MORIRE DI CARNE CON MACELLI QUINTIPLICATI IN 50 ANNI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

COMMENTO DI VALDO VACCARO AL DOCUMENTO DI Libreidee

GROSSE RESPONSABILITÀ DELLA STESSA FAO

Da questa ammirevole disamina, appaiono evidenti gravi contraddizioni e pesanti responsabilità. In primo luogo quelle della stessa Fao, che spingendo i paesi a produrre mangimi ha propiziato un quintuplicarsi della produzione di carne negli ultimi 50 anni, e che ora viene a versare lacrime di coccodrillo, denunciando le devastazioni salutistiche ed ambientali del carnivorismo. Magagne in termini di cancro e cardiopatie, in termini di enormi costi sociali della sanità, in termini di  erosioni, effetto-serra, contaminazioni delle falde e disboscamenti, e auspicando pure un ricorso al vegetarianismo di massa.

DELIBERATE STORTURE DELLA BANCA MONDIALE

In secondo luogo, le responsabilità della Banca Mondiale autrice di sovvenzioni verso gli allevamenti in Cina, Vietnam, Thailandia e Filippine. Coi soldi si compra tutto. Coi soldi si annullano gli eroismi e le buone intenzioni. Coi soldi si tacitano le resistenze e le ribellioni. Coi soldi si determinano i gusti e le tendenze abominevoli a consumare non tanto carne quanto cadaveri in decomposizione, cadaveri che persino le belve rifiutano e scansano, iene e condor a parte. Coi soldi si crea una nuova generazione votata ai McDonalds, ai BurgerKing e ai KFC, votata alla macinazione dei pulcini e alla trasformazione del pianeta in un angosciante e cinico campo di sterminio. Coi soldi si punta a creare un mercato degenere di necrofagi e di gente priva di gusti, priva di etica e di estetica, oltre che di spiritualità.

PRECISE COLPE DELLE ISTITUZIONI E DEI MEDIA

La focalizzazione ambientale del Po, del Delta e dell’Adriatico non sono un fatto casuale. Chi ha favorito l’ingresso del gigante Cremonini e dell’associata rete McDonalds nelle Ferrovie dello Stato, nei Bar delle stazioni ferroviarie, nelle autostrade e negli aeroporti? Le collusioni non solo non mancano, ma addirittura spopolano e rappresentano la regola.

DA QUESTO ARTICOLO TRAIAMO FORZA, CONSAPEVOLEZZA E SPIRITO RIBELLE

A che serve disperarsi, piangere e frignare? Cerchiamo di evolvere e di maturare una buona volta. Cerchiamo di individuare le proprie colpe e le proprie mancanze. Cerchiamo di rinnovare noi stessi, facendo scelte di amore e di saggezza, debellando la violenza diretta e indiretta nelle nostre scelte di vita. Cerchiamo di iniettare nel nostro sangue non più fetenze vaccinali e ciarpame culturale, ma vitalità e tempra cosmica. Prendiamo forza e determinazione dal sole diretto e dal sole incapsulato nella frutta e nei vegetali, dalla forest therapy, dal respirare a pieni polmoni immergendoci in mezzo ai boschi energizzanti, allineandoci con la Natura e le sue leggi. Denunciamo a voce alta i soprusi e gli affossamenti seriali della salute e del benessere umano, animale ed ambientale. Solo così si potrà scongiurare un suicidio di massa. Solo così si potrà scongiurare il degrado e la rovina di noi stessi e di quanto ci attornia.

Valdo Vaccaro

© Riproduzione riservata. Qui le linee guida per la ripubblicazione

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito hanno solo fine informativo e non possono sostituire il parere del medico curante. Leggi il Disclaimer.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.