LA DIETA DI SPARTA E DEGLI ANTICHI GRECI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

L’INFONDATO TIMORE DELL’ICTUS

Buongiorno, sono un vegetariano dell’ultim’ora. Ho 39 anni, sono un attore di professione e vivo a Roma anche se sono fiorentino. Ho sempre mangiato di tutto e sono sempre stato bene a parte la pressione alta che tengo sotto controllo con una pasticchina che prendo ahime’ da 20 anni. Dicono che è questione ereditaria in quanto mio padre ne soffre (ictus), mio zio ci è morto (ictus) e mia nonna pure. Quindi mi hanno fatto prendere il farmaco.

IL SUO MATERIALE E’ STRAORDINARIO

Nel frattempo mi sono letto quasi tutto il suo materiale e l’ho trovato straordinario, tanto da farmi abbandonare completamente la carne. Per i formaggi ed il latte ci sto lavorando, ma ancora non riesco ad abbandonarli in quanto campavo quasi solo di latticini fino a 3 mesi fa!

HO TROVATO NON CHILI MA TONNELLATE DI BUONI CONSIGLI E QUALCHE INCERTEZZA SUGLI SPARTANI

Non le scrivo per avere altri consigli. Nel suo blog ce ne sono a tonnellate. Più che altro una curiosità. Parla degli spartani completamente vegani ma, googolando in rete, vedo invece  che mangiavano carne e sangue, sia di maiale, che di manzo, e che erano pure allevatori di  pecore.  Da  dove ha preso le sue fonti? Mi farebbe piacere che avesse ragione, così da poter portare un argomento in piu’ a favore del cibo vegano.
Grazie e buon lavoro.
Francesco

*****

RISPOSTA

NOI ABBIAMO LE DAME VINCENTI E LORO HANNO SOLTANTO MISERABILI PEDINE

Ciao Francesco. Hai davvero bisogno di portare argomenti in piu’ a favore del vegetarianismo? Ma se abbiamo gia’ un miliardo di argomenti, contro nemmeno uno degli avversari. Cerchiamo di essere meno invadenti e totalitari. Lasciamoli pure la consolazione di qualche pseudo-notizia che li illuda e che dipinga l’umanita’ come eternamente cannibalistica, vampiristica, brutale e caina. Cosi’ almeno hanno un timido alibi per giustificare le presenti nefandezze, inclusi i loro miasmi putrefattivi e i loro rutti di morte.

LA STORIA VIENE SEMPRE SCRITTA DAI COSIDDETTI VINCITORI, OVVERO DAI PRETI, DAGLI ACCADEMICI, DAI MEDICI E DAGLI AVVOCATI

Hai mai letto qualcosa sui 700 anni di Roma senza medici, con medicina e farmaci severamente punibili per legge?
Fare il medico significava andare in galera. Hai mai saputo che i bovini furono considerati sacri e difesi dalla legge dall’India all’Egitto e all’intero bacino del Mediterraneo, per millenni? Sono cose che non si dicono.
Come mai? Troppo scomode e troppo imbarazzanti.

NON SI RIESCONO A PROVARE I DELITTI DI OGGI, FIGURARSI LE COSE DI 3 MILA ANNI ADDIETRO

Per ricostruire in ogni dettaglio la preistoria e la storia antica degli uomini, ci avvaliamo tutti dei dati frammentari che appaiono nei testi dei filosofi e degli storici di allora. Ho molte dispense raccolte nelle mie
visite in USA, con informazioni fuori dalle righe, scritte da insegnanti universitari delle varie accademie. Trattasi di materiale non facile da reperire, per cui non serve nemmeno che io mi metta a citare questo e quello.
Ognuno va poi a spiluccare le cose che piu’ gli comodano, e’ normale ed umano che sia cosi’.

WIKIPEDIA E INTERNET RICHIEDONO ENORME OPERA DI FILTRAGGIO

Non aspettarti ad esempio contenuto scientifico-storico nelle note di Wikipedia, che riflettono sempre e solo le posizioni del regime carnivoro al potere. Non aspettarti gocce di verita’ dalle cosidette diete spartane
americane, dove alcuni dietisti cercano di spingere la gente verso la semplicita’, verso il rigore e le diete ipo-proteiche, dopo decenni di irreligiosi ingozzamenti proteici.

DIOGENE INSEGNA

Sicuramente che a Sparta esistevano anche gli aspetti da te citati. Se pensi a Diogene che girava provocativamente con la lampada accesa di giorno, alla ricerca di un vero uomo, significa che la situazione che lo circondava non era esattamente rose e fiori. Le leggi drastiche di Sparta ed anche quelle piu’ ammorbidite di Atene erano tuttavia intrise di forti componenti vegetariane. Dominava comunque la saggezza del Conosci Te Stesso.

NON A CASO I MAGGIORI FILOSOFI E MATEMATICI ERANO VEGETARIANI

I maggiori filosofi del tempo, da Platone, a Socrate, allo stesso Aristotele, erano tutti vegetariani. Per non parlare dei matematici, Talete e Pitagora in primis. Per avere notizie su Pitagora, all’infuori dei soliti teoremi sul triangolo, occorre spulciare sui testi dei vari biografi pitagorici del tempo, tipo Iamblicco, Plutarco e diversi altri. Lo stesso imperatore Alessandro Magno era vegano, ma fece il gravissimo errore di affidarsi ai medici, e fini’ la sua vita anzitempo. I maratoneti e gli atleti di Olimpia avevano diete notoriamente vegane.

ESISTONO ANCHE I CIECHI E I SORDI PER VOCAZIONE

Chi parla oggi dell’uomo piu’ simile allo scimpanze’, scimmia trasgressiva, vendicativa e a tratti non vegana, che al gorilla, potentissimo scimmione rigorosamente pacifico e vegano, non ha capito nulla di come siamo fatti dentro. Se uno e’ cieco e sordo perche’ non vuol vedere e non vuol sentire, perderai il tuo tempo a mostrargli la luce e a spiegargli le cose. Questo tipo di persone va lasciata macerare nella sua orripilante brodaglia di grasso rappreso e di sangue. Prima o poi, in questa vita o nelle prossime, si accorgera’ di aver impiegato malamente il suo tempo sulla terra, sprecando a vuoto la sua fetta di esistenza, rinunciando alla moltiplicazione costruttiva dei danari affidatigli dalla creazione.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. santoimpaziente on

    Lei sta consigliando di abbandonare i consigli del medico curante e seguire delle sue personali indicazioni?

    Non ritiene di esagerare?

    Il consiglio corretto non dovrebbe essere di provare ad integrare alle cure mediche, attentamente seguite, dei consigli nutrizionali avvisando il medico di queste scelte per non incorrere in eccessi o in sovrapposizioni?

    La prego di fare attenzione con consigli così radicali che possono esaltare una scelta che non può dirsi risolutiva di ogni problema.

    Personalmente non posso più seguire simili consigli in quanto l'esperienza e la conoscenza mi obbligano ad essere molto più critico nei riguardi delle "soluzioni onnicomprensive" che curano tutto, aiutano tutto e sistemano tutto. Una cura per il tutto non esiste. C'è però un giusto atteggiamento per affrontare un po' tutte le cose che ci possono accadere.