RITARDO CRESCITA, ECCESSO ALIMENTARE E MADRE STRESSATA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

MIA MADRE TI È GRATA PERCHÉ STA MOLTO MEGLIO E PERCHÉ HA EVITATO LA DIALISI

Caro Valdo, come stai? Spero di poterti incontrare con la mia famiglia quanto prima! Mia madre, grazie ai tuoi consigli sta straordinariamente meglio. Pensa che prendeva ogni giorno tanti farmaci per diabete, cattiva circolazione del sangue, pressione alta, colesterolo, artrosi, reni ed altro ancora. Il diabete la stava portando alla dialisi, mentre ora prende solo mezza compressa di farmaco anti-glicemico e a 75 anni sta bene!

INCONTRO COL DR MICHELE MANCA

Grazie al tuo blog, abbiamo conosciuto di persona un’altra persona stupenda come il dr Michele Manca, che ha ulteriormente aiutato mia madre con i suoi essenziali consigli per il diabete. Che Dio vi benedica e vi protegga sempre! La consapevolezza della verità sta emergendo! E noi continueremo a fare la nostra parte raccontando la nostra esperienza a chiunque ci ascolta.

LA MIA BIMBA DI TRE ANNI CRESCE POCO ED È COSTANTEMENTE RAFFREDDATA

Ma veniamo a me e alla mia bambina di tre anni. Per favore rispondimi. Cresce poco, è sempre raffreddata, ha la tosse da due settimane, non vuole bere come prima, fa poca pipì ed è scura. Ha avuto la febbre che poi è passata spontaneamente, ma la tosse, anche se sporadica rimane. Ha puntini rossi sul palato e qualcuno bianco sulla lingua arrossata. Adesso la sua temperatura è scesa intorno ai 34,0 – 35,2, per cui dorme di più.

PROBLEMI DI MAGREZZA, SOTTOPESO E SCARSA ASSIMILAZIONE

Sono in ansia perché a tre anni è magra, pallida, pesa solo 9.5 chili, è meno attiva, guarda spesso le manine in atteggiamento ripetitivo, per cui l’equipe medica mi ha consigliato di inserirla al nido la mattina per aiutarla nella socializzazione. Inoltre hanno detto che il problema della sua magrezza è dovuta al fatto che non assimila le sostanze nutritive perché, da quando aveva 8 mesi, oltre al mio latte, ha mangiato sempre cereali integrali e verdure, quindi troppa fibra che le davo per la sua dolorosa stitichezza.

DAI CEREALI INTEGRALI A QUELLI RAFFINATI

Quindi, da un mese, va al nido e mangia cereali raffinati al posto di quelli integrali. Mentre prima faceva la cacca tre volte al giorno, ora ho l’impressione che non evacui del tutto e che si formino delle putrefazioni pericolose nel suo intestino. Ho tanta paura. Forse sbagliamo ad alimentarla e ciò si ripercuote sulla capacità attentiva e sulla sua salute in generale.

MENU GIORNALIERO

La bambina mangia così: 1) Mattina alle 7 beve centrifugato di 2 arance e 1/4 limone con buccia), 2)
Mattina alle 7:30, prima di portarla al nido, mangia una fettina piccolissima di pane spezzettata con sopra uno strato di crema di mandorle o nocciole e uno strato di marmellata, 3) Pranzo senza proteine animali, visto che al nido mangia sempre verdure più pasta con legumi, 4) Merenda alle 15:30 metà  banana schiacciata e fettina di avocado con gocce di limone, 5) Pomeriggio alle 17:30 beve centrifugato di 2 arance, 6) Prima di cena beve centrifugato di 2 carote, 3 foglie di spinaci o bietola, 1/2 topinambur, 1/4 di barbabietola rossa, 1 mela e gocce di limone, 7) A cena mangia pasta o riso raffinati, o cous cous di orzo o di mais o patate con un cucchiaio di legumi, un cucchiaino colmo di semi di lino macinati o un cucchiaino di tahin o di crema di mandorle e un cucchiaio d’olio d’oliva.

CURE NATURALI DURANTE IL PERIODO FEBBRILE

Quando ha avuto la febbre (max 38,7 °C), cioè per tre giorni, ha bevuto solo succo di arancia e limone al mattino e a pranzo poco centrifugato di verdure fatto con l’aggiunta di un pezzettino di cipolla,  anche perché l’acqua non la gradisce quasi mai. La sera prima di portarla a dormire, per il mal di gola, le spruzzavo in bocca un po’ di succo di limone puro. Dopo la febbre, ha cominciato a mangiare poca pasta con un cucchiaio di legumi, un cucchiaino di semi di lino macinati e un cucchiaino d’olio d’oliva, ma da due giorni non vuole mangiare nulla di pasta o riso o cous-cous e carboidrati in genere, ma gradisce solo succhi d’arancia e poco limone la mattina.

SANGUE ADDENSATO E PIPÌ SCURA

Insisto per farle bere almeno il succo di verdura e il succo di arance, l’acqua Sant’anna o l’acqua Panna perché il suo pannolino è poco bagnato e la pipì è un po’ scura. Non gradisce più come prima i succhi di verdure, anche se dolci, e ne beve circa 150 ml al giorno rispetto ai 500 di prima.
Dimenticavo di dirti che per la tosse le ho dato per 8 giorni lo sciroppo d’erbe grinTuss e una volta al giorno le ho fatto i suffumigi con menta per fluidificare.

ABBATTUTA, DEBOLE E CON LE ESTREMITÀ SEMPRE FREDDE

La pediatra, che l’ha visitata per riammetterla al nido, ha detto che ha i bronchi liberi e che la tosse è causata dal muco alla gola. Inoltre mi ha consigliata di darle per 2 volte l’anno un integratore naturale Floradix salus per rinforzarla. Ma a che serve questo se le do già i centrifugati di frutta e verdure?
La riporto al nido e lei è sempre raffreddata, e ogni tanto tossisce. Mi spaventa il fatto che sembra abbattuta e debole per via del raffreddore, credo. La temperatura è 34-35,2 ed ha spesso le estremità degli arti fredde.

DUBBI, TIMORI E INSONNIA

Ho paura perché non si riprende e ha poco appetito, le creme e la crema d’avena con datteri e banana non le gradisce. Forse per farla mangiare dovrei preparare pasta al sugo che le piace tanto. Ho sbagliato tutto da quando ho sostituito i cereali integrali con quelli raffinati, vero? Aiutami a farla stare meglio, per favore! Non riesco a dormire più bene la notte al solo pensiero di non saperla guarire. Rispondimi per favore.

UN MESE DI OSPEDALE AD ANTIBIOTICI, VACCINI E CORTISONE

Ringrazio il Signore che mi ha fatto imbattere nel tuo blog e voglio ringraziare te per tante cose. Mi spiego. Quando aveva un anno l’ho portata al pronto soccorso per una brutta tosse con febbre, e ci hanno ricoverate per un mese con antibiotici e cortisone. Stavo impazzendo! Poi le hanno fatto tutti i vaccini. Dico tutti! Da allora non è più la stessa e spero di non trovami mai più nella condizione di doverla ricoverare. Successivamente sono iniziati episodi di retrovulsioni oculari e piccole crisi epilettiche. Sintomi scomparsi grazie ad un cambio totale di dieta basata sui consigli contenuti nelle tue meravigliose tesine. Non solo ma, passando ad una dieta vegana, è scomparso il calazio che aveva sull’occhietto, e che i medici volevano asportare chirurgicamente. Poi si sono normalizzati la ferritina bassa e gli altri valori, mentre è scomparsa la stitichezza.

VORREI POTERLA LIBERARE DAI TANTI VELENI

Potessi liberare il suo corpicino dai tanti veleni che ricevuto da quando è venuta al mondo. Il fatto che oggi è debole è una conseguenza di questo? Hai qualche consiglio da darmi per ripulirla? Se non ce la fai più a leggere questa lunghissima lettera puoi anche non continuare. Pensa prima alla mia bambina per favore.

MIO SENTO UN CORPO IN FRANTUMI

Per quanto riguarda me, caro Valdo ho fatto uno sbaglio grave. Per curare una carie mi sono fatta anche rimuovere un’amalgama da un dente. Da allora mi sento debolissima, ho le labbra piene di herpes, prendo qualsiasi virus, tosse e raffreddore. Ho torpore agli arti e alle mani che non riesco ad usare come prima. Mi sento un corpo in frantumi. Come farò ad affrontare le giornate e a svolgere i miei compiti?

TENTAZIONI DI RICORSO ALLE CHELAZIONI

Da un anno a casa mia stanno bene grazie a te ma adesso io sto male. Che faccio? Devo fare esami costosi per capire se sono intossicata? Che mi consigli? Un’amica mi ha suggerito di contattare la dr Ferrero per una terapia chelante con l’utilizzo dell’EDTA, ma io mi fido dei metodi naturali e non l’ho chiamata. Tra l’altro, ho letto che qualsiasi terapia chelante anche naturale, non va intrapresa se in bocca ci sono altre amalgame e nel mio caso ne ho 3 più un ponte di 5 elementi.

AGLIO, CURCUMA E CORIANDOLO COME RIMEDIO CASALINGO

Ho fatto a modo mio, ricordando di aver letto qualcosa in passato e, dopo la rimozione dell’amalgama, ho aggiunto sui cibi polvere di coriandolo, curcuma e aglio oltre a bere maggiori quantità di succo d’arancia. Non sono riuscita a trovare la chlorella in gocce. Temo di aver smosso un polverone. Forse ho creato danni maggiori mettendo in circolo metalli pericolosi che non riescono ad uscire e che forse si sono attaccati ovunque nel mio corpo.

MI AMMALERÒ DI ALZHEIMER?

Da quando ho iniziato con la dieta vegana ho avuto notevoli benefici! Mi ero dimenticata di cosa vuol dire vivere nella continua stanchezza, con mal di testa frequenti, con dolori alle gambe e con il fastidioso tunnel carpale. E sono pure dimagrita. Adesso però ricomincia tutto, peggio di prima, e tutto per colpa mia e di quell’amalgama. Mi ammalerò di Alzheimer o qualcos’altro? Poveri i miei familiari. Come faccio adesso? Secondo te posso guarire? Mi aiuti Valdo, per favore? Nell’attesa di poterti incontrare e ringraziare personalmente insieme alla mia famiglia, ti auguro ogni bene!
Benni

*****

RISPOSTA

SERENITÀ E RILASSATEZZA NON HANNO PREZZO

Ciao Benni. Mi rallegro per gli ottimi risultati di tua madre e della famiglia in generale. Per quanto riguarda te stessa, la cosa principale che mi sento di dirti è quella di rasserenarti e di pensare in positivo. Ti vedo troppo tesa e stressata, e lo dimostra pure la tua lettera, troppo lunga, tortuosa, piena di preoccupazioni. Col pensiero negativo nulla di buono si ottiene. Non farti tentare da cure nelle quali non credi. Cerca di rilassarti e di migliorare la tua respirazione. Inserisci nel tuo menu quotidiano una camminata di mezz’ora almeno. Cattura ogni raggio di sole possibile.

ECCESSI ALIMENTARI ED INTESTINO COSTANTEMENTE SURRISCALDATO

Per quanto riguarda la tua bambina non servono integratori e non serve fare tante ipotesi sul suo stato.
La state semplicemente caricando di cibi in eccesso che lei non è in grado di assimilare, questa è la realtà. Il suo intestino è congestionato e surriscaldato, ribolle di sangue sottratto alle periferie del corpo. Una congestione ventrale che rende anemici e freddi gli arti inferiori, le braccia, le mani e i piedi. Una congestione che denota una febbre interna alta ma non rilevabile, e una costante sotto-febbre in superficie, commisurata allo scarso flusso di sangue. La prova che la bambina è intasata sta anche nelle sue urine costantemente scure.

MEGLIO CRESCERE IN RITARDO CHE SOVRASVILUPPARSI PRECOCEMENTE

Peso e dimensioni dei bambini non vanno assolutamente stimolati con i cibi che diamo loro in eccesso e con troppa frequenza. Ogni bambino si sviluppa seguendo una sua personalissima curva di crescita, legata anche al tipo di alimenti che gli vengono proposti ed anche al tipo di vaccini e di farmaci che ha dovuto suo malgrado assumere.

PIÙ GIOCO, PIÙ SOLE, PIÙ MOVIMENTO E MENO CIBO

Tosse e raffreddore sono sintomi logici e sforzi naturali di un corpo che cerca di espellere muco. Muco che è sinonimo di acidosi interna provocata dalla sovralimentazione. Consiglio di semplificare il menu togliendo il succo d’arancia pomeridiano ed anche il centrifugato di tuberi che si potrà dare un paio di volte a settimana. Dei mirtilli, e magari il grappolo d’uva, la melagrana matura, o un bel caco. Vietata ogni forzatura a mangiare di più. Ascoltare anche le sensazioni e le richieste della bambina. Più che pensare fisso all’alimentazione, sarà il caso di farla giocare di più con qualche amichetta o con un cagnolino.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x