DALLA CISTIFELLEOTOMIA ALLA MIELITE TRASVERSA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

MAL DI STOMACO, ERNIA IATALE E CURE FARMACOLOGICHE INUTILI

Salve, mi chiamo Maria, ho 22 anni le voglio raccontare un po’ la mia situazione. È iniziato tutto una paio di anni fa quando avevo 18 anni. Soffrivo sempre di fortissimo mal di stomaco e andai da un medico che mi prescrisse subito una gastroscopia. Da lì si scoprì che avevo un’ernia iatale. Mi diedero dei farmaci appositi che però non risolsero il problema.

CALCOLI EPATICO-RENALI E RIMOZIONE CISTIFELLEA

Dopo che stavo già male da qualche mese, mi decisi ad andare al pronto soccorso e lì, dopo una ecografia, mi dissero che avevo calcoli alla cistifellea e ai reni, per cui dovevo essere operata d’urgenza per togliere del tutto la cistifellea. Fidandomi del parere dei medici, mi operai.

ALIMENTAZIONE CARNE-PESCE E DIFFICOLTÀ DIGESTIVE IMPREVISTE

La mia alimentazione è sempre stata basata su carne pesce e derivati. In assenza di istruzioni, continuai a mangiare come sempre. Solo che non riuscivo più a digerire nulla dopo questa operazione. A quel punto mi venne detto di evitare il piccante-fritto-grasso-salato, ma comunque non riuscivo a risolvere il mio problema.

RICOVERO PER INSUFFICIENZA EPATICA, E LUNGA SERIE DI FLEBO

Per un paio di anni mi stabilizzai, ma nell’estate del 2012 corsi di nuovo al pronto soccorso. Diagnosi? Un’insufficienza epatica per cui mi fecero file di flebo e poi mi mandarono a casa con una ricetta di controllo per il mese dopo, per delle analisi. I valori si erano ristabiliti.

NESSUN RITOCCO ALLA DIETA E ALTRA PUNTATA AL PRONTO SOCCORSO

Quindi continuazione della mia dieta onnivora apparentemente senza alcun problema. Qualche mese dopo, esattamente il 29 dicembre, mi svegliai con la parte sinistra del corpo addormentata, con tanto di formicolii. Lì per lì non pensai a nulla di grave. A mio parere avevo solo dormito male. Il giorno dopo ebbi un virus intestinale che mi costrinse un’altra volta ad al pronto soccorso dove, con una iniezione e degli integratori sparì.

MIELITE TRASVERSA E PRIMO CICLO DI CORTISONE

Spiegai il disturbo che avevo nella parte sinistra del corpo, e mi fecero immediata risonanza ed elettroencefalogramma, più puntura lombare con prelievo del liquor. La diagnosi fu mielite trasversa C4C5. Venni ricoverata e iniziò il primo ciclo di cortisone.

MALESSERE IN AUMENTO E PLASMAFERESI FALLIMENTARE

Durante quei giorni i sintomi aumentarono, mi venne il senso di cintura che persisteva anche dopo il primo ciclo. Da lì, non contenti di avermi già abbastanza torturata, decisero di farmi 5 cicli di plasmaferesi che fu un vero fiasco perché per continuare a farla correttamente mi collassavano le vene.

SCOSSE DAI PIEDI ALLA COLONNA ED ALTRA RAFFICA DI INUTILE CORTISONE

Come non bastasse, mi comparve un altro sintomo ancora. Appena abbassavo la testa, avevo delle scosse dai piedi verso la colonna vertebrale. Una seconda risonanza evidenziava un leggero peggioramento. I medici, ancora non contenti, decisero di riprovare con il cortisone che anche questa volta miseramente fallì. Dopo circa un mese di ricovero mi mandarono a casa senza una cura.

DIETA VEGANA GRAZIE AL FIDANZATO VIRTUOSO

Il mio fidanzato, che da qualche mese era diventato vegano, mi propose di seguire la sua dieta vegana. All’inizio ero molto scettica. Non sapevo se provarci o meno nel terrore di aggravare ancora di più la situazione. Ma decisi comunque di intraprendere questa strada anche per fattore etici.

NOTEVOLI MIGLIORAMENTI PER LA PRIMA VOLTA

Dopo qualche mese feci una terza risonanza che evidenziava la situazione precedente, ma senza nessun peggioramento. È già un po’ di tempo che seguo una dieta vegana ricca di frutta e verdura soprattutto cruda e prodotta dal nostro orto. I miglioramenti si vedono, la sensibilità l’ho quasi tutta riacquistata e il senso di cintura è quasi sparito, mentre le scosse sono sparite del tutto.

CERCO DIETA DEPURATIVA PER ACCELERARE L’ESPULSIONE DEI TROPPI VELENI ASSUNTI

Visto che devo fare una risonanza di controllo, onde verificare come procede il tutto, vorrei che lei mi consigliasse una dieta depurativa per far sì che io stia ancora meglio. La ringrazio anticipatamente. Saluti.
Maria da Sassari

*****

RISPOSTA

L’IMPORTANZA DI AVERE UN COMPAGNO FIDATO

Ciao Maria. A volte vale più un buon fidanzato che cento medici. È un po’ il caso tuo. Ha fatto una cosa semplicissima. Ti ha fatto capire che stavi sbagliando e ti ha indirizzata sulla giusta strada.

DUE PAROLE SULLA ZONA COLPITA, OSSIA SU ENCEFALO E MIDOLLO SPINALE

Il sistema nervoso centrale è costituito da encefalo e midollo spinale. Quest’ultimo svolge un fondamentale compito di controllo e collegamento tra l’encefalo stesso e il resto del corpo. In una sezione di encefalo o midollo spinale sono ben individuabili una zona grigia, formata in gran parte dai corpi cellulari dei neuroni motori, dendriti dei neuroni e dalle cellule della glia, e una zona chiara (sostanza bianca) formata soprattutto dagli assoni dei neuroni motori e sensoriali con la loro guaina mielinica.

UNA MATASSA CON 150 MILIA MILIARDI DI SINAPSI E 90 MILIARDI DI NEURONI

Mentre nell’encefalo la sostanza grigia forma uno strato esterno alla sostanza bianca, nel midollo spinale accade il contrario, per cui la sostanza bianca riveste quella grigia. Nell’encefalo la sostanza bianca, con la sua enorme matassa di fibre che creano molti miliardi di collegamenti (sono state stimate circa 150 mila miliardi di sinapsi che collegano 90 miliardi di neuroni), trasmette informazioni da una regione all’altra del cervello, forma un labirinto inestricabile e difficilissimo da studiare e visualizzare.

LA COMPLESSITÀ DEL CORPO UMANO RICHIEDE GRANDE RISPETTO

Siccome la mielite è uno stato infiammatorio della materia grigia e di quella bianca, non molto dissimile dalla polio, o dalla Guillain-Barré, possiamo solo immaginare il coraggio che ci vuole a intervenire su queste situazioni intricatissime, senza nemmeno conoscere le cause reali dell’infiammazione.

COS’È LA MIELITE TRASVERSA

Viene considerata in medicina come malattia neurologica rara, facente parte delle patologie dei disordini neuroimmunologici del sistema nervoso centrale. Altre patologie di questo tipo sono, L’Encefalomielite Acuta Disseminata (ADEM), la Papillite o Neurite Ottica, la Neuromielite Ottica o Morbo di Devic.

DEFICIT NEUROLOGICO CON DISFUNZIONI MOTORIE, SENSORIALI E AUTONOMICHE

Si parla di sindrome clinica immuno-mediata del sistema nervoso centrale che provoca deficit neurologico seguito da disfunzioni motorie, sensoriali e autonomiche imputabili allo stato infiammatorio del midollo spinale.

DEMIELIZZAZIONE INFIAMMATORIA DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

Tutte queste malattie provocano una demielizzazione infiammatoria del sistema nervoso centrale e si differenziano principalmente in base alla zona colpita e al decorso della malattia, che può essere monofasico (andamento meno frequentemente ricorrente) o multifasico (andamento ad episodi ricorrenti). Hanno in comune molti sintomi e le strategie di trattamento terapeutico sono simili.

SINTOMI CLASSICI TIPO SPASTICITÀ, PARESTESIA, AFFATICAMENTO, DEPRESSIONE

Secondo la zona, il livello del danno mielinico e i neuroni del midollo spinale il quadro dei sintomi è estremamente variabile e comprende debolezza muscolare, paralisi, parestesia o alterazioni spiacevoli della sensibilità dei nervi, dolore neuropatico, spasticità, affaticamento generale, depressione e disfunzioni urinarie, intestinali e sessuali.

LA PRESENZA SIGNIFICA TUTT’ALTRO CHE CAUSA DI MALATTIA

Malattia che può insorgere isolatamente o in concomitanza con altre malattie ed è detta Idiopatica, quando colpisce senza un’apparente sintomatologia specifica. Di conseguenza si presume, che sia causata da un’anomala attivazione del sistema immunitario a danno il cordone midollare spinale.
Questa idea non è affatto condivisa dalla scienza igienista. La presenza leucocitica, ed anche quella batterica, non significano affatto responsabilità patologica, ma normalissima missione di soccorso immunitario a lesioni mieliniche causate in precedenza da altri fattori inesplorati dalla medicina, che bada sempre e solo ai sintomi.

NOTA RESPONSABILITÀ DELLE VACCINAZIONI

Spesso la malattia può svilupparsi simultaneamente al manifestarsi di infezioni virali e batteriche.
Approssimativamente un terzo dei pazienti affetti da mielite trasversa riportano uno stato febbrile (tipo influenza con febbre) quasi simultaneo alla comparsa dei primi sintomi neurologici. È noto che le vaccinazioni comportano il rischio di sviluppare l’Encefalomielite Acuta Disseminata (ADEM) che è un’infiammazione acuta del cervello e del cordone midollare spinale.

TERAPIE MEDICHE

La terapia farmacologica più comune per il trattamento degli stati infiammatori midollari consiste nella somministrazione di corticosteroidi. Un’altra terapia per la soppressione del sistema immunitario è la Plasmaferesi. La riabilitazione, ed in particolare la fisioterapia, è essenziale. Il tipo di programma di riabilitazione che i malati si devono attendere è analogo al trauma spinale. Il trattamento a lungo termine è incentrato sulla gestione dei sintomi.

ALLA FINE DELLA STORIA, BASTA COI FARMACI E GRANDE VOGLIA DI DEPURARE IL CORPO

Tu chiedi infatti una dieta depurativa. Nulla di meglio della dieta vegan-crudista ad alto grado di acquosità, di vibrazione, di vitalità e di aromatizzazione flavonoica. Chiaramente boccio in pieno le scelte mediche fin dall’inizio. Troppa disinvoltura e poco rispetto per la salute altrui nell’asportare una ghiandola preziosa come la colecisti. Tireranno fuori mille scuse e mille alibi per dire che era inevitabile, e che ti hanno salvata da morte sicura. Tutte inconsistenti bugie a mascherare la spinta continua verso le operazioni, da parte di Big Pharma e da parte degli stessi ospedali.

LA DEVASTANTE CUROMANIA DELLA CHIRURGIA-FACILE

Il solito discorso sulla curomania devastante e rivolta ai sintomi. “Il bisturi rappresenta non il vanto ma bensì il fallimento della medicina”, disse un grande come Oliver Wendell-Holmes, docente di fisiologia ad Harvard e fondatore della Corte Suprema Americana. Non vanto ma fallimento, soprattutto se usato con la sistematicità e la disinvoltura della chirurgia-curativa, della chirurgia facile e non di vera emergenza.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui per passare alla navigazione premium.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x