RAGGELANTI CONNESSIONI TRA EBOLA E VOLO MALAYSIA AIRLINES ABBATTUTO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

DOCUMENTO DI PAOLO DE SANCTIS (sottotitoli di Valdo Vaccaro)

CHI C’ERA SU QUELLO SVENTURATO AEREO DI LINEA?

Glenn Thomas, autorevole consulente dell’OMS a Ginefra, esperto in pratiche di carrozzone Aids e di Virus Ebola, era a bordo del Boeing 777 della Malaysia Airlines MH17 abbattuto ai confini tra Ucraina e Russia. Thomas era anche coordinatore dei media. Era pure coinvolto nelle inchieste che stavano portando alla luce le controverse operazioni di sperimentazione del virus Ebola nel laboratorio di armi biologiche presso l’ospedale di Kenema-Sierra Leone.

CLAMOROSE CONNESSIONI COL GRUPPO BILL-MELINDA GATES E CON GEORGE SOROS

Ora che questo laboratorio è stato chiuso per volontà del Governo della Sierra Leone, emergono ulteriori dettagli sugli interessi che si nascondevano dietro la sua delinquenziale gestione. Bill e Melinda Gates hanno connessioni con i laboratori di armi biologiche situati a Kenema, epicentro dell’epidemia Ebola sviluppatasi nell’ospedale dove erano in corso trial clinici sugli esseri umani per lo sviluppo del relativo vaccino. Ora, a seguito dell’avvio di una indagine informale sull’intera vicenda, emerge clamorosamente il nome di George Soros che, tramite la sua omonima fondazione, finanzia lo stesso laboratorio.

MANIPOLAZIONE DELLE PROVE E TRATTAMENTI COERCITIVI SUL VACCINO

Glenn Thomas era a conoscenza di prove concrete che dimostravano come il laboratorio avesse manipolato diagnosi positive Ebola per conto della Tulane University, al fine di giustificare un trattamento sanitario coercitivo sulla popolazione africana e sottoporla al trattamento sperimentale del vaccino, inteso nota bene non a prevenire ma a trasmettere l’Ebola.

NEI GIOCHI SPORCHI DEL POTERE IL TESTIMONE SCOMODO VIENE SEMPRE ESTROMESSO CON LE BUONE O LE CATTIVE

Thomas non era un santo ma nemmeno una persona marcia e bacata del tutto. Dopo il primo coinvolgimento iniziale e le prime probabili collusioni e relative mazzette, aveva infatti rifiutato di andare avanti con il cover-up e la copertura della farsa, a differenza di taluni che lavorano al nostro Istituto di Sanità che ben conoscono ogni cosa e continuano dolosamente a tacere i veri motivi della tragedia aerea ed il perché Thomas è stato assassinato.

BOCCHE CUCITE SUL LABORATORIO DI ARMI BIOLOGICHE E SULL’ORDINE PERENTORIO DI CHIUDERLO

I canali ufficiali non hanno mai riportato una sola riga o un singolo accenno in merito alla presenza del laboratorio di armi biologiche a Kenema. Men che meno hanno citato l’ordine perentorio di chiusura e di stop alla sperimentazione Ebola da parte della Tulane University. Quali altri canali rimangono perché queste informazioni diventino di pubblico dominio e siano diffuse attraverso le reti spia, se anche la OMS e le Istituzioni Sanitarie fanno opera di insabbiamento e di omertà?

IMPONENTI CIFRE INVESTITE DA GEORGE SOROS NELLA NUOVA FARSA CHIAMATA EBOLA

Il super-miliardario George Soros, attraverso la Fundation Soros Open Society, per molti anni ha attuato investimenti cospicui e significativi nel triangolo della morte Ebola, comprendente Sierra Leone, Guinea e Liberia. Pertanto, George Soros aveva un movente preciso per eliminare il portavoce OMS Glenn Thomas, pronto a spifferare i giochi sporchi e a rivelare che l’epidemia Ebola era manipolata ed orchestrata a tavolino con la stessa tecnica truffaldina usata dalla CDC di Atlanta per l’Aids 30 anni prima.

OLANDA FRASTORNATA E PRIMO MINISTRO COL PALLOTTOLIERE GUASTO

L’Olanda è oggi un paese edotto sui fatti ma scosso e frastornato dalla rabbia e dalla impossibilità di spiegare al mondo le ragioni del disastro aereo. Un paese stordito e sconvolto a tal punto da proporre una clamorosa indagine per crimini di guerra. Particolarmente disorientato è il suo Primo Ministro che, dopo aver chiesto il rientro di 40 corpi delle vittime, afferma che le rimanenti 200 saranno rimpatriate in treno. Ma se gli olandesi erano solo in 193, da dove saltano fuori tutti gli altri?

MARASMA DI CIFRE SULLE BARE CON RETICENZA E MUTISMO INTORNO ALLA CHIUSURA DEL LABORATORIO

In merito al treno che trasporta i corpi delle rimanenti vittime, restano altre colossali incongruenze sui numeri forniti dalle diverse fonti. Gli esperti internazionali parlano di 282 unità, mentre Kiev riferisce che, nei 5 vagoni refrigerati vi sono 252 bare. Queste cifre  fanno a cazzotti con la lista ufficiale dei 298 passeggeri. In tutto questo marasma è particolarmente interessante il totale silenzio e la bocca tappata dei media ufficiali sulla notizia della chiusura del laboratorio di Kenema, pubblicata ufficialmente, nota bene, sulla pagina ufficiale Facebook del Ministero della Salute della Sierra Leone.

*****

RISPOSTA

SI PARLA DI TUTTO FUORCHÉ DI QUELLO

Ciao Paolo. Grazie per avermi reso partecipe di questo tuo sintetico e brillante intervento su un tema tanto eccezionale da essere negato alla conoscenza di massa. Giornaliero e tambureggiante can-can sui fatti di cronaca estivi, sui mariti fuori di testa che scannano moglie e figli per poi suicidarsi, sugli sbarchi seriali a Lampedusa e sulle ultimissime di calcio-mercato. Ma assolutamente nulla su questi fatti clamorosi e sensazionali che stanno accadendo sotto i nostri occhi increduli ed attoniti.

LE BUGIE INGEGNERIZZATE DEL PASSATO HANNO DIMOSTRATO DI AVERE LE GAMBE LUNGHE

Non dire le cose equivale mentire, ingannare e alterare la verità. Riconosciamo una volta ancora di vivere sotto un regime mondiale bilgerberghiano che, per quanto appena delineato e in fase di realizzazione, pretende di tenerci tutti in pugno, obbedienti e ignoranti, malleabili, docili e cedevoli.
Evidentemente le bugie del passato, pianificate ed ingegnerizzate a tavolino, si sono dimostrate indenni ed immuni alla legge delle “gambe corte”, tanto che il carrozzone Aids continua disinvolto ad attrarre fondi e a mietere vittime tra gli allocchi, i deficienti e i gonzi del mondo intero.

SPARTIACQUE STORICO DEL LUGLIO 1997, CON LA CRISI INNESCATA IN THAILANDIA DA GEORGE SOROS

Siamo di fronte a un manipolo di furfanti professionali che da troppo tempo ha usurpato le leve di comando e si è inserito ai vertici proditoriamente, senza chiedere permessi e senza un minimo barlume di legalità, senza arte né parte all’infuori delle fortune accumulate tramite speculazioni indegne tipo la caduta delle Tigri Asiatiche e la grande crisi del Baht thailandese, spartiacque 1997 tra i tempi pacifici e fecondi in cui tutto funzionava a meraviglia e ogni giovane trovava lavoro e motivazioni, e i tempi odierni in cui domina la disperazione e il suicidio in tutti i campi e in ogni angolo del mondo. Caduta del Baht mirata e commissionata da Bill Clinton per 1) Debito di riconoscenza clintoniana nei riguardi di chi gli aveva finanziato la scalata a presidente USA, 2) Gelosia americana nei riguardi dei grossi risultati export conseguiti dalla metalmeccanica italiana sui mercati asiatici, mentre il made in America procedeva in modo penoso. 3) Disegno speculativo segreto per appropriarsi congiuntamente di aziende, banche, assicurazioni, imprese, immobili e risorse thailandesi a prezzi di svendita.

