I TRAPIANTI MIDOLLARI NON ISPIRANO E NON ATTRAGGONO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

CHIARIMENTI SUL TRAPIANTO DI MIDOLLO

Gent.mo Valdo, ti scrivo per chiederti informazioni, per chiarire e approfondire quanto necessario in merito al trapianto di midollo, per una malattia rara che ha colpito un mio amico caro, a cui comunicherò tali informazioni. Al momento non so il nome esatto di tale malattia. Il trapianto di midollo non mi ispira come risoluzione ma, appena conoscerò il nome esatto, te lo comunicherò.
Vorrei i dati per poter iscrivermi alla tua associazione e relativa quota con IBAN. Grazie e ciao.
Domenico

*****

RISPOSTA

DONAZIONI A SUPPORTO

Ciao Domenico. L’iscrizione alla mia newsletter intesa a ottenere in automatico le tesine è gratuita e viene sostenuta da libere donazioni. Chi vuole fare delle donazioni a supporto del nostro lavoro può fare un versamento a questa pagina.

I TRAPIANTI NON MI ISPIRANO E NON MI CONVINCONO

Sarò condizionato dai miei preconcetti igienisti, ma ogni forma di trapianto non mi ispira e non mi attrae. Ammesso e non concesso che il trapianto di midollo e di cellule staminali sia molto più semplice dei trapianti di organi come fegato, cuore, reni, si tratta sempre di una operazione invasiva, cervellotica ed innaturale, dove l’umano, il medico, pretende di sostituirsi a Madre Natura e di diventare l’artefice e il Deus Ex-Machina della salute, con poco e scarso rispetto per la Natura come Sovrana Medicatrice di tutti i mali.

NON CREDO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO E NON CREDO AL COMMERCIO DI ORGANI

Fosse anche vero che il trapianto di midollo apporta risultati soddisfacenti, esso fa parte sempre di quel gruppo di interventi trapiantistici che si chiamano “Predazione di organi” e che danno luogo a quell’inquietante e abominevole fenomeno che si chiama mercificazione di parti umane. Un fenomeno poi che appartiene pure al filone dell’accanimento terapeutico, del non conformarsi alle leggi della natura e alle leggi della remissione spontanea, del non credere a se stessi e ai principi del riequilibrio assistito.

MIGLIAIA DI SITI SCHIERATI A FAVORE E NESSUNA VOCE CONTRO

Se vai alla voce trapianto di midollo su internet troverai migliaia di siti schierati senza un solo punto critico a favore del trapianto. Trapianto midollare che si effettua non soltanto per i soliti problemi di malattie del sangue tipo la leucemia, o tipo le situazioni di vera emergenza, ma in particolare per sconfiggere i fantasmi e le paure di patologie inventate come Hiv e Aids.

SANGUE E SISTEMA NERVOSO NON SONO PURIFICABILI COI FARMACI E TANTO MENO COI TRAPIANTI

Come sostiene Manuel Lezaeta, il sistema nervoso è l’accumulatore e il distributore delle energie di tutto l’organismo. La medicina convenzionale è impotente di fronte alle disfunzioni nervose perché non si possono purificare il sangue e i suoi componenti con dei farmaci, e ancor meno si possono purificare con la chirurgia o col trapianto. Farmaci e bisturi sono causa di degenerazione del tessuto nervoso e non possono essere considerati dei rimedi. I malati di sangue guasto e di sangue alterato, o di midollo difettoso, hanno bisogno di strategie naturali implicanti una disintossicazione dell’organismo.

RIMEDI NATURALI PER LA FUNZIONALITÀ DEL MIDOLLO OSSEO

Il midollo osseo produce le cellule del sangue, globuli rossi e globuli bianchi. L’incapacità di svolgere al meglio questo ruolo conduce a insufficienza midollare, una condizione pericolosa per la vita. Il trattamento medico d’urgenza comporta in genere il ricovero in combinazione con chemioterapia , radiazioni, trasfusioni di sangue oppure trapianto di midollo osseo.

NON MANCA IL RIGETTO E LE IMMUNOSOPPRESSIONI

Il trapianto di midollo osseo da donatore è considerato, con uniformità medica più che sospetta, la terapia più efficace per molte patologie del sangue. Pochi parlano dei lati negativi e dei rischi che si corrono. Assai comune infatti la reazione di rigetto e di incompatibilità, dove le cellule immunitarie del donatore attaccano i tessuti del paziente trapiantato, siano esse cellule dell’epidermide, della mucosa o degli organi interni. In questi casi la medicina interviene mediante farmaci immunosoppressori, sempre altamente tossici e sempre scarsamente risolutivi.

PREVENIRE È LA SOLUZIONE PRINCIPE

La prevenzione rimane sicuramente il più grande strumento nella lotta contro la insufficienza del midollo osseo. E la prevenzione non si raggiunge senza una coscienza di tipo igienistico, senza una ferma determinazione a riguadagnare la normalità funzionale mediante metodi innocenti e privi di effetti collaterali, privi di bioterapie, di interferone e di trapianti.

CERCHIAMO DI ESSERE PIÙ SELETTIVI E NON IMPELAGHIAMOCI NELLE PROTEINE ANIMALI

Basilare è una scelta di comportamenti salutistici a protezione del fegato, dei reni e della pelle, organi-base della detossificazione. Basilare è la scelta di cibi vitali, vibranti e radianti, capaci di collocarsi sulle parti alte della scala Simoneton. Basilare la scelta di cibi ricchi di acqua biologica, tipica di frutta e verdure acquose sotto forma di succo zuccherino e di verde clorofilla, corredata da buon apporto mineralvitaminico, con abbondanza di vitamina C e di gruppo B, in particolare B1, B3, B6, B9, con le giuste sinergie minerali di ferro, calcio, fosforo e magnesio. Basilare la scelta di cibi leggeri e digeribili, unico modo per fabbricare sangue sano, sangue vitale e sangue fluido.

L’OBIETTIVO RIMANE QUELLO DI RIDARE EQUILIBRIO E CAPACITÀ FUNZIONALE AI NOSTRI ORGANI VITALI

Cibi come banane, avocado, verdure a foglia verde, carote, patate, rape, bietole, ravanelli, agrumi, frutta secca, legumi, sono tutti ricchi di queste vitamine, ottimi per contrastare le anemie e le insufficienze midollari, ottimi per dar modo ai nostri strumenti vitali di riacquistare capacità funzionale. Una percentuale di cibi naturali cotti in modo limitato e intelligente è ammessa. Il nostro è un vegetarian-crudismo e un vegan-crudismo di tipo tendenziale e sostenibile.

INDISPENSABILE UN DECISO CAMBIO DI MARCIA

In caso di malattie tipo la leucemia, o i vari tipi di linfomi, è necessario un deciso cambio di marcia e un’adozione di stile di vita virtuoso per combattere lo stress, la debolezza e l’affaticamento causato dalla insufficienza del midollo osseo. Ottenere sonno notturno, occorre respirazione profonda e non corta, occorre movimento, occorre esposizione solare, occorre pensiero positivo, occorre fiducia nelle proprie risorse interne e nelle proprie dotazioni auto-guarenti.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

3 commenti

  1. Proprio ieri leggevo l'introduzione del libro appena acquistato "The detox miracle" dell'igienista Robert Morse, in cui accenna della possibilità di recupero funzionale del midollo spinale, ne riporto un passo: "Ho visto molti casi di cancro, in cui il corpo ha completamente cancellato la malattia, così come alcuni casi di diabete, patologie delle arterie coronariche e artriti, tutti eliminati. Mi sono trovato di fronte a lesioni del midollo spinale che si sono rimarginate e a danni neurologici causati da ictus, sclerosi multiple e simili, tutti guariti. Non c'è alcuna magia o mistero sulla salute e tantomeno sulla malattia. La malattia è un processo naturale!".

  2. Midollo osseo e midollo spinale sono però 2 cose diverse…non mi intrometto in nulla, dico solo che a volte può essere un salva-vita come una trasfusione. Se in regime di emergenza viene accettato il fatto di ricorrere alla medicina "classica" secondo me anche in questo caso si dovrebbe essere più di manica larga.
    É vero che la malattia è un processo naturale ma è anche vero che il decorso di alcune malattie é il decesso e se con un trapianto od una trasfusione posso evitarlo ben venga no?
    Quanto ci va perché il cambio di dieta faccia effetto? Quanto posso permettermi di aspettare? Secondo me è qui che in questo caso si gioca tutto.
    Ciao!

  3. Oh, Andrea ben tornato! Giusta considerazione, chiaramente ognuno è responsabile della propria salute e in questioni così delicate bisogna essere cauti. Solo il diretto interessato in piena autonomia è in grado di conoscere quale sia il trattamento più opportuno, considerando la propria storia personale e magari informandosi soppesando i pro e contro delle diverse terapie.