STORICA VITTORIA SU COLITE ED EMICRANIA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Il tuo importante lavoro sta dando risultati eccezionali

Ciao Valdo, sono la Luisa delle proteine nobili e della menopausa. Mi hai seguito nei mesi scorsi e oggi sono felicissima di portare il mio contributo all’immenso e straordinario lavoro che stai facendo.
Ho inviato le tue tesine ad amici ed amiche, e a qualcuno ho anche regalato il tuo libro. Da febbraio 2010 sono veramente vegana tendenzialmente crudista a tutti gli effetti, e sono orgogliosa di esserlo.

Mi ritengo miracolata da Madre Natura, considerando che soffrivo su tutti i fronti

Ora ti elenco i problemi che il mio corpo ha autoguarito senza farmaci e integratori di alcun genere:

1) Non ho più alcun mal di testa, grandissima e impagabile conquista, dopo 35 anni di sofferenza.
2) La colite che mi tormentava è sparita.
3) Le carenze di ferro non ci sono più.
4) I primi sintomi della menopausa sono spariti.
5) Il formicolio che al mattino mi prendeva alle mani è scomparso.
6) Sopporto benissimo il caldo estivo, quando prima facevo fatica ad andare avanti.
7) La ritenzione idrica che mi perseguitava è sparita subito.
8) Sono finalmente in pace con la natura, ed è una cosa incredibilmente importante!

Il menù per il mio nipotino di 15 mesi

Sono sicura che ci sono altre cose ancora migliorate, nella meravigliosa macchina che è il mio corpo.
Ma intanto cito quanto sopra come esempio reale di quanto è successo.
Garantisco che non esistono miracoli, trucchi, invenzioni o esagerazioni.
L’unica amarezza che mi rimane è che il resto della mia famiglia non ci pensa a voltare pagina, né per motivi etici né per motivi salutistici. Se non scatta una molla interna la gente è priva di mordente, e aspetta di essere messa con le spalle al muro, dalla malattia e dall’ospedale, prima di muoversi.
Ti chiedo ancora una cosa. Che può mangiare il mio nipotino Ettore di 15 mesi?
Grazie di tutto, Valdo. Come posso sdebitarmi?
Luisa

******

RISPOSTA

La tua testimonianza di guarigione èdi una valenza straordinaria

Ciao Luisa, bellissime ed importanti le notizie che mi dai.
Sdebitarti? Lo stai già facendo con questa mail, con la divulgazione delle tesine e del mio libro.
Il tuo messaggio odierno ha il potere deflagrante di una bomba.
Solo che si tratta di una bomba non distruttiva, ma di una bomba amica, di una bomba di speranza concreta per chi continua a soffrire, ignorando che esiste una facile via d’uscita dal male fisico e dal male mentale.
Spero di non sbagliare ad aggiungere la tua mail per chi vorrà chiederti qualcosa direttamente ([email protected]).

Un’alimentazione spiccatamente fruttariana

Per il tuo nipotino, se tua figlia ha ancora latte glielo lascerei prendere per qualche altro mese.
Per il resto non creiamoci il panico della crescita e della proteina, e pensiamo che se fosse un vitellino, continuerebbe a brucare fili d’erba verde accanto alla mamma.
Siamo in piena bella stagione, darci dentro con la frutta, con l’uva (che ha una formula quasi identica a quella del latte umano), l’albicocca, la pesca, il melone, l’anguria, le more, e i fichi non appena arrivano. La frutta deve stare al centro della sua alimentazione e non alla periferia ed ai margini, come spesso avviene.

Inserire progressivamente le pappette, verificando di volta in volta le sue reazioni intestinali

Inserire piano piano le banane e l’avocado, più le pappette di mandorle e pinoli, con i semini frantumati di sesamo, di lino e di girasole, usando con giudizio farina di carrube, farina di castagne e farine di manioca (o tapioca) per varie pappette nutrienti, ed anche i fiocchi di avena.
Usare datteri e uvette per addolcire.
Quando si fanno dei centrifugati di carote-sedano-ananas, o di bietole e mele, iniziarlo pian piano a queste bevande, e verificare come si comporta l’intestino.

Evitare come la peste tutti i prodotti animali e tutte le integrazioni

Evitare come la peste tutti i prodotti animali, e tutte le integrazioni.
L’uso limitato di latte di cereali per le pappette, magari allungato con acqua leggera, può essere consentito.
Ricordiamoci che le proteine e tutti gli altri micronutrienti bilanciati, incluso la famosa B12, stanno dappertutto nel crudo, nella misura proporzionata ed assimilabile, priva di quegli eccessi proteici che vanno ad appesantire l’apparato pancreatico e il delicatissimo sistema renale.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.