PERSONAGGI DA VOLTASTOMACO

Siamo testimoni diretti e schifati di personaggi viscidi, striscianti, subdoli ed ambigui, capaci di praticare furto continuo ed aggravato ai danni della gente col sorriso sulle labbra e la faccia di bronzo che non fa nemmeno una piega. Ladroni internazionali a cui Romano Prodi, svenditore e liquidatore sottocosto dell’IRI e rovina dell’Italia intera, ha concesso tappeti rossi e laurea honoris causa da parte dell’ateneo bolognese.

SIMULATORI DI BUONE AZIONI E DI FILANTROPIA

Siamo di fronte non solo all’inventore della speculazione valutaria su stati singoli e su intere regioni, come George Soros, ma anche sulla ambigua e astuta coppia Billy e Melinda Gates, simulatori e mimi di prestigio, scippatori e ladroni inveterati, inimitabili nel contrabbandarsi per filantropi e benefattori, nel sollecitare offerte elemosine ed elargizioni a favore delle loro fondazioni Aids già stracariche di danari sporchi e facili. Famose le regalie pluri-miliardarie degli emiri e degli sceicchi del petrolio. Celebre l’obolo d 700 milioni in contanti di Michel Shumacher, quando era all’apice della carriera sul Cavallino Rosso di Maranello.

Valdo Vaccaro

*****

LETTERA

BUGIE DESTINATE NON AL POPOLO VERO MA AL POPOLO CREDULONE

Se non l’avete già fatto, vi consiglio di vedere su Pandora TV il documentario-inchiesta “MH17: LA STORIA SCONOSCIUTA”, che tratta delle infinite bugie raccontate al popolo bue sulla tragedia del volo Malaysian Airlines MH17.

LE MANIPOLAZIONI CONTINUANO A RITMO ININTERROTTO E SERIALE

Infinite e seriali menzogne che si agganciano altre questioni scottanti, come il golpe USA a Kiev e l’epidemia di Ebola, visto che su quel volo c’era Glenn Thomas consulente dell’OMS a Ginevra, esperto di Ebola, che si era rifiutato di continuare a coprire il complotto della Tulane University contro la popolazione.

MEDIA CORROTTI E COLLUSI

Spegniamo le TV, facciamo un rogo di tutti i giornali mainstream e usiamo i loro giornalisti e saltimbanchi come combustibili fossili!
Paolo De Santis

*****

DOCUMENTO ESPLOSIVO SULLA NUOVA FARSA MONDIALE DENOMINATA EBOLA
(Fonte, Traduzione, sintesi e rielaborazione di Valdo Vaccaro)

PROFILO PERSONALE DI GLENN THOMAS, SUPER-DIRIGENTE DELLA WHO

Glenn Thomas non era una persona qualunque, ma uno di quei soggetti che vengono chiamati “pezzi da novanta”. Dirigente di alto livello della WHO, World Health Organization, nonché consulente dell’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità di Ginevra, Thomas era persona aperta e trasparente, di sicuro critica e in rotta di collisione nei riguardi di Big Pharma e dei Servizi Segreti Americani. Uno che anziché oliare i meccanismi del nuovo carrozzone Ebola li stava frenando, dando  fastidio e causando ostacoli e problemi a suoi colleghi inquadrati e collusi acriticamente col potere. Era conscio insomma degli imbrogli, delle frodi e delle farse diffuse a ripetizione negli ultimi anni dai Monatti, dagli Untori e degli Azzeccagarbugli del Terzo Millennio.

OPINIONI TAGLIENTI E CONTROCORRENTE

Già dal 2009 aveva espresso più volte le sue taglienti opinioni sulle false epidemie pianificate a tavolino dalla solita CDC, Central Disease Control, tipo l’Aviaria, la Peste Suina Messicana e sullo stesso carrozzone Aids, rinnovato e ripristinato per una seconda giovinezza grazie all’insperata e sorprendente apertura di nuovi sbocchi e di enormi mercati pestilenziali come la Cina, il Vietnam e l’India.

NEL MIRINO DEI CECCHINI

Nella WHO di oggi la corruzione è di casa tra i giovani arrampicatori sociali e soprattutto a livello dirigenziale. Glenn Thomas covava un forte malessere interiore di fronte a questa situazione, al punto di non poter nascondere le sue perplessità e le sue rimostranze. Nessuna meraviglia che fosse da tempo nel mirino dei cecchini e degli opportunisti. Era ovviamente al corrente dei piani di riduzione accelerata della popolazione mondiale, pallino fisso della ganga dirigenziale Rockefeller-Kissinger e dei progetti segreti targati Bilderberg.

AVERE UNA COSCIENZA NON È SEMPRE COSA APPREZZATA

Trovandosi ai vertici della WHO, egli ricopriva un ruolo basilare nell’intera faccenda Ebola, autentica continuazione logica del filone Aids. La sua colpa maggiore era quella di essere persona cosciente e responsabile. Era in altri termini stufo di fare lo spettatore passivo di fronte ai sempre più incredibili imbrogli in corso di realizzazione. Ovvio che ogni suo passo ed ogni sua mossa venissero attentamente monitorati dalla cinica e ovattata stanza dei bottoni. Nessun ente corrotto può permettersi di mantenere al suo interno personaggi scomodi che remino contro.

UN DISASTRO AEREO NON CASUALE MA PIANIFICATO

La tragedia del volo MH17 viene ufficialmente attribuita a un missile lanciato dai russi o dagli ucraini, ma le cose non quadrano affatto. Alla luce dei fatti, è troppo chiaro che questo disastro aereo non è stato un malaugurato errore e nemmeno una disgrazia casuale, ma un deliberato atto di sabotaggio perpetrato dalla CIA e dal Pentagono. Lo scopo principale non era soltanto l’eliminazione dell’ostico e sgradito Glenn Thomas e degli altri elementi di contorno che lo accompagnavano, ma soprattutto l’invio di un chiaro messaggio di minaccia nei riguardi di chiunque osasse mettere i bastoni tra le ruote svelando verità fastidiose in grado di rallentare o contrastare il satanico piano Ebola. Un po’ la stessa cosa che successe col disastro aereo del 2010 a Smolensk, dove venne decapitata l’intera dirigenza del governo polacco.

LO STRAPOTERE COALIZZATO DI GEORGE SOROS E DI BILL GATES

Chi osa andare oggi contro lo strapotere di George Soros, di Bill e Melinda Gates? Chi osa rivelare ai media e al mondo come stanno in realtà le cose entra automaticamente nel mirino dei servizi segreti, e rischia di essere estromesso o eliminato con le buone o le cattive. Un evidente e duro avvertimento a restare abbottonati, servizievoli ed obbedienti. Acqua in bocca e marciare dritti senza smagliature e senza crisi di coscienza. Troppo importante e troppo alta la posta in palio. I giochi in questo caso non solo alti ed enormi ma addirittura stratosferici!

VOLO SVENTURATO CON PASSEGGERI TROPPO IMPORTANTI

Non solo l’autorevole dirigente americano si trovava sullo sventurato volo della Malaysian Airlines. Ci stavano pure 6 ricercatori-chiave olandesi, fortemente dissidenti sull’Aids, su Ebola e sulle varie pestilenze inventate. In particolare c’erano Joep Lange e sua moglie Jacqueline van Tongeren, noti esponenti dell’Amsterdam Institute for Global Health and Development. Pure Joep, al pari di Glenn Thomas, non era un soggetto qualsiasi, ma era considerato un gigante nel campo delle crisi immunitarie pianificate a tavolino, un elemento basilare della dissidenza planetaria contro le malattie pianificate, inventate, presunte e marchiate secondo convenienza.

JOEP LANGE CONOSCEVA TROPPE COSE FONDAMENTALI

Joep conosceva per filo e per segno gli aspetti reconditi e farseschi dell’intera vicenda Aids, inclusa l’ingegnerizzazione di uno pseudo-virus Hiv capace di causare la debolezza mortale etichettata Aids. Quel che è peggio, egli aveva percepito in ogni dettaglio le implicazioni strategiche, politiche ed economiche, della sporca faccenda Ebola in Africa e nel resto del pianeta.

TUTTO RUOTAVA INTORNO ALLA CONFERENZA AIDS DI MELBOURNE

Infowars, diretta da Alex Jones, celebre conduttore e regista radiofonico in Dallas-Texas, per quanto informata e aperta sia, si è dimenticata di citare un dettaglio basilare, e cioè che i 6 ricercatori Aids in questione sono morti sì nel tragitto aereo MH17 tra Amsterdam e Kuala Lumpur, ma avrebbero poi dovuto procedere con altro volo per Melbourne-Australia, per la Conferenza Internazionale Aids del 20 luglio 2014, organizzata e sponsorizzata da Bill Gates, maggiore pilastro ed architetto dei maggiori progetti vaccinatori ed eugenetici mondiali, in costante atteggiamento di benefattore planetario e in autorevole aria di quasi-santità.

MEDIA CORROTTI E GUIDATI A BACCHETTA DAL GRUPPO BILDERBERG

I media, più che mai silenziati, colonizzati e manovrati a bacchetta dal gruppo Bilderberg e dalle varie cosche, più che mai lacunosi, omertosi, servizievoli ed inginocchiati di fronte alla dittatura medico-farmaceutica mondiale, spaventano giorno dopo giorno una popolazione ignara, confusa, frastornata ed inebetita, oltre che messa in ginocchio da una crisi economica senza precedenti, pure inventata ed ingegnerizzata a danno di Italia, Grecia, Spagna, Francia e Olanda innanzitutto, oltre che del Medio Oriente.

IMMAGINI ALLUCINANTI PROPINATE COME PANE QUOTIDIANO

Un bombardamento terroristico quotidiano è quello che ci vuole onde prepararla ad accettare tutte le cose che le verranno propinate. Amuchine, vaccini, mascherine, doppi guanti, tute protettive, scafandri e quant’altro. Incredibili scene appaiono immancabilmente giorno dopo giorno sugli schermi televisivi. Situazioni da film horror di stampo hollywoodiano, sotto la regia di menti fantasiose e bacate che solo l’America di oggi è in grado di concepire e di produrre. Qualcosa di allucinante atto a entrare nell’immaginario collettivo, incrementando la psicosi e la già scarsa voglia di vivere della gente.

LA MENZOGNA EBOLA RISCHIA DI SFUGGIRE DI MANO

Tutto in linea logica coi piani di abbattimento della popolazione mondiale (vedi mia tesina “Il mondo nel frullatore Bilderberg”). Ammazza più la lingua che la spada. Mai quanto adesso tale aforisma è stato così attuale. Al punto che la menzogna Ebola comincia a preoccupare persino i suoi inventori, rivelandosi spesso un’arma a doppio taglio. Qualcosa che sfugge al controllo e che rischi di mandare in tilt la convivenza e il funzionamento stesso delle attività fondamentali. Il panico generale non rientra nei piani previsti. Se lo scopo era quello di rendere la popolazione remissiva ed obbediente di fronte ai farneticanti piani di Big Pharma, e di fronte alle vaccinazioni obbligatorie anti-Ebola, esso è stata già ampiamente raggiunto.

INTERVENTI CORRETTIVI DEL PRESIDENTE OBAMA

Non è un caso che il presidente Obama stia dando un colpo al cerchio e uno alla botte, demonizzando da un lato l’eccessiva disinvoltura della CDC (Central Disease Control) nel gestire le persone a rischio in arrivo negli USA, e invitando dall’altro lato la popolazione americana a non temere e a non cadere nella ossessione nevrotica e nello sbigottimento, visto che l’Ebola non si trasmetterebbe nell’aria come paventato da tanti. Viaggiare in treno, in bus ed in aereo non comporterebbe in altri termini nessun rischio. Parola di presidente. Fidarsi della scienza e non andare in panico emotivo. Parola di presidente.

PANICO NEGLI AEROPORTI E PANICO NEGLI OSPEDALI

Ma la paura popolare non è un fenomeno facile da gestire e da contenere. La gente che lavora negli aeroporti rifiuta di assistere i passeggeri in arrivo. I voli sono sempre più vuoti e si rischia di affossare economicamente le compagnie aeree. La gente che lavora negli ospedali è sul piede di guerra oppure non si presenta semplicemente al lavoro, per timore di contrarre il fantasmagorico virus.

BUGIE CLAMOROSE SULLA CONTABILITÀ DELLE VITTIME

I media, dicevamo, sono lacunosi e collusi, e si limitano a citare la quota di 10000 morti in Africa, quando nella saga Aids gli stessi monatti citavano non migliaia ma addirittura milioni di vittime, finendo per essere alla fine clamorosamente smentiti, visto che i test Elisa segnalavano come Aids i casi di malaria.

I TRUCCHI E GLI OPPORTUNISMI DELLA MEDICINA BUBBONICA

Un conto è registrare la debolezza immunitaria di gruppi sociali sfortunati, sottoposti a stress politici, a persecuzioni razziali e religiose, a carenze igieniche, a privazioni idriche ed alimentari. Altro conto è contrabbandare tali situazioni per malattie specifiche e renderle spaventevoli, pestilenziali e contagianti, come l’opportunismo sanitario mondiale sta cercando indecentemente di fare ad ogni minima occasione propizia.

FONDAZIONI AIDS STRACARICHE DI DOLLARI RUBATI ALLA COMUNITÀ MONDIALE

I media si guardano bene dal citare, ad esempio, che nei laboratori di Kenema, centro della diffusione Ebola in Sierra Leone, e luogo specifico del mitico “Paziente Zero”, esisteva da tempo uno stock di bio-armamenti americani. Si guardano bene dal citare che l’intero progetto Ebola riceve lauti ed enormi finanziamenti dalle varie fondazioni-Aids targate Bill e Melinda Gates, nonché dalle varie fondazioni-Aids targate George Soros, nonché dalle varie fondazioni-Aids targate Bill Clinton. Parliamo di fondazioni stracariche di dollari accumulati negli anni scorsi grazie alle donazioni e alle elemosine miliardarie degli anni scorsi.

BILL CLINTON E BOB GELDOF CONFERENZIERI A MELBOURNE

I media si guardano bene dal dire che a Melbourne la Conferenza Internazionale sull’Aids, con 12000 ricercatori da 200 paesi, ha avuto come conferenzieri ufficiali due manichini o teste di legno o “global elite puppets” come Bill Clinton, ambasciatore seriale Aids in Asia, e Bob Geldof, padre di Peaches Geldof, recentemente scomparsa dopo essere stata legata alla Ordi Templi Orients, loggia massonica e satanica.

SVEGLIAMOCI UNA BUONA VOLTA DAL RIMBAMBIMENTO

È venuto il momento di svegliarsi dal torpore e dal rimbambimento generale. La comunità scientifica mondiale deve per forza fare la voce grossa e farsi sentire in ogni angolo del pianeta. Non è possibile lasciare il comando delle operazioni ai farabutti e ai mascalzoni internazionali. La scienza seria e trasparente ha l’obbligo morale di non nascondersi e di esporre ai cittadini del mondo le menzogne e le malefatte di una élite più che mai truffaldina e priva di freni inibitori. La gente non è più disposta ad essere soggiogata. Non ci sono alibi e non ci sono scuse. Ognuno di noi deve combattere gli spropositi e i raggiri che stanno molestando e mettendo a dura prova la pazienza della popolazione mondiale.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.