone misto assieme a chissà quali altri alimenti. Qui si tratta di fare un po’ la cura dell’acqua e dell’aria, facendo fronte a inevitabili effetti eliminativi, soprattutto a mali di testa per la crisi astinenziale dal caffè (che dovrà essere eliminato senza remissione). Dovrai poi rieducare progressivamente il tuo sistema gastrointestinale al vero e unico carburante elettivo del motore umano che è il succo zuccherino della frutta e il succo verde della clorofilla. Ma occorre arrivarci per gradi. All’inizio sarà indispensabile ricorrere a qualche passato di verdure, al purea di patate, a bietole e cavolfiori cotti al vapore, al succo di cavolo crudo, passando poi attraverso diverse settimane a centrifugati di carote e ananas, prima di affrontare nuovamente l’impatto con qualsiasi tipo di dieta, o meglio con qualsiasi tipo di dieta virtuosa.

RAFFORZIAMO UNA BUONA VOLTA LE NOSTRE COGNIZIONI SALUTISTICHE

Riprendersi da una gastrite e da una conseguente colite, può richiedere settimane e talvolta mesi. Serve certosina pazienza e forte determinazione. L’obiettivo è quello di ricreare accettabilità gastro-intestinale. Cosa non da poco. Ma soprattutto serve una solida base igienistica. Ti consiglio di leggere con attenzione le tesine sull’argomento e ripartire da zero. Un autore straordinario rimane Max Bircher-Benner. Stesso discorso per il sistema immunitario, indebolito e massacrato all’inverosimile. Cosa fare per il sistema immunitario e per un riequilibrio tra globuli rossi e globuli bianchi? Dare modo ai meccanismi interni di funzionare. Ogni caffè al ginseng non è un favore ma una martellata acidificante al sistema immunitario.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.