CORONAVIRUS NON MALATTIA MA PROGRAMMA DI GOVERNO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA 1

Ciao Valdo, Ti leggo da anni e apprezzo tutto il tuo lavoro encomiabile. Poche righe solo per dirti tra i denti cosa penso. Il Covid è una copertura per verificare gli effetti immuno-depressivi del 5G sul sistema immunitario.

Non è un caso il fatto che Wuhan ed il Nord Italia siano state le più colpite. Wuhan la prima città al mondo con più installazioni, il NORD Italia, zona di sperimentazione a livello europeo segue a ruota.

Una volta avuti i dati relativi a come il 5G agisce a livello biologico, il piano meschino sarà quello di utilizzarlo per lanciare sul mercato vaccini a random, per curare patologie fittizie ma che a causa del sistema immunitario compromesso, risulteranno sempre più letali. Complottista? Folle? Visionario? No no. Realista!! Un abbraccio.
Shaze


LETTERA 2

Ciao Valdo, mi permetto di darti del tu perché ti considero un fratello maggiore (di poco). Sei il faro più luminoso per me ormai da 6 anni, una delle poche voci attendibili. Ho sempre creduto in quel che dici anche a proposito dei virus, cosa sono veramente.

Lo dice in modo molto convincente anche questo dr Thomas Cowan in questo filmato dove attribuisce il coronavirus al 5G e ho raccolto alcune coperture del 5G, guarda caso proprio dove è scoppiato il coronavirus. Questa storia deve finire e devono venir fuori tutti i crimini e menzogne. Ciao Valdo, ti ammiro profondamente. Un abbraccio.
Narcisio Benussi


RISPOSTA

VOGLIA DI CHIAREZZA

“Questa storia deve finire e devono venire fuori tutti i crimini e le menzogne”.

Partiamo da questa frase di Narcisio. Rispondo che ci stiamo tutti lavorando. Anche voi che mi scrivete lo state facendo raccogliendo preziosi documenti e formulando ipotesi niente affatto peregrine. Quando scrissi le prime tesine sui virus, tipo “Scienza e fantascienza del virus” e “Virus e Viresse”, mi illudevo di essere stato convincente e di non dover tornare ancora su quell’argomento.

Venni messo a dura prova con la spinosa e mai chiusa questione dell’Aids-Hiv, e scrissi l’articolo poi riportato anche sulla rivista internazionale Nexus, dal titolo “Aids non malattia ma programma di governo” che ebbe una enorme successo.

CORONAVIRUS NON MALATTIA MA PROGRAMMA DI GOVERNO

Un articolo che va riletto e ristudiato, al punto che potrebbe essere re-intitolato “Coronavirus non malattia ma programma di governo”, intendendo per governo soprattutto quello mondiale coinvolgente la Casa Bianca e gli enti sanitari di contorno, il CDC-CenterDiseaseControl, l’OMS, la CIA, le Multinazionali BigPharma, la Banca Mondiale e Bill Gates.

Il fatto che le menzogne abbiano le gambe corte è sicuro, ma non si sa bene quanto corte siano tali gambe. La storia dell’Aids lo dimostra. La Grande Farsa sta in piedi da almeno 40 anni e i fondi miliardari Aids di Bill Gates e George Soros, e i fondi Aids creati a più riprese in diversi paesi, nonché lo sprigionarsi incessante di un morbo inventato che si andava spegnendo per inerzia lo dimostra.

Lo ha dimostrato particolarmente in grossi mercati come Cina-India-Vietnam, dove i tycoon e i gruppi di potere locale hanno capito l’importanza di quella merce magica e speciale redditizia ed esentasse, di quella mucca da mungere sotto protezione legale governativa.

VACCINI, BUSINESS FORMIDABILE SOTTO OGNI ASPETTO

Senza contare poi la straordinaria valenza commerciale dei vaccini di contorno (anche se nell’Aids era ed è impossibile trovarne uno mancando un unico virus reale da combattere). I vaccini sono infatti l’unico prodotto al mondo a:

  1. Non richiedere sperimentazione (gli enti chiudono un occhio e anche il secondo)
  2. Non richiedere campagne pubblicitarie (il mercato di massa te lo assicura lo stato con il panico e l’obbligatorietà)
  3. Non richiedere spese assicurative e rimborsi miliardari a gente danneggiata (ci pensa lo stato coi soldi sottratti alla gente vittimizzata tramite tasse, imposte e balzelli vari)
  4. Non ci sono limiti al guadagno speculativo netto (si tratta solo di ingraziarsi qualche politico e qualche ministero, di riservare una fetta insignificante ai lobbisti e qualche elemosina ai servitori, ai coloni e ai lecchini che non mancano mai.

FARMACI ANTI-AIDS USATI SPERIMENTALMENTE NEL CORONAVIRUS

Se ancora nessuno lo avesse notato, si stanno dando ancora oggi gli stessi mortali intrugli farmaceutici di quei tempi tipo Azt e Retrovir e vari prodotti terminanti in Vir, non solo ai pazienti in odore di immunodeficienza, ma addirittura agli stessi pazienti Coronavirus, non so in quale misura e frequenza, non so con quali concentrazioni e forme attenuate, non so con che diversi nomi commerciali.

Impossibile saperlo con certezza. Nei laboratori, nelle cliniche, nei pronto soccorso, negli ospedali da campo e nei lazzaretti improvvisati di campo perché di questo si tratta, sta succedendo di tutto.

PAZIENTI DISPOSTI A TUTTO PUR DI SALTARNE FUORI

Questo accade di sicuro in via sperimentatale in Italia-Spagna-America, e di sicuro è già successo e sta succedendo in Cina-Korea-Giappone-Asia, visto che i pazienti spaventati e i loro stessi medici nel panico sono tutti disposti a prescrivere e a sorbire qualunque porcheria possibile ed immaginabile pur di saltarne fuori.

Si usano persino farmaci contro l’artrite e altre malattie, con effetti sicuramente rilevanti inizialmente, visto che tutti i farmaci di tipo soppressivo inibiscono in varia misura la funzione immunitaria e la sua reattività, abbassando e attenuando la vitalità del paziente e i sintomi che esso prova (incluse febbre, tosse e crisi respiratorie) ma lasciando i veri problemi causanti tutti intatti al loro posto, con insidie e imprevisti per il tempo a seguire.

IN TEMPO DI GUERRA NON SI FANNO SOTTIGLIEZZE

Sperimentazioni casuali su cavie umane disposte a tutto e mediocri tentativi sanitari carichi di rischi. Come dire che il protocollo delle prescrizioni e dei metodi applicati si è allargato e concede maggiori margini di invenzione, di intraprendenza e di iniziativa ai medici più battaglieri e alle cliniche più “avanzate” nel settore pestilenze. Del resto il pronto soccorso di emergenza è specializzato proprio in questo: tenere in vita il paziente a qualsiasi costo.

Qui ci sono gli alibi e le motivazioni. “Siamo in guerra e non si va per il sottile”. Il mio non è un pensare male o fare delle allusioni colpevolizzanti nei riguardi di nessuno. L’impegno totale, la trasparenza e la voglia genuina di prestare soccorso e di rendersi davvero utili dei medici e dei loro assistenti in queste eccezionali circostanze non viene qui in alcun modo messa in discussione.

TUTTO SOMMATO LA QUESTIONE 5G RIMANE SOLTANTO UNA IPOTESI

Tornando alla tecnologia 5G, come dice Shaze, ci potrebbe essere di mezzo la voglia di fare sperimentazioni e altre cose del genere. Personalmente cerco di non schierarmi troppo a favore o contro tali ipotesi, almeno fino a quando non esistono dati più precisi, più sicuri e comprovati.

Sappiamo comunque che tale tecnologia comporta notevoli miglioramenti o avanzamenti delle comunicazioni. Certo che se avesse davvero effetti deleteri sulla salute o venisse addirittura usata con intenti distruttivi sarebbe un guaio per tutti. Si spera sempre che la cattiveria e il cinismo umano non arrivino a tali livelli. Se poi dovessero davvero crearsi veri o falsi focolai pure in Africa, tanto per dire, il discorso 5G perderebbe di forza.

LE INTERMINABILI CROCI BIANCHE IN NORMANDIA AVRANNO PURE UN PREZZO STORICO DA SALDARE

Dopotutto gli Alleati e l’America hanno liberato l’Europa dal Nazifascismo sono sbarcati in Normandia, e poi ad Anzio. Dopotutto le croci bianche di centinaia di migliaia di soldati americani di 20 anni pullulano in Francia e in altri teatri di guerra. Le motivazioni storiche non mancano.

Esiste insomma una cambiale storica non ancora del tutto quietanzata, per cui l’Italia in particolare e l’Europa da essa voluta fortemente, rimangono Territorio Indipendente ma a libertà ed autonomia vigilata e controllata. L’Italia poi è collegata a doppia e diretta mandata con l’Ufficio Ovale e queste cose si sanno anche se non si dicono.

LA SANITÀ AMERICANA E MONDIALE SI SALVÒ DALLA CATASTROFE CANCRO GRAZIE ALL’INVENZIONE DELL’AIDS

Di fatto e non a chiacchiere, l’Aids venne pianificato-disegnato-inventato molti anni prima negli uffici del CDC centrale ad Atlanta, per salvare il Regime Medico in totale fallimento economico e morale dopo la ormai famigerata Guerra al Cancro o Vittoria-Contro-il-Cancro-Costi-Quel-Che-Costi del presidente Richard Nixon, tramutatasi in una disfatta tipo Caporetto o in una Waterloo epocale sia sul piano del cancro schizzato ai massimi livelli che sul piano economico-monetario, con decine di migliaia di medici americani trasformati in disoccupati da cassa integrazione, pronti ormai a mollare gli ospedali in rovina finanziaria e a ritrasformarsi in allevatori di bestiame e in coltivatori di patate, una catastrofe che il paese non poteva tollerare.

Leggasi il testo stupendo e unico di Peter Duesberg “Il virus inventato” per carpirne i dettagli, e per ricavarne uno spaccato impietoso su come funzionano le cose dietro le quinte della Sanità, nella maggiore potenza mondiale e nelle sue dependance di casa nostra.

UN CONTO SONO LE REALI IMMUNODEFICIENZE E UN ALTRO CONTO È UN AIDS SINGOLO CHE NON ESISTE

Sia ben chiaro che nessuno al mondo nega e ha mai negato l’esistenza oggettiva e reale della immuno-depressione. Essa non si acquisisce e non si prende da nessuno, ma si sviluppa ogni qualvolta un soggetto stravolge le sue necessità fisiologiche, mentali e spirituali con stili di vita assurdi, con notti insonni nelle strade del vizio e della perversione, o anche appartenendo alle categorie a rischio tipo trasfusi-emofiliaci-tossicodipendenti, bevendo alcolici, prendendo stimolanti-tranquillanti-farmaci, fumando nicotina al posto di ossigeno, stando all’ombra anziché al sole, e così via.

Il che si traduce in cadute immunitarie di vario genere chiamate a seconda dei casi sarcoma di Kaposi, polmonite, candidosi, demenza, mononucleosi di Epstein-Barr ed altre 30 malattie del genere. Il trucco vero, l’astuzia e la malizia della CDC fu quella di radunarle tutte in una unica malattia commercialmente comoda e brevettabile, associandole un virus HIV mai trovato e mai trovabile, oltre che a un vaccino mai preparato e preparabile perché la malattia AIDS come patologia unica, confezionata col fiocco e l’etichetta non esiste e non sarebbe comunque mai trasmissibile.

AIDS MUCCA DA MUNGERE PER TANTI, MA NON PRODUCEVA PIÙ ABBASTANZA

Malattia AIDS-HIV che non esiste e non è mai esistita nel naturale e nel reale. Malattia farsesca, malattia non trasmissibile, malattia produttrice di milioni di suicidi per paura e panico collettivo. Aprano bene le orecchie gli Spallanzani e il suo Direttore Generale che, attorniato da squallide ex-attricette a pagamento, aggressive-maleducate-isteriche, che impedirono a me e alla Fiorenza Guarino della Agaphe-HSU di spiaccicar parola presso gli Studi Televisivi di Rai Uno a Roma.

Lo avrà capito nelle sue Zone Pulite e Incorruttibili delle Alte Sfere persino Nadia Toffa buon’anima, quella che mi ha allestito a suo tempo il tranello Mediaset-Iene presso l’Hotel Tocq di via Tocqueville 7 a Milano, nei pressi di Porta Garibaldi. Tranello sovvenzionato in modo massiccio dai giganti BigPharma della Hitachi Pharmaceutical e della Merck per non fare nomi, con tanto di pubblico falso e convocato a pagamento in una esibizione teatrale in piena regola.

Sceneggiatura portata a termine con l’impeccabile regia della ex-biondina di Mediaset, senza nemmeno pagare il modesto conto pattuito di spese viaggio e preparazione conferenza da 1000 euro a tutt’oggi non saldato, per cui vanto pure un credito verso Mr Berlusconi con una aggravante di danni incalcolabili. Questioni private sì ma che cito in quanto spiegano l’aria che tira.

Al momento comunque l’Aids, almeno come macchina da reddito, era in declino e serviva qualcosa di molto più grosso per foraggiare i voraci appetiti della Virologia Mondiale.

PORTATORI DI VIRUS NON È DISASTRO, MA PORTATORI DI SCEMENZE SÌ

È bene ricordare in proposito che la maggior parte della gente porta in sé forme inattive di parecchi virus, nessuno dei quali provoca malattie finché restano inattivi (o meglio finché qualcuno non decida di gonfiarli a dismisura e costruirci sopra delle guerre stellari e delle campagne terroristiche sul contagio e sul vaccino).

Due americani su tre sono portatori di herpes, due su tre del cytomegalovirus o Epstein-Barr o mononucleosi, 3 su 4 sono portatori del papilloma virus, il microbo delle verruche, e l’elenco potrebbe continuare. Nessuno di essi provoca contagio se non nelle vivide fantasie dei vaccinato.

CARATTERE POSSESSIVO E IMPOSITIVO DEGLI AMERICANI

Le sperimentazioni e i giochi strategici degli americani vertono indubbiamente su fattori caratteriali privi di freni inibitori, ingredienti marchiati nel loro Dna. Vertono sulla potenza militare, sulla fantasia cinematografica hollywoodiana, sull’avventurismo da conquistadores del Far West.

Non dimentichiamo che gli Americani restano dopotutto i discendenti degli emigrati europei, quelli che non hanno esitato a dissanguarsi in una guerra fratricida tra Nordisti e Sudisti, quelli che hanno distrutto la civiltà autoctona dei Pellerossa per imporre a ritmo di barili di whiskey scozzese, di carovane, di fortini e di fucilieri implacabili la legge del più forte, avendo facile ragione contro le frecce dei Sioux e degli Apache ed impossessandosi delle loro terre. Prendere possesso è il loro verbo preferito, prendere possesso con le buone e le cattive. Lo hanno fatto con Toro Seduto e lo hanno fatto con le mandrie di bisonti sterminandoli impietosamente.

BENE E MALE AI MASSIMI LIVELLI

Gente dura, determinata, spregiudicata, portata all’azione, all’invadenza, al militarismo, all’invenzione, alla ricerca scientifica, al dinamismo commerciale, alle lotte per il dominio, al rischio, all’avventura, persino al rimettersi in discussione, persino a sacrificarsi per un ideale giusto o sbagliato.

Non sorprende che sia le cose migliori che le peggiori arrivino proprio da quel paese. Non sorprende che ci abbiano regalato le più avanzate scuole igienistiche moderne e nel contempo le farse e gli imbrogli dei Rockefeller, dei Carnegie e dei Gates, fino all’Aids e ora al Coronavirus.

SQUALLIDA OPERAZIONE COMMERCIALE A VASTO RAGGIO

Che ci sia o no la mano dell’uomo e dei burattinai di regime in questa faccenda, col 5G o senza, con i virus attenuati dei vaccini o senza, con le ingegnerizzazioni o senza, rimane il fatto concreto e uniformante che si tratta di una SQUALLIDA OPERAZIONE COMMERCIALE A VASTO RAGGIO.

Il successo inatteso e insperato potrebbe anche essere andato al di là di ogni previsione, cogliendo impreparati gli stessi autori del misfatto, sfuggendogli di mano il giocattolo e l’intera montatura da essi organizzata. Una specie di pupazzo che si ribella a chi lo ha costruito, un Pinocchio che disobbedisce al proprio padre falegname per combinarne di ogni colore.

UN COLLOQUIO IMMAGINARIO A TRE

Vorrei immaginarmi in un improbabile colloquio a tre con 2 persone serie come il presidente Sergio Mattarella e Jorge Mario Bergoglio nonché papa Francesco. Li punzecchio spesso, ma in modo tutto sommato civile e bonario. Abbiamo più o meno la stessa età e penso le stesse buone intenzioni.

Guardiamoci negli occhi con amore e simpatia come avremmo fatto da innocenti bambini che giocano a pallone mettendoci l’anima. Ovvio che io non sono niente e che rappresento al massimo me stesso e forse una manciata di coraggiosi simpatizzanti.

SERGIO E JORGE MARIO DIAMOCI UNA SCROLLATA, ALMENO QUANDO SERVE DAVVERO

Tu Sergio sei ricco e potente. Rappresenti il top, 60 milioni di italiani in patria e all’estero. Rappresenti anche la tua grande e generosa terra siciliana. Ti hanno pure fatto fuori brutalmente un fratello coraggioso ed eroico come Piersanti.

Quanto a Te, Jorge Mario, sei seguito ed amato da miliardi di fedeli nel mondo e mi auguro che pure la Madonna e i Signori del Cielo ti prestino ascolto. Vi siete entrambi rivolti alla vostra enorme audience con discorsi ufficiali che invitano a resistere e a stare a casa, e con preghiere pubbliche strazianti, accompagnate da indulgenze plenarie gratuite e mai viste prime nella storia vaticana.

Il tutto mirato, e qui mi preme dirlo in neretto, a sconfiggere un nemico inesistente e innocuo che è stato però deformato, manipolato, costruito ad arte, vale a dire ad una malattia inventata e prefabbricata, ad un contagio possibile solo nella sperticata fantasia e immaginazione delle apparenze. Ne ho parlato in dettaglio negli articoli e nei video pubblicati in questi giorni.

UN ACCORATO INVITO AL BUON SENSO, PIÙ CHE ALLE PREGHIERE STANTIE

Vi chiedo troppo se vi invito a fare una serie di profondi respiri alla finestra aperta e a guardare gli alberi fioriti che Madre Natura continua a ripresentarci imperturbata come sempre, ad ascoltare lucherini, merli, usignoli e fagiani, allegri e spensierati come sempre?

Non vi è mai venuto un singolo dubbio che state perdendo e sciupando il vostro preziosissimo ruolo, perdendo una opportunità unica ed irripetibile di pensare e dire le cose giuste in questa drammatica circostanza? Aprite le orecchie e anche il cuore oltre che la mente.

Ho detto con prove alla mano che questa non è una guerra a qualcuno o a qualcosa, ma una guerra assurda contro il niente. Il virus non ha causato un bel niente. Questa è una SQUALLIDA OPERAZIONE COMMERCIALE, poco importa se imitata dal mondo intero.

PIÙ CHE GUERRA AL VIRUS QUESTA È UNA CAMPAGNA AUTOLESIONISTA CONTRO NOI STESSI

Soppesate bene le vostre parole e le vostre scelte. Persino le vostre speranze e le vostre preghiere. Qui non bastano le lacrime e le suppliche al Padre Eterno. Potrebbe davvero spazientirsi. Lui ha costruito l’uomo, ha costruito i batteri e ha costruito i virus. L’uomo è un essere soprattutto spirituale, ma è anche un essere batterico-virale. Come possiamo intraprendere una guerra contro noi stessi?

IL PIAGNISTEO TAMBUREGGIANTE SUI MORTI E SUI SOFFERENTI È UNA SPREGEVOLE IPOCRISIA

Non si può mandare allo sfascio il pianeta, mandarlo in rotta di collisione, con il beneplacito e l’imprimatur decretato da chi ha il potere di favorire l’assurda belligeranza o di generare invece saggiamente il disinnesco delle mine. Se pure voi piangete, vi angosciate, e date supporto ai monatti e agli untori, agli spaventatori di popoli, non ne saltiamo fuori facilmente.

Morti su morti, bare su bare, tamponi su tamponi, mascherine su mascherine. Morti voluti e pianificati di serie A nel corrente anno, vale a dire utili a far guadagnare potere e danaro creando il massimo del caos e del disorientamento.

I morti degli ultimi 4 anni per gli stessi identici motivi superarono quota 65000. Tutti di serie B? Non si fece per loro tutta questa baraonda. Ma poterono almeno essere accompagnati all’ultima dimora col conforto dei loro familiari e amici.

PANEM ET CIRCENSES SOPRA OGNI COSA

Quando un fenomeno sociale ti sfugge di mano, la cosa diventa arma a doppio taglio anche per chi la ha combinata. La gente si sta spazientendo e ribellando. Ci sono dei limiti anche alla sopportazione umana. Se poi togli la speranza e le prospettive di vita, di lavoro, di studio, di viaggi, di convivenza affettiva, di amore, di contatti, di svaghi all’intero consesso mondiale, crei le basi per una disobbedienza sociale e per il caos, e non penso che la stupidità e la irragionevolezza del Regime si spinga a quei livelli.

Sarebbe un suicidio demenziale per tutti. Roba da manicomio criminale e non più da accurati calcoli politico-bancari-strategici-militari. Pane e divertimento non li puoi negare, e nel divertimento non può mancare libertà e salute.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Stufo della pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.