TRIGLICERIDI ALTI E AVIDITÀ PER FORMAGGI CAPRINI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

PUNTO AD ELIMINARE DEL TUTTO IL CIBO ANIMALE

Grazie ad alcuni amici comuni, ho conosciuto l’alimentazione crudista e da due anni ho quasi smesso del tutto di mangiare cibo animale, anche se ho ancora delle resistenze. Il mio obbiettivo è comunque quello di eliminarlo del tutto.

DOMANDE SU GLUTINE, FORMAGGI E TRIGLICERIDI ALTI

Ho due dubbi che vorrei tanto chiarire con il suo aiuto: 1) Sono ancora dipendente dal glutine e dal formaggio di pecora o di capra. Da quando ho eliminato carne e latte, non c’è giorno che non mangi queste cose con avidità, come se ne fossi dipendente. Devo appellarmi solo alla forza di volontà, o ci sono alimenti che posso sostituire, meno devastanti? 2) Io soffro di trigliceridi alti. Molto alti! Difetto congenito ereditato da mia madre e diffuso fra molti parenti della sua famiglia. Anche mangiando in maniera equilibrata, arrivo a valori di 1500/1800 di trigliceridi nel sangue.

ALIMENTI ATTI AD ABBASSARE I TRIGLICERIDI

Mi dicono che non è saggio che mangi troppe banane (arrivo a 5/6 al giorno), ma naturalmente, non dipende solo da quello. Un mio amico crudista mi ha detto che il sedano è l’ideale per abbassare i trigliceridi. Ce ne sono altri? Lei che ne pensa a riguardo? Aspetto sue notizie. Grazie!

Alessandro

*****

RISPOSTA

VALORI CONSENTITI E VALORI ALTI

Ciao Alessandro. L’ipertrigliceridemia rappresenta un marker della sindrome metabolica, dell’ipertiroidismo, delle malattie renali, dell’epatopatia, dell’alta pressione, dell’LDL alto, della pancreatite. Si parla di trigliceridi alti quando i valori superano i 150 mg/dl di sangue, arrivando max al limite di 200. Dai 200 ai 499 si parla di quota seriamente alta. Oltre i 500 siamo in zona di autentico allarme cardiovascolare.

ATTENZIONE ANCHE AL COLESTEROLO LDL E ALLA OMOCISTEINA

Un consiglio sempre valido è quello di tenere sotto controllo non solo i trigliceridi ma anche il  colesterolo LDL, poiché i due parametri alti viaggiano di pari passo e rappresentano entrambi rischio di problematiche vascolari, specie se in presenza di omocisteina alta. Chi ha alti questi valori rischia non solo maggiormente infarti ed ictus ma anche sovrappeso e obesità che a loro volta sono fattori di rischio per molte altre patologie.

ALIMENTAZIONE ANTI-GRASSO

Per tenere sotto controllo i trigliceridi bisogna agire prima di tutto sulla dieta. Esistono dei consigli importanti ai quali è meglio attenersi. In linea generale bisogna evitare il più possibile gli zuccheri semplici, nonché cereali e prodotti raffinati, prediligendo invece le varianti integrali. Consigliato poi un apporto abbondante di verdure, legumi e alimenti ricchi di omega 3 (che hanno dimostrato la capacità di abbassare i trigliceridi proteggendo il cuore). Da limitare ed escludere i grassi di origine animale.  Un aiuto può venire anche da alimenti ricchi in vitamina C (visto il suo alto potere antiossidante) e dalle fibre vegetali che limitano l’assorbimento dei grassi. Particolarmente utili carciofo, finocchio, tarassaco, girasole, sedano, cachi, pompelmi, mandarini, avocado, prugnolo, rosmarino. Per evitare il glutine, basterà dare preferenza a miglio, grano saraceno, riso integrale, mais, quinoa. Per evitare i formaggi basterà incrementare i germogli, nonché il tofu dalla soia ed il seitan dai cereali.

IN SINTESI

Riassumendo, un sì alla frutta, meglio se non ultradolce tipo banane e fichi, un sì a legumi, noci, cereali integrali, pane e pasta integrale, verdure preferibilmente crude ma anche cotte, alghe marine. Evitare zucchero bianco e di canna, evitare aspartame e iperdolcificanti, bibite gassate, bevande alcoliche e nervine, cibi raffinati, dolci di tutti i tipi, cibo spazzatura e fast food, carni, grassi animali ed insaccati. Per i non vegetariani si tollera il pesce azzurro, apportatore di Omega 3.

SERVONO ANCHE ADEGUATE SCELTE COMPORTAMENTALI

Non è solo una questione di cibi. Importante respirare profondamente aria pura, associando alla respirazione addominale delle belle camminate lungo i sentieri di campagna. Altre buone scelte comportamentali sono quelle di mantenere il proprio peso forma, di fare attività fisica evitando la sedentarietà, di non fumare.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
6 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
6
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x