IL DISINNESCO DEL TUMORE AL PANCREAS

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Salve dr Vaccaro, mi chiedevo se, con le sue conoscenze, è in grado di aiutare un amico affetto da una rara forma di tumore al pancreas. Spero tanto che possa dargli una mano a guarire. Grazie e buona giornata.
Peppe

*****

RISPOSTA

PARERE IGIENISTICO E PARERE MEDICO

Ciao Peppe, rispondo a te, e magari tu provvedi a girare il messaggio alla persona interessata, ricordandole che il mio non è un parere medico ma un parere igienistico, con tutto quello che ne deriva in termini di affidabilità e di responsabilità legale. Legalmente parlando valiamo quanto il due di spade. Quanto ad affidabilità e trasparenza lasciamo il giudizio al pubblico.
È risaputo comunque, piaccia o non piaccia, che le nostre vedute sono spesso diametralmente opposte a quelle della medicina ufficiale.
L’igienismo ha i suoi principi, i suoi metodi e i suoi risultati. Stessa cosa per la medicina.
Ognuno faccia in coscienza le sue scelte, senza demonizzare nessuno.

LE INFIAMMAZIONI DA STITICHEZZA E VISCOSITÀ SANGUIGNA

I tumori, al pari delle famose infiammazioni desinanti per “ite” (flebiti, uveiti, pleuriti, riniti, ecc), sono praticamente tutti uguali. Le infiammazioni hanno tutte la medesima causa e la medesima matrice. Si tratta di sangue denso che alimenta male e ripulisce peggio le varie cellule, tanto che le infiammazioni si chiamano anche malattie acute metaboliche, da metabolismo difettoso.
Non quindi diecimila patologie, come pretendono i manuali medici e la logica farmaceutica del business ad ogni costo, ma una malattia madre di tutte le altre. Una malattia che si chiama viscosità sanguigna, e che si contrasta efficacemente mediante digestioni virtuose in successione continua.

I TUMORI RAPPRESENTANO LO SVILUPPO LOGICO DELLE INFIAMMAZIONI

I tumori, hanno parimenti la medesima causa con l’aggravante della cronicizzazione.
“Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico”, dice un saggio popolare.
Perseverare coi cibi sbagliati, con la stitichezza, con l’intossicazione, coi radicali liberi e le conseguenti infiammazioni, porta alle ulcerazioni e quindi alle toppe rimediali, agli indurimenti, alle tumorazioni.

NON ESISTONO TUMORI STRANI E TUMORI MISTERIOSI

Ma non esistono 100 tumori diversi, con 100 cellule cancerogene diverse. Né ci sono tumori strani e misteriosi. Quella non è scienza, ma mercato miliardario controllato dalle multinazionali.
La sanità ha sbandierato per anni la strafottente balla di voler cercare le varie cellule cancerogene che generano il cancro.
Era ovviamente alla ricerca di ulteriori fondi con cui sovvenzionare l’enorme voracità dell’apparato medicale statunitense. Peccato che la guerra al cancro, dichiarata con veemenza dal presidente Richard Nixon, non abbia mai portato ad alcun risultato concreto.

LA BALLA MONDIALE DELLE CELLULE CANCEROGENE

Non esistono cellule sane da salvare e cellule cancerogene da distruggere, come non esistono virus da ammazzare, essendo già belli morti di per sé. Esistono, molto più banalmente, cellule normali in sovra-crescita, dirette ed orchestrate responsabilmente dal sistema immunitario.
Tumori dunque costruiti in modo logico e ordinato, ed anche regredibili secondo metodologie altrettanto sensate. E non esistono cellule tumorali differenziabili da quelle cancerogene, ma solo cellule tumorali sottoposte a putrefazione e cachessia, che vanno in circolo e causano reazioni putrefattive a catena, scatenando le metastasi.
Ma queste verità, semplici e lineari, non portano fieno alla cascina sanitaria e a quella di Big Pharma, e pertanto vengono regolarmente boicottate.

LE MANIPOLAZIONI DELLE LOBBY ALIMENTARI E CHIMICO-FARMACEUTICHE

A disposizione di Nixon esistevano nel 1971 i carteggi segreti dei medici tedeschi del Reich sui pericoli delle maggiori sostanze tossiche e sui metodi necessari a disinnescarle mediante attenta prevenzione.
Devra Davis ha scritto un best seller dal titolo “La guerra al cancro”, dove denuncia pure le trame e gli inganni della lobby del tabacco, della lobby alimentare e di quella chimico-farmaceutica, colpevoli di aver manipolato e influenzato la ricerca in nome del profitto, deviando l’attenzione dalla prevenzione
(che comporta indesiderati blocchi al consumismo a base di carne-latte-caffè-tabacco e fa persino guarire gratis la gente) alla cura medico-chirurgica (che spinge invece la popolazione a mantenere le vecchie abitudini patologiche restando malata a vita, e quindi soggetta, con viva gioia del gruppo Rockefeller, al farmaco e alle danarose operazioni).

AIDS, CIAMBELLA DI SALVATAGGIO PER UNA SANITÀ AMERICANA IN ROVINA

La storia successiva, in America e non solo, la conoscono anche i sassi.
Fallita la guerra al cancro e troncati i finanziamenti del governo federale alla famelica sanità americana, il CDC (Central Disease Control) venne messo sotto pressione per inventare un nuovo cancro mondiale capace di sostituirsi validamente al cancro come stimolatore di nuovi finanziamenti e di nuovi flussi di danaro in favore della complessa macchina medicale, trasformatasi da decenni in una aberrante divoratrice di danaro pubblico.
Quel cancro era l’Aids. Grazie all’Aids, l’America del bisturi e del farmaco ha succhiato al suo Governo Federale e al mondo intero le risorse per mantenere al proprio posto una massa di medici e di ricercatori a rischio, che altrimenti sarebbero tornati a fare i cow-boys o a seminare patate.

FUNZIONI DEL PANCREAS

Fatte queste premesse, andiamo al problema pancreatico.
Il pancreas è una ghiandola indispensabile alla vita come e più delle altre.
Lavora in concomitanza e sinergia con fegato e reni nella fase digestiva.
La sezione endocrina del pancreas possiede il principio ormonale vagotonina, che agisce sui centri pneumogastrici ed eccita la funzione insulinica.

IL PERCORSO LOGICO DEL TUMORE

Il tumore al pancreas rappresenta lo sviluppo logico e consequenziale di un percorso simile a quello citato all’inizio per tutte le altre forme tumorali. Un percorso che passa necessariamente attraverso l’infiammazione cronica e l’ipertrofia dell’organo in questione.
Si rivela con pressione bassa, con deperimento rapido, a volte con coliche addominali, con dolori acutissimi nella zona ventrale a sinistra dell’ombelico.

TECNICHE DI RIASSORBIMENTO TUMORALE-PANCREATICO

Gli alimenti tollerati malissimo sono i grassi, le proteine (specie quelle di origine animale) e i dolciumi.
L’igienismo in questi casi raccomanda il digiuno e l’acqua, per stabilizzare il tumore e farne regredire la crescita.
Il digiuno potrà durare 3-5 giorni circa, e potrà essere ripetuto a distanza di uno o due mesi, a seconda della situazione fisica del paziente.
L’alimentazione successiva al digiuno sarà di tipo vegano-crudista, con abbondanza di frutta acquosa, di frutti di bosco e mirtilli, nonché di erbe selvatiche tipo tarassaco, acetosa, ortiche. Ottime le cicorie. Preziosi i centrifugati di tuberi, specie carote, bietole e topinambur. Il topinambur va considerato con speciale attenzione dato il suo elevato contenuto di insulina ed inulina vegetale.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x