ALTERNATIVE AL CAFFÈ E SCIOGLIMENTO ECCEZIONALE DI CALCOLI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

LEGGERA RETROGRADAZIONE AL COTTO

Ciao carissimo Valdo. È un po’ che non ci sentiamo. Vedo dalle conferenze che sei sempre il n° 1. Mi domando mai chi potrà essere in grado di sostituirti un giorno, ma è una domanda retorica. Si sa già che nessuno potrà farlo. Io invece in quest’ultimo anno ho inserito un po di cotto nella mia dieta, ma solo qualche stria bianca, un po’ di pasta e qualche verdura cotta.

DEI 42 CHILI PERSI NE HO RIACQUISTATI 12, PIÙ PER AMORE CHE PER ALTRO

Dei 42 kg che avevo perso ne ho riacquistati 12. Questo essendomi messo con una ragazza onnivora, fumatrice, e con altri vizi che di certo non fanno bene. Ho deciso infatti di fare un passo indietro almeno a vegan con minor percentuale di crudo per allinearmi a lei e aiutarla con il passaggio e il cambio graduale di alimentazione.

L’HO TRASFORMATA E RINFORZATA SU TUTTI I FRONTI

Lei ora è vegan tendenzialmente crudista, ex-fumatrice, ex-drogatrice, ex-sedentaria. Facciamo attività fisica, cosa impensabile in precedenza perché, essendo anemica, non aveva mai forze sufficienti. Ora, 7-8 km di corsa al giorno dopo 10 ore di lavoro non ce li toglie nessuno.

MIGLIORAMENTI CON L’ANEMIA E SPARIZIONE COMUNE DEI NOSTRI CALCOLI MEDIANTE SPREMUTA D’ARANCE E UN MESE DI CRUDISMO TOTALE

Non abbiamo fatto esami ma sicuramente è migliorata anche con l’anemia. Inoltre le ho imposto il mio stesso trattamento anti-calcoli a base di spremute d’arancia e di dieta crudista totale per un mese. Quando è andata in clinica per operarsi, i calcoli erano miracolosamente spariti! Unico tasto dolente è che è ingrassata 10 kg. Ma rimane gradevolmente magra. Avrà al massimo un paio di chili da perdere, ma fallo capire alle donne.

BICCHIERINO DI MOSCATO E CAFFÈ MATTINIERO

Veniamo al dunque della mail. Ha fatto tutti questi progressi in scioltezza e in piena armonia, e poi mi è caduta in un bicchierino di moscato alla settimana, che non è poi una cosa così grave. Tuttavia a causa degli orari lavorativi pesanti, cominciando presto di mattina e facendo 10 ore al giorno, mi è caduta anche sul caffè che non beveva prima. Ne prende uno piccolo e concentrato di buon mattino.

Volevo chiederti, primo come dissuaderla. Magari glielo spieghi direttamente, visto che ti ammira molto anche lei e le tue parole hanno evidentemente maggiore impatto. Tener presente che c’è di mezzo uno stato anemico.

CERCHIAMO QUALCOSA CHE LA TENGA DESTA SENZA DOPARLA

Secondo quesito se sapevi suggerirmi in via eccezionale qualcosa di alternativo (anche se so che le cose che fan male non vanno sostituite ma eliminate). Per il momento cerchiamo qualcosa che l’aiuti a stare sveglia senza tutte le controindicazioni del caffè, per poi pian piano liberarsi pure di quella, perchè comunque la strada che stiam facendo è quella di ritornare crudisti fruttariani 100%.
Ciao e grazie tanto. Un abbraccio.
Massimiliano

*****

RISPOSTA

ELIMINAZIONE PARALLELA DEI CALCOLI

Ciao Massimiliano. Complimenti per la tua generosità e per il tuo sacrificarti. Del resto i risultati reciproci non sono affatto disprezzabili. Eliminare i calcoli nel giro di un mese, e farlo in coppia, senza alcuna operazione, è qualcosa di eccezionale e di esemplare nel contempo. Qualcosa che copre di ridicolo le convinzioni mediche costantemente favorevoli alle asportazioni.

La tua ragazza può mantenere il moscato ma dovrebbe smettere immediatamente col caffè, visto che anche un caffè al giorno finisce per drogare e impedire ogni futuro tentativo di de-acidificazione.

SOSTITUTI DEL CAFFÈ

Le alternative al caffè esistono. Un tempo erano chiamati surrogati, nome con accezione negativa che metteva in evidenza la netta differenza di queste bevande con il caffè, al quale, soprattutto durante la guerra, bisognava rinunciare per la difficoltà di reperirlo, ma soprattutto per l’elevato costo. Oggi, invece, le bevande ottenute da orzo, segale, avena, legumi, radici di cicoria, tarassaco, barbabietole, ghiande, semi di uva e fichi secchi, vengono chiamate sostituti del caffè e vengono anche apprezzate per le loro qualità, scrollandosi finalmente di dosso l’etichettatura di bevande dei poveri e dei periodi di crisi economica.

LA CAFFEINA COMPORTA ACIDOSI, DISTRUZIONE DEL FERRO ED ANCHE ANEMIA

Possono essere consumate non solo a colazione ma anche in qualunque altro momento della giornata, persino dopo cena, perché prive di sostanze nervine. Negli ultimi anni, il consumo di queste bevande alternative al caffè sta notevolmente aumentando a causa dell’azione negativa spesso esercitata dalla caffeina nelle persone più sensibili. Se da un lato l’espresso è la bevanda più consumata, soprattutto al mattino per dare quel tocco di energia necessaria per iniziare la giornata, contemporaneamente può creare o accentuare alcuni problemi.

PARLIAMO DI UNO DEI VELENI PIÙ DANNOSI

La caffeina infatti, ha la capacità di irritare le mucose gastrointestinali. Un consumo eccessivo può essere la causa di gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcere gastriche. Grazie anche alla capacità di agire sul sistema nervoso centrale, può causare, nei soggetti più sensibili, anche nervosismo, irritabilità, ansia, insonnia, palpitazioni cardiache. Ti consiglio di leggere Dieci motivi per evitare il caffè.

IL CAFFÈ D’ORZO TUTTO SOMMATO NON FA MALE, ANCHE SE OBIETTIVAMENTE TOGLIE SPAZIO ALLE SPREMUTE

L’abitudine al caffè porta anche ad assuefazione, ed è questo il suo effetto più critico, visto che porta inevitabilmente ad aumentare le dosi assunte durante la giornata. Per evitare di incorrere a tutto ciò, ci vengono in aiuto i sostituti del caffè, tra questi quello più conosciuto è sicuramente il caffè d’orzo, molto usato dai contadini agli inizi del XIX secolo. Le prime industrie che si occuparono di produrre questo caffè nacquero in Germania, dove se ne contavano più di 3000. Successivamente, dato il successo della bevanda, ne vennero aperte altre in Francia ed in Inghilterra.

ESISTE PURE L’APPOSITA ORZIERA

Il caffè d’orzo si presenta con lo stesso colore scuro e intenso del caffè, ma, essendo privo di caffeina, se ne possono bere più tazze al giorno. E’ consigliato soprattutto a fine pasto, perché aiuta la digestione, inoltre, ha un’ottima azione antinfiammatoria e diuretica. Il caffè d’orzo è particolarmente adatto ai bambini, soprattutto per aromatizzare il latte di cereali che bevono perché è privo di sostanze eccitanti. Per preparare il caffè d’orzo si può usare la moka classica, anche se sarebbe più opportuno usare l’orziera, molto simile alla moka, ma caratterizzata da fori più grandi per evitare la loro otturazione durante la preparazione.

IL CAFFÈ DI CICORIA E LA CIOCCOLATA AMARA

Se l’orzo viene sottoposto a maltatura, otterremo il malto, che potrà essere usato per la preparazione del caffè, ed è caratterizzato da un sapore particolarmente dolce. Un’altra alternativa è il caffè di cicoria ricavato dalle radici della pianta, della quale vengono solitamente consumate le foglie. La cicoria ha delle ottime proprietà curative. Aiuta la digestione, è un ipoglicemizzante ed è un cardiotonico, cioè regola la frequenza cardiaca. Anche per la preparazione di questa bevanda si può usare la moka, ma è consigliabile però non riempire completamente il filtro. Per quando si va al bar, un’alternativa al caffè è una buona cioccolata amara concentrata, senza latte e senza zucchero.

QUALCHE TRASGRESSIONE VA CONCESSA

Per il resto, ti ricordo che non occorre fare i talebani. Qualche trasgressione va pur concessa. La perfezione 100% ha senso logico nelle dure fasi di ripristino-equilibrio, che sono necessariamente limitate nel tempo. Quanto all’anemia, leggiti la mia tesina “Anemia grave risolta senza medici e senza integratori“, del 20/10/13, e usa pure i motori di ricerca inserendovi anemia, ferritina, caffeina.

CARENZE DI FERRO

Le carenze di ferro possono evirare da:

  • Mancanza di acido cloridrico nello stomaco, situazione comune a tutti gli anziani,
  • Malassorbimento intestinale,
  • Alimentazione carnea che produce acidificazione del sangue, fermentazione proteica o putrefazione, leucocitosi, acidi urici,
  • Alimentazione lattea che acidifica e ruba calcio, favorendo osteoporosi e calcoli renali,
  • Uso di antiacidi farmaceutici usati per combattere l’acidificazione (causata dalle carni e dal latte),
  • Emorragie, celiachia e squilibri delle vitamine del gruppo B,
  • Distruzione del ferro da parte di sostanze proibite come il fumo, l’aspirina, il caffè, le vitamine sintetiche, i minerali inorganici, le bevande gassate, lo zucchero, le proteine animali, i cibi cotti,
  • Danni della cottura, che distrugge enzimi e vitamine e trasforma i minerali organici in inorganici inassimilabili,
  • Le vitamine sintetiche ed i minerali inorganici danno solo risultati immediati ed illusori, agendo come stimolanti e sostanze dopanti.

RISORSE NATURALI ANTI-ANEMICHE

L’elenco è abbondante e includer albicocche, algher, ananas, arance, asparagi, bietole, broccoli, carote, castagne, cavolfiore, cavolo, cicoria selvatica, crescione, dattero, dolcetta, frumento, funghi, germogli, germe di grano, girasole, mandorla, mela, melanzana, melone, noci, oliva, ortica, pera, pinoli, porro, prugna, rafano, sesamo, spinaci, tarassaco, uva.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

4 commenti

  1. Massimiliano, che tipo di calcioli aveva la tua ragazza, alla cistifellea oppure ai reni? E come li ha espulsi?

  2. Donatello Apa on

    Ciao valdo sei un grande dell saper mangiare sano e come curarsi da tante malattie volevo chiederti se si puo guarire da un adenoma sulla ghiandola surrenale .