PH URINARIO E PARAMETRI DI CONFRONTO TRA VEGAN-CRUDISMO TENDENZIALE E CARNIVORISMO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

ORIENTAMENTO DIETA E PH URINARIO

Buongiorno, fermo restando che non ho una convinzione su quale sia la dieta più adatta ed essendo quindi aperto a qualsiasi confronto ho da chiedere alcune cose: 1) Se tutti i prodotti di origine animale acidificano, come mai ciò non e’ esattamente quello che si evince dal ph urinario? 2) Cereali più verdura o frutta causano un pH urinario leggermente acido, 3) Carne e pesce più frutta e verdura causano  un ph urinario leggermente alcalino, 4) Carne e pesce da soli causano un pH urinario acido, 5) Alla mattina a digiuno il latte bovino crudo causa un pH urinario compreso tra 6.8 e 7.5 circa.

ATTENDO PUBBLICAZIONE DELLE SUE RISPOSTE

Questi riscontri li ho avuti da miei esperimenti personali. Spero pubblichi la risposta perché credo possa essere interessante. Saluti.
Alberto

*****

RISPOSTA

I DATI CHE HAI CITATO ANDREBBERO VERIFICATI MEGLIO

Ciao Alberto. Premetto che non basta citare il contenuto di carni, di frutta e di verdura. I valori del pH potrebbero in ogni caso variare anche in base a come gli alimenti vengono abbinati. Do per scontato che tu abbia assunto la frutta a stomaco vuoto e lontano dai pasti e che le verdure crude siano state correttamente assunte come primo piatto, seguito da secondo di proteine animali o di cibo cotto.

IL PH CORPORALE ED URINARIO È SOLTANTO UNO DEI TANTI PARAMETRI DI CONFRONTO

Quanto alla tua mancanza di convinzioni e di sicurezza sulle migliori scelte alimentari, ti faccio presente che la questione del pH e del grado di acidificazione del corpo, misurabile anche mediante il facile test del pH urinario, è soltanto uno dei tanti parametri importanti da prendere in considerazione.

PH STA PER CONCENTRAZIONE DEGLI IONI DI IDROGENO

Il termine pH, nonché la scala acido-alcalina, risalgono al 1909 e sono dovute al chimico danese Soren Sorensen (1868-1939). La traduzione dal tedesco significa Potenz Hydrogen, ovvero potenza dell’idrogeno. Il pH ha dei valori che vanno da 0 (molto acido) fino a un massimo di 14.14 (molto alcalino). Ad esempio l’acqua pura ha un pH di 7,07, mentre la frutta ha un pH generalmente acido, così come è molto acido l’ambiente gastrico che oscilla da 1 a 1,6. La scala di Sorensen permette di esprimere la concentrazione di ioni H+ negli alimenti e nel corpo, sulla base del logaritmo negativo dei valori di tale concentrazione.

L’ACIDITÀ SOTTRAE PREZIOSI MINERALI BASICI ALL’ORGANISMO ED AL SISTEMA OSSEO

Gli ambienti troppo alcalini permettono e favoriscono la moltiplicazione batterica, ecco perché è importante conoscere il pH degli alimenti, poiché ciascuno di essi può favorire una reazione acida oppure alcalina, con conseguente neutralizzazione degli acidi. Tutti gli alimenti hanno una particolare e specifica composizione chimica e un determinato grado di acidità. Un alimento acido, scatena una reazione chimica in base alla quale consegue una sottrazione di sali minerali all’organismo. Al contrario, un alimento alcalino tende a non sottrarre sali minerali fungendo da bilancia. Da ciò deriva che una corretta alimentazione non dovrebbe eccedere né in soli cibi acidi e nemmeno in cibi prettamente alcalini, ma trovare il giusto equilibrio di entrambi.

ANDAMENTO ALTALENANTE DEL PH

Occorre anche tener presente che il pH corporale varia in continuazione nel corso della giornata, per cui è acido di primo mattino, visto che il corpo lavora intensamente di notte e, con la regia dell’ipotalamo conclude spesso le sue 8 ore di ciclo circadiano assimilativo, con un paio d’ore di digiuno notturno, producendo sintomi evidenti di crisi eliminativa post-digiuno, con altri sintomi di contorno tipo lingua bianca, mal di testa, intontimento, cortisolo alto, glicemia alta, insulina alta, e simili. Dopo le 17 invece, il pH tende ad innalzarsi verso livelli basici e comunque assume andamento altalenante sulla base di valori comportamentali, alimentari, climatici, emozionali.

VARIAZIONI DEL PH NELLA VARIE PARTI DEL CORPO

Il pH varia anche nelle diverse parti del corpo. Leggermente alcalino nel sangue da 7.30 a 7.55, fortemente acido nello stomaco, intorno a 1.50-2.00 di notte e 2.00-4.00 di giorno, dovendo provvedere mediante l’acido cloridrico alla disgregazione delle proteine, e marcatamente acido nella vagina, da 4.50 a 5.50, dovendo svolgere costante azione antibatterica.

CIBI VEGETALI CRUDI E FRUTTA CAMPIONI DI ALCALINIZZAZIONE

I cibi vegetali vivi crudi ed energizzanti, ed in particolare la frutta acquosa ricca di liquido biologico, sono acidognoli in partenza ma alcalinizzanti in arrivo nella zona duodenale. Tipico il caso degli agrumi ed in particolare del limone, fortemente acidi in partenza ma ad effetto altamente alcalinizzante, mentre carne e latte sono alcalini in partenza e tuttavia producono effetti gravemente acidificanti, e conseguente sviluppo di radicali liberi nel corpo. Le proteine animali, oltre ad abbassare il pH urinario, sono responsabili dell’osteoporosi e della demineralizzazione ossea visto che calcio, magnesio, potassio e sodio vengono sottratti alle ossa sottoforma di osseina per  fungere da tampone anti-acido.

ACIDIFICAZIONE ED INFIAMMAZIONE TERRENO FERTILE PER CANCRO AL COLON E AL PANCREAS COME NEI RECENTI CASI CLAMOROSI DI MORTI PRECOCI

L’acidificazione del corpo è causa di infiammazioni. Come sosteneva David Servan-Schreiber nel suo testo “Cancro”, lo stato infiammatorio è il terreno fertile su cui si innestano e si sviluppano i tumori. Pur essendo ricco sfondato come produttore leader di pastiglie di olio di pesce Omega3, e come docente in contemporanea alla Sorbona, a Miami e a Montreal, nessuno è riuscito a salvarlo dal cancro al pancreas ed è scomparso a soli 49 anni! Al pari di Marcel Montignac, simbolo dei picchi glicemici e del cibo carneo, al pari poi di Robert Atkins simbolo delle diete alto-proteiche e delle vitamine sintetiche, al pari anche di Carlo Cannella, docente alla Sapienza, ideologo italiano di punta della carne, del grasso animale e del latte. Tutti moriamo prima o poi, ma questi luminari erano ricchi, potenti e famosi, e sono finiti assai malamente pur essendo circondati da super-assistenza medica!

PER VALUTARE UN SISTEMA ALIMENTARE SERVE UN’INTERA GAMMA DI PARAMETRI

Dicevo che non basta considerare i valori del pH, visto che esiste una vasta gamma di parametri per confrontare il valore effettivo di una dieta rispetto ad un’altra. La superiorità straordinaria ed accertata della dieta vegan-crudista tendenziale, in ogni parte del mondo ed in ogni epoca storica, appare in tutta la sua evidenza per i 20 fattori che vado ad elencare.

VENTI MOTIVI DI NETTA SUPERIORITÀ DEL SISTEMA VEGAN-CRUDISTA TENDENZIALE

1) Digeribilità dei cibi vegan-crudisti e quindi produzione abbondante di sangue fluido e sano, base prima per la salute ed il benessere corporale,

2) Contrasto formidabile alla ritenzione idrica,

3) Contrasto e chelazione alla ritenzione minerale,

4) Alcalinizzazione del sangue e del sistema su livelli ottimali,

5) Supporto alla depurazione corporea ed alla remissione spontanea delle alterazioni mediante espulsione accelerata tossine vecchie e nuove durante il ciclo circadiano notturno in fase assimilativa-depurativa-digiunativa.

6) Supporto al sistema immunitario grazie al risparmio energetico–digrestivo e grazie al consistente apporto di enzimi e di vitamina C naturale,

7) Riequilibrio costante del punteggio insulinico grazie all’apporto di flavonoidi e di 30 mila fitonutrienti disponibili (antocianine, polifenoli, carotenoidi, luteine, zeaxantine, ecc),

8) Abbassamento ai minimi termini dello stress ossidativo,

9) Apporto di alta radianza all’infrarosso con sviluppo di aura positiva irradiante energia intorno al corpo per una media di 12 mt di diametro fino a oltre 100 mt di diametro (e non di aura grigio-nera assorbente e debilitante da buco nero),

10) Apporto di alta vitalità crudistica sulla scala vibrazionale Bovis-Simoneton con valori ben oltre il minimo di 6500 Angstrom,

11) Rispetto e rafforzamento delle funzioni epatiche e biliari,

12) Rispetto e rafforzamento delle funzioni pancreatiche, Rispetto e rafforzamento delle funzioni renali e cutanee,

13) Armonizzazione dei delicati equilibri delle ghiandole endocrine e dei neurotrasmettitori,

14) Riduzione ai minimi termini dei trigliceridi corporei, del colesterolo LDL, e dell’omocisteina,

15) Mantenimento costante del corpo sotto il tetto proteico dei 24 grammi/giorno,

16) Rispetto della flora batterica consistente di 1000 trilioni di batteri,

17) Mantenimento di una ostruzione endo-virale da scorie interne e detriti cellulari ai minimi termini, grazie all’alto grado di espulsività nei riguardi delle tossine interne,

18) Mantenimento degli indici di tumorosità corporale ai minimi termini,

19) Massimizzazione dell’autostima personale per il rispetto dei valori etici ed estetici, spirituali e karmatici, per il non coinvolgimento nell’assassinio sistematico e cinico su base quotidiana di miliardi di creature innocenti, incolpevoli ed indifese,

20) Massimizzazione dell’autostima personale per l’armonizzazione con l’ecosistema.

VALORI NEGATIVI A BIZZEFFE SULL’ALTRA SPONDA

Sulla sponda opposta ci sono valori negativi a bizzeffe includenti assunzioni costanti di urine delle vittime animali, includenti assunzione di virus da encefalopatia o da mucca pazza con virus che bypassano il sistema immunitario, includenti assunzione di ormoni femminili che rendono i maschi infecondi, includenti assunzione di grassi insaturi visto che la carne cosiddetta magra, bianca o rossa che sia, presenta il 59% delle sue calorie sottoforma di grassi, includenti assorbimento di purine al ritmo di 28 grammi per kg di carne che si trasformano in acidi urici impossibili da smaltire per l’assenza di enzimi uricasi che invece gli animali carnivori hanno, includenti sostanze che ostruiscono il lavoro della cistifellea, del fegato e del sistema biliare, includenti sostanze che producono ed aggravano il diabete, includenti sostanze che formano ammoniaca, creatinina ed omocisteina a livello renale conducendo il malcapitato verso la insufficienza e la dialisi, includenti conseguenze sulla pessima odorosità del corpo che nessuna colonia e nessun deodorante riescono a coprire, includenti leucocitosi digestive indebolenti e provate dagli esperimenti di Kauchakoff, includenti accelerazione dell’orologio biologico con invecchiamento precoce ed accorciamento della longevità, includenti acidificazione del sangue, includenti danni enormi da eccesso proteico e conseguenti putrefazioni e miasmi intestinali.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

5 commenti

  1. Alberto Oddone on

    Grazie per la risposta esaustiva. Sarebbe interessante valutare gli effetti dell' alimentazione sull' aura tramite la telecamera di koroktov. Mi informero' a riguardo.

  2. Ciao Valdo scusami sono confuso TU scrivi
    "includenti assunzione di virus da encefalopatia o da mucca pazza con virus che bypassano il sistema immunitario,"
    ma non HAI SEMPRE DETTO CHE I VIRUS NON ESISTONO E SONO DETRITI CELLULARI DA NON ESPULSIONE E MORTI?
    potresti cortesemente chiarire l'affermazione.
    Grazie un saluto ti seguo sempre dennis.

    • Mandagli una mail, non legge il blog.
      Tra l'altro l'agente della BSE é, forse, un prione.