RIMEDI NATURALI A STASI LINFATICA E CIRCOLATORIA

da 14 Feb 2023Disturbi del sistema circolatorio

LETTERA

Buongiorno Valdo, Vorrei sapere, per cortesia, se con un alimentazione igienista, sia possibile guarire la mia safena incontinente al quarto stadio e con pigmentazione della cute, sulla caviglia dove ci sono varici e nel caso se fosse possibile anche un incontro con lei di persona per un consulto di cui avrei molto bisogno, anche per altri problemi come di reflusso gastroesofageo, per cui mi trovo, in seria difficoltà su cosa mangiare. Confidando in un suo cortese riscontro, la ringrazio e le invio i miei più cari saluti Gabriella


RISPOSTA

RUOLO DELLA GRANDE VENA SAFENA

Il sangue venoso va dalla periferia al cuore, mentre quello arterioso fa il percorso opposto. La vena grande safena sottocutanea svolge il suo compito a partire dal piede, e percorre l’intero arto fino all’inguine. Essa ha la funzione di raccogliere il sangue venoso fluito nel piede, nelle caviglie, nella gamba, ginocchio e cosce, per scaricarlo nella vena femorale comune. È circondata da vena iliaca esterna, vena femore, vena piccola safena, vena perineale e vena arcata dorsale. La grande safena è la vena più lunga del corpo umano. Per l’intero suo percorso è dotata di valvole che impediscono al sangue venoso di tornare indietro, indirizzandolo così verso l’alto nella direzione del cuore.

VENE VARICOSE E TROMBOFLEBITE

I disturbi tipici sono le vene varicose, derivanti da una dilatazione dei vasi, correlate a un fenomeno di ristagno o di stasi venosa. In altri termini si ha una insufficienza vascolare dove il sangue torna indietro e forma ristagno, a causa di imperfetta chiusura valvolare. Nei casi più gravi si parla di tromboflebite, ovvero di stasi linfatica e circolatoria. Non è assente da tutto questo il solito e comune problema del sangue guasto, del sangue grasso che circola con difficoltà.

CAUSE DI STASI LINFATICA E CIRCOLATORIA

Quali le cause di questa anomalia? Carenza di movimento, sedentarietà, sovrappeso, stare a lungo in piedi nella stessa posizione, riduzione del flusso ematico in periferia, con anemia periferica, alimentazione ricca di grassi e povera di fibre, costipazione, stitichezza, respiro corto, poca esposizione solare. L’assunzione di farmaci antitumorali, i contraccettivi, di farmaci in genere ed anche di integratori sintetici va presa in considerazione. A maggior ragione, tutte le vaccinazioni comportano un forte calo qualitativo del sangue, della linfa e di tutti i fluidi corporali.

SINTOMI

I sintomi di tale situazione sono gambe pesanti, stanchezza, dolenza, fastidi, crampi, ulcere cutanee, vene ingrossate e visibili, gonfiori a caviglie e piedi. Il fenomeno viene definito giustamente come disturbo degenerativo della circolazione. Qualcosa che è alquanto fastidioso da sopportare, oltre che rappresentare un serio handicap dal punto di vista estetico.

RIMEDI NATURALI

Ci sono rimedi naturali a cui poter ricorrere, da applicare in modo regolare e costante. Il movimento e l’esercizio fisico rappresentano il meglio del meglio per il cuore e per tutto l’apparato circolatorio. Camminare almeno un’ora al giorno, meglio con l’uso di racchette che completano l’esercizio coinvolgendo le braccia, le spalle e i polsi. Utile esercitare poi i muscoli di caviglie e polpacci stando sulle punte dei piedi e favorendo così il flusso e il pompaggio del sangue venoso verso l’alto. Nuotare, esporsi al sole, fare docce fredde e ricorrere a cure termali con uso di fanghi e di massaggi è sicuramente un aiuto prezioso. Anche l’utilizzo di calze elastiche può essere di supporto.

IMPORTANZA FONDAMENTALE DELL’ALIMENTAZIONE

Ovvio che anche l’alimentazione è di massima importanza. Il traguardo prioritario sta nel rispettare le esigenze dei grandi sistemi come il sistema immune, il sistema endoteliale, il sistema ormonale e soprattutto il sistema emuntorio, facendo leva su alimenti drenanti ed idratanti. Non si può prescindere dunque da una dieta incentrata su frutta, verdure, germogli, semi vari e noci, con adeguato supporto di cereali integrali tipo miglio, sorgo, avena, nonché legumi digeribili come fagiolini, piselli, fagioli freschi di stagione.

ALTRI CONSIGLI BASILARI

Evitare carni e derivati animali, lasciando eventualmente qualche spazio a uova di qualità e a latticini di pecora e di capra, o meglio ancora a latte di cocco e derivati. Niente zuccheri, pochissimo sale, niente alcolici, niente fumo attivo e passivo, niente caffè, tè, bevande-gassate-edulcorate, niente cibi spazzatura e cibi lavorati, preferenza di verdure crude su quelle cotte. Abbondare in mirtilli e frutti di bosco ricchi di flavonoidi.

RUSCO COME ALIMENTO SPECIALE

Ruolo speciale per gli asparagi di rusco, ovvero per i germogli del pungitopo che spuntano nei boschi italiani nel ristretto periodo di due settimane verso inizio maggio. Ottimi pure i germogli di vite rossa, carichi di antocianine, potente rimedio anti-infiammatorio con specifica azione flebo-tonica. Ricorrere anche alla crema ottenuta con farina di ippocastano, da applicarsi esternamente.

Valdo Vaccaro


LETTERA 2

Buongiorno Valdo, grazie mille per la risposta dettagliata, di cui seguirò sicuramente i suoi preziosi consigli. Avrei bisogno inoltre di un suo ulteriore parere riguardo la SCLEROMOUSSE, a cui mi è stato consigliato di sottopormi e di rivolgermi in merito al dott. Raffaele Colucci e Gianluigi Rosi. Sinceramente, sono timorosa perché comunque con essa verrebbe chiusa la safena.

Sempre a questo fine, mesi fa mi è stato consigliato intervento con laser e poi con radiofrequenza, la cui ultima angiologa addirittura mi ha detto che la mia safena è come morta e per cui sarebbe inutile l’intervento chirurgico col metodo Shiva presso il dott. Ermini, al fine di conservare la safena, il quale, qualche mese prima, invece mi aveva detto che nel mio caso avrei potuto sottopormi.

Ora capirà la mia confusione e il mio stato d ‘animo, e di certo vorrei evitare l’intervento chirurgico. Lei, di cui ho molta stima e fiducia, cosa mi consiglierebbe? Ancora grazie mille per le sue preziose delucidazioni e un caro saluto. Gabriella


RISPOSTA

SPAVENTARE LA GENTE È UNA PRATICA TANTO DIFFUSA QUANTO ODIOSA

Ciao Gabriella. Boccio innanzitutto la tua angiologia. Sarà anche una brava persona, ma almeno in questo caso l’ha combinata grossa. Non si spaventa mai la gente, nel modo più assoluto. Primo è una maleducazione, oltre che un deviare dai propri compiti. Secondo non corrisponde alla realtà dei fatti, dal momento che il corpo umano in ogni sua componente ha doti formidabili e inaspettate di autoguarigione. Definire la safena come morta è qualcosa di mostruoso. In un corpo vivo non c’è posto per delle aree prive di vita.

L’INTERVENTO CHIAMATO SCLEROMOUSSE PARE NON SIA OLTREMODO DRAMMATICO

Questo non significa che si debba necessariamente ricorrere a interventi di tipo chirurgico, che implicano sempre l’uso di farmaci con relativi effetti collaterali. Devo ammettere che l’intervento definito scleromousse potrebbe anche rappresentare una soluzione valida. La schiuma sclerante o mousse viene iniettata sotto guida ecografia. Pare che il trattamento sia ben tollerato oltre che ripetibile, ed è anche semplice e di basso costo.

MA LA SOLUZIONE NUMERO UNO RIMANE AL CENTO PER CENTO QUELLA NATURALE

Detto questo, esiste sempre la possibilità di puntare con decisione e determinazione a guarire in modo naturale. Immagina di vivere in un mondo dove non esiste la chirurgia e non esiste il bisturi, in un mondo dove sei costretta per forza di cose ad arrangiarti da te. In questo caso ce la metteresti proprio tutta per risolvere i tuoi guai in modo autonomo, e ne verresti sicuramente fuori.

Valdo Vaccaro

Se l’articolo ti è piaciuto e vuoi supportare la mia attività lo puoi fare con una donazione libera.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

DISCLAIMER
Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita, non prescrive e non cura. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

AGITAZIONE ED EXTRASISTOLE

AGITAZIONE ED EXTRASISTOLE

LETTERA Valdo, cosa sono le extrasistole? Sono pericolose? Io ogni tanto le ho. Non ho però capito se possono essere causate da uno stato di ansia oppure no....

Commenti

1 commento

  1. ELISABETTA VITIELLO

    bellissime risposte e come sempre molto utili ed interessanti

    Rispondi

Lascia un commento

Scopri di più da VALDO VACCARO

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading