CLAMOROSO: INOCULATI SENZA ANTICORPI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

LA QUESTIONE VACCINI FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI

Caro Valdo, che la questione vaccini faccia acqua da tutte le parti è una cosa che tu predichi da sempre. Ma se ritieni utile entrare nel dettaglio dei non-responder questo è un link interessante. Se non ho capito male ci sono soggetti vaccinati che non risultano coperti e soggetti non vaccinati che risultano già coperti. Vorrei capire la diffusione di questi soggetti rispetto alla popolazione totale per aggiungere un altro elemento alle discussioni che mi ritrovo a fare con sedicenti soggetti appartenenti al mondo scientifico. Come sempre grazie.

Michele

*****

SCANDALO ESAMI ANTICORPALI! I VACCINATI NON RISULTANO PROTETTI

Giungono sempre più segnalazioni di medici e genitori che hanno, rispettivamente, prescritto ed effettuato gli esami prevaccinali anticorpali ai bambini, con esiti inattesi (per alcuni): i vaccinati non hanno gli anticorpi! 

Vaccinati con l’esavalente, e a tutti i relativi richiami, non hanno gli anticorpi contro Tetano, Pertosse ed Epatite B!

Ma d’altronde sono gli stessi produttori dei vaccini che con massima trasparenza lo scrivono non su documenti riservati ma direttamente sui fogli illustrativi di vaccini come questo, ad esempio.

Nel cratere sismico di umbria-marche-lazio-abruzzo, il SSN passa persino il viagra con l’esenzione del ticket, ma gli esami anticorpali prevaccinali no, quelli no!

Tante regioni si sono premurate di tempestare con circolari bizzarre (in contrasto con atti amministrativi superiori e persino con norme) ASL, medici di famiglia e pediatri nel NON prescriverli perché non necessari.

Gli ordini dei medici e pediatri, nazionali e provinciali, vanno in tv e giornali a propagandare (e a diramare circolari ai loro iscritti) che “non esiste nessuno studio scientifico che dimostri l’utilità degli esami anticorpali ai fini della prevenzione di reazioni avverse” (??!!!). Come dire? Che c… che diamine c’entra? Siamo un po’ andati fuori tema. Volutamente.

Tanti pediatri si stanno immolando alle circolari, esautorando, come al solito, la legge, negando la prescrizione degli esami anticorpali e subendone le relative denunce penali. Piangono come agnellini, loro, a causa di cattivi genitori che li hanno denunciati, genitori incuranti del fatto che se avessero accettato di prescriverli sarebbero stati licenziati (???). Ora, invece, con la denuncia penale per omissione d’atti d’Ufficio, saranno licenziati? Quanto meno radiati o sospesi, ci si auspica, visto che un dipendente pubblico non dovrebbe avere procedimenti penali pendenti o addirittura definitivi.

Eppure Epatite B, Haemophilus B, Parotite, Pertosse, Poliomelite, Rosolia (quelli che abbiamo reperito, ma medici segnalano anche la difterite e non sappiamo cos’altro ancora), possono essere contratte senza alcuna o con lieve sintomatologia (non lo diciamo noi ma www.salute.gov). Quindi come fare a sapere se i bambini hanno già contratto o meno la malattia contro la quale vorrebbero vaccinarlo? Semplice, con gli esami anticorpali, le IgG, per intenderci.

A tutto il personale sanitario che lavora in corsia (medici, infermieri, ecc.) nelle strutture ospedaliere e sanitarie vengono prescritti gli esami anticorpali (cioè il dosaggio dei titoli anticorpali) per accertarsi che siano immuni e che non contraggano, dai pazienti in corsia, malattie contagiose come Pertosse ed Epatite B. Altrimenti, in caso di contagio, le assicurazioni mediche NON PAGANO. Da qui altre segnalazioni di tirocinanti presso le strutture ospedaliere che avevano eseguito TUTTE le vaccinazioni e i richiami e che ciò malgrado NON RISULTANO IMMUNIZZATI!

Cioè il vaccino, a loro, non è servito, né servirà a nulla. In gergo medico sono definiti “non-responder“.

Anche ai migranti vengono prescritti (con piena esenzione ticket per giunta) gli esami anticorpali per evitare una loro inutile rivaccinazione.

Tutta questa cautela per la salute dei medici, degli infermieri e dei migranti. Ma di quella dei bambini non sembra fregare niente a nessuno.

Perché i pediatri si rifiutano, a costo di prendersi le denunce penali, di prescrivere gli esami anticorpali ai bambini?

PERCHE’?

Vuoi vedere che il motivo non è soltanto quello di evitare che i bambini non vaccinati li facciano e si scoprano già protetti ed immunizzati, ma soprattutto quello di evitare che comincino a farli ANCHE I BAMBINI VACCINATI che si scoprano NON PROTETTI?

Invitiamo, pertanto, tutti i genitori e tutto il personale sanitario, vaccinati e non, a continuare a verificare i titoli anticorpali continuando a segnalarci altri casi di immunità naturale senza vaccini e quelli di non immunità a seguito di vaccinazione.

In caso di rifiuto di prescrizione medica, e con riserva di cambio del medico e di denuncia penale per omissione d’atti d’ufficio, gli esami di laboratorio possono essere eseguiti anche a pagamento (circa 20 euro ciascuno) presso i laboratori privati, senza alcuna prescrizione medica. Confrontiamo bene i range di immunizzazione dei laboratori con quelli preesistenti la L. 119/2017 (sembra stiano modificando pure quelli al fine di far sì che in pochi risultino immunizzati naturalmente). Ci raccomandiamo, pertanto, di non dire nulla agli analisti dei laboratori, onde evitare loro la tentazione di innalzare arbitrariamente i limiti massimi dell’immunizzazione naturale. Perché se per caso cominciano a farli anche i bambini vaccinati, innalzare i limiti, non è una buona idea. Risulterebbero tutti non immunizzati.

FONTE

*****

COMMENTO

QUESTO ARTICOLO VA MESSO IN BACHECA NELLE SCUOLE E NEGLI OSPEDALI

Ciao Michele. La giusta risposta l’hai detta tu stesso all’inizio. Le ipotesi vaccinatorie fanno acqua da tutte le parti. È una cosa del resto che predico da anni. L’articolo che mi hai oggi segnalato è di una importanza stratosferica. È uno dei documenti più intelligenti e importanti che io abbia avuto tra le mani in tutti questi anni. Esso rappresenta, coi fatti e non a parole, lo sbugiardamento scientifico ed inappellabile di tutte le menzogne e di tutte le prese in giro che il carrozzone vaccinale ha imposto alle ignare popolazioni del pianeta.

GLI ESAMI ANTICORPALI DI LEGGE LI HA STABILITI LA STESSA MEDICINA

Come si fa a sapere se i bambini hanno già contratto o meno la malattia contro la quale li si vorrebbe vaccinare? Semplice, con gli esami anticorpali, risponde la stessa medicina che ha creato l’intero quadro ideologico della responsabilità batterico-virale, incluse le IgG, per intenderci. Le immunoglobuline G (IgG) sono un tipo di anticorpi, cioè molecole coinvolte nella risposta immunitaria dell’organismo umano. Sono sintetizzate dai linfociti B, e rappresentano il 75% di tutti gli anticorpi. Questo è il punto focale dell’intero articolo., oltre chiaramente ai basilari fatti dei medici e degli infermieri, nonché dei migranti, tutti sottoposti agli esami anticorpali di legge prima di ogni “inutile” vaccinazione mentre i bambini stranamente no.

PER LA HEALTH SCIENCE NON ESISTONO VACCINAZIONI UTILI ED INUTILI, MA SOLO INSULTI VACCINATORI

Chiaro che per la Health Science non esistono vaccinazioni utili ed inutili, essendo tutte un bluff e una vergognosa imposizione mondiale priva di ragione d’essere. Esiste solo una massa di imbrogli intrecciati  a incompetenza, oscurantismo, presunzione e rozzo analfabetismo in tema di salute.

TUTTI SIAMO POTENZIALMENTE COPERTI, ALLA SEMPLICE CONDIZIONE DI PULIZIA INTERNA

E tu, simpaticissimo, tra lo gnorri e l’ironico, mi vieni a chiedere la diffusione dei soggetti non vaccinati e già coperti o già immuni naturalmente. Accontentati di sapere che esiste il fenomeno e che non è affatto raro. E si tratta di un fenomeno estremamente rilevante. Tanto rilevante da far implodere e disintegrare una volta per tutte l’intera messinscena storica delle vaccinazioni. La risposta comunque, al di là di ogni battuta, esiste e te la dà una donna di nome Florence Nightingale. “Non è forse la sporcizia interna e le condizioni spesso penose a cui sottoponiamo il corpo, a determinare la suscettibilità alla malattia? Il concetto di contagio è il rifugio delle menti deboli, fragili e mediocri della medicina!”.

IL DOTTOR PAGNUCCO SPAZIENTITO MI PRESE UN GIORNO PER I CAPELLI

Nel mio piccolo te la posso portare pure io una testimonianza diretta. Ci vorrebbe qui la presenza dello stesso medico condotto della mutua, il dr Aldo Pagnucco passato a migliore vita. Aveva l’ambulatorio a Feletto Umberto, 7 km a nord di Udine. Correva  il mitico decennio anni ’50-‘60. Grandi progressi e grandi attese di una economia italiana in forte crescita dopo i disastri bellici e post-bellici. Ma anche grandi influenze tipo l’Asiatica. Pagnucco era un medico coi fiocchi, oltre che un amico di famiglia. Veniva e parlava uno a uno coi genitori, coi nonni e con la sorella. Nel 1960 fu uno dei primi in Italia a possedere la Fiat 500, bianca candida, con cui si muoveva per le sue visite. La lasciava in piazza, fuori del Bar al Tram di Artico ed Amabile, e passava poi a piedi lungo via Matteotti, chiamata dai nonni “le androne”, la via principale del paese. Come arrivava il primo freddo, tutti con la febbre a letto, come del resto la stragrande maggioranza delle famiglie di Tavagnacco. Tutti a letto fuorché io. Siccome la cosa si ripeteva regolarmente da anni, il medico, scherzoso e pieno di battute sagaci, mi prese un giorno per i capelli e  mi disse? Tutti e 5 in famiglia con 39 di febbre. Io stesso che mi riempio di antibiotici per non prenderla. Ora tu, se vuoi che ti molli la chioma mi devi rivelare il tuo segreto. Mi devi dire come fai a vivere senza mai soccombere ai germi!

DUE SACCHETTI DI VALERIANA E DI TARASSACO APPENA RACCOLTI

“Ahia, dottore, mollami che mi fai male. Questa mia gente mangia cibo cotto, mangia pasta, carne e beve caffè. Io invece vivo nell’orto e mi riempio di uva, melegrane, fichi e uva, germogli di vite, funghi e noci, oltre che di tanto radicchio e patate. Chiaro?” E gli dicevo tutto questo quando non avevo mai letto nessun libro di Shelton o di autori igienisti! Il giorno dopo, andai come al solito per i campi e raccolsi due sacchetti pieni, uno di valerianella o dolcetta e uno di tarassaco. Presi la bici e andai a Feletto. Bussai al suo ambulatorio e gli dissi. Ecco dr Pagnucco le medicine che io le propongo. Se le mangi con cura e vedrà che tra le verdure selvatiche e le pillole in confezione non esiste paragone!

LA COPERTURA NATURALE ESISTE TEORICAMENTE PER TUTTI

Pertanto, la mia risposta di oggi al tuo quesito, caro Michele, è che tutti godiamo di questa immunità naturale nella misura in cui ci manteniamo nutriti, puliti ed efficienti al nostro interno, nella misura in cui secrezioni ed escrezioni funzionano, nella misura in cui il metabolismo fa pervenire prontamente il cibo al sistema cellulare e nel contempo lo ripulisce dai suoi residui e dalle sue scorie. Malattia amica e non nemica. Batterio normalmente amico e non nemico e virus morto e solo ostruttivo  se non espulso prontamente grazie a carica di vitamina C e di bioflavonoidi nell’alimentazione, e grazie a conseguente buona condizione immunitaria.

LE CURE SOPPRESSIVE E I VACCINI RAPPRESENTANO IL PEGGIORE ATTENTATO CONTRO LA SALUTE UMANA

Ovvio che fin quando la gente continua a ricorrere a cure mediche soppressive, a cure che impediscono le piccole-necessarie-preziose crisi eliminative-depurative, continuerà a vivere sul filo del rasoio, ad alto grado di tolleranza ai veleni e ad apparente immunità di breve periodo ma a pericolosa suscettibilità a mali peggiori di lungo periodo. Le vaccinazioni rappresentano in questo contesto il peggiore attentato che si possa fare contro la propria salute.

LA SITUAZIONE STA SFUGGENDO DI MANO AL POTERE DEI MONATTI

Tornando alla questione copertura e non copertura, è ovvio che faranno di tutto e stanno già facendo di tutto per correre ai ripari, per impedire che i fatti vengano alla luce e siano confermati da dati statistici, ma potranno solo mettere delle toppe provvisorie e ridicole. La situazione gli sta sfuggendo di mano. Nella questione vaccini esiste da sempre una concatenazione di bugie, di falsità, di masturbazioni mentali, di dati artefatti, di statistiche manipolate. Se si rompe un anello di questa catena malcongegnata e colma di incongruenze, cade l’intero palco con tutti i burattini, coi loro burattinai e coi loro leccapiedi.

GRAZIE ALL’INCOSCIENZA E ALL’INCOMPETENZA MEDICA ABBIAMO SCIUPATO MALAMENTE UN SECOLO MANDANDO IN SVILUPPO ESPONENZIALE LE PEGGIORI MALLATTIE

Non c’è nulla di strano. Si azzera un secolo di scemenze e di falsificazioni e si torna al 23 settembre 1895, in una località chiamata Marnes-la-Coquette, 13 km a sud di Parigi dove, al capezzale di un morente, succede una cosa importante. Sta esalando l’ultimo respiro un certo Louis Pasteur, uno che per tutta la vita ha pescato e rubato concetti e fatiche a un grande ricercatore come Antoine Béchamp. Uno che ha contrastato i migliori medici del tempo.

PASTEUR DISTORCE I FATTI E MANDA IL MONDO INTERO SUL BINARIO SBAGLIATO

Era ormai pensiero comune che le malattie insorgono quando qualcosa va storto nel corpo e favorisce la cosiddetta invasione microbica. E Pasteur distorse e rovesciò tale concetto mandando sul binario sbagliato l’intero mondo della medicina. La lotta era contro Robert Koch, contro Max Pettenkofer e soprattutto contro il suo connazionale Claude Bernard, che poneva tutto sul Milieu Interieur, sull’ambiente biochimico, sulla formula del sangue, sul terreno corporale.

IL PENTIMENTO FINALE DI PASTEUR

Mentre sta rodendosi l’anima prima del trapasso, Pasteur è assistito dal prof A. Rennon, e trova la forza di sussurrare una specie di tardo pentimento. Aveva ragione Bernard. Il microbo è niente e il terreno corporale è tutto. Ed è da qui che dovremo tutti ripartire. Tutto da cancellare. Tutta la commedia dei vaccini, dei virus morti che qualcuno ha fatto l’impossibile per renderli vivi. Dei batteri intelligenti e preziosi che qualcuno ha fatto di tutto per renderli stupidi ed assassini. Un po’ come la genetica, disintegratasi a 70 anni dalla sua fondazione come materia scientifica, per evidenti ed insanabili fratture nei suoi pilastri di sostegno, nei suoi dogmi fasulli e smentiti clamorosamente, sulla presunta fissità dei geni e del Dna.

LA CERVELLOTICA E DEMENZIALE IPOTESI DEGLI ANTICORPI

Ma torniamo alla demenziale teoria degli anticorpi, elaborata con false sicurezze e con arroganze scientifiche del tutto ingiustificate. Ce la spiega magnificamente una scienziata coscienziosa e profonda di nome Hannah Allen, allieva diretta di Herbert Shelton. La teoria dice che gli anticorpi vengono introdotti nel sangue o vengono formati nel sangue, in risposta alla introduzione di un vaccino contenente uno specifico virus, producendo immunità a quel virus. È facilmente dimostrabile la inconsistenza e la follia di qualsiasi programma salutistico basato sulle vaccinazioni. Occorre infatti stravolgere una serie di leggi e di principi naturali inalienabili ed eterni, per giustificare fantasie ed ipotesi prove di prove, prive di conferme pratiche, prive di logica e di fondamento.

LE TEORIE VACCINALI SONO STATE SCONFESSATE IN LUNGO E IN LARGO DALLA SCIENZA TRASPARENTE

Viene ipotizzato che quando i linfociti scoprono le cellule nemiche, essi segnalano una richiesta di produzione di speciali proteine chiamate anticorpi. Si pensa che gli anticorpi si incollino alle cellule nemiche e attraggano certi componenti del sangue chiamati complementi, i quali distruggono le cellule nemiche. La teoria che tali anticorpi rimangono vitali dopo aver eseguito le loro funzioni, e che questo meccanismo di difesa produca futura immunità contro il tipo specifico di germe appena distrutto, è basata su strampalate e sconclusionate idee che si sono ovviamente rilevate invalide.

LA SUSCETTIBILITÀ ALLA MALATTIA SI CONTRASTA SEMPRE E SOLO CON LA RIMOZIONE DELLE CAUSE

Il biologo inglese Herman Reinhelmer affermò che “Una esistente suscettibilità può essere contrastata o immunizzata solo evitando o rimuovendo le sue cause, e mai introducendo elementi artificiali di ridotta pericolosità”.

NON ESISTONO PROVE SULLA FORMAZIONE DEGLI ANTICORPI

W.H. Manwaring, prof di Batteriologia e Patologia Sperimentale alla Leland Stanford University, disse nel 1929 che “L’immunizzazione è basata sulla teoria di Erlich che l’inoculazione di prodotto patologico in dosi sub-patogene crea anticorpi o entità difensive contro ogni massiccia invasione microbica. Non esiste nessuna prova che questi cosiddetti fantomatici anticorpi vengano formati, ma ci sono semmai indicazioni che le proteine dei germi iniettati si ibridizzino con le proteine corporali per formare nuove tribù microbiche con effetti imprevisti”.

PREMI E ONORI INGIUSTIFICATI AI MEDICI MONATTI

Il dr Paul Elrich (1845-1915) è stato sommerso di medaglie e di onori in vita, per aver postulato l’affinità di certi batteri con il tessuto vivente e per aver elaborato il Salvarsan, per anni contrabbandato come cura efficace contro la sifilide.  Nel 1950 il Medical Council of Great Britain ha invalidato tutte le sue teorie. Priva di valore anche la sua cura anti-sifilide.

L’IMMUNITÀ È SOLO UNA PRESUNZIONE IMMAGINARIA

L’intera pratica medica dei vaccini, dei sieri e delle terapie anti-tossina è basata sulla supposizione che il corpo fabbrichi sostanze chiamate anti-tossine, anti-corpi, anti-geni, tutte anti-sostanze capaci di distruggere tossine nel corpo. Ma tutte queste sostanze sono soltanto state ipotizzate, e mai provate. È vero che la somministrazione di un vaccino riduce la possibilità che abbia luogo una crisi eliminativa pertinente a quel germe. Ma questo non è perché il corpo ha sviluppato una immaginaria immunità contro il germe o il virus.

IL REALE MOTIVO DEL SILENZIO ELIMINATIVO STA TUTTO NELLA CADUTA DI VITALITÀ

Il vero motivo è che il corpo ha subìto una riduzione di vitalità, accompagnata da una maggiore tolleranza ai veleni, per cui è in grado di accomodare e sopportare più carico tossico, prima che la sua ridotta vitalità possa riorganizzare una crisi di purificazione e di guarigione. Il maggiorato carico tossico significa che la crisi, quando avverrà, sarà di gran lunga più grave. Più vaccini si fanno e meno vitale il corpo rimane, e questo ritarda la semplice e naturale crisi guaritiva chiamata erroneamente malattia.

IL MIRAGGIO DEL RENDERE UNA PERSONA DISEASE-FREE

L’immunizzazione è basata sull’idea che sia possibile, attraverso mezzi chimici o biologici, rendere una persona disease-free o immune. Ma se questo fosse davvero possibile, si tratterebbe di una sospensione della legge di causa ed effetto, cosa assurda e impossibile. Quando l’iniezione di un veleno nel sangue risulta in una maggiore tolleranza o allenamento a quel veleno, ciò viene erroneamente definito immunità. Ma tolleranza significa perdita di resistenza vitale. Se il corpo resiste all’insulto è perché gli manca la forza di resistere.

FARMACI E VACCINI COSTITUISCONO ATTACCHI ADDIZIONALI ALLA INTEGRITÀ DELL’ORGANISMO

Un alto livello di tossicità tollerata è il principale fattore nella produzione di malattie croniche degenerative. Farmaci e vaccini costituiscono attacchi addizionali alla integrità dell’organismo. Essi alterano la struttura e la funzione del corpo e lo portano al rapido degrado. Il corpo non può essere protetto o immunizzato in alcun modo dalle conseguenze di pratiche malsane ed ingiuriose. Il corpo non conduce crisi difensive quando non c’è bisogno di esse. Un corpo sano non richiede crisi detossificanti. Ogni malattia insorge solo quando serve e dura solo intelligentemente finché necessario.

CHIAMARE LE CRISI ELIMINATIVE COME MALATTIE È UNA SGRAMMATICATURA SCIENTIFICA

Le malattie sono crisi di purificazione e di eliminazione tossica. I sintomi di tali eliminazioni sono difese naturali del corpo. Vengono chiamate erroneamente malattie, mentre sono in realtà cura delle malattie. Trattasi di plateale sgrammaticatura scientifica. Tutte le malattie sono una malattia soltanto e tutte le cause sono una soltanto, sebbene si manifestino con diversi sintomi e in diversi distretti del corpo. Solo la natura cura. Il compito del medico intelligente e responsabile sta tutto nel coadiuvare ed aiutare gli sforzi della natura, e non nel combatterli. Così parlava il grande Ippocrate.

VACCINARE SIGNIFICA SEMPLICEMENTE AVVELENARE

L’intero sistema sanguigno e linfatico, le secrezioni enzimatiche ed endocrine, il fegato e la milza, e tutte le altre funzioni del corpo sono disegnate per fronteggiare tutte le necessità normali e di emergenza corporale per preservarne la vitalità e la salute. L’iniezione di vaccini o di ogni altra proteina esterna nel sangue rappresenta una pratica avvelenante. Le proteine non possono essere usate dal corpo a meno che non  vengano prima disgregate in aminoacidi. Persino l’iniezione di semplice acqua nel sangue è un insulto alla salute. Figurarsi i vaccini, stracarichi come sono delle peggiori porcherie immaginabili.

I VACCINI CONDUCONO IN ZONA LEUCEMIA ED IN ZONA CANCRO

Per il prof L.C. Vincent, fondatore della bioelettronica, affermò che non è necessario essere pro o contro le vaccinazioni. Basta solo considerare tre valori basilari come il pH (misura di alcalinità-acidità), il rH2 (l’opposto della pressione osmotica) e gli ohm (misura di resistenza elettrica). Tutte le vaccinazioni, di qualunque specie, hanno l’effetto perverso di direzionare i valori del sangue verso aree pericolose, verso la zona cancro e la zona leucemia. I vaccini in effetti predispongono a cancro e leucemia.

VACCINARE È UNA PRODITORIA SUPERSTIZIONE

J.W. Hodge, nel suo testo The Vaccination Superstition, sostiene che anziché proteggere i soggetti dal contagio del vaiolo, i vaccini  rendono i vaccinati più suscettibili al vaiolo stesso. La vaccinazione è l’impiantamento della malattia fatta a proposito da chi ha interesse a farlo. Quello che bisogna inseguire è uno stato di salute, non di malattia! Ogni disturbanza patogenica di organismi infettivi danneggia l’organismo e abbassa i poteri vitali, diminuendo la capacità di resistenza corporale. Questo spiega il perché nelle varie epidemie della storia in diversi paesi, il vaiolo attacca e colpisce prima i vaccinati. le vaccinazioni hanno disseminato malattie come la lebbra, la paralisi, il cancro, la sifilide, il tetano e la tubercolosi.

ERRORI MICIDIALI PER I QUALI IL MONDO STA PAGANDO UN PREZZO ALTISSIMO

Lo stesso atto del vaccinare viola i precetti della chirurgia asettica. Milioni di persone sono state fatte letteralmente fuori dai vaccini. La vaccinazione obbligatoria è classificabile tra la schiavitù e le persecuzioni religiose dei tempi andati. La vaccinazione obbligatoria è uno dei più flagranti oltraggi ai diritti inalienabili della razza umana.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.