VACCINAZIONI E SCOMPARSE IN TERRA RUSSA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

NOTIZIE DA BRIVIDO E INDUZIONI VENETE A VACCINARE

“Attivista russo scompare nel nulla dopo aver divulgato i progetti per una vaccinazione di massa”, da Edoardo Capuano – Posted on: 30 gennaio 2012. Mi imbatto in questo vecchio articolo su Altra News, lo leggo e mi vengono i brividi. Infatti, la previsione dell’attivista russo (l’articolo parla di un evento delittuoso di 15 mesi fa) trova conferma oggi nella pratica dell’induzione alla vaccinazione delle bambine del Veneto contro il presunto Papilloma virus.

VENETO, REGIONE-LABORATORIO DI BIG PHARMA

Il Veneto si sa è il laboratorio di Big Pharma dove in anteprima vengono testate le varie presunte medicine mortifere e biocide che poi saranno estese all’intero territorio nazionale. Si pensi che i costi per la sanità a carico della regione Veneto sono doppi rispetto a quelli delle altre regioni, e superano del 60% l’ammontare della disponibilità economica della Regione stessa.

PRESSIONI PERENTORIE E INDEBITE PER VACCINO ANTI-PAPILLOMA

Attualmente nelle famiglie dove vi sono bambine dai 12 anni in su, arrivano lettere delle relative USL che invitano perentoriamente le bimbe a vaccinarsi contro il Papilloma Virus. Se andate a guardare però la lettera e a nome dell’Usl, vedete che non porta nello spazio apposito la firma di alcun medico responsabile. Ebbene genitori, fatevi carico del vostro ruolo, prendete quel foglio, andate dalle Usl di Competenza e chiedete di vedere in faccia il responsabile di queste lettere.

SALVATE LE VOSTRE FIGLIE DA QUESTO ENNESIMO ATTO CRIMINALE

Chiedete che vi certifichi che il vaccino non rende sterili le vostre figlie. Chiedete che vi metta per iscritto che i veleni contenuti nel vaccino non sono veleni e non hanno esiti nefasti. Non lo farà e voi capirete tutto. A questo punto vogliate bene ai vostri figli, risparmiate loro quest’offesa criminale, rispettateli, informandovi, facendo lo sforzo di capire cos’è questo stramaledetto vaccino. Quando avrete scoperto cos’è avvertite gli amici e i parenti ne avete il dovere. Qui a Stampa Libera facciamo la nostra parte in prima linea.

OGNUNO HA IL DOVERE DI FARE LA SUA PARTE

Voi avete il dovere di aiutare, informare gli altri che non sanno del pericolo che corrono i loro figli. Ho saputo di recente di scuole in cui tutte le bambine si vantavano di aver fatto il vaccino! Agli uomini che hanno superato i 50 anni mandano l’invito a farsi una biopsia per intercettare il cancro al retto, mentre alle donne mandano continui avvisi di farsi diagnosticare tumori al seno.
Veneto coglione ti stanno ammazzando, distruggendo e tu ti offri ingenuo e stupidamente disarmato. Tanto vi dovevo.
Lino Bottaro

*****

LA SCOMPARSA DI ALEXANDER GONCHAROV

Alexander Goncharov, un attivista russo che ha esposto il programma di eugenetica globale, in particolare un programma di vaccinazione che dovrebbe iniziare nel 2011 è recentemente scomparso dopo gravi minacce per la sua vita. È scomparso la notte del 30 ottobre 2010, alle ore 22:00 circa, quando è stato visto l’ultima volta lasciare il suo ufficio presso la società russa Benevolent, senza fare più ritorno a casa.

SAPEVA DI ESSERE PEDINATO DALLA MAFIA SANITARIA RUSSA

Alexander Goncharov aveva giurato di diffondere quante più informazioni possibili sul programma di eugenetica globale ai professionisti medici e al pubblico. Aveva scoperto un piano per sterilizzare le donne attraverso programmi di vaccinazione in Russia, Ucraina e Bielorussia. Dopo le minacce nello stesso giorno aveva chiesto protezione dagli amici paracadutisti, ma purtroppo sembra che non abbia ottenuto questa protezione in tempo, in quanto scomparve quella notte stessa.

L’ULTIMA SUA DICHIARAZIONE DEL 22 OTTOBRE 2010

Io, Alexander Goncharov, Presidente della Società russa Benevolent, ho ricevuto informazioni da parte di medici onesti che non intendono partecipare a uccidere il loro stesso popolo, circa i preparativi per la distruzione dei nostri figli sotto le spoglie di una “nuova vaccinazione”, in programma per primi mesi del 2011.

TANGENTE E SILENZIO, OPPURE MINACCIA DI MORTE

Non posso confermare o smentire queste informazioni o garantire la credibilità di esso, ma chiedo a tutti di controllare da soli. “Qualcuno” ha scoperto che ho avuto queste informazioni e mi è stato offerto una tangente di non divulgazione e, tra l’altro, una minaccia di morte se avessi continuato la diffusione di informazioni per l’uccisione imminente dei nostri figli.

NETTO RIFIUTO DELLA PROPOSTA

Ho rifiutato la loro “proposta” e non potrò mai accettare la deliberata distruzione del mio popolo.
Ho il dovere sacro e sotto giuramento alla patria, in conformità con la Costituzione della Russia di diffondere informazioni circa l’imminente OMICIDIO DI TUTTI I NOSTRI FIGLI IN RUSSIA e di trasmettere questa informazione con tutti i mezzi possibili. Sono conscio della pericolosità di questa gentaglia.

SIAMO DI FRONTE A UN PIANO DI STERMINIO

In particolare mi appello al personale del Ministero e Servizio federale di sicurezza, ad ascoltare le mie chiamate e leggere la mia corrispondenza. Vogliono uccidere i NOSTRI bambini. Pertanto, si dispone di una scelta. Aiutare la sopravvivenza del popolo o procurare piccole bare.
Con ciò che segue prendete due minuti per leggere e salvare le vite dei vostri figli.

VACCINAZIONE TIPO 1 PER RAGAZZE DAI 12 AI 20 ANNI

Le vaccinazioni sono di due tipi. Il tipo 1 è destinato a ragazze dai 12 a 20 anni. La vaccinazione sarà presentata sotto le spoglie apparenti di prevenzione del cancro al seno e all’utero.
È una vaccinazione simile a quella usato per sterilizzare le ragazze in Messico, Nicaragua ed Iraq.
Gli effetti sul corpo sono di provocare aborti a 3-4 mesi di gravidanza. Oltre agli effetti diretti, l’inoculazione è di grande impatto mentale perché molti aborti a gravidanza avanzata creerebbero panico e paura di rimanere incinta.

VACCINAZIONE TIPO 2 PER DONNE MATURE

Il tipo 2 è progettato per le donne oltre 45 anni. Contiene immunoglobuline e preparati OGM.
Gli effetti sul corpo sono una rapida stimolazione che aumenta le difese per 2-5 anni, per poi ridursi drasticamente, fino a quando l’immunità va a zero, con incapacità di combattere qualsiasi evento negativo.

*****

COMMENTO

35 MILIARDI OFFERTI ALLA TINA ANSELMI NEL 1979

L’Italia è stata oggetto di corruzioni eclatanti nel settore dei vaccini. Basti pensare alla senatrice democristiana Tina Anselmi, Ministro della Sanità che, per recedere dalle sue intenzioni di ritirare un migliaio di farmaci e di vaccini dalla circolazione, ricevette un proposta di mazzetta da 35 miliardi di lire, depositati confortevolmente in qualsiasi banca svizzera di suo gradimento.

DENUNCIATA LA CORRUZIONE, LE SALTÒ IN ARIA L’AUTO TRE GIORNI DOPO

Il giorno dopo la Anselmi, rese pubblico in Parlamento il gravissimo tentativo di corruzione. Correva l’anno 1979. Pochi giorni dopo la sua auto saltò in aria in una via di Roma, e solo per strana coincidenza, l’onesta Anselmi arrivò alla sua vettura due minuti dopo, grazie a una telefonata imprevista che le salvò la vita.

SEICENTO MILIONI SOLTANTO PER DE LORENZO DA PARTE DELLA GLAXO

Basti pensare ai 600 milioni di lire, in questo caso intascati da parte del ministro della Sanità dr De Lorenzo (finito in carcere) nel 1990, per apporre una firma sul decreto di obbligatorietà del vaccino sull’antiepatite-B, da parte della Glaxo che, nota bene, ha oggi l’esclusiva di tutti i vaccini anti- Papilloma.

COMUNI, PROVINCE E REGIONI, TUTTE COINVOLTE NEL COMPLOTTO PRO-VACCINAZIONI

Ho avuto modo di passare ieri e oggi tra i municipi di Tricesimo e Tavagnacco, notando dei grandi manifesti giallo-fosforescente esposti sulle vetrate d’ingresso. Pensavo per un attimo a qualche grossa sagra. “NON FARTI INFLUENZARE: VACCINATI!”, stava invece scritto a lettere cubitali e tre punti esclamativi, più la solita traduzione in lingua friulana. Si riferiva alla vaccinazione antinfluenzale, ma sappiamo che tutto fa brodo. Una vaccinazione tira l’altra e fa da supporto all’altra. Decine di migliaia di manifesti affissi con sistematico furore vaccinatorio. Coi soldi dei contribuenti e a danno dei contribuenti, visti i danni certi di tutti i vaccini, nessuno escluso.

IN AMERICA VIGE L’OLIAZIONE AUTOMATICA E NON C’È BISOGNO DI SOTTOBANCHI

Gli Americani battono tutti in fatto di voracità per il danaro e di furbizia nei trucchi adatti ad accumularlo.
Ogni medico distrettuale con 5000 pazienti, prende per legge un bonus di 7.50 US$ per ogni vaccino propinato alla sua clientela, cioè 37500 dollari per ogni nuova campagna vaccinatoria e, come non bastasse, gli danno 4500 dollari per ogni sua presenza a sostegno di campagne positive di vaccinazione.

IN RUSSIA LE CIFRE VANNO MOLTIPLICATE PER CINQUE

L’Italia, vale 5 volte meno della Russia in termini di popolazione globale, per cui il valore del business vaccinatorio sale di molto in quella realtà, e si moltiplicano in proporzione i rischi e i pericoli per chi ne è coinvolto. Quando ci sono grosse cifre di mezzo, la figura umana e le stesse leggi passano decisamente in secondo piano. Il povero Goncharov non è sicuramente svanito nel nulla di sua spontanea volontà.

MULTINAZIONALI ARROGANTI E SFRONTATE

La sfrontatezza e la arroganza delle multinazionali farmaceutiche sono note. Girano grosse cifre e imperano i sottobanchi a favore dei decision-makers, ossia delle persone-chiave. Non è esagerato dire che siamo di fronte a gente senza scrupoli. Detto questo passiamo a spiegare la storia del Papilloma, che riprendo dalla mia tesina “Pitagora, Koch le farse e le verruche”, del 21/3/09.

STORIA DELLE ULTIME PESTILENZE CHIAMATE HERPES VIRUS (HV) E HUMAN PAPILLOMA VIRUS (HPV)

I microbiologi cominciarono a studiare il cancro della cervice ancora nel XIX secolo, quando un medico italiano riscontrò che questo tipo di tumore colpiva più facilmente le donne sposate che le monache. Una varietà di microbi fu ritenuta responsabile della malattia, compresi i batteri della sifilide e della gonorrea, i micoplasmi, le clamidie e il triconomas che è un protozoo.

UNA ESCALATION DELLA VIROLOGIA VERSO NUOVI PROMETTENTI TRAGUARDI

I virologi entrarono in campo negli anni 60, subito dopo che il virus di Epstein-Barr era stato isolato e ritenuto (a torto) responsabile del linfoma di Burkitt (che in realtà si rivelò essere, come al solito, malattia tossicologica e non virale-infettiva). Nel 1966 i virologi giocarono di nuovo sporco, rispolverando l’asserzione che le pazienti con cancro della cervice tendevano ad aver avuto più rapporti sessuali rispetto a quelle meno attive sessualmente. In più, un laboratorio gettò ad arte benzina nel fuoco, riferendo che le pazienti cancerogene avevano avuto in precedenza un’infezione da herpes. Questo era un boccone troppo ghiotto per lasciarselo sfuggire.

LA CARTA FASULLA DELL’HERPES-2

In due anni riuscirono a distinguere due tipi di herpes, il tipo-1 (più comune, intorno alla bocca) e il tipo-2 (infezione ai genitali, cervice compresa). E quest’ultimo diventò per anni il bersaglio preferito, come presunto responsabile del cancro. Ma anche qui si dovettero fabbricare nuove ipotesi assurde e fantasmagoriche.

ASSERZIONI E TEORIE PIENE DI CONTRADDIZIONI E DI VUOTI LOGICI

Secondo questa teoria, il virus prima infettava e uccideva milioni di cellule, ma ogni tanto faceva cilecca e si mescolava con delle cellule diventando impotente. Le balle e le bufale vennero ben presto a galla. L’85% degli americani adulti sono infettati dal virus herpes-2 in modo spesso asintomatico, e in questa percentuale sono pure comprese le donne prive di segni di cancro al collo dell’utero. Molte donne poi, affette dal tumore alla cervice, non erano addirittura mai state infettate dal virus herpes-2. Cose da chiodi.

I VIROLIGO-INFETTOLOGI DIVENTANO LO ZIMBELLO DELLA COMUNITÀ SCIENTIFICA

Nel 1983, i virologi-infettologi disperati ma mai disposti a mollare l’osso, proposero una nuova trovata da Carnevale. Sostennero l’ipotesi di toccata e fuga, per cui l’herpes virus infetterebbe brevemente le cellule della cervice delle donne ignare, provocando qualche misterioso cambiamento. Questa idea peregrina minacciava di rendere i virologi lo zimbello della comunità scientifica. Come si potevano mai fare delle sperimentazioni e delle teorie per dimostrare un evento ipotetico che non lasciava traccia? Eppure questa ipotesi demenziale sopravvisse in medicina fino agli anni 90.

L’ULTIMA TROVATA, QUELLA DEL PAPILLOMA VIRUS

Nel 1977, un virologo tedesco, Harald zur Hausen, che lavorava al centro di ricerche sul cancro di Heidelberg, propose un altro virus come agente responsabile del cancro alla cervice. Si trattava dell’Hpv (human papilloma virus), un virus non aggressivo che causa delle innocue verruche.
Tant’è vero che le prove a favore di questa ipotesi Hpv sono tutte regolarmente fallite e naufragate.
Infatti, non appena Harold zur Hausen e i suoi colleghi si accorsero che:

A) Metà delle donne americane era regolarmente portatrice del virus Hpv.
B) Solo l’1% della popolazione femminile portatrice Hpv sviluppava poi il cancro.
C) Un terzo di quell’1% non era comunque mai stato infettato dal virus Hpv.

Conclusero giustamente di aver seguito una pista sbagliata e, da scienziati onesti, cestinarono il tutto.

PERCHÈ NON RILANCIARE IL TUTTO IN GRANDE STILE?

Il mondo è fatto di persone per bene ed anche di filibustieri. Perché mai buttare via tutte quelle ricerche, quelle ipotesi, quelle buone occasioni per fare denaro sulle spalle della povera gente, sulle spalle delle donne, sulle costole di Eva? Abbiamo perseguitato i maschi, e raggranellato enormi capitali sull’Aids maschile, perché non fare lo stesso tiro mancino alle donne, e trasformare l’Hpv in un nuovo planetario Aids femminile?

PIÙ CHE DI VERRUCHE SI TRATTA DI FUMO E DI CAFFÈ

Questo si devono essere dette certe industrie farmaceutiche. Il virus Hpv provoca papillomi o verruche, ovvero piccole escrescenze anomale e non maligne di cellule che possono comparire e scomparire spontaneamente nel giro di una settimana. A patto che non venga messo in crisi dal fumo e dal caffè, dai cibi sbagliati e da stili di vita assurdi, da pensieri e atteggiamenti negativi, il sistema immunitario riconosce le proteine virali e fa piazza pulita con estrema facilità sia delle verruche che dei virus che le hanno provocate.

IL CANCRO DELLA CERVICE NON È COMUNQUE CONTAGIOSO E DERIVA DA CAUSE TOSSICHE

Le spiegazioni più plausibili dei rari casi di cancro della cervice rimangono quelle del cattivo invecchiamento (cibi e stili sbagliati prolungati nel tempo), del fumo, dell’uso continuo di contraccettivi. In ogni caso, il cancro della cervice non è contagioso per nessuno, essendo una situazione personale e irripetibile riguardante esclusivamente la paziente che se lo è fabbricato.

MAI TRALASCIARE LA “SANA” IPOTESI VIRALE

Chiaro poi che i cacciatori di virus, al soldo di ben specificate industrie del farmaco e del vaccino, continuano a propagandare l’ipotesi virale. Per cercare di risolvere i tanti paradossi e i tanti vuoti logici, i virologi, quanto mai corrotti e in malafede, hanno persino riportato in auge il virus herpes Simplex-2, come cofattore Hpv, fingendo di ignorare che in matematica zero più zero fa ancora zero, per cui due cofattori assurdi non producono un fattore concreto.

UN GROSSO AFFARE PER LA BIOTECNOLOGIE

Eppure, la Diogene Diagnostics, una ditta di biotecnologie del Maryland, ha ottenuto l’appoggio e i fondi del governo federale per il suo test del papilloma virus. Molti altri laboratori di ricerca, sulla scia di questo fatto, hanno bussato ai finanziamenti del NHI (National Health Institute), per cui la frode prosegue e va avanti in tutto il mondo.

PAPILLOVIRUS, BEFFARDO TERRORISMO A SCAPITO DELLA DONNA

Tutti parlano ormai la lingua della pestilenza e del lazzaretto. Gli scagnozzi delle industrie farmaceutiche stanno convertendo mezzo mondo alla loro beffarda teoria sul Papillovirus.
Hanno oliato per bene governi, stati e sanità. Si sono comprati giornali, riviste e canali televisivi.
Tutti parlano ormai la loro lingua, la lingua della pestilenza e del lazzaretto. Terrorismo puro al servizio della donna. Stanno arringando la popolazione femminile, invitandola a fare sonni tranquilli, a non aver paura di niente. Basterà solo far vaccinare bambine e adolescenti, per ora dai 10 anni in poi, ma più avanti forse già dalla culla.

DECINE DI VACCINI PRONTI E ALTRE CENTINAIA IN CANTIERE

Loro hanno già pronti 20-30 vaccini per i diversi tipi di Hpv appena individuati, ma ne stanno già preparando un altro centinaio. Anche perché il virus Hpv consta di un’infinità di varianti, per cui la copertura totale, la protezione globale dalle infezioni, si realizzerà mediante non una o due vaccinazioni/anno, ma con qualche decina di esse. Fuori e dentro gli ambulatori, con grande soddisfazione dei Nuovi Monatti, i quali, udite-udite, amano spacciarsi per benefattori dell’umanità e, sulle orme di Luc Montagnier, sono pure in corsa per il Nobel, avendo esse “dato un grande contributo alla serenità delle donne del mondo”.

COME DIFENDERSI DAI MONATTI E DAGLI UNTORI DEL TERZO MILLENNIO

I test diagnostici e le vaccinazioni non sono solo interventi inutili, superflui, assurdi, seccanti (a meno che qualcuna non ami stare più negli ambulatori che a casa o distesa sull’arenile a prendersi il sole), ma possono pure avere drammatiche conseguenze. Come difendersi dunque dai monatti e dagli untori del Terzo Millennio? Molto semplice.

SVEGLIATEVI E REAGITE DONNE DI TUTTE LE ETÀ, NE VA DI MEZZO DAVVERO LA VOSTRA INTEGRITÀ PSICOFISICA

State tutte felici, pimpanti e tranquille, verruche o non verruche, e migliorate le vostre conoscenze sulla salute, studiando di più, andando più di frequente a spasso per campi e i boschi, a respirare aria pura e a raccogliere erbe selvatiche. Meglio se in buona compagnia dell’amico o del fidanzato (per le maggiorenni), del marito o dell’amante (per le sposate), delle sorelle o delle amiche (per le monache), frequentando più il fruttivendolo che la macelleria e la formaggeria, lasciando le farmacie e gli ambulatori per le rarissime emergenze, o meglio ancora per il 32 dicembre e per il 30 febbraio di ogni anno.

NON DATE RETTA AI VOSTRI PERSECUTORI, E SEGUITE I CONSIGLI DELLA FLORENCE NIGHTINGALE

Fate una bella pernacchia a tutti i rivoltanti agenti della paura. Non date retta alla coalizione del maschilismo monatto Riscoprite il maggior medico della storia, la magnifica dottoressa inglese Florence Nightingale, ed imparate a memoria il suo prezioso insegnamento.
Non fatevi condizionare ed accalappiare da chi vuole trasformarvi da sexy e procaci creature, o comunque da simpatiche compagne e controparti del maschio, in orribili esche rivoltanti, in trappole infernali, in esseri dai seni tagliati e siliconati, in depositi viventi di verruche, di herpes e di papillomi. Non siate arrendevoli. Ribellatevi a questa colossale ed epocale macchinazione persecutoria nei vostri confronti.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento