NANOCHIP VACCINALI GLAXO-HITACHI E INQUIETANTI INTRALLAZZI RENZIANI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Ciao Valdo. Gianni Lannes ci spiega come le multinazionali del vaccino stanno mettendo le mani sui nano-chips, a completamento logico del progetto “vaccino più nanochips” per etichettare e sorvegliare la popolazione mondiale. Direi che qualsiasi commento sia superfluo!!! Un caro abbraccio.

Andrea Tassinari

*****

ARTICOLO DI GIANNI LANNES  (Titolo e sottotitoli di VV)

VACCINI DOMINIO ASSOLUTO

La tecnocrazia ha soppiantato la democrazia. Dall’uomo alla macchina. Nei nuovi vaccini da sperimentare per la prima volta al mondo proprio in Italia ci sono i nanochip, ovvero dei microchip miniaturizzati che stanno dentro l’ago di una siringa ed entrano in circolo nel corpo umano e vanno ad interagire con il DNA. Il rischio e pericolo? Il controllo totale degli esseri umani trasformati in automi telecomandati.

NANOCHIP DA SORVEGLIANZA DI MASSA INSERITI NEI VACCINI

I nano-microchip invisibili all’occhio nudo sono una realtà già utilizzata in un’ampia gamma di applicazioni. Questi nano-microchip sono stati inseriti all’interno dei vaccini per etichettare e sorvegliare la popolazione mondiale.

La nanotecnologia si occupa di strutture più piccole di un micron (meno di 1/30 del diametro di un capello umano), e comporta lo sviluppo di materiali e dispositivi di tale dimensione. Per fare un esempio, un nanometro è 100.000 volte più piccolo della larghezza di un capello umano.

MOLTITUDINE DI UTILIZZAZIONI IN ATTO

Tre lustri fa, tecniche a basso costo hanno migliorato la progettazione e la produzione di nano-microchip. Ciò ha aperto la strada ad una moltitudine di metodologie per la loro fabbricazione ed il loro uso in una vasta gamma di applicazioni, in dispositivi ottici, biologici, ed elettronici. L’uso congiunto della nano-elettronica, della fotolitografia, e di nuovi biomateriali, ha fornito la tecnologia necessaria per la costruzione di nano-robot per le applicazioni mediche comuni: strumenti chirurgici, per la diagnosi e per il rilascio dei farmaci.

Un microchip cutaneo permetterà di monitorare lo stato fisico di una persona, trasmettendo i dati dell’ospedale mediante un server. Tale microchip è stato ideato da Abderrazek Ben Adballah, ingegnere informatico tunisino che lavora all’università giapponese di Aizu. Alimentato dalla bioenergia e da reazioni chimiche nell’organismo, il microchip fornirà ai medici indicazioni su pressione sangue, temperatura organica, dati cardiologici e altro ancora. Si pensa a prossima sperimentazione su persone anziane.

L’Hitachi giapponese ha infatti affermato di avere sviluppato il microchip più piccolo e più sottile del mondo, che può essere incorporato nella carta per rintracciare i pacchi o per provare l’autenticità di un documento. Il circuito integrato (CI) è minuscolo come un granello di polvere.

PROGETTO WATSON

Provate a indovinare chi sta dietro? Facile: Glaxo Smith Kline. Addirittura all’Ibm il 31 marzo 2016 l’allora primo ministro Matteo Renzi, mediante un accordo segreto ha concesso i dati sanitari sensibili della popolazione italiana, in cambio di un investimento di appena 150 milioni di dollari a Segrate.

Il progetto Watson è decollato un mese fa in Lombardia sulla pelle di 3 milioni di ignari residenti, grazie al beneplacito di Roberto Maroni. Il 3 luglio scorso ho chiesto pubblicamente a Matteo Renzi di spiegare la provenienza di ben 4 milioni di euro recapitati alla sua fondazione Open. A tutt’oggi non ho avuto alcuna risposta. Chi ha dato a Renzi tutti quei soldi e perché?

RIFERIMENTI

http://www.reuters.com/article/us-novartis-bayer-britain/bayer-novartis-clash-with-uk-doctors-over-use-of-cheap-eye-drug-idUSKBN1D136C

http://www.telegraph.co.uk/business/2016/08/01/glaxosmithkline-and-googles-verily-to-invest-540m-in-join-uk-res/

https://www.theguardian.com/business/2016/aug/01/google-gsk-bioelectronic-medicines-verily-life-sciences-alphabet

https://www.theguardian.com/science/2017/aug/07/nanochip-could-heal-injuries-or-regrow-organs-with-one-touch-say-researchers

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/07/vaccinazione-dittatoriale-domande.html

*****

Fonte

© Riproduzione riservata. Qui le linee guida per la ripubblicazione

Il sito è stato penalizzato e completamente demonetizzato da Google.Per supportare il mio lavoro puoi effettuare una donazione libera.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito hanno solo fine informativo e non possono sostituire il parere del medico curante. Leggi il Disclaimer.

Condividi con i tuoi amici.

5 commenti

  1. “Provate a indovinare chi sta dietro? Facile: Glaxo Smith Kline. Addirittura all’Ibm il 31 marzo 2016 l’allora primo ministro Matteo Renzi, mediante un accordo segreto ha concesso i dati sanitari sensibili della popolazione italiana, in cambio di un investimento di appena 150 milioni di dollari a Segrate.”

    Glaxo o Ibm?

    Accordo segreto? L’unico caso di accordo segreto con foto ufficiale del momento della firma.

    Stando all’unica fonte che riporta la notizia si tratta di un memorandum (quindi non vincolante) e i dati di cui si parla sarebbero anonimi.

    Devo ammettere che il collage di notizie modificate (senza club nesso l’una con l’altra) per creare una teoria del complotto è davvero affascinante.

    Creando collegamenti farlocchi così si può sostenere praticamente qualunque cosa. Complimenti al sig. Lannes e alla sua fantasia.

    • Foto o non foto bisognerebbe entrare nel merito e non fermarsi alla foto o al titolo.
      Chi sono gli attori coinvolti? Glaxo-IBM-Governo-Popolo Italiano? Altri? – Cosa c’è scritto in quel contratto? E’ di pubblico dominio? (dovrebbe esserlo) – Dove si può consultare?

      • Non è un accordo segreto e non è nemmeno un contratto vincolando.
        Glaxo non c’entra niente visto che si tratta di IBM. L’accostamento è di pura fantasia e serve solo a far immaginare che ci sia dietro un complotto di “big pharma”.
        Essendo solo un memorandum d’intesa non contiene accordi precisi quindi non è stato reso pubblico.
        Fosse vero che sia prevista la cessione dei dati sanitari (anonimi) della popolazione resta il fatto che le leggi attuali non permettono al governo di cedere quei dati (che oltre ad essere coperti dalla privacy sono di competenza regionale).

  2. Toni Lotrec on

    Ma che articolo! Nessuna fonte citata, la solita teria del complotto senza nessuna evidenza. E si perde anche del tempo per impegnarsi a scrivere certi articoli. Meglio andare a raccogliere le patate. SI sarebbe più utili all’umanità.

  3. Andrea Giudice on

    Ma per favore!
    E nessuno che si chiede dove sono le batterie.
    Ma che cagate